Lingua sarda / Politica / Sardegna

Stranezze isolane: perché gli indipendentisti sardi parlano sempre solo in italiano? Una riflessione e una proposta

tricolore

Perché gli indipendentisti sardi si esprimono praticamente tutti, sempre e solamente in italiano? Non è una contraddizione?

Ieri mattina sono stato al T Hotel al congresso di Progres. Ho seguito i primi quattordici interventi. Di questi, dieci erano di esponenti di diverse forze indipendentiste. Solo uno ha parlato in sardo: Bustianu Cumpostu di Sardigna Natzione. Gli altri (Onnis e Acampora di Progres, Sabino di A Manca, Claudia Zuncheddu di Sardegna libera, Gesuino Muledda dei Rossomori, Meloni della Css, Franco Branca di Casa Sardegna, Riccardo Peiretti del Psdaz, Bettina Pitzurra di Irs) hanno tutti parlato in italiano. Perché? Non è forse una incredibile contraddizione in termini?

Fatemi capire: se non si parla in sardo nel corso di un congresso di un partito indipendentista sardo, quando lo si dovrebbe parlare? Parlare in sardo non è forse una semplice quanto evidente dichiarazione di indipendenza che ogni militante può fare ogni giorno, senza peraltro infrangere alcuna legge?

È credibile un indipendentismo che si esprime in italiano?

Amici di Progres, come potete scrivere (in italiano) nel vostro manifesto politico che “in nessun modo e in nessun caso le prerogative della Nazione Sarda coincidono o si sovrappongono con quelle dell’Italia” e poi usare sempre e solamente l’italiano per i vostri lavori congressuali? Io non capisco. Non capisco voi e non capisco neanche tutti gli altri indipendentisti (Cumpostu a parte, ovviamente), che usano sempre e solo l’italiano per la loro attività politica.

Ripeto: è credibile un movimento indipendentista che dice di volersi allontanare dall’Italia e poi continua a usare la lingua dello stato da cui ci si vuole distaccare? Non sarebbe l’emancipazione linguistica il primo atto politico forte e consapevole di una forza che crede realmente nell’autodeterminazione della Sardegna?

Io, come sapete, non la butto in politica ma mi accontento di molto meno. Io credo nella lingua sarda. Credo che sia l’infrastruttura immateriale più importante che abbiamo. Credo nel bilinguismo e nella sua capacità di creare una società sarda nuova, più aperta al mondo, e allo stesso tempo in grado di farci recuperare il rapporto con la nostra storia, con ciò che noi siamo. Nella mia posizione l’indipendentismo non c’entra nulla.

Ma gli indipendentisti perché non credono nella lingua sarda? Possono ignorarla al punto da da non utilizzarla neanche nel corso di un congresso politico e poi sorprendersi se sono divisi, incapaci di elaborare un progetto politico in grado di coagulare un minimo di consenso?

Perché gli indipendentisti sardi parlano di tutto tranne che di lingua sarda?

Certo, le tre righe tre che il manifesto di Progres dedica alla lingua le ho viste (“Riconosciamo il diritto individuale di ogni cittadino sardo di utilizzare tutte le lingue nazionali con pari dignità, in un contesto di pieno e effettivo multilinguismo. Affermiamo il diritto collettivo del popolo sardo all’utilizzo di tutte le lingue nazionali in tutti gli ambiti”) ma le ritengo quantomeno ambigue e prive di quella forza necessaria per fare di questo un tema portante, così come dovrebbe essere per ogni formazione indipendentista che si rispetti.

Per cui, veniamo alle proposte. Nel suo intervento Gesuino Muledda ha invitato tutti i partiti indipendentisti ad un percorso di ricongiunzione. È possibile immaginare che Progres, Irs, sardisti, A Manca, Rossomori e Sardegna Libera (mi sono dimenticato qualcuno?) inizino questo percorso sedendosi ad un tavolo per concordare una strategia comune di uso, di difesa e di rilancio della lingua sarda? Gli strumenti normativi ci sono tutti, le inchieste sociolinguistiche non mancano. Bisogna solo trovare un accordo, segnare un percorso e iniziare il cammino. Si può fare.

Altrimenti si continua così, a lamentarsi dell’Italia in italiano.

Certo, indipendentisti che usano la lingua dello stato da cui si vorrebbero separare sono cose che succedono solo in Sardegna…

204 Commenti

  1. Ferrandi says:

    L indipendentisti corsi parlanu spessu francesu ma difendanu a lingua corsa perche si toca piu gente in francesu e perche l indipendentisti corsi so spessu piu francisati e dunque piu coscienti di la lora alienazione e dunQue piu independentisti u corsu tradizionale chi parla corsu un s in avede di u periculu

    • peppino says:

      Perchè altrimenti non si capirebbero. Una autentica lingua sarda universale infatti non esiste se non nelle fantasie di taluni.

  2. Sardu Intro says:

    Saludos a tottu

    A mie puru mi fàghet maraviglia chi fora de Bustianu Cumpostu, quasi tottu sos indipendentistas chi faeddan de sa questione de s’indipendentzia Sarda faedden tottu in limba furistera, in limba Italiana; forsis cun s’obiettivu finale de s’indipendentzia sempre a mente, e puru pro culpa de s’educazione chi hamus retzidu in sas iscolas Italianas, zente meda s’est imentigada chi no esistit cosa piùs importante de sa limba nostra, sa limba chi nos han lassadu sos antigos, e chi est sa limba neolatina restada piùs simile a su Latinu, e chi, si no sighimus a la faeddare sempre, ind’ogni occasione, ind’ogni logu, sa limba nostra la perdimus, custu est sutzedende forsis in sas tzittades, e in manera minore in sas biddas, e puru si in sas biddas sa limba est faeddada meda nos devìmus habituare a la faeddare ancora de piùs, a la imparare a sos piùs giòvanos, a los habituare dae minores a intendere sa limba Sarda in domo e a la faeddare ogni die. Si custu no sutzedit, unu pagu a sa ‘olta sa limba la perdimus, e si no hamus piùs sa limba nostra no semus piùs unu populu; in Corsica sun in sa mattessi situazione nostra e han duos diccios chi si adattan puru a sa situazione nostra “Morta a lingua, Mortu u Populu”, “Parla Corsu per campà Corsu”; Nois devimus fàghere diventare nostros custos diccios, tottu sos indipendentistas si dèven pònere in conca chi sa limba pòdet e dèvet diventare una bandera potente pro nd’ischidare sa cuscientzia natzionale de sos Sardos chi dapòi de tantos annos de oppressione e de umiliatziones sun istraccos de cust’Italia chi no nos hat dadu mai nudda, e chi est bona solu a nos sutzare su sàmbene.
    Pro cantu riguardat sa famosa LSC, a mie no mi piàghet e no l’happo a impittare mai, sa limba Sarda est una limba formada dae duas variantes chi sun quasi duas limbas differentes, no si pòdet leare duas limbas differentes e las unire ind’una limba unica artificiale e odiada dae ambas partes. Pro parte mia deo sigo a faeddare sa limba mia Logudoresa e de sa LSC mi nd’affutto.
    In Norvegia ad esempiu han una situazione simile a sa nostra, sa limba est divisa in duas variantes, Bokmål e Nynorsk; tottas duas insignadas in sas iscolas, e tottas duas cun su mattessi dirittu de limba officiale; niùnu in Norvegia hat pensadu mai de si inventare una limba unificada.
    In Sardigna si dèvet fàghere su mattessi, ind’ogni logu insignare sa limba de su logu, in Logudoro su Logudoresu, in Campidanu su Campidanesu, e gai preservare sas variantes chi nos han lassadu sos antenados; e chena imentigare puru su Gadduresu, chi si puru no est Sardu, ma unu dialettu bènnidu dae sa Corsica, dèvet essere tuteladu comente sos àteros.

    saludos

    • Archivista says:

      Archivista su tuo est unu arrejonu ischitzofrenicu. Si pones in mente a s’universidade e a Nicola Tanda chi ti narant chi esistint duas limbas, su campidanesu e su logudoresu, su sardu comente limba no esistit. Est una cosa lògica. Macrovariante difatis cheret nàrrere limba e no àteru. Duncas totu su chi as naradu in antis ti nche las mandigadu a pustis pro incoerèntzia. Su colonialismu leat paritzas formas: sa prus mala est custa de presentare su sardu comente una limba partzida chi dividet sos sardos imbetzes de los aunire. E sos indipendentistas, comente totu sos polìticos, cumprendent custu e impreant una limba unificante. In custu sunt meda prus coerentes de a tie chi as fatu unu arrejonu chi non torrat e nd’est sa càusa de totu sos problemas de su sardu. Liberadisa conca de sas fàulas de sos innimigos cuados de sa limba sarda.

      • Anonimo says:

        niùnu hat nadu mai chi su Sardu no esistit, itte b’agattades de istranu in su fattu de tutelare tottas duas variantes de sa limba Sarda? mi paret piùs istranu invece de si inventare una limba unica chi no esistit

      • Sardu Intro says:

        niùnu hat nadu mai chi su Sardu no esistit, itte b’agattades de istranu in su fattu de tutelare sas variedades de su Sardu chi hamus, mi paret una cosa piùs istrana invece de si inventare una limba chi no esistit, unende duas variedades de limba chi han unu muntone de differentzias

    • Paolo Podda says:

      A cando Sardu Intro a t’iscrìere finas tue in sa truma de sos LSS, linguìstas de su sàbadu sero? Saludos

      • Sardu Intro says:

        No isco itte mi cheres nàrrere cun custu, deo a su nessi sa limba nostra la faeddo ogni die, a su contrariu de sos “sàpios” chi si sun postos a inventare sa famosa LSC, chi forsis sa limba nostra la ‘ìden solo in su pàbilu

        • Sardu Intro says:

          errata corrige

          “sa limba nostra la ‘iden solu in su pabìlu”

          haìa isbagliadu a iscriere un accentu in s’ultima paràula! a sa limba nostra bi tenzo

          • Paolo Podda says:

            In su chi t’isbállias, Sardu Intro, no est in sos atzentos, ma est in s’idea chi tue tenes de sa limba nostra. Comente iscriet unu letore chi mi pretzedit, su discursu tuo est ischitzofrènicu, tenet in ses unas discordàntzias incumpatìbiles. Non podes nàrrere chi b’at una “culpa de s’educazione chi hamus retzidu in sas iscolas Italianas” e sighire cun sos argumentos de semper de sos chi cherent interrare su sardu iscriende chi “…… sa famosa LSC, a mie no mi piàghet e no l’happo a impittare mai, sa limba Sarda est una limba formada dae duas variantes chi sun quasi duas limbas differentes, no si pòdet leare duas limbas differentes e las unire ind’una limba unica artificiale e odiada dae ambas partes.” Pensende e iscriende de custa manera mustras chi s’educatzione chi amus retzidu in sas iscolas italianas at otènnidu su chi cheriat: chi siat unu sardu a atacare s’unidade de sa limba sarda, e chi l’iscriat finas in sardu. Issos como si nde innetiant sas manos e est a pessone che a tie che las faghent imbrutare. Custa cosas lassa·las nàrrere a sos chi òdiant su sardu, lassa·las nàrrere in un’àtera limba chi non siat sa nostra. Sias sardu in intro e a in foras.

            • Sardu Intro says:

              Niùnu attaccat sa limba Sarda, sa limba Sarda est fatta de duas variantes, nde cumbenis?
              Pro itte tando sos “espertos” de sa LSC invece de criare una variante unica chi no pònet de accordu niùnu, no si pònen a fàghere unu “standard” de iscrittura Sarda, pro ognuna de sas duas variantes?
              Pro itte in Norvegia e in tantos àteros logos bi sun duos “standard” de limba officiale, e in Sardigna no si pòdet fàghere su mattessi?
              Comente narat su dicciu? Chentu concas, chentu berrittas
              Ognunu cheret fàghere a contu sou, invece cun duos standard de iscrittura sun tottu cuntentos, e bènin preservadas tottas duas variantes, chena bisonzu de si inventare nudda

              saludos

        • alexandraporcu says:

          Sa genti no at cumprendiu ca s’unica cosa ca dividit is personis, su populu sardu, est cussa LSC.

          Is “nimigus” de sa lingua sarda, no funt nimigus de sa lingua sarda, funt nemigus de sa LSC chi NO est SA LINGUA SARDA…no funt cuadus…deu seu innoi… e seu aspetendi de tempus meda a is arrespustas de is “Baronis de sa Limba”. Issus funt cuadus!

          Insandus, poita no inghitzais a scriri comenti scriu deu? Si est totu su matessi, est sintzillu meda o no? Poita depu scriri comenti mi-ddu narras tui? Poita no potzu scriri comenti chistionat ajaja mia? Lah chi est afora de conca.

          E s’ateru…chi allegat de “Is linguistas de su sabadu seru”? Mi fais arriri… is linguistas de su sabadu seru funt totus chi narrant ca sa LSC depit essi SU SARDU de totus… is sardus de su basciu depint mudai totu…poita? ant bogau sa -x-, is -i- finalis, sa -u- in su plurali, sa prostetica in arr-… coniugatzionis…

          tipo:… CANTAMUS in sardo meridionale È l’imperfeto di “cantare”… se dico… “CANTAMUS” in sardo meridionale significa: “CANTAVAMO”, in LSC mi dicono che “CANTAMUS” è il presente, cioè: “CANTIAMO”, che in sardo meridionale è “CANTAUS”. Bolit nai chi is sardus, imoi, in carchi logu (la METÀ dell’isola!!!) depint cambiai totu unu tempus in su limbatzu insoru. bho…

          poita? poita dd’ant scritu unus cantu personis “la commissione di esperti” belli esperti… chi bolint ca su sardu de totus siat su sardu de bidda sperdia… una bidda chi imperat “lughe” un nesso consonantico di quattro gatti, invece di luxe o luxi, la metà dell’isola.

          ma po praxeri… su sardu est totu unu? ahhh insadus, poita no feus a s’imbressi? bosi cumbidu a scriri comenti sa genti de su basciu… ahhh no? poita? est totu iguali… mhhh… o cali est su problema? est legiu su sardu de basciu? mmhhh est legiu su sardu de ajaja mia?

