Elezioni politiche 2018 / Politica / Sardegna

L’accordo Lega-Psd’Az nel segno dell’ipocrisia: anche di Soru e di Massimo Zedda

Matteo Salvini e i Quattro Mori (foto Il Mattino)

Ciò che colpisce dell’accordo Lega-sardisti è l’alto grado di ipocrisia che lo sorregge. Ipocrita è colui che si copre il viso con una maschera, e la maschera che nasconde la vera natura dell’accordo tra i Carroccio e i Quattro Mori è quel federalismo spacciato per punto di contatto tra i due partiti, quando sappiamo benissimo che ciò che oggi connota politicamente la Lega sono le sue posizioni estreme sui migranti e sull’Europa, non certo il federalismo a cui non credono più neanche loro.

Questa ipocrisia balza prepotente agli occhi all’opinione pubblica sarda, scandalizzata dalla strumentalità delle argomentazioni portate dai vertici del Psd’Az, impudenti e sfacciate, ma che non trovano sanzione in un giornalismo farisaico che si limita a registrare ma non ad analizzare la natura dell’accordo osceno, come se un fatto politico si potesse raccontare alla stregua di un banale incidente stradale.

Tutto d’altronde si regge, soprattutto nel rapporto informazione-politica: lo sguardo acquoso e distratto dell’osservatore che non si posa sulle contraddizioni in cui cade l’osservato, amplifica l’inconsistenza di quest’ultimo, in una spirale continua di pochezza e irresponsabilità. Se in Italia e in Sardegna il livello della politica è così scadente è perché lo è anche quello dell’informazione.

Le contraddizioni, dicevamo: sciamano dappertutto, come se niente fosse.

Quei sardisti ora alleati delle Lega erano stati invocati solo una decina di giorni fa come salvatori del centrosinistra nientemeno che da Renato Soru: come all’europarlamentare del Pd sia venuto in mente di fare una apertura del genere, a favore di una forza politica ballerina per definizione, non lo sapremo mai. Qualcuno oserà mai chiedergli conto della sua sconcertante proposta, figlia quanto meno di una assoluta mancanza di fiuto politico?

Così come forse non conosceremo mai la valutazione politica che dell’accordo dà il sindaco di Cagliari Massimo Zedda, raffigurato dai nostri giornali nei panni improbabili dello statista, ultima speranza del centrosinistra (così dicono loro) per provare a vincere le elezioni regionali del prossimo anno.

Zedda in effetti se l’era studiata bene: imbarcando nel suo schieramento proprio i sardisti (allora, e anche adesso, all’opposizione del centrosinistra che governa alla Regione), grazie ai loro voti era riuscito due anni ad riconfermarsi miracolosamente al primo turno (riguardatevi i dati se non ci credete). La storia poi doveva continuare con l’enfant prodige della sinistra italiana e i Quattro Mori ancora a braccetto, fino all’apoteosi regionale del 2019, con Zedda presidente e i sardisti traghettati nel centrosinistra dal sindaco di Cagliari, finissimo stratega.

No, non andrà così. Il piano di Zedda è fallito, al momento, miseramente.

Certo, tutto ancora può accadere, le via dell’ipocrisia sono infinite. Ma in attesa di nuovi colpi di scena, c’è comunque qualcuno che vuole osare l’inosabile e chiedere al sindaco Zedda e a tutto il centrosinistra se intendono continuare a governare a Cagliari con i sardisti, alleati della Lega?

Non percepiscono una contraddizione crescente in questa situazione che vede i sardisti avversari del Pd e della sinistra sia alla Regione che in parlamento ma non al comune di Cagliari? Non sentono un qual certo imbarazzo nel dover governare assieme a questi Quattro Mori il capoluogo di regione? Come è possibile individuare nella Lega il nemico numero uno della democrazia italiana e al contempo governare con i loro rappresentanti isolani?

