Elezioni comunali a Cagliari 2019 / Politica / Sardegna

Cagliari, gli uomini hanno deciso: “È tempo di un sindaco donna!”

Massimo Zedda e Francesca Ghirra: sarà staffetta? (foto Cronaca On Line)

Nel centrosinistra sardo gli strateghi del voto di febbraio (una batosta epocale, 113.386 mila voti di distanza dal vincitore: segnatevi questo numero) hanno deciso: “È tempo di un sindaco donna!”. Quali siano le basi di questa decisione, nessuno lo sa. In più, si spaccia per innovativa una candidatura che Cagliari ebbe già vent’anni fa. Ricordate Rita Carboni Boy contrapposta a Mariano Delogu nel 1998? Io sì, molto bene. Quindi, qual è la novità?

Nessuna. Anzi, ora siamo davanti ad un deciso passo indietro. Perché Rita Carboni Boy era una donna che aveva dalla sua una straordinaria competenza e una grande forza di carattere, una donna che aveva sfidato tutti gli stereotipi in anni in cui realmente le donne dovevano stare in casa a fare la calza. Ma lei invece aveva studiato negli Stati Uniti, era diventata avvocato, aveva intrapreso una carriera da imprenditrice agricola (straordinaria la sua azienda a Nuragus), e da esponente di una nobile famiglia di Castello anziché appiattirsi su comode posizioni conservatrici, aveva scelto di stare dalla parte dei Democratici, dell’Ulivo e di Romano Prodi.

E infatti nessuno la candidò “in quanto donna” ma perché potatrice di una esperienza professionale e di vita importante, e io sono orgoglioso di averla conosciuta e di aver lavorato per lei in quella campagna elettorale: perché starle vicino era ogni giorno una lezione di parità di genere applicata ad ogni aspetto della quotidianità.

Ora invece mi sembra che le cose stiano diversamente. Gli uomini (gli stessi che avevano deciso che “il grande sindaco Zedda” era pronto a governare la Sardegna: 113.386) buttano nella mischia la candidatura di Francesca Ghirra perché “a Cagliari è tempo di un sindaco donna”. Ma Francesca Ghirra, amministratrice comunale da otto anni (consigliera e presidente della commissione cultura nella prima consiliatura e assessore all’Urbanistica in questa breve seconda) avrà qualche successo da rivendicare o si accontenta di essere candidata dagli uomini del suo partito solamente “in quanto donna”?

Ma questa rischia di essere la solita domanda impertinente destinata restare senza risposta.

C’è puzza di giochi di potere spacciati per nobili intenti. Come alle ultime regionali. Con il rischio che il risultato finale sia lo stesso. 

Tags: , , , ,

20 Comments

Lascia un commento

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.