          • Paolo Podda says:

            Tue Alexandra ses tedesca. Pro ite totu custa cosas chi iscries a pitzu de su sardu ( e sa “X” gosi, e su partitzìpiu passadu), non las iscries a propòsitu de su tedescu, faeddadu e iscritu, in sos blogs de limba tedesca o in sas rivistas literàrias tedescas. Pro ite non nos naras, a nois sardos chi isetamus sa sièntzia tua pro pònnere òrdine in sa limba nostra, e finas tua, chi su tedescu si dividit in Althochdeutsch e Niederdeutsch. E chi su primu si dividit in
            tedescu superiore (Oberdeutsch)
            dialetos de s’àrea intermèdia (francone superiore)
            tedescu tzentrale (o medianu, Mitteldeutsch).
            E chi su Niederdeutsch si dividit in
            Niedersächsisch
            Westfälisch
            Ostfälisch
            Nordniedersächsisch
            Nederlands Nedersaksisch
            Ostniederdeutsch
            Mecklenburgisch-Pommersch
            Mark-Brannenborger Platt
            Niederpreußisch
            Ostpommersch
            E agiunghimus finas àteros dialetos:
            Niederfränkisch
            gheldricu meridionale
            zelandesu
            Sa limba iscrita tedesca però est una ebbia, malannu, s’ùrtima riforma ortogràfica est de su 1996, s’atera die, sa prima est de su 1901, e a seguru chi sos linguistas tedescos cando si sunt postos de acordu pro comente iscrìere e pronuntziare sa limba issoro, a cumintzare dae sos frades Grimm e sighende cun Duden e Sieb no ant tentu a inghìriu issoro, perunu infadadore, innaentosu, anneadore, ispitzigànnolu, rechintosu, tzacheddosu, pendàngula, litrancheri, nischitzadori, arroscidori, arrogadori,mengu e camurru, infadadori, Nervensäge, pro nde l’agabbare, che a tie.

            • alexandraporcu says:

              O Podda,

              piticu su fascismu…

              1. Deu tengu unu passaportu italianu comenti totus is aterus sardus. Su sanguinau miu no est Schmidt. Deu seu semper stada in Sardinnia de minoredda, a bortas po mesis, e comenti podis biri, sa lingua sarda dda conosciu comenti is sardus e fortzis mellus. Insandus, cali est su problema tuu?

              2. Deu apu studiau ROMANISTICA, est sa matessi cosa ca ant studiau totus custus bellus tedescus (o tedescofonis) ca ant scritu subra e sa lingua sarda… Walter von Wartburg, Gerhard Rohlfs, Helmut Lüdtke, Max Leopold Wagner, Rudolf Böhne, Heinrich Lausberg. Oggigiorno possiamo parlare di Rosita Rindler Schjerve, Guido Mensching, Eva Maria Remberger.

              3. Difatis, sicomenti deu seu afora, potzu fortzis biri mellus de is aterus ita ant fatu… e est una cosa legia…ant pigau unu logudorese illustre e ant nau pigendi po culu sa genti ca imoi custu est sa limba de totus… Arresposta no mi torras? Poita no dda tenis! Craru ca su sardu est una lingua ebia, nemus at mai nau ca no siat diaici… ma candu si bolit unificai … ascurta, si depit fairi de manera democratica. Sa LSC no tenit nudda de is dialetus de basciu sceti custu scimproriu de “is” e “ddu” grazie… Complimenti! Segat sa lingua a sa genti…e in prus bocit sa “scuola impropria!” Insandus, si depit scioberai? Scioberu su sardu de basciu!

              4. Sa Germania tenit s’istoria sua, comenti sa Frantzia, comenti sa Spannia et cetera. In aterus logus fiant aterus tempus, aterus arrexonus e fortzis teniant una literadura (comenti in italia con le tre corone). No si podit ponni a pari is cosas.

              5.E DEU ap a abarrai un: “infadadore, innaentosu, anneadore, ispitzigànnolu, rechintosu, tzacheddosu, pendàngula, litrancheri, nischitzadori, arroscidori, arrogadori,mengu e camurru, infadadori, Nervensäge” (ovviamente tutto con una -a finale) poita tengu arrexoni e no seu s’unica ca dda pensat de custa manera.

              Candu no nci est giustissia, no nci podit essi armonia! Buona serata signor Podda. Ma lei esiste davvero, o è un nick di qualche d’uno che guadagna soldi con la LSC?

              • mauro podda says:

                Lassa perdi Alexandra, per i nazionalisti la lingua sarda non è un fine ma un mezzo per i loro scopi politici, per carità legittimi per quanto largamente minoritari. E siccome il cabisusesu è più puro, lo dice ingenuamente perfino Sardu intro che è contro la LSC, ecco il perfetto attrezzo per realizzare il loro sogno: eine sprache, ein volk, ein Reich, e forse anche ein führer.
                Il sardo settentrionale non è più puro, o più vicino al latino (e chissenefrega, ma i romani non erano conquistatori?) è solo diverso. E non è neppure vero che è più vicino al latino: hai gia fatto degli esempi tu, basta ulteriormente ricordare la morfologia della terza persona plurale nei verbi, aqua e non abba, frius e fridu da FRIGUS e FRIGIDUM e non frittu da FRIGDUM*, variante dialettale ricostruita e tante altre. Ma nella LSU come nella LSC, sono rappresentative solo le carateristica nordiche.
                Non sono settario, e neppure campanilista che non me ne frega niente: ho solo il sacrosanto timore che i linguisti nazionalisti affosseranno definitivamente il sardo.
                Seconde me legare la questione liguistica alla obsoleta e perniciosa ideologia nazionalista è solo deleterio per lo sviluppo della lingua dal suo stato sociologico di dialetto.
                Io sono favorevole ad una lingua comune, che sia veramente comune: è una soluzione difficile da mandar giù per la grande maggioranza dei sardofoni, ma è economicamente più conveniente: fare un libro di scuola in una lingua ha un costo, farlo in due lingue costa il doppio.
                Io vorrei qui dire, si su meri mi ddu permittit, chi nci funt sardus chi bolint poderai sa lingua insoru senza de essiri nì nazionalistas nì indipendentistas, chi amant sa patria insoru (sa terra patria) e su stadu insoru puru (sa Repubblica Italiana), chi non bolint ponniri crisuras intra de sa Sardigna e sa terramanna.
                Immoi m’ant a attrippai, narendi ca seu traitori, ca seu bendiu, ca seu de sa “borghesia compradora”. Cessu, fiant assumancu trint’annus ca no intendemmu custus fueddus!! Perou, is “duri e puri” mi depint donai custa spiegatzioni, ca propriu no ddu cumprendu: comenti at a essiri ca is dominaus seus stetius dominaus de nosu e tottu. Poita Antonio Segni, Francesco Cossiga funt stettius presidentis de sa repubblica e ministrus de dogna manera ecc., Enrico Berlinguer, ca sa fotografia trista dda tenint ancora in dogna arrenconi de su PD, est stettiu su CAPU de su prus mannu partidu de sa manu manca italiana, atras personis prus pagu importantis comenti Mario Segni o Beppe Pisanu funt e fiant sardus, E fiant is CAPUS de is italianus!!!
                A meno che, mi perdonit su meri, sigumenti fiant tattaresus, duncas minorantzia linguistica, duncas fiant “infiltraus “de s’inimigu!! Mah, podit essiri. :-))
                E immoi, po accabbai, ca perdollu nd’appu ghettau fintzas e troppu, bollu fai una critica pitticheddedda a su Prof. Gigi Sanna, ca ddi portu stima meda po su traballu chi est faendi, po sa balentia chi tenit contra tottus de su mundu accademicu, conservadoris e provincialis, ci no s’atrivint a nai nudda po timoria ma ca si nci pappant po sa fèngia. Perou, Professori, ddi depu nai ca candu si donant novas, tocat a inditai sa mitza. Fusteti narat ca Malta est prus arricca meda de sa Sardigna. Sigumenti deu is numereddus ddus abitu meda, appu castiau sa mitza “ufficiali”, est a nai Eurostat. http://epp.eurostat.ec.europa.eu/tgm/table.do?tab=table&init=1&language=en&pcode=tgs00006&plugin=1
                e no narat su chi narat fusteti. Sa Sardigna tenit su 80% de su produsiu grussu de aintru mediu europeu (in PPS est a nai a paridadi de pretzius) e Malta su 82%. Non mi parit una differentzia aicci manna. Castiai intamis sa Sicilia (68%) e sa Corsica(90%), Creta (85%) Cipru (100%), Madera (105%), is Balearis, (110%) e Egeu de Basciu (114%) ca no funt indipendentis, ca funt is isulas prus arriccas de sa zona mediterranea. Lassendi perdi s’Egeu, ca funt dus stiddius in su mari, andai a preguntai a Is Balearis ita ndi pensant da sa lei sarda ca no fait a fabbricai aintru de dus km de s’oru de mari. Domandai, domandai.
                Si saludu a tottus cun cunsideru mannu.

          • Sardu Intro says:

            So de accordu in parte cun su chi narat Alexandra riguardu sa LSC, chi invece de unire sos sardos los est sighende a dividere; no mi piàghen invece tzertas frases tipu :
            chi bolint ca su sardu de totus siat su sardu de bidda sperdia… una bidda chi imperat “lughe” un nesso consonantico di quattro gatti, invece di luxe o luxi, la metà dell’isola.
            Tando pro a tie su Logudoresu est “sardu de bidda sperdia” o “un nesso consonantico di quattro gatti”? Comente podes bidere in sa cartina geografica su Logudoresu est faeddadu in meidade de s’isula , no mi pàret tantu “sperdia” pro una limba faeddada in meidade ‘e Sardigna.

            http://it.wikipedia.org/wiki/File:Sardinia_Language_Map.png

            Sa differentzia est chi su Campidanesu est faeddadu in sa zona piùs populada de s’isula, su fattu invece est chi sos Campidanesos tenden piùs a faeddare s’Italianu chi no su Sardu, invece in su Logudoro su Sardu est impittadu meda de piùs e si faeddat quasi in d’ogni domo.
            Riguardu sa limba, su Logudoresu est meda piùs cunservadore de su Latinu a cunfrontu de su Campidanesu; pro ti fàghere s’esempiu de su “nesso consonantico di quattro gatti” chi naras tue “Lughe”,bènit dae su Latinu, Lux, Lucis, Luci, Lucem, Lux, Luce
            Lughe benìt dae s’accusativu Lucem, chi in su Latinu classicu si pronuntziat Luchem, tando comente pòdes bidere su Logudoresu hat mantesu no solu sa paràula originale, ma puru sa pronuntzia de su Latinu classicu, e gai tantas àteras paràulas, e sa manera de coniugare sos verbos, sun restadas pretzisas o quasi a comente fin in Latinu.

            saludos

            • alexandraporcu says:

              Salude Sardu,

              Non cherfia ofendere su logudoresu o ateras limbas / dialetos chi si allegant in Sardigna, totu sos dialetos mi piaghent meda e non tenzo perunu problema de lis impreare cando iscrio, e a bortas faeddo puru cun sa zente de su capu’e susu in sa limba issoro.

              Peroe pesso chi non in totu su susu b’at sa -gh-. In carchi bidda si iscriet – luche- o -luge-, in sas biddas acurtzu de sa lacana cun su gadduresu diat a esser -luci-.

              Su “logudoresu” non est prus betzu de su campidanesu. Si podint piacare ateros esempios.

              latinu: lingua, sanguis, anguilla.
              susu: limba, sambene, ambidda
              jossu: lingua, sanguini, anguidda

              Podis legher su libro de Bolognesi
              (http://www.sardegnadigitallibrary.it/index.php?xsl=626&s=17&v=9&c=4463&id=296882)

              Si cherres legher ita pesso subra’e sa LSC lu podis acatare in sa retza.
              A menzus bier.

              • Sardu Intro says:

                Gratzias de sa risposta in lestresa Alexandra

                Riguardu sa Gh, deo connosco bene meda su Logudoresu, e ti potto cunfirmare chi in tottu su Logudoro si narat Lughe, mentre si narat Luche in sa zona Nugoresa; Luge no l’happo intesu mai in logu per unu; mentre Luci est in Gadduresu, no esistit una ‘idda Logudoresa in ue naran Luci invece de Lughe, nemancu in sa lacana cun sa Gaddura.

                Poi no cherìa nàrrare chi su Logudoresu est piùs betzu, ma chi est restadu piùs “antigu”, restende pro forza simile a su Latinu, invece su Campidanesu hat sighidu a mudare.

                ti fatto calchi esempiu de Latinismu.

                hoc annu (lat. hoc annus), cras, hèris (ieri), in hoghe (qui) dae su latinu in hoc, abbreviazione de “in hoc loco”, in Sardu s’est cunservada sa forma cun sa E rafforzativa, “in hoce” pronuntziadu “in hoche” in Latinu classicu; e gai sas coniugatziones verbales, chi in Logudoresu han mantesu quasi intatta sa forma de sas 4 coniugatziones de su Latinu

                saludos

                • Alexandra Porcu says:

                  Sardu…ok…

                  1. comunque sia il -gh- non è più rappresentativo e neanche più diffuso della -x-, anche se non si usa solo in “bidda sperdia” 🙂

                  2. per favore, non torniamo a cose che sono state discusse migliaia di volte. Il logudorese non è più “antico”, è stato provato scientificamente. e anche se fosse così… chi se ne frega? non stiamo mica parlando di vino.

                  • Sardu Intro says:

                    de accordu cun tegus, restat su fattu chi sa LSC no funzionat, ca ne Logudoresos e ne Campidanesos si pòden adattare a una limba artificiale; sa mezus cosa est invece hàere duos standard de grafìa Sarda, pro Logudoresu e Campidanesu

                    (magari appena sos “espertos” de sa LSC la finin de si occupare de macchìnes, e de su chi chèren issos, e comintzan invece a si occupare de su chi chèren de a beru tottu sos Sardos)

                    • Alexandra Porcu says:

                      Sardu Intro… una proposta così esiste già dal 2009. Le Ainas po su sardu. Arregulas. Cercatelo in internet 😉 Io non sono contro un unificazione del sardo… ma dovrebbe essere fatto meglio… o diciamo con più apertura. non sono io a deciderlo, i parlanti decideranno… ovviemente la LSC è ok per qualcuno che non conosce il sardo perché è facile… è un problema per gente che conosce il sardo, che lo conosce come lingua materna, è quello che alcuni non vogliono capire… beh… vediamo. buona serata.