Domandare è lecito, rispondere è cortesia. Ma ancora una volta, temo, nessuno risponderà.

 

7 Commenti

  1. Mario Pudhu says:

    PSd’Az: partidu essentzialmente e funzionalmente regionalista, po cussu sèmpere a su tòntona tòntona tra Sardigna e Itàlia, tra su diritu e dovere imprescritíbbile a sa libbertade e responsabbilidade natzionale de is Sardos e sa pedidoria/pedulianésimu/dipendhéntzia aifatu de s’Itàlia, cosa chi aperit s’autostrada a totu is partidos italianos, che se lo contendono tutti!!! Totugantos lu cherent, totus dhu bolent, totus si ndhe serbint e dh’istrumentalizant: geo creo, andhat bene a totus po si pòdere presentare in Sardigna a faci manna de sola (o solu po si pòdere presentare!!!). E andhat bene a totu is ‘dirigenti’ chi tenent coment’e ‘stella polare’ sa poltrona/poltroncina/poltronedha/mandronia, sèmpere a duas caras, a una parte candho dhis cumbenit cussa, furriaos a s’àtera candho dhis cumbenit s’àtera (cale àtera? sèmpere a cara a s’Itàlia coltivandho sa dipendhéntzia e totu is illusiones sighendho a abbruxare s’isperàntzia e fidúcia de is Sardos che a totu is dipendhentistas!!!). Is duas ‘caras’ acuntentant unu ‘sentidu’ elementare de sardidade de chie ma no ischit bene ne it’est e ne poite e fintzes su disígiu de poltrona de is prus ‘abbistos’ afariaos “al successo personale”.
    Ma su PSd’Az no nanca fut indipendhentista? Dh’iat fintzes iscritu in su ‘Statuto’ s’indipendhéntzia? Eh, innoromala is foedhos, giai no funt cosas!!! (e geo apo imparau a dhu osservare fintzes de is indipendhentistas ‘puri, immacolati, senza colpa’ ne originale e ne de àtera genia, malàidos meda de presuntzione fossilizaos in d-una ‘sigla’ cun su fratzionismu/disunione coment’e ‘stella polare’ issoro: ant copiau de su PSd’Az a cricare s’unidade de… partidu: “Si ses sardu e indipendhentista beni cun noso, beta a inoghe su votu”, totu su prus cricandho unione sèmpere duos meses (e poneus duos annos puru) innanti de su tempus de totu e de is peus divisiones, candho de totu sa babbilónia ‘politica’ si cumprendhet una cosa abbia: VOTA ME.

  2. Edoardo Murgia says:

    Totacantos ifattu de Solinas
    | sutta su cumandante italiota
    imbenujados a sa pecorina
    torradu est su partidu de sa jota?

  3. Ma! Secondo me ci sono altri accordi politici in gioco e noi comuni mortali ne siamo all’oscuro, visto le varie correnti, chi vivrà vedrà, magari un Maninchedda presidente con UDC in gioco. NON MI STUPIREBBE

    • IRS forever says:

      Manichedda presidente di cosa? I pochi indipendentisti che credono alle sue parole devono avere le fette di salame sugli occhi. E’ solo un socialista opportunista craxiano della peggior specie. Auguro a lui e al suo cerchio magico un lungo soggiorno ad Hammamet..!

  4. Maddalena says:

    Nessuno si risponderà, altro giro altra corsa nella strada dell’ipocrisia.

  5. Gianni Sassu says:

    Buongiorno a tutti.
    Condivido l’analisi lucida e senza fronzoli, ma temo non ci sia tempo e voglia di approfondire come ha fatto Lei. Tutto è veloce, superficiale e fallace! Il Segretario coronera’ il suo sogno romano, epurera’ la “masnada” di oppositori interni….e la mattina, quando si guarderà allo specchio, si vedrà bellissimo.

  6. Grazia Casu says:

    Ipocrisia e poltrona attaccata al sedere.

Lascia un commento

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.