    • Giovanni Paolo Salaris says:

      Saludi a totu sa cumpangia. A propositu de lingua sarda. Sentza dda fai longa meda potzu nai ca su chi importat de prus est a chistionai ancora in sardu e, po chi podit e ddu scit fai, a scrì puru. Su chi no s’iat a depi fai est a criticai a is atrus chi no dda pentzant cumenti a nosu, e peus ancora a obbligai a is atrus a pentzai e fai cumenti boleus nosu, ca nanca seus mellus: ca eus studiau de prus, seus de prus, cumenti chistionaus e scrieus nosu sonat de prus, teneus una literadura chi ‘osatrus si dda bisais… e atras centu chistionis chi no acabbant prus.
      Teneus tanti gramaticas sardas, tanti ortografias, tanti pretesas de fai scrì su sardu “giustu”. E unu narat ca su sardu “giustu” depit poni s’acentu innoi o ingunis, un’atru bolit frimesa manixendi verbus e coniugatzionis, un’atru ancora pretendit de frimai su lessicu a cent’annus fait po preservai sa puresa de sa lingua. A totus custus deu ddis ia a nai: ma candu una lingua manixada de is bius est stetia mai frimada? Sceti una lingua morta, ca est muda, no mudat prus. Sighendi a custu passu no seus atesu meda de studiai una lingua morta e de manixai, povintzas me in is atobius de is indipendentistas, oi sa lingua italiana, cras sa lingua ingresa e apusticras, fortzis, cussa cinesa. Nantis de beni is Italianus is Sardus chistionànt su sardu o su catalanu? Nantis de is Catalanus/Spanniolus chistionànt in sardu o in latinu? E nantis de is Romanus su punicu?
      E duncas lassaus chistionai e scrì donniunu cumenti scit e podi fai, ca su chi importat est a dda manixiai sa lingua. Deu pentzu chi donnia varianti o diversidadi, de lessicu, de gramatica e povintzas de ortografia siat una richesa e donnia impunna de crastai fueddus e manixus de sa lingua chistionada e scrita si potzat fai torrai a cou, prus poberus ancora de cussa identidadi chi cicaus de poderai o de ndi torrai meris, giai chi meris megaus a no nd’essi prus.
      Poita no fadeus cumenti siat a depi fai: chiastionai a is fillus nostus in sardu, obbligai (eja, obbligai!) asumancu un’ora de sardu in scola po totu is piciocheddus de is elementaris a is scolas mannas (cumenti ant fatu cun nosu is Italianus), axudai e pretendi de is televisionis chi manixint su sardu, totu si variantis, cumenti faint cun s’italianu. Sceti aici una dì (est un bisu!) nci at a essi una lingua unificada de totu is Sardus e no de un professori o un guvernu mancai siat sardu. Saludus e augurius mannus po abarrai ancora Sardus aintru e in foras. Giuanni Paulu Salaris (scritori, praticanti e improdderi de Terralba).

  3. Un discorso molto futile.
    La cultura non si fa con la lingua ma con pensieri corretti e azioni valide, qualsiasi sia la lingua con i quali siano espressi.
    La Sardegna, così come il Lazio, la Sicilia, la Calabria, il Veneto etc prima degli anni 50-60 aveva una lingua, una lingua con le sue varianti dialettali, i suoi detti e le sue ninna nanne.
    Con l’avvento della televisione l’italiano iniziò ad essere utilizzato come lingua ufficiale e le altre lingue e dialetti divennero parlate secondarie capovolgendo la gerarchia e i contesti della diglossia: tuttavia il bilinguismo non è mai stato eliminato, la maggior parte dei sardi parlano e comprendono il sardo e l’italiano.

    Certo, la strada dell’indipendentismo dovrà affrontare questo discorso, ma non penso sia una prerogativa nostra. Bensì sarà utile educare le nuove generazioni con un nuovo tipo di cultura meno italiana e più sarda, loro saranno i veri sardi.
    Noi volenti o nolenti, siamo italiani.

  4. irlandesu says:

    Gràtzias pro s’agiudu ca m’as dadu pro currègere is errores , m’apo a pònnere cun prus gana pro imperare sa lsc ca creo siat s’unicu standard ca at a torrare sa limba sarda a una cunditzione de normalidade , nemos s’olvida sa pròpia bariedade tranchilla . Est ca so disterradu e sa majoria de sardu ca connosco est cussa ca apo pòdidu istudiare a solu ca so unu de medas sardus ca ddu ant privadu de sa limba cosa sua .
    Sa cosa ca no potzu cumprendere de tue est pro ita ti pones a fàghere la “maestrina ” cun gente comente a mimi ca no so unu espertu de sardu .
    Deo so disterrau dae annos in Irlanda pro ita no m’agiudas a cumprendere comente obèrrere unu tzìrculu de disterrados innoghe ?
    Cun amistade
    Istèvene

    • Alexandra Porcu says:

      Caro. No apu fatu sa “maestrina”. Donnia unu ca bolit imparai e imperai sa lingua sarda est po mei comenti unu angioneddu chi si depit lassai brincai. Apu sceti fatu sa bisera a sa LSC poita no mi praxit. No ddu apu scritu po ti ofendi. Deu imoi ita seu scriendi, segundu tui? Iat a essi sardu. No seu sighendi sa LSC e puru deu seu scriendi in sardu, e deu puru ddu apu imparau afora de sa Sardinnia. Lassa perdi, ita apu scritu. Seus totu personis e podeus scioberai ita boleus. Tui as pigau cussa proposta de standardisadura poita ti andat beni, deu un atera. S’unica cosa ca est de importu est ca seus lompendi a una normalisatzioni de su sardu. Sighis diaici. Saludus dae Berlinu.

  5. Gianluca Argiolas says:

    Ciao Vito,
    Io non trovo nulla di strano che in un congresso indipendentista sardo si parli in italiano, anzi si agevolano le persone che non capiscono il sardo a conoscere il variegato mondo indipendentista.

    In Irlanda sono diventati indipendenti parlando e parlano ancora l’inglese, ma ci sono tanti esempi come Malta, dove si parla Inglese e Italiano, perchè ex colonia inglese ed italiana.

    Ciao

    • Giorgio Masia says:

      Per rispetto ai maltesi, bisogna ricordare che la lingua nazionale e ufficiale di Malta è il maltese, lingua di derivazione araba; così come la lingua nazionale di Sardegna è il sardo, anche se disprezzata da molti, poco difesa e minorizzata. Ciò non impedisce che sia a Malta che in Sardegna molte persone conoscano e parlino altre lingue.

      • Spesso leggo che il sardo (limba) sarebbe DISPREZZATO da molti.
        Credo che sia una deduzione illogica.
        Il fatto che qualcuno non lo parli -e non intenda impararlo- non significa che non ne apprezzi il valore e la musicalità.
        Il fatto che qualcuno ritenga una follia imbrigliarlo in modo accademico e scolastico non significa che disprezzi IL SARDO.
        Sarebbe come se considerassimo fedifraghi e rinnegati tutti quelli che non sanno fare su passu torrau e su ballu brincau.
        E pretendessimo di mandarli a scuola di ballo sardo, per non perdere il patrimonio culturale nostrano.
        Queste sono le vere stranezze isolane.

        • Giorgio Masia says:

          Scusa Asia, ma l’esempio de “su ballu brincau” con la normalizzazione di una lingua c’entra come i cavoli a merenda. Per ritornare all’esempio di una lingua minoritaria, una persona può sicuramente vivere , che so io, in Lussemburgo, per propria scelta o per nascita, pur non parlando il lussemburghese, e non volendolo neanche imparare, ma mettiamo anche ne apprezzi il valore e la musicalità. Se in più considera una follia dargli una norma grammaticale e sintattica e farne la lingua veicolare a scuola, la domanda che ci si pone è questa: come lo si chiama questo atteggiamento se non disprezzo, biasimo, disistima, alle volte anche disgusto. E che opinione se ne farebbero molti lussemburghesi di una tale persona? Sa risposta mia la tèngio, comente lussemburghesu, comente maltesu e finas comente sardu. Senus oramai dae tempus meda aguantende arresonos in contra de sa limba nostra, in domo nostra. S’argumentu tuo est, incussientemente, s’argumentu de totu sos colonizadores chi in Àfrica o in America, podiant finas cumprèndere sa limba de su logu, non teniant però peruna intentzione de l’imparare, ma nd’apretziaiant sa musicalidade e su valore. Non dispretziant cussas limbas, ma sas iscolas fiant in sa limba de sa potèntzia colonizadora. In cantu a sos ballos, los faghiant ballare su chi cheriant.

          • Carissimo Giorgio,
            il mio esempio relativo al passo torrau è molto più pertinente di quanto possa apparire.
            Se dobbiamo difendere l’identità, lo si faccia in blocco, studiando e tramandando TUTTO ciò che ci connota: dalla storia alla lingua, dalla canzoncina al proverbio, dal passu torrau alle tradizioni culinarie,
            Se ci si orienta solo su un aspetto identitario e lo si usa come totem per accarezzare la propria ideologia, si è sardi a metà.
            Sia io che mio marito siamo “bastardi”, secondo la sua logica… in quanto figli di militari sardi sposatisi in disterru con un'”italiana”.
            Abbiamo imparato l’idioma della terra dove siamo nati ed il dialetto di pertinenza.
            Il sardo lo abbiamo orecchiato d’estate, durante il mese di vacanza.
            Ora viviamo a Cagliari: ovviamente i nostri figli parlano l’italiano e, come i loro coetanei cittadini, non sempre figli di sardi d.o.c., usano solo qualche espressione idiomatica.
            Il sardo da queste parti non si parla più.
            E non certo per disprezzo, per vergogna o per fastidio.
            Men che meno per le frustate dei presunti colonizzatori.
            Sono semplicemente cambiati i tempi: la globalizzazione ha scoperchiato anche i nuraghi.

            • G. Masia says:

              Asia, giusto per chiarire,: 1) “Se dobbiamo difendere l’identità, lo si faccia in blocco” scrivi. Non so cosa tu difenda dell’idntità sarda: i papassini o cosa altro? 2) Non ho mai dato del bastardo a nessuno, non scrivere che è la mia logica, sei in malafede. 3) I sardi cosiddetti d.o.c. non esistono; esistono sardi che amano la propria terra e altri che non la amano e uno dei segni di amore è volere che la lingua generata in questa terra non muoia 4) A proposito di frustate dei colonizzatori: il primo giorno di scuola, a Sassari presso i Gesuiti, così come ha scritto nelle sue memorie il canonico G. Spano, per aver detto una parola in sardo, fu punito con dieci nerbate alle mani; ma il vero castigo fu un altro: al termine delle lezioni dovette spazzare l’aula, per un anno intero.
              Mi chiedo un’ultima cosa: ma perché scrivi di sardo se non ti importa nulla ; non hai altri interessi?

              • Alexandra Porcu says:

                Masia. hai ragione. Aggiungo all’ultimo punto che una simile testimonianza la troviamo nel libro di Frantziscu Masala. Sa limba est s’istoria de su mundu. Tanti, ma tanti anni dopo dello spano. Consiglio di leggere quel libro.

              • Come sarebbe a dire che non m’importa nulla del sardo?
                Benché parli l’italiano, due dialetti italiani e sia nata in Italia, capisco tutte le varianti del sardo per un buon 90% e… chi mi pongo a chistionai, seu bona deu puru a mi fai cumprendi. Ddu scis? Ddu bis?
                Ci bolit sceti gana de imparai.
                Per quanto attiene al punto uno, anche i papassini difendono l’identità sarda, a volte molto meglio di quattro bandiere sventolate a vuoto, in tempi e luoghi inopportuni.
                Circa il punto due, non mi riferivo alle sue parole, ma alla sua logica.
                Chi guarda in tralìce chi non parla in limba, come può considerare un sardo che va a cercarsi moglie in Italia, in su coru de sa “potèntzia colonizadora”?
                Certo che esistono i sardi a denominazione di origine.
                Secondo alcuni sarebbero gli indipendentisti: duri, puri e inimitabili… padroni incontrastati de sa limba.
                Ma anche tra gli indipendentisti, a ben vedere, ci sono coloro che si ritengono più sardi della massa dei legionari.
                Conosco sardi che non parlano e non capiscono una parola di sardo, ma amano la loro terra in modo incondizionato.
                Quando lei afferma “uno dei segni di amore è volere che la lingua generata in questa terra non muoia” lo fa sicuramente con trasporto e buona fede.
                Ma sappia che quella che lei difende come sua lingua altro non è che il prodotto dei colonizzatori precedenti, un tormentato miscuglio di latino (cras, domu, funt) e spagnolo (ventana, luego, acabar, gosar, trabajar).
                A pensarci bene, forse la colonizzazione linguistica italiana è stata più morbida,

        • Giorgio Masia says:

          Il paragone con “su passu torrau”, cara Asia, c’entra come i cavoli a merenda. Riprendiamo a parlare di lingue minoritarie. In Lussemburgo, dove la lingua nazionale è
          Il lussemburghese, costituita da otto dialetti, si può vivere senza conoscere questa lingua. La lingua amministrativa può essere scelta tra lussemburghese, tedesco e francese.
          La conoscenza della lingua lussemburghese è però una condizione indispensabile per poter presentare domanda di naturalizzazione per acquisire la cittadinanza lussemburghese. Un individuo quindi può non parlarlo e non aver neanche intenzione di impararlo pur apprezzandone il valore e la musicalità. Se poi ritiene una follia averlo dotato di una grammatica e di una sintassi e volerlo insegnare a scuola, tando deo mi pregunto: cale est sa cunsideratzione chi tenet a pitzu de custa limba. Deo naro chi est disprètziu, disistima, cando non fastìgiu. E sos lussemburghesos, ite opinione nd’ant a tènnere de custa pessone chi istat in logu issoro, bènnida dae foras o nàschida inie, e non nde cheret mancu s’intesa de sa limba issoro? E in Sardigna ite opinione nde devimus tènnere nois de sos chi non cherent nemmancu imparare sa limba nostra?

        • Anonimo says:

          Giustissimo!! Brava!!

  6. Sandro Nuvoli says:

    I cugini sono sempre più avanti di noi:

    Catena umana in Aiacciu pà a difesa di a lingua corsa
    Più di 300 parsoni ani rispostu sabbatu dopu meziornu davant’à l’Assemblea di Corsica, à a chjama lampata da u Culletivu Parlemu Corsu. I militanti di Corsica Libera sò stati numarosi à participà à a catena umana.

  7. irlandesu says:

    Deo seu casteddaiu e seu umperende sa lsc , boleus su sardu in sa scola e in sa vida.
    Gana de si ponnere !!!

    • alexandraporcu says:

      Irlandesu, tui no ses scriendi in LSC. Cuddu ca scries tui po sa LSC est “una forma locale” (pag.7). Sa forma de coniugai is verbus in LSC: no “seu”, ma “so” (pag.37) no “boleus” imbecis “bolimus” (pag.57), e sa LSC scriet chi est mellus imperai is fueddus cun sa prostetica per la “distintività del sardo”, est “iscola”, no “scola”… (pag.7)… poita no torras a ti ligi cussa LSC? “Limba de totus” e as a biri ca po sa LSC tui as fatu 4 sballius in duas frasias 🙂

    • Mario Piras says:

      Ganas de si pònnere, irlande’, tenes resone. A sas maistras istèricas, e pedantes, lassa·las ddaddarare.

      • Alexandra Porcu says:

        haha Certo che a piras gli sta bene… Irlandesu. Ero ironica. Spero proprio che tu continui a scrivere come scrivi. Un bel sardo meridionale, con forme pur troppo non previste nella LSC.

        • Paolo Curreli says:

          Cara Alexandra, la sua posizione è incomprensibile alle persone di buon senso.

          • alexandraporcu says:

            con “sua” intendi “lui” (piras e/o irlandesu) o mi stai dando del “lei” a me??? Paolo, ma si podit sciri chini ses tui? un ateru ca (fortzis) cun unu avatar, nomini falsu, intrat in totu is arrexonus, scriendi semperi in italianu subra’e su sardu … scriendi cosas ca deu apu scritu a 19 annus in su primu annu in s’universidadi … giai ddu apu cumprendiu ca ses amigu de sa LSC, deu no… insandus? ita bolit nai “la sua posizione è incomprensibile alle persone di buon senso?” custu est unu mundu liberu e deu pensu ita bollu e scriu su sardu comenti bollu … deu… no potzu e no bollu imperai sa LSC, tui podis fairi ita bolis… ma lassa mi in paxi. e apu scritu sa propria cosa a irlandesu… no mi praxit… perou candu issu pensat ca siat sa cosa prus bona po issu… dda imperat … e ciccia … bhooo…

            • Paolo Curreli says:

              L’educazione è un valore

              • Alexandra Porcu says:

                Infatti. Sono stata educata ad essere libera. Non sostengo cose e valori che non mi convincono e che vanno contro la mia identità, la mia cultura e contro la mia lingua o le mie lingue. Se non capisci che un parlante del dialetto del sud sia contro la LSC è una mancanza linguistica e culturale tua. Informati meglio.

                • Paolo Curreli says:

                  Io sono un sardo del sud e non sono contro la Lsc, anzi mi sembra l’unica proposta coerente per chi come me vuole riavvicinarsi al sardo. Io voglio una vera lingua, non il dialetto del bisnonno morto e sepolto. Non voglio fare archeologia glottologica. Quello che scrive lei, per esempio, è esteticamente discutibile. Come la sua educazione. Opinioni.

                  • “Io voglio una vera lingua, non il dialetto del bisnonno morto e sepolto”

                    Trovo questa frase irriverente e assurda.
                    La “vera lingua” è sempre stata quella PARLATA: non a caso i nostri dizionari sono in continuo fermento.
                    La lingua prodotta in vitro non interessa alla maggior parte dei sardi, per fortuna.
                    Alexandra, condivido i tuoi pensieri.

  8. Deo no apo nudda contra cussa gente chi no ischit faeddare su sardu (ma lu cheret faeddare) Deo apo timòria de cussa gente chi non lu cheret imparare o, peus, faeddare.

  9. Paolo Curreli says:

    Insomma, la riflessione del direttore del blog ci porta a questa conclusione: i partiti indipendentisti, sulla questione della lingua, non si distaccano molto dagli autonomisti. Anzi, forse forse…

  10. Rosella Soliani says:

    Infatti , penso che dalla lettura della maggior parte degli interventi si evince palesemente una triste e dilagante mediocrità circa la questione della lingua sarda e delle lingue così dette minoritarie del panorama europeo e mondiale. Bisogna studiare, dobbiamo studiare se si vuole risalire la china. Abbiamo in mano un meraviglioso strumento che è il web. Si tratta di utilizzarlo nella giusta maniera, al fine di allargare gli orizzonti e arricchire il più possibile le nostre conoscenze. Invece mi pare di constatare che viene utilizzato prevalentemente per esercitare il cazzeggio (scusate il francesismo!)…… o per far emergere una penosa realtà inerente una oggettiva incapacità di esprimere adeguata preparazione e consapevolezza, circa la principale risorsa immateriaei, peculiare ad un popolo: la propria lingua.
    Allego quindi nuovamente un link che ci dà dei lumi:
    http://www.presseurop.eu/it/content/article/675451-indipendenza-alla-catalana
    e invito tutti a fornirne degli altri.
    Per Vito: dici “Grazie!” ma a chi e per che cosa… scusa ma mi sfugge…… ora suggerisci anche tu qualche link o lettura interessante… 😉

    • Antigone says:

      Il partito indipendentista scozzese non punta sul gaelico? E’ falso. E se anche fosse perderà il referendum perché i gaelicofoni delle Highlands voteranno per il Regno Unito. E sull’Irlanda smettiamo di dire bugie: il gaelico è la prima lingua ufficiale ed è lingua europea. Non si costruisce un pensiero politico vincente sulla menzogna della propria condizione diglottica. Arrivederci alle elezioni cari indipendentisti immaginari.

  11. Mankallio says:

    Io partirei già da qui a risolvere problemi: “Cumpostu di Sardigna Natzione. Gli altri (Onnis e Acampora di Progres, Sabino di A Manca, Claudia Zuncheddu di Sardegna libera, Gesuino Muledda dei Rossomori, Meloni della Css, Franco Branca di Casa Sardegna, Riccardo Peiretti del Psdaz, Bettina Pitzurra di Irs)”. E hai dimenticato Fiocco Verde. Settanta partitelli da tre persone ciascuna, ma tutti che abbaiano fortissimo. In italiano

  12. Srabadori says:

    Su miu est unu apellu a totu sa classi dirigenti de is partidus indipendentistas: non eis a bolli fai sa figuraccia chi at giai fatu s’universidadi de Casteddu e de Tattari chi apariciat cursus e master apitzus de sa lingua e de sa cultura sarda chistionendi sceti in lingua italiana. Is dirigentis depint essi scioberaus aintru de is chi tenint sa competènzia no sceti politica ma fintzas linguistica e dda imperai sempri in is atobius ufitzialis e no. Chi no tenit custa competentzia a circai asparadeddu, no c’est logu po issus!

    • francesco meloni says:

      Caru Srabadori. Mi paret chi semus “al punto del non ritorno” ca nois chircamus de faeddare in sardu ma cando benit su mamentu de imparare sa limba nostra a sos pizzinnos est sa mamma chi seperat de faeddare s’italianu. Como est suzzedende chi sos zovanos pro si cumprendere non tenene bisonzu de su Sardu. Cando unu politicu indipendentista faeddat in limba italiana est sicuru chi lu cumprendene, chi su pessamentu suo crompet e intrat in sa conca de sos chi son’ascurtande e issu puru de sicuru acatat menzus manera e paraulas prus zustas pro narrere su chi cheret narrere usande sa limba italiana. Su e intendere unu zovanu laureatu, urbanizzatu faeddande in limba italiana no mi ‘achet ispantu comente imbezes mi l’aiat fattu, cando 30 annos a oie, aio intesu unu segretariu de sezione ps d’az, Olianesu faeddande in italianu innantis de sos sardistas de sa vidda sua. Caru Srabadori, tenis arrejoni manna!

  13. Dopo 150 anni di colonialismo italiano cosa pretendete!
    Non leggo e non scrivo il sardo, sono un’indipendentista analfabeta, dov’è il problema?
    E poi non tutti i comuni ci sono scuole specializzate, per esempio, a Cagliari c’è una scuola di lingua sarda?

    • “Non leggo e non scrivo il sardo, sono un’indipendentista analfabeta, dov’è il problema?”

      Ceee… ma i padroni del nuraghe lo sanno?
      Se i duri e puri cominciano a scaricare i traditori italofoni… gli indipendentisti a denominazione di limba si riducono ad un manipolo di CAPRI selezionati, senza macchia né colpa.
      Come da giudizio universale. 😉

    • Anonimo says:

      si che esiste s’arruga, sa genti candu olliri fuedda su sardu.

  14. Gianni Brera says:

    Cronaca della giornata. Biolchini non voleva attaccare Progress, o Regress da oggi, ma porre un problema a tutti gli indipendentisti. Le prime risposte, in particolare quella impolitica di Cireddu, hanno spostato il tiro solo sulla formazione organizzatrice del congresso. Molti regressisti si sono sentiti toccati sul vivo, altri indipendentisti si sono aggiunti e nel frattempo è nato un putiferio anche su Facebook. La superbia intellettuale, la spocchia e l’insicurezza hanno impedito a molti di fare un’analisi politica puntuale. Sono state raccontate molte balle, perché pochi conoscono la reale situazione linguistica di Catalogna, Scozia, Irlanda, Corsica e si fidano dei racconti e del sentito dire. Si sono inseriti gli attivisti della lingua che da sempre si lamentano della scarsa coerenza degli indipendentisti. In questi ultimi ha prevalso il meccanismo difensivo della setta piuttosto che una più matura ammissione che un problema esiste. Bolognesi si è inserito con il suo blog e ha radicalizzato e ridicolizzato la questione, ma ha lanciato una grande novità. Il tema sarà oggetto della prossima campagna elettorale statale e regionale. Gli indipendentisti ora sanno quanto può far male il tema della lingua che hanno sempre snobbato e continuano a snobbare come se non fosse la causa principale della loro mancata presa di coscienza culturale e degli insuccessi elettorali. Muledda, leader di un partito che ha molto da farsi perdonare per una politica linguistica che ha fomentato divisioni e spreco di denaro in provincia di Cagliari, ha fatto una proposta seria e federativa simile a quella di Maninchedda. Funzionerà? Forse no, il tasso di autolesionismo è altissimo. Ma, in ogni caso, senza una proposta culturale e linguistica seria la Sinistra Storica e il Centro sfrutteranno le indubbie incertezze e contraddizioni sul tema delle varie conventicole indipendendentiste. E faranno breccia in un elettorato altrimenti sicuro provocando l’ennesima debacle in un mondo che è riuscito a disconoscere suo padre, responsabile dell’errore teorico sulla lingua, Franciscu Sedda.

  15. Tziu pibiri says:

    Cust’istiu pro sa festa ‘e tota idda in Iscanu fia cun unu amigu iscanesu a s’ismurinadorzu iscultende unu tazu ‘e sonadores istranzos, bennidos dae su belgio; soniant una musica antiga chi naschiat da su gaelico. Unu de sos sonadores faghiat sa presentada da una sonada a s’attera in sardu, pariat a sa nuoresa. Tando s’amigu iscanesu li dimandait si b’aiat carchi sardu in sa rentzia sua. Su sonadore at rispostu chi su nomene e sa rentzia suos funt belgas e chi aiat imparadu su sardu in terra sua, no ammento in cale iscola.
    Bi diat cherrer una passada de istranzos comente custu sonadore pro che ‘ogare tzertos ingantzos “logisticos” chi sutzedint in sardigna.

    • sergio says:

      Ohi ohi tziu pipiri, su chi as contau mi fait intendiri prus brigungia de cantu giai nd’intendu a pitzus de is sardus.
      Si no si ndi scidaus tempus malu s’aspetant!

  16. https://www.facebook.com/notes/bruno-sini/istralleras-isolanas-ello-e-proite-sos-indipendentistas-sardos-allegant-semper-i/10151245353754335?notif_t=like

    e gai che giumpat su problema isperiende su pilu (proite Biolchini no iscriet in sardu) e no su petzu (proite sos partidos indipendentistas allegant sa limba de sos colonialistas)

      • Tribàgliu dèvidu, Vito, pro chie, iscriende in italianu o in sardu pagu contat, ischit su chi est narende … Ca zente chi no ischit mancu in cale mundu est paret chi che nd’apat a trumas … e posca sos maicantos atacos personales bàrrios de venenu e de òdiu, ma chin peruna sustàntzia, chi apo lègidu oe contra a tie in internet, ca no la pensas ebbia che a issos, no mi sunt piaghidos pro nudda: si custa est sa manera moderna de fàghere indipendentismu (comente narant issos; a mie mi diat pàrrere berlusconismu a s’istadu puru misciadu chin un’ignoràntzia chena paris e chin una un’isvurzadura chi ch’istontonat) deus nd’iscampaet e illiberet.
        Si ti agradat, Vito, pro cagliare a sa muda sos chi pro gatieria e pro presuu no ant mancu lègidu su chi as iscritu e apeddant a s’aera in de badas, bi dias pòdere pònnere, a costazu a s’artìculu tou, sa bortadura in sardu puru, e gai assumancu custos conchifines chistionant de su meritu de s’artìculu e no de sa fatzada chi no contat nudda. Unu saludu mannu e cumprimentos pro cantu as iscritu.

  17. Daniele Addis says:

    “Certo, indipendentisti che usano la lingua dello stato da cui si vorrebbero separare sono cose che succedono solo in Sardegna…”
    Chiedo venia per la mia ignoranza… che lingua parlano gli indipendentisti scozzesi?

    • Robert Bruce says:

      Faeddant gaelicu o inglesu a segunde de sa zona, e su gaelicu est limba ufitziale e iscolàstica finas in sa BBC. O no l’ischias?

      • Daniele Addis says:

        Deo ddu isco, ma su situ internet issoro est in inglesu. E poita no faeddant in gaelicu solu? Custos maccos puru in sos atobios publicos faeddant in inglesu, ma no l’ischen ca Biolchini at naradu ca custas cosas sutzedint solu in Sardigna?

    • Giuseppe Sanna says:

      Prendi il telefono e chiedilo agli scozzesi. Non leggiamo questo blog per risolvere i tuoi dubbi.

    • alexandraporcu says:

      Is sardus no si depit sempiri pigai s’esempiu malu…

      fortzis siat mellus de si ndi pregontai ita e comenti ddu faint in su Galles. Chini si circat sa pagina de Plaid Cymru podit biri comenti funtzionat innia…(http://www.plaidcymru.org/)

      e un ateru pobulu minoreddu chi sa Sardinnia depit storciri funt is isulas ABC… castia, ca issus funt diaderus colonizaus de manera fea. e imoi, issus tenint sa lingua in sa scola.

      Is sardus no depint sempiri pigai s’esempiu malu…

  18. Campidanesu says:

    Sempre puntuale Vito, nelle tue belle provocazioni che devo dire riescono sempre a creare dibattito questo è positivo benchè sia un dibattito Costruttivo. Dipingi l’indipendentista tipo un Indiano Aug chi deppit fueddai in sardo po fortza. L’indipendentista non vive in riserve. Certamente il sardo è la nostra lingua madre ma sai benissimo che le politichette Linguistiche di questa REGIONE d’itaglia non hanno fatto molto bene alla nostra lingua. Molti ragazzi e ragazze che si avvicinano a questa idea di Sardegna sono giovani , preparati ma magari non sanno Imperai beni su sardu chi siat Campidanesu o Logudoresu; ma credono in questa idea , in questa Ri.evoluzione Culturale. Dovremmo fare tipo un esame di Sardo scritto e parlato per eleggere le dirigenze dei Movimenti storici e meno storici ? Ollu chistionai su sardu, s’inglesu, su Cinesu puru e l’italiano. Nei congressi nazionali in Corsica per esempio spesso si parla Francese , che facciamo quindi ? Li epuriamo? In ogni caso val bene una riflessione , certamente dovremmo usare il sardo nella comunicazione in maniera appropriata e sempre di piu’. Beh ti lassu cun unu saludu de su Campidanu e spereus chi Fintza tui , oh Vito , asa imperai su sardu una die 🙂 Gràtzias.

    • Cuzone says:

      Si faghes s’assempru de sos indipendentistas corsicanos mira chi non sunt andende bene meda, leant prus pagos votos de cussos sardos… at a èssere chi faeddant in frantzesu? Forsis emmo.

      • Mi paret ki se informadu male…. Sos indipendentistas corsos guvernan e sun como partidu de maggioranza relativa in sos duos dipartimentos. A s’informare bene primmu e iscirere a bortas no diat a esse male….

        • Basoccu says:

          De seguru bois no azis a guvernare mai sighende goi, foras de carchi biddighedda de treghentos pessones e carchi cussizu comunale o provinciale a s’oposizione

  19. Riccardo76 says:

    Caro Biolchini, perchè un sardo o una sarda non avrebbero dovuto festeggiare l’Unità d’Italia,in base all’illustrazione che hai scelto per aprire questo articolo?Hai visto quante bandiere tricolori sono rimaste appese sui balconi per mesi, dal più piccolo paese dell’Isola alle grandi città?Migliaia,senza che nessuno avesse imposto nulla a nessuno,è stato un gesto spontaneo quanto quello di esporre la gloriosa bandiera dei Quattro mori.Quando cammini per strada ti senti un sardo che vive in uno stato di occupazione militare?Certo, le servitù militari le abbiamo, ma intendo dire occupazione militare tout court,come spesso dicono certi esponenti indipendentisti, che vorrebbero far credere che l’Italia occupa ferocemente la Sardegna ribelle e ostile….ma dove??Anzi, siamo noi sardi i primi ad offenderci quando magari accade di non essere considerati pienamente italiani!Ripeto,perchè un sardo o una sarda non avrebbero dovuto festeggiare i 150 anni dell’unità italiana?Certo, abbiamo molto da recriminare,non sempre dall’Italia abbiamo ottenuto rispetto e considerazione,ma è stata la classe politica regionale la prima responsabile, inetta ed inefficace, rispetto ad altre realtà nazionali che hanno ben saputo tutelare gli interessi locali, come in Trentino A.A. ad esempio.Anzi, mi domando se, alla luce degli scandali recenti, le Regioni servano ancora a qualcosa!Sarebbe meglio delegare tutto ai comuni. Un potere centrale nazionale con macro-competenze e i comuni,stop.Chiudo ricordando questo episodio: 2006, via Roma,migliaia di persone in tripudio per l’Italia campione del mondo,migliaia di tricolori, centinaia di bandiere dei quattro mori e da una Mini verde con a bordo ragazzi in festa una bandiera di IRS che sventolava dal tettuccio per festeggiare l’Italia.L’odiata Italia.

    • Libera Mente says:

      Caro Riccardo, lei non ha letto bene l’articolo. Biolchini non dice queste cose. Alla prossima menzus.

    • sergio says:

      Riccardo

      Non lo so se capita lo stesso a Vitobolchini ma io personalmente mi sento sotto occupazione militare e sfido chiunque a non avere la stessa sensazione quando un paese come l’Italia, lontano da noi e separato da decine di miglia di mare, impone a questa povera isola del mediterraneo il peso del 62 % di tutto il suo demanio militare. Non parliamo poi delle conseguenze sotto l’aspetto sanitario ed economico che derivano da tale presenza nefasta nei territori occupati. Perché un sardo non dovrebbe festeggiare l’unità d’Italia? Semplice, poiché per storia, cultura, lingua e posizione geografica noi sardi non siamo italiani. Se poi a tutto ciò ci aggiungi che lo stato italiano ha sempre attuato una politica coloniale basata sullo sfruttamento e la sperequazione allora hai un idea completa di quanto sia confuso il sentimento di quei sardi chi sventola il tricolore; fatto che stride con la rabbia di coloro che invece ci sputano sopra.
      Due estremi che potrebbero portare, un giorno, ad uno scontro pericoloso tra sardi se non si avrà una soluzione politica di ciò che sta assumendo sempre di più i caratteri della vera ” questione sarda” e cioè la nostra autodeterminazione come popolo.

  20. nanni falconi says:

    Carchi cosa de bonu est capitende. M’ammento chi como pagos meses apo scritu duos cummentos in sardu a un’artìculu chi faeddaiat de sardu. Su de unu fiat unu cummentu chi pertocaiat a su chi chistionaiat, ma in su de duos naraia chi in chentu cummentos solu su meu fiat in sardu.
    A su mancu in custu pagu sas cosas sun cambiende. Oe sunt prus o mancu sa medade, e non mi sento prus abbirgongiadu.

    • alexandraporcu says:

      Eja, Nanni… apu pensau sa matessi cosa oi, candu apu ligiu is allegas innoi. M’arregodu chi dexi annus a oi… feus semperi pagu genti su chi scriat in sardu in sa retza… e prus pagu sa genti ca fueddaiat in sardu in is atobius. Assumancu, in custas diis, sa genti ddu scriet in donnia logu. Depeus sceti sighiri… e fortzis in carchi annu, totus ant a chistionai in sardu in is cumbennius puru.Fintzas a candu su sardu una lingua normali torrat. Tenidi contu 😉

  21. Alexandra Porcu says:

    Saludi a totus.

    Bollu contai unu contu minoreddu a bosaterus. Deu no seu nen nascia in Sardinnia, su sardu no est sa primu lingua mia, e no seu nimancu independentista.

    Perou candu pensu a custas cosas, depu sempiri pensai a sa bidda’e Pèifugas. Poita?

    Innoi, in su circulu sardu de Berlinu, innue deu seu sa presidenti, teneus sotzius de cussa bidda. Sicomenti cust’annu depia pigai s’avioni in Terranòa, apu fatu carchi dí in Pèifugas po biri unus cantus amigus ca fiant innia.

    Comenti scieus, Pèifugas iat a essi s’unica bidda in Sardinnia ca tenit unu sindigu indipendentista (Mario Satta- Irs). Imoi, poita seu stetia innia, ddu sciu puru poita est diaici.

    Est sa genti. Tenint sa gana prus forti de essi sardus chi apu mai biu.

    Candu seu lompia, apu connotu sa “grefa”, sa propria dí. Su primu frasia ca m’ant nau fit:

    “E, duncas, tedesca ses?! Tenemus unu problema inoghe: non faeddamus su tedescu.”

    Custa frasia fit bella meda poita no nci fiat peruna duda ca sa lingua de comunicatzioni iat a essi stetiu su sardu. Is fueddus mius torra: “Deu no chistionu su matessi sardu che bosi, perou unu pagu giai ddu potzu allegai”.

    Apu fueddau tres diis in sardu feti, poita issus, totu cantus, fiant prexaus de una tedesca ca chistionat su sardu. “Sa lingua de su populu sardu, de sa natzioni sarda”. Deu amisturu totu e facu sballius, perou custu no fiat de importu. No importaiat.
    “Bastat chi siat sardu e non italianu!”.

    Casi totus in custa bidda funtzionat semperi in sardu. Is feminas e is ominis e is pipius faeddant sa lingua de su logu cun naturalidadi. E po custu pensant in sardu. Po su chi mi pertocat, apu scipiu poita funt diaderus indipententistas.

    Sa majoridadi de sa genti bestit arroba cun sa bandera de is cuatru morus o cun s’arburi arrexinosu, testus comenti: “Sardinia in my nation”, o cun is simbulus de Irs.

    Candu seu torrada m’at fatu arriri, pensendi: Pèrfugas… s’Aremorica de sa Sardinnia comenti in Asterix e Obelix. Nci bollit una bella passada de Pèrfugas a is indipendentistas 😉

    • Basoccu says:

      Avioni? Ma o Alessandra acaba.la de iscriere in Lsc, est tropu fea….

      • alexandraporcu says:

        Deu in LSC, ma lahhhh ca no as cumprendiu una cibudda de comenti scriu deu e ita est sa LSC. Ti consiglio urgentemente di leggere il mio articolo sulla LSC e vedrai che ormai SONO nemica dichiarata di quella grafia.

        In LSC iat a essi: “s’areu” o una cosa diaici (poita est casi totu italiana sa LSC)…deu seu circhendi de imparai su sardu antigu, cuddu bonu…cumprendiu. craru ca imoi no est perfetu, perou nci seu traballendi e no est sintzillu candu ses disterrada.

        A parte questo… ajaja mia dd’iat a tzerriau: “S’aparecchiu”… pensu ca “avioni” dd’apu scritu comenti false friend de su spanniolu… eja, a bortas nci funt puru sballius, comenti apu scritu… candu connoscis 6 linguas giai podit essi 😉

        • Basoccu says:

          Alexandra, bellu est ca ti bantas a sa sola….autostima manna balla 🙂

          • alexandraporcu says:

            Certo, sto iniziando di fare come alcuni uomini:

            “Io sono il più grande, il più togo e so tutto, leggi il mio blog, articolo, i miei commenti ecc…”

            Se non sono così… sono come te, non sai chi sono, si nascondono dietro i nick come i ragazzini di 13 anni e lanciano delle frasi stupidi solo per provocare.

            Sai, ogni anno spero di diventare modesta, forse funzionerà nel 2013 😉

    • Bella, Alexà! Gei fut ora de ligi calincuna cosa iscrita de tui chi mi praxit!!! Ita bellu contu, ita bella testimonia chi s’as arregalau.

    • francesco meloni says:

      Alexandra, connosco sa ‘idda de Perfugas, su sindicu e sas fainas vonas chi est fachende e pro cussu mi ‘achet meta piaghere de lezere su chi as’iscritu. Pro como no appo istudiatu sa limba sarda comuna e tando iscrio comente faeddo, su siniscolesu. Ma cumprendo vene tottu su chi naras ca appo istudiatu in Casteddu cando faeddain galu su casteddaiu.In bidda mea imbezes bi tenimus unu sindicu chi est fachende cursos de limba napuletana.

      • Paolo Curreli says:

        Io invece sono un cagliaritano di San Benedetto e sto studiando la Lsc perché è l’unico sistema possibile per imparare il sardo per un limbimutzadu, il resto è un guazzabuglio individiduale, municipale e dialettale che non se ne può più.

        • Alexandra Porcu says:

          Paolo, hai ragione. La LSC è forse la miglior cosa per iniziare con il sardo, visto che le sue regole si appoggiano al settanta per cento all’italiano. Per ciò è facile da imparare per un italianofono. Ti da anche sicurezza all’inizio perché imparerai veloce. Poi, quando avrai,imparato un paio di regole del sardo, cioè quelle due o tre che la LSC offre, e almeno un po di lessico (anche se si tratta soprattutto di lessico settentrionale), magari dopo ti cerchi una grammatica seria del sardo. Sai, di quelle che ti sembrano strani perché sono veramente grammatiche del sardo (sai, quelle serie sono state scritte direttamente in sardo). Buona fortuna!

  22. Alessandro Mongili says:

    Cagliarifornia, citi la ricerca sull’indipendentismo ma ti consiglio di leggere invece quella sociolinguistica (www.regione.sardegna.it/documenti/1_4_20070510134456.pdf), così capirai che a Cagliari NON SI PUO’ parlare in sardo, per questo non lo senti parlare mai. Ma che esso è abbastanza diffuso e conosciuto. Esiste un luogo comune, che tu ripeti pedissequamente e fa parte dell’armamentario dgli oppositori del sardo, secondo cui il sardo “non si parla” per cui “non esiste”. Si tratta di un argomento simile a quelli che vorrebbero che l’omosessualità non ottenga riconoscimenti pubblici in quanto è una cosa “anormale” a loro modo di vedere, in quanto per convenzione, sinora, è una pratica che si tiene nascosta.
    Lo stesso vale per il sardo. Non si può parlare perché esiste una convenzione sociale che fa sì che la gente che lo sa non lo usi per non sembrare volgare o ignorante. Questa etichetta grava su ogni sardoparlante, e soprattutto sulle donne, secondo dinamiche abbastanza classiche relative a questo tipo di etichettamento “culturale”.

  23. sergio says:

    Su primu fueddu in sardu chi apu imparau in vida mia , est candu bivemmu in sa realidadi ” cosmolpolita” de Carbonia , candu tenemmu 10 annus, e totu po meritu de unu picioccu de su bixinau ( su chi cun grisu tzerriastis “bidduncu”) chi m’at fatu iscoberri unu mundu acuau de mamma e babbu chi fiant, issa nuoresa e issu logudoresu, chi mancai si podiant cumprendi pari ant sempri chistionau in italianu po brigungia de is bixinus, casi totus italianus…. ma no sceti po custu motivu.
    Po sa stima de sa terra mia, de sa cultura sua e sa storia, a 20 annus seu lompidu a s’indipendentismu. De intzaras apu cumbatiu una batalla a intru de mei po annus circhendi de ponni paris concetus e sentidus fintzas a candu apu cumprendiu chi sa limba sarda est su motivu prus de importu po chi s’indipendentismu sighit a andai a innantis, ca totu is problemas de sa Sardigna podint essi fintzas risolvius cun s’agiudu de sa tecnologia e de sa gana ma si tui fais sparessi sa limba no ci at essiri nudda in custu mundu chi dda potzat fai torrai a coa, e su populu chi dda fueddat si ndi morit.

    Po custu a bellu a bellu apu inghizau a dda studiai e umperai fintzas cun amigus e parentis e immoi chistionu chentza problemas su campidanesu beni e scriu su loguderesu puru.

    Oe si cherimus s’ant a poter istudiare unu muntone de limbas istranzas, ma bi sunt sardos chi a parrer issoro sa limba sarda no tenet peruna utilidade e gai no la cuntivitzant e galu pius pagu l’impreant. Sa prenda pius manna chi amus tentu dae sos babbos nostros no tenet benidore ca pro mandronia o irgonza amus dezisu de la ponnere a banda? Calisisiat populu in su mundu lu diat a cussiderare machine, e su populu sardu unu populu complessadu e chentza benidore.

    • francesco meloni says:

      Sergio, su chi ses nande est su zustu, ti dao rejone manna. Semus unu tazzu de de zente chi tottu sos populos de sa terra potene cussiderare macca. Sas feminas sardas tenen sa neke prus manna ca son issas chi an picatu cussu ghetu. Ti nde conto una; Tenzo unu fizolu chi faeddat italianu chin sa mamma sarda e in sardu chin mecus, ca sa mamma gli ha imparato la lingua madre ( italliano) dae criatura, e tando issu at ‘imparatu su sardu faeddande chin sos massaios e sos pastores vezzos. Custu cheret narrere chi si cherimus lu potimus fachere!

  24. Anonimo says:

    il sig. BIOLCHINI HA SOLO voglia di chiacchiere . Ma e’ lecito fare domande. Nel contesto dimostra di afferrare ben poco di indipendentismo sardo pur essendo la maggior parte degli interventi in italiano. figuriamoci cosa avrebbe riportato da interventi politici tutti in sardo.. in alta Savoia siamo alla terza generazione di OTTANESI, BOLOTANESI, LUSSURGESI, OLIANESI NUORESI ETC. e pur essendo in stragrande maggioranza di fede politica indipendentista , resta sempre piu’ difficile parlare il sardo.ma in tema di amore per i patriotti e per la sardegna ci fanno 10 a zero.

    • Basoccu says:

      O anonimu ma ite cherias nàrrere? Alta Savoja? Berlino? Sa polìtica la faghent sos sardos chin sunu in Sardinna non cussos chi sunu foras…ajò..unu pagu de umiltade

  25. simone says:

    caro Biolchini,non sono d’accordo sulla stranezza degli Indipendentisti sardi che parlano italiano,e non sono d’accordo sul fatto che e’ una cosa che puo’ succedere solo in Sardegna….
    In Irlanda quasi tutti i partiti indipendentisti parlano inglese,l’Ira,nei comunicati politici,parlava in inglese,e solo tra militanti ( x non farsi capire dal nemico ) parlava in gaelico.
    Nei paesi baschi,da un recente sondaggio,il 70% di chi si professa indipendentista,parla castigliano con parole basche al suo interno,se vuoi continuo con gli esempi scozzaesi e bretoni.
    Purtroppo,quando si e’ colonizzati,la prima cosa che si impara per non stare fuori dalla societa’ e’ la lingua dell’invasore….il classico esempio siamo noi sardi,che a detta di molti studiosi della lingua italiana,ci reputano come il + fulgido esempio di parlata corretta ( o quasi ) italiana.
    Quindi,per poter avvicinare i giovani alle tematiche indipendentiste,la cosa + importante e’ mettergli al corrente con la lingua che parlano ogni giorno ,del programma politico e sociale di questi movimenti. Eliminando proprio,il classico esempio di personaggi con sa berritta e la parlata incomprensibile ai +,che non fanno altro che tenerci sul limbo del 2-3%…..In Sardegna si aspetta da tempo un Gerry Adams,capace di dare carisma e programmi seri per uno sviluppo futuro e senza guardarsi indietro. Il passato appartiene alla storia,ora dobbiamo guardare al futuro,con ottimismo e uniti

    • Paulu Zedda says:

      In Irlanda su gaelicu est obligatoriu in totu is iscolas, de cussas de s’infantzia a s’universidadi. In is Paisus Bascus s’euskera est lingua veicolari in iscola, acanta a su castillianu, e sa percentuali de is fueddantis crescit de annu in annu. In totu e is duas sa lingua est su centru e s’arrexoni prus forti de sa politica identitaria. Sa lingua sarda (chi bivit oi in su prenu e unu processu de abandonu) rapresentat sibolicamenti su percursu storicu aintr’e su cali su populu nostru s’est formau e sa primu matrici culturali. Deu creu chi totu is sardus iant a depi essiri orgulliosus de mantenniri in vida sa lingua insoru, e de dda connosciri in is formas prus artas (poesia e literadura), a parti chi dda fueddint o no.

    • Bobby Sands says:

      Simone lei non conosce bene la situazione dell’Irlanda e dei Paesi Baschi, Lasci perdere, non riferisca notizie di seconda mano o cose che ha scritto F SEdda. Non sono precise. Proprio Gerry Adams ha scritto un comunicato su Facebook che iniziava in gaelico….smettiamola con le bugie di Progress e IRS per piacere.

  26. Bruno Ghiglieri says:

    Ecco un altro difetto di certo indipendentismo: l’arroganza (insita nel pensiero autoritario). Ci si permette di definire “mandrone” e “barroso” chi preferisce dedicare tempo e fatica (perché apprendere da zero una lingua da adulti costa molta fatica) nel perfezionamento dell’inglese e nello studio del tedesco piuttosto che del sardo. Cari Asia e Roberto, continuate a glissare sulle questioni economiche; continuate ad essere autoreferenziali, a vagheggiare una Sardegna immaginaria, magicamente depurata e disinfestata dai processi macro e microstorici. Per quanto mi riguarda, d’ora in poi mi asterrò dal dibattito, ignorando gli insulti e gli attacchi dei giapponesi (capito, Asia?). Saluti da un “indipendentista freelance” che contribuirà a farvi restare al 4%.

    • Caro signor Ghiglieri,
      credo che mi abbia fraintesa: il mio commento era di puro plauso nei suoi riguardi.
      Lodavo il suo coraggio, la sua libertà e la sua capacità di guardare la Sardegna da lontano, pur dichiarandosi indipendentista.
      Ammiravo inoltre la sua ferma decisione di fare a meno del sardo, ingrediente non indispensabile per vivere felici, anche da indipendentisti.
      Le ho anche detto GIVE ME FIVE, il che è tutto dire.
      Non mi attribuisca l’arroganza, un difetto che non mi appartiene.
      Non sono assolutamente indipendentista, ma sono sdraiata sulla sua linea di pensiero.
      Inoltre la prego di non accomunarmi al “signor” Bolognesi.
      La sua terminologia, la sua arroganza e la sua prosopopea sono distanti anni luce dal mio modo di essere.
      Cordialità.
      Asia

    • O su Ghiglieri, deu seu annus scriendi a pitzus de sa relata intra de lingua e economia, ma tui non ddu scis. De chini est sa curpa? Castia una borta in bolognesu.wordpress.com e circa. Ndi tenis po una pariga de cidas!

    • Andria Picioccu says:

      Caro Ghiglieri, io penso che lei sia un indipendentista immaginario. Studi pure l’inglese e il tedesco, non se ne faccia un cruccio. Ma se cerca un antagonismo da salotto, lasci perdere il nazionalismo sardo.

      • Bruno Ghiglieri says:

        Certo, ai nazi-onanismi (rubo a Cagliarifornia) preferisco la dialettica da salotto. O forse lei è uno di quelli a cui piace sporcarsi le mani con la polvere da sparo?

        • Andria Picioccu says:

          No, la condanno, ma non riuscirei mai ad abbracciare un pensiero politico (l’autodeterminazione di un popolo) e disdegnarne il fondamento (cioè la lingua). La schizofrenia si paga prima o poi.

  27. Anonimo says:

    Bravu vito, asi chistionau pò mei puru.. spereus in s’annu nou.. passaridda beni…

  28. et proite sos (is) airlandesus kistionat (foedant) s’ ingresu? sos (is) sardos funt foedadores (kistionadoris) de meda limbas fintzas de su tempu colau de s’ antikitade… como (immoi-immoi, galu) est a su propiu! si ndi tocat a kistionnare (foeddai) meda limbas po a si ndi fai (faghere) cumprendi de totu… o no?

    • Andria Picioccu says:

      Eja, emmo, sisse….pinzada, ma,,,,ti depes arregoadare, ammentare de faeddare-chistionare-allegare finas sa limba tua..o no?

  29. l'Antico says:

    mi fa meraviglia che questo blog non sia in sardo…

  30. Pingback: RegReS | Bolognesu: in sardu

  31. So una natzionalista sarda chi no at mai o quasi mai votadu pro sos partidos indipendentistas, e mai l’apo a faghere finas a cando ca no si ponent su problema de sa limba comente su problema printzipale de sa politica issoro.
    A chie narat chi no faeddat su sardu ca no lu connoschet bene li naro chi si l’imparet, c’at libros bastante pro cumintzare a leghere e rivistas e si no cherent leghere autores sardos chi legant a Sepulveda bortadu i sardu, ma no boghent s’iscusa chi su babu e sa mama no bi lis at imparadu. Si ant imparadu ateras limbas sende in Sardigna creo chi potan imparare su sardu in Sardigna.
    Cale est sa fromma prus crara de rivendicare sa diversidade natzionale e s’indipendentzia si no sa limba? esistit in su mundu unu movimentu indipendentista chi fatat politica cun sa limba de su dominadore?
    Narant chi su mundu indipendentista no at galu sas bideas craras pro cantu pertocat sa standardizatzione, ma no los apo bidos mai a unu dibatitu publicu, a sas Cunferentzias de sa limba a sas presentadas de sas chentinas de libros chi si faghent in Sardigna, inue si faeddat in sardu e si discutit de sa politica linguistica chi sa regione est fatende, a parrer meu, bene meda. Proite creent in una Natzione o unu istadu e no in una limba ufitziale?

    • sergio says:

      Crara

      Seu unu chi at sempri traballau a intru de s’indipendentismu e isciendi sa realidadi ti potzu nai ca su de s’ istesiai de custa chistioni de importu de is indipendentistas no est po brigungia e nimancu ca no interessat. ma mescamenti ca donnia borta chi si ndi fueddat nd’accabaus a brigas s’unu cun s’altru. Est una decisioni politica po fai in manera chi is militantis no nd’accabint a s’ ispratziri cummenti t sutzedit in atruas contestus in sardigna.

  32. Tziu pibiri says:

    E diat esser ora de che la agabbare de punnare pro sa cadrea in su cussizzu regionale chentza ischire e faghere nudda pro sa limba, s’istoria e sa curtura sarda e de furare su ‘inari de sa zente sarda.
    Fatto sos augurios a tottu cantos e a Biolchini pro su Nadale e pro s’annu nou. A su mancu esistit custu blog sou de importu pro sa sardigna; deo, chi a bortas puru lu contrario cando non soe de accordu, lu sigo meda e lu tenzo a sos primmos postos paris cun monte prama e bolognesu, Mancari isco puru chi bi nde ada atteros bonos pro sa sardigna.
    Si sighint sos attobios pro faeddare in sardu e si nde faghet calincunu in trettos de mesania siguru che la ponzo inie.

  33. Fintzas si a s’italiana, b’at zente chi at chircadu e chircat de nde bogare atzola proende·si a illutriare su significadu de custu bonu artìculu de Vito; sa cosa chi paret ladina est chi innoghe si faeddat de su tabù, s’allegat de su chi totu pensant ma chi neune narat pro no fàghere disacatu in su mundu indipendentista. Ma su mundu indipendentista est in pienu degollu e sighende·bi·la goi no si nd’at a pesare mai ritzu. Apo lègidu carchi cummentu e m’at lassadu atraucadu.
    “Si chistionat in italianu ca su sardu no lu cumprendet neune … ” galana custa barzelleta. In sos annos otanta in su partidu sardu si naraiat sa mantessi cosa e già l’amus bidu ite resessida ch’at dadu …
    Innoghe neune cheret nàrrere chi si unu no ischit su sardu no potat faeddare in italianu o in turcomannu o comente balla cheret … innoghe si narat chi si unu no at unu mìminu de cuerèntzia est menzus chi no si presentet a ghiare unu partidu chena connòschere sa limba sarda… No b’at iscujas … chie no s’aprendet su sardu no podet èssere unu dirigente creibile de cale si siat si cherzat nàrrere organizatzione indipendentista, a mancu chi cussa no siat unu sòtziu de lùmene e no de sustàntzia. Diat a èssere comente chi a cumandare un’organizatzione de fèminas bo ponzemus unu màsciu chi cando bisonzat at a nàrrere: ma deo no nd’apo guspa si no so fèmina, ma apo diritu de cumandare cust’organizatzione de fèminas …
    Su problema chi bi potat àere zente chi no cumprendet no est unu problema de sas organizazione indipendentistas, est unu problema de chie no cumprendet e no cheret cumprendere, e de zente che a cussa su mundu indipendentista no si nde faghet unu bellu nudda.
    Su problema de sos indipendentistas diat a dèvere èssere cussu de leare a manu tenta su populu e de l’issinzare su caminu de fàghere, a incomintzare dae su recuperu de su traste pius forte chi sos colonizadores nos ant ispuntadu: SA LIMBA SARDA
    Traduidores simultaneos? ahahah, duncas sighimus a dare pius importàntzia puru a su colonizadore, sighimus a li nàrrere abbaida chi chena a bois no bi la podimus fàghere … lezitimende e reconnoschende una superioridade de sa cultura italiana chi pius nesciune oramai reconnoschet e nemmancu li artziat su arduzu de pensare.
    Fatu salvu Bustianu, chi dae una fida chistionat dae pius a mancu totue in sa “limba nostra” (comente at naradu pius bias chin fieresa isse etotu) sos àteros dirigentes no podent àere nesciuna creibilidade, fintzas ca no ant peruna gana de si l’imparare sa limba. E gai bidimus cussa manifestada giuilada “consulta rivolutzionària” chi est diventada una pagliaciada bella e bona (no de tzertu pro su pagu de pòpulu chi at abbojadu ma pro sos dirigentes (comente issos etotu si lumenant) chi no sunt dignos de fàghere su tribàgliu issoro intro a un’organizatzione indipendentista),.. e tando zente annicada abberu chi est falada a casteddu airada pro nàrrere bastat a un’istadu isfrutadore e buzinu at dèvidu bidere una isfilada de cummediantes paraitaliotas chi faghiant a chie allegaiat menzus in italianu, ismentighendesi de chie gighiant innantis pro si ponnere in mustra ebbia addainantis a sos duos o tres giornalistas chi gighiant a ojos e perdende cale si siat creibilidade; mancu unu manifestu, mancu un'”islogan”, mancu un’interventu est istadu fatu in sardu. Pariat una de sas maigantas manifestadas fatas dae sos sindacados italianos a boneteddu in manu pedende sa limusina a mama italia, no una manifestada inue su populu sardu leat cuscescia de diritos, diritos che a s’autodeterminatzione de sos populos chi sunt pius a subra meda de sa costitutzionedda tricolore chi gai meda aggradat. a maigantos de custos dirigenteddos de cartone.
    Deus nos la mandet bona.
    Bonu incomintzu de 2013 e menzus agabbu a totucantos.

  34. Come prevedibile da alcuni commenti è uscita fuori una classica osservazione che viene posta quando si critica l’indipendentismo Sardo sulla lingua: “Ma se non parlo il Sardo non posso essere Sardo e né indipendentista?” E’ la frase con cui il neo-indipendentismo ha sempre cercato di pararsi le chiappe su questo problema. Perché nessuno vieta a qualcuno di continuare a parlare l’italiano, pur essendo indipendentisti. E ci mancherebbe. Ciò che non si vuole capire piuttosto è che i movimenti non si occupano adeguatamente di Lingua Sarda e che questo contribuisce alla discriminazione dei sardofoni causata dal contesto italico in cui siamo inseriti. Di conseguenza non si capisce neppure che proprio la specificità linguistica è lo strumento giuridico che potrebbe potenziare anche il tema della rivendicazione economica. Tutelare il Sardo dunque non significa che tutti debbano imparare a forza il Sardo o chissà cosa. Bolognesi, se sei in ascolto, ricordi che ti dicevo sui danni del “non-nazionalismo”? Oggi abbiamo neo-indipendentisti che parlano dei diritti di tutti, anche della tutela del punteruolo rosso che danneggia le palme…Però i diritti (umani) dei sardofoni sono spesso meno importanti del tema fiscale e/o ambientale. Invece meriterebbero analogo spazio.

    • Mario Piras says:

      Vediamo un po’, lo scrivo in italiano così mi capisci.
      “Ma se non parlo il Sardo non posso essere Sardo e né indipendentista?” E’ la frase con cui il neo-indipendentismo ha sempre cercato di pararsi le chiappe su questo problema, scrivi.
      Premesso che l’uso sarcastico che fai del termine neo-indipendentista è essenzialmente da gruppuscolo, che abusi delle “S” maiuscole quando non ve ne è alcun bisogno, e che non cerchiamo di pararci le chiappe (che frase elegante) su questo problema, la domanda che ti pongo è questa:” Hai avuto il tempo sufficiente per imparare il sardo, perché non l’hai fatto?” E se proprio desideri che risponda alla tua domanda, la risposta è questa: Tu non sei sardo se non parli il sardo, ma se non lo vuoi imparare, pur avendone le possibilità, se non ti sforzi a scrivere due linee in questa lingua, se lo ignori.

      • Mi era sfuggita questa replica, Vito, cambia grafica al blog!

        Mario Piras, se noti su Sa Natzione usiamo la S maiuscola per ogni parola che inizia con Sardo o Sardegna, ci siamo presi una “licenza nazionalistica” 🙂

        Il nostro obiettivo da anni è quello di fare Sa Natzione trilingue: Sardo, italiano e inglese. Non abbiamo (me compreso) persone con tempo e competenza per poterlo fare, a maggior ragione ci domandiamo perché i movimenti cosiddetti ufficiali (che vantano tanta disponibilità e competenza) siano riottosi ad andare almeno in questa direzione.

      • “TU NON SEI SARDO SE NON PARLI IL SARDO”

        Questa me la scrivo e stasera al veglione, passando tra i tavoli, la declamerò.
        Temo però che gli avventori possano pensare agli effetti obnubilanti del brindisi di mezzanotte.

        • Mario Piras says:

          Si sa risposta tua fiat a mie, ti pregunto: ischis o no ischis lèghere nessi in italianu, s’ùnica limba chi connosches (?). Deo apo iscritu: “Tu non sei sardo se non parli il sardo, ma se non lo vuoi imparare, pur avendone le possibilità, se non ti sforzi a scrivere due linee in questa lingua, se lo ignori”. In cantu a su binu de istanote, pro te no at a èssere prus de una cale si siat àtera note. Bonos printzìpios e mègius fine.

          • Mi scusi, signor Piras.
            Modificherò la massima da declamare in “Tu non sei sardo se IGNORI il sardo”.
            E’ ancora più divertente.

            Scritu apustis: mi dispraxit meda, peroe deu no buffu binu o spumanti.
            E, cando su cristianu biet abba, cheret nàrrere ch’est istudende su fogu. 😉

            • Mario Piras says:

              Ma comente est chi non cumprendes s’italianu, Asia. Su verbu italianu “ignorare” inoghe est impreadu cun su sinnificadu de: mustrare chi no lu bides, fàghere comente chi non bi siat, no lu carculare nemmancu, girare·si·nche sa cara a un’àtera ala. Est su chi faghes tue e totu sos tzeracos chi b’amus in Sardigna, chi si nde birgòngiant dae ue benint; su sardu, malannu, lu connoschent ma lu disprètziant. S’àteru passu chi ti tocat a fàghere como, a tie e a su restu de sos àscaros, est a ti allissare sos pilos e chircare de ti isgiarire sa pedde, ca su nieddu a su mere non li praghet.

              • “Est su chi faghes tue e totu SOS TZERACOS chi b’amus in Sardigna, chi si nde birgòngiant dae ue benint.”

                Calma e gesso!
                Prima di dare del servo o dell’ascaro a qualcuno i SIORI indipendentisti sono gentilmente pregati di dare una ripulita alle ferite degli antichi colonizzatori in quello che ritengono ingenuamente il LORO idioma, che in realtà evoca umiliazioni e sopraffazioni pregresse.
                Io non ho avuto padroni, non li ho e mai ne avrò.
                Sono libera di parlare come mi pare, a seconda del contesto e del momento, senza dover lucidare le scarpe a nessuno.
                Asi cumprendiu immoi, o Marieddu?

                • Mario Piras says:

                  Asia istimada, ma chie t’at naradu chi deo so indipendentista. O forsis unu pro defensare sas cosas suas devet èssere indipendentista. Pro tene est fàtzile: mi nche tzacas in su sacu de totu cussos macos, pro mi pòdere addobbare mègius. Nono, non so indipendentista, est unu discursu chi non mi nd’interessat nudda. Lu lasso a àteros. Si custu no lu cumprendes non sigas leghende. In cantu a sas fertas chi sos antigos colonizadores ant fatu a sa limba mia (lu naras cun una punta de sarcasmu, dae su grecu sarkasmós e de superioridade de limba dominante), sunt sas matessi de sa limba tua; tue no iscries paràula chi non siat de derivatzione direta latina o greca, cantu lu sunt sas mias. Ascaro però est intradu in s’italianu dae s’àrabu, askari, e nois li naramus àscaru, in sardu, adatende·lu a sa morfologia nostra comente at fatu s’italianu; sa paràula it. colonizzatori, non nd’est falada dae sas aeras, ma est intrada in sas limbas modernas dae su frantzesu, e onni limba l’at adatada; lu podimus fàghere nois sardos o nono?; e cando faeddas de “scarpe”, ammenta·ti chi custu tèrmine est de orìgine germànicu.

    • Cuzone says:

      Est beru, Cuzone at resone. Custu machichine de su non -naztionalismu at fatu dannos mannos. Comente pessare chi esistant capitalistas chene s’ideologia de su capitalismu, o sa crèsia sena su cristianismu. Sos indipendentistas sardos refudant su natzionalismu limbisticu sardu ma abratzana su natzionalismu limbisticu italianianista…si no est machimine custu

  35. Io sono un indipendentista sardo e parlo sempre è solo in italiano per una ragione molto semplice: sono italiano madrelingua. Lo sono come la stragrande maggioranza dei sardi, non pochi dei quali sono convintamente indipendentisti (e udite, udite: pur essendo convintamente indipendentisti, qualcuno si sente anche italiano il che testimonia che una cosa non esclude l’altra a meno di non essere dei beceri nazionalisti). Cosa vogliamo fare? Li vogliamo escludere perché non parlano il sardo? Il loro voto i partiti indipendentisti lo schifano? Ma con chi diavolo pensano di doverla fare l’indipendenza i partitti indipendentisti? Con i sardi reali o con quelli immaginari che nella realtà non esistono? C’è una strana (per non dire pericolosa) idea di “identità” tra molti sardi, che siano indipendentisti o pure no.

    Secondo un’ormai nota ricerca, in Sardegna i potenziali sardi indipendentisti sono il 40% mentre i 40 partiti indipendentisti messi tutti insieme arrivano a mala pena al 4%. La domanda sul perché, pare che qualche partito indipendentista se la sia posta, ma temo che continui a darsi la risposta sbagliata. Se poi parlassero solo in sardo (e se parlassero solo di sardo) arriverebbero a prendere 4 voti.

    Piuttosto, sarebbe interessante sapere quand’è che i partiti indipendentisti abbiano intenzione di cominciare a parlare di cose che interessino anche i ceti medi urbani. Con i voti dei quali notoriamente si governa la Sardegna. E l’indipendentismo o è di governo (come nel resto d’Europa) o non è.

    Ma a proposito di stranezze isolane e del resto d’Europa: il sito del Partito Nazionale Scozzese è interamente in inglese. Non esiste né la versione in scots né quella in gaelico. Non solo: il nome del partito è in inglese. La lingua comunemente parlata nella Repubblica d’Irlanda (indipendente dal Regno Unito da quasi un secolo), è l’inglese. A quanto pare non siamo gli unici isolani strani.

    Infine una proposta: come l’irish english, lo scottish english, l’american english (che hanno particolari differenze rispetto al british english), e come il portoghese brasiliano o tutte le varianti di spagnolo, esiste anche l’italiano svizzero (standardizzato anche su Windows): perché non cominciamo a dare valore e riconoscere dignità allo status dell’italiano sardo come profondamente e radicalmente appartenente alla nostra cultura contemporanea e quotidiana? Ormai giornalisti (compreso Biolchini) intellettuali, scrittori, cineasti, attori teatrali, lo usano non solo parlato, ma addirittura scritto, senza alcun problema, sia nel loro lavoro che nella loro quotidianità, a volte inconsapevolmente e a volte volutamente. Lo usano addirittura nella tv di Stato Italiana, dove lo standard dovrebbe essere d’obbligo.

    A Cagliari in pochissimi parlano il sardo, ma l’Italiano standard non lo parla praticamente nessuno, non soltanto dal punto di vista della fonetica e della pragmatica, ma anche da quello della sintassi e della semantica. Eppure a nessuno verrebbe in mente di dire che a Cagliari non si parli (un) italiano. Perché gli italiani (intesi come lingue) sono tanti, come gli inglesi, i francesi i tedeschi, mentre non si capisce perché il sardo debba essere soltanto uno. Chiaro che poi sono rimasti in pochi a parlarlo: c’è sempre qualche purista nazionalista (e nazi-onanista) pronto a dirti che quello che parli tu non è il vero sardo. Il nazionalismo linguistico è il peggiore e il più pericoloso di tutti i nazionalismi: vade retro.

    • Non d’accordo con questa opinione Mario, proprio per ciò che ho scritto di sopra. E’ una deformazione di comodo diffusa col “seddismo” alcuni anni fa per giustificare la totale inerzia sul Sardo. Tutelare il Sardo non significa cercare di sostituire l’italiano, ma dare il giusto peso ai diritti dei sardofoni. Dire che parliamo un italiano non standard non è una giustificazione per ignorare i diritti dei sardofoni e/o declassarli. Aggiungo poi una nota che ho lasciato poco fa in una discussione con Franziscu Sanna del ProgReS, quì replicavo a Daniela Soru: l’indipendentismo Sardo si muove all’interno del sistema giuridico italiano. E l’unico strumento per sperare di potenziare la nostra sovranità (come ha già fatto in circostanze diverse il Sudtirolo) è quello di far capire che l’Autonomia non è derivata da una semplice condizione di insularità ma da una condizione storico-linguistico-culturale. In particolare quella linguistica è l’unica chiaramente demarcabile che ci consentirebbe di arrivare a quel risultato. Ricordi Franciscu Sedda i primi giorni in cui nacque ProgReS? Si chiedeva in base a cosa il milione e mezzo di Sardi potevano farsi valere sui 60 milioni di italiani in termini di potenziamento della sovranità. Ebbene, Bolzano ha più potere politico di tutta la Sardegna, ad esempio nel campo della fiscalità, eppure sono demograficamente inferiori a noi. Questo ci dice anche quanto sia in ritardo “l’indipendentismo moderno” di tutti i movimenti dal capire come muoversi in questo contesto.

      • Adriano (e spero con ciò di chiarire la mia posizione anche a Mongili), non mi pare che dalle mie parole si possa evincere che io voglia «dire che parliamo un italiano non standard» per trovare «una giustificazione per ignorare i diritti dei sardofoni e/o declassarli». Non gli ho messi in contrapposizione, semplicemente volevo mettere in evidenza questa realtà, che secondo me è parecchio interessante e meriterebbe degli spunti di riflessione. Io sono perfettamente d’accordo con te quando dici che «tutelare il Sardo non significa cercare di sostituire l’italiano, ma dare il giusto peso ai diritti dei sardofoni».

        Ti dirò di più: io credo che insegnare il sardo nelle scuole sarde italofone sia una cazzata se non si istituiscono delle scuole per sardofoni (e per tutte le altre realtà linguistiche) in cui si insegna l’italiano. E secondo me in entrambe le scuole, l’inglese dovrebbe essere la lingua veicolare delle materie scientifiche. Come insegnare la Storia della Sardegna secondo me è un’altra cazzata, come se quella della Sardegna fosse una Storia a se. In entrambe le scuole (quella italofona e sardofona e nelle altre) dovrebbe essere insegnata la Sardegna nella Storia. In Francia non si studia la Storia della Francia, come in Germania non si studia la Storia della Germania, ma si studiano la Francia e la Germania nella Storia. Questa è la mia proposta.

        Il problema è che poi però, rispetto al punto in cui ci troviamo d’accordo, trovo contradditoria questa tua affermazione: «quella linguistica [la differenza rispetto all’italiano?] è l’unica chiaramente demarcabile che ci consentirebbe di arrivare a quel risultato [l’indipendenza?]». Vorrei che me la chiarissi perché così come mi sembra di averla capita, oltre che essere palesemente smentita da numerosi controesempi storici che ho già fatto (esattamente come quella che vuole indipendentiste solo le aree ricche e mai quelle povere), contiene il sogno di ogni nazionalismo linguistico (che poi è il nazionalismo tout court): la lingua come linea di demarcazione di diversità ad uso pretestuoso per raggiungere l’indipendenza. Indipendenza vista appunto come obiettivo da raggiungere, come fine, e non come mezzo, come strumento per sopravvivere. Ora, attualmente questa differenza linguistica non c’è. Volerla costruire artificialmente «significa cercare di sostituire l’italiano»: esattamente il contrario di quello che affermi all’inizio.

        E questa differenza non c’è perché, i sardofoni sono una minoranza, non in Italia, ma in Sardegna! Se non si capisce questo, la lingua sarda resterà sempre ferma al palo.

        E questo mi riporta al discorso sui partiti indipendentisti, perché il punto è che, così come «tutelare il Sardo non significa cercare di sostituire l’italiano, ma dare il giusto peso ai diritti dei sardofoni», nel mondo in cui stiamo vivendo, tutelare qualsiasi minoranza non significa sostituirla con la maggioranza, ma dare il giusto peso ai diritti di quella minoranza stessa.

        Tutelare l’omosessualità in Sardegna non significa cercare di sostituire l’eterosessualità, ma dare il giusto peso ai diritti dei gay sardi.

        Tutelare i diritti dell’islamismo in Sardegna non significa cercare di sostituire il cristianesimo (o l’ateismo), ma dare il giusto peso ai diritti degli islamici sardi.

        Tutelare i diritti delle donne in Sardegna non significa cercare di sostituirle agli uomini, ma dare il giusto peso ai diritti delle donne sarde.

        Tutelare i diritti dei rom non significa cercare di sostituirli ai sardi (o agli italiani), ma dare il giusto peso ai diritti dei rom sardi.

        Potrei continuare all’infinito per il semplice fatto che la società occidentale, della quale la Sardegna fa parte a pieno titolo, è composta da molte minoranze. Minoranze in senso sociologico, naturalmente, il cui significato del termine “minoranza”, come il prof. Mongili ci insegna, non è tanto quantitativo, tanto qualitativo, perché sta ad indicare la posizione subordinata di un gruppo all’interno della società.

        L’interesse nei confronti delle minoranze e la loro tutela sono un compito della politica moderna e di governo, all’interno di un quadro complessivo che non sia fatto di contrapposizioni tra interessi generali e interessi particolari, ma che sia invece sintesi di interessi dell’intera collettività.

        Io credo che nella società (sarda) contemporanea non ci sia alcuna ragione per cui “l’indipendentismo moderno” che aspiri a diventare di massa e quindi di governo, debba essere portavoce dei sardofoni più di quanto non lo debba essere dei sardi islamici o gay o animalisti, senza avere una visione complessiva, chiara, realistica di quello che è attualmente la società sarda nel suo complesso, in modo da poter essere in grado di dare delle risposte alle istanza di questa società.

        A meno di non voler essere i rappresentanti di una (sola) minoranza o di non voler essere dei nazionalisti linguistici. L’indipendentismo moderno o è di massa e quindi di governo, o, ripeto, non è. Attualmente non è. E infatti il mio voto se lo scorda, pur essendo io indipendentista.

        Poi è perfettamente legittimo fare il partito dei pensionati o dei cacciatori o delle parrucchiere, dopo però non ci si deve meravigliare se alle elezioni si prendono percentuali da prefisso telefonico.

        Tu stesso Adriano dici che la lingua sarda non è spendibile (per ora) elettoralmente, e lo dici perché sai che ai cittadini sardi, qualsiasi lingua parlino, interessano molto di più (faccio tanto per dire senza parlare di grandi temi come l’occupazione) gli asili nido per le mamme lavoratrici o le case di riposo per gli anziani, o gli incentivi per l’assistenza ai disabili o la reversibilità della pensione per le coppie di fatto, o il costo delle civili abitazioni. I sardi non hanno la più pallida idea di quale posizione abbiano i partiti indipendentisti su questi temi. Ammesso che ce l’abbiano. Il risultato è sotto gli occhi di tutti.

        Vedrai che risultato il M5S alle prossime elezioni regionali in Sardegna…

        • Mi dicono che l’M5S in Sardegna sia dato al 5%, non so se sia vero. D’accordo in parte sul tuo chiarimento, devo specificare sulla storia. Nel dicembre 2009 su Sa Natzione pubblicammo l’articolo “Storia Sarda o storia nazionale Sarda?”, in breve, il senso dell’articolo è che non ci si riconosceva nel concetto della costante resistenziale introdotta da Lilliu, perché infatti l’attribuzione di “nazionale” è politica e la storia andrebbe studiata tutta. Ma non solo, l’articolo era anche una replica indiretta a quanti, anche nel sardismo, usavano proprio la giustificazione di non dover usare la storia in senso nazionalistico come scusa per fregarsene anche della lingua Sarda. In pieno “non-nazionalismo” sono successe anche queste cose… Sul fatto del Sudtirolo, è vero che ha avuto alle spalle Vienna, ma il trattamento di favore di cui gode l’Alto Adige è specificato al rango costituzionale (ad es. all’art.117) ed è stato determinato proprio dalla specificità linguistica e non altro. Nel sistema giuridico italiano dunque l’essere minoranza linguistica può consentire spazi di manovra in un ottica sovranista (dunque questo discorso esula dal contesto politico e giuridico anglosassone e/o di altre realtà). Il problema piuttosto è un altro: quali e quanti movimenti si stanno battendo per creare una scuola Sarda ma anche – nel presente – per dare ai Sardofoni il rispetto dei diritti che meritano? Ben pochi credo, la lingua Sarda non è sulla bocca dei nostri leader, eppure, anche se è vero che agli elettori interessa altro (e parlo del grosso elettorato), nulla vieterebbe ai movimenti indipendentisti di incrementare la presenza di questo tema all’interno dei propri contenuti. La domanda è molto semplice: perché non tentare? Ma si tornerebbe ai 5 punti che segnalavo in fondo ai commenti.

          • Nulla vieterebbe a qualsiasi partito politico in Sardegna di incrementare la presenza del tema della lingua sarda all’interno dei propri contenuti. Il tema prescinde dall’indipendentismo, vuoi perché i diritti delle minoranze sono universali, vuoi perché non tutti i sardofoni sono indipendentisti; molti militano addirittura tra le fila di Pdl e Pd.

            Potremmo chiederci perché questo tema è praticamente assente nel dibattito politico sardo, ma potremmo porci la stessa domanda anche su tanti altri temi ai quali la società sarda è estremamente interessata. Scopriremmo che è la politica in Sardegna ad essere assente, perché i partiti in Sardegna (quelli indipendentisti compresi) la società che protenderebbero di guidare (e che ahi noi guidano!), non la conoscono affatto.

            Il 5% per M5S? Un successone! Per qualche ducetto indipendentista significherebbe coronare il sogno proibito di una vita: mettere il culo su una poltrona del Consiglio regionale! Ihihih! 😉 Invece nulla anche questa volta: al loro posto ci andrà un grillino… Scherzi a parte, staremo a vedere. 🙂

            Buon anno!

        • Umberto Cossu says:

          Totu custu pro nàrrere chi a tie, indipendendentista de tzilleri, de sa limba sarda, chi est s’argumentu de s’artìculu de Biolchini, non ti nd’afutit nudda. Bastaiant sas primas lìneas: “io credo che insegnare il sardo nelle scuole sarde italofone sia una cazzata ……… secondo me l’inglese dovrebbe essere la lingua veicolare delle materie scientifiche”. Tue iscries, e pensas, ca in facebook b’at logu finas pro a tie.

          • Hai estrapolato delle frasi troncandole a seconda dell’interpretazione che hai voluto dare loro. Fai bene a puntare solo sul sardo visto che l’italiano non lo capisci.

    • Tu non fueddas su sardu non poita in domu as imparau s’italianu–deu puru apu imparau s’italianu in domu–ma poita ca ses mandroni e barrosu.

    • Il suo intervento, condivisibilissimo, è musica per le mie orecchie.
      A questo punto mi chiedo perché i fautori del bilinguismo perfetto non scrivano i loro interventi nelle due lingue, per permettere agli allofoni sardofili di capire ‘ta caragantzu funt(i) narendi.
      Non sarà MANDRONIA? 😉

    • Andrea Pitzinnu says:

      Ora si capisce perche il sito di Caglairifornia era contrario alla lingua sarda standard. E’ contrario alla lingua sarda e basta oltre a propagandare e diffondere luoghi comuni, pregiudizi e bugie da bar sulla questione linguistiche. L’elenco dei siti scozzesi in gaelico è lungo come quello delle sue bugie e in Irlanda il gaelico è lingua ufficiale obbligatoria. Il peggiore dei nazionalismi è sicuramente quello degli ignoranti. In buona o mala fede che siano. Vade retro a lei, torni nel suo poco frequentato blog.

  36. Arobetu says:

    Prova a pensai, po unu segundu, de essi indipendentista. Prova a pensai de depi iscriri custu articulu in sardu, o de depi chistionai ananti de unu cungressu imperendi una fueddada tècnica apitzus de chistionis chi andant arrexonadas in d’una tzerta manera.
    Ti nd’as a agatai ca, sceti a nci pensai, est prus traballosu de cantu si potzat nai…
    Fintzas is indipendentistus ant istudiau in s’iscola italiana, e pagus ant pòtziu istudiai sa lìngua sarda. Su problema est sceti custu: no seus ancora bonus a imperai su sardu cumenti s’ispetat, in situatzionis chi no siant de sa vida privada.
    No pensist ca custa cosa no s’istrobit. Po custu pedeus ca si chistionit in sardu cun is pipius, e eus a bolli ca sa lìngua sarda siat imparada in iscola: fintzas po adderetzai custa atrotoxadura chi teneus.
    De pati de chini no est (ancora) indipendentista, peroi, personalmenti m’abetu chi d’acabit de pensai ca is indipendentistus chistionint sceti su sardu, papint sceti proceddu e culurgionis, e bufint sceti licori ‘e murta…

    • @ arobertu:deu mi seu agatau in cussa situatzioni medas bortas. A unu tzertu puntu mi seu detzidiu e apu incumentzau a fueddai de linguistica in sardu./ E a ndi scriri. Non est facili. Tocat a nci trabballai. E issus non tenint gana de nci trabballai. Si bolint portai a sa Repubblichedda italiana de is mandronis sardus. Mellus a lassai a perdi…

  37. Bruno Ghiglieri says:

    Caro Vito, da tempo sogno una nazione sarda anche se non parlo il sardo, lo comprendo a fatica, il mio cognome non termina in -u, la mia famiglia paterna affonda le radici tra Liguria e Piemonte (ebbene sì, sono probabilmente un discendente di qualche oscuro vassallo del regno sabaudo); nutro la seria intenzione di imparare una lingua che però non è il sardo (il mio inglese è migliorabile e a 45 anni inizierò a studiare tedesco, non sardo: Es tut mir Leid, I’m very sorry); mi piacerebbe vedere Cagliari, Nuorese, Torres e Olbia contendersi lo scudetto e partecipare ogni anno alle coppe europee. Insomma, vorrei potermi autodefinire un indipendentista nonostante mi faccia sorridere leggere nella pagina Facebook di ProgRes le schermaglie sulla corretta grafia di “paschixedda” e la spinosa questione se sia più corretto l’uso in suo luogo del termine “nadale”, in contrappunto con gli anatemi indirizzati alla scelta del T-Hotel come sede del congresso, bieco simbolo del colonialismo italianista-massonico, orrendo obelisco degno di stare accanto al Teatro Petrollirico, altro luogo mostruoso estraneo alla cultura sarda (Also sprach Bolognesi: perché in una natzione sarda sarà bandito qualsiasi genere di musica che non sia autoctono, le partiture di Beethoven e Verdi saranno bruciate in piazza insieme ai libri pensati e scritti in italiano. Si salverà almeno Sergio Atzeni, uno dei miei autori prediletti?). Mentre gli innumerevoli partitini indipendentisti litigano su quale variante linguistica del sardo adottare come idioma ufficiale della futura repubblica dei quattro mori, uno sconosciuto, strambo indipendentista senza tessera come il sottoscritto e numerosi altri potenziali elettori della nuova classe dirigente sarda ancora aspettano di conoscere i modelli di sviluppo economico e sociale della Sardegna nuova; se ci aspetta un futuro da impagliatori di sedie come vorrebbe il nuovo verbo del nazista Serge Latouche o se invece si vuole cercare di fare qualcosa di concreto e sostenibile per promuovere un nuovo sviluppo, magari guardando a qualche modello virtuoso oltre il mare. Continuiamo a dissertare sulla limba. Nel frattempo ci sarà ancora chi continuerà a votare i partiti romani. Ecco, ora potete darmi del qualunquista. L’indipendentista qualunquista in crisi di identità. Bon’annu e Felicidade. Augurios a tottus!

  38. Ironico Back says:

    Il discorso, caro Vito, è che il sardo, sarà pure che una lingua riconosciuta dal Consiglio d’Europa, dagli standard internazionali eccetera, ma non è una lingua parlata correntemente da coloro che la dovrebbero parlare, cioè i sardi. Si può dire che pertanto sia una lingua riconosciuta formalmente ma nella sostanza è una lingua morta e sepolta.
    Come puoi definirla un’infrastruttura della Sardegna quando la maggior parte degli abitanti di quella stessa Sardegna non la parla? E quei pochi che la parlano neanche si capiscono tra loro. Se un nuorese parla sardo con un cagliaritano, quest’ultimo non solo non lo capisce, ma non arriva manco a capire il senso di quello che sta dicendo. Per un cagliaritano è molto più semplice capire un inglese madrelingua che parla inglese rispetto a un nuorese (o un logudorese, o a un gallurese) che parla il suo sardo. I tentativi di standardizzazione sono tutti miseramente falliti o hanno prodotto risultati ridicoli. Gli indipendentisti parlano l’italiano e fanno bene perchè altrimenti avrebbero difficoltà a capirsi tra loro e certamente non si farebbero capire dal resto dei sardi. Ciao

    • Paolo Curreli says:

      Ma Ironico si rilegga tutte le inchieste socioliguistiche fin qui svolte sul tema. Come fa a sostenere bugie come questa? Per carità, il livello di ignoranza e approssimazione….

  39. Paulu Zedda says:

    S’argumentu chi Vito ponit in custu articulu est prus forti e prus profundu de su chi parit. E scoviat cali est s’animu e, deu nau, su cumplessu de inferioridadi de is sardus. Intrat in cussas “bregungias” chi nemus bolit scuberri, poita ca funt bregungiosas de aberu. Is arrexonis chi varius indipendenttistas ant presentau po giustificai su scioberu insoru no sunt determinantis, sunt scusas. Sa beridadi est ca sunt cumplessaus. Propriu aici: cumplessaus. Nau mellus, sunt cumbintus ca fueddendi in italianu faint bella figura, e fueddendi in sardu currint s’arriscu de cumparri ridiculus. Propriu aici: ridiculus. Custa est s’arrexoni vera, is ateras sunt scusas. Fortzis chi unu medicu andat a unu cungrssu internatzionali arrefudat de presentai una relatzioni in inglesu poita ca no ddu fueddat beni? Ma candu mai! at a studiai s’intenventu, o puru si ddu scrit, o si ddu fait scriri. Ma nc’est ateru: medas de is indipendentistas chi ant fueddau a su cungressu, su sardu ddu fueddant perfetamenti. Ant scioberau de no ddu fueddai. E sunt is proprius chi declarant ca sa Sardigna depit essiri bilingui, e ca su sardu depit essiri imperau in cuntestus prestigiosus e ca depit tenniri pari dinnidadi cun s’italianu. Ddu nant ma no ddu faint. Aici eus tentu in is urtimus corant’annus una classi de intelletualis chi ant cumbatiu po su sardu (e dd’ant fatu de a beru), e ant tzerriau a totu is bentus ca su sardu si depiat fueddai in scolas e, mascamenti in familia, e issus e totu in s’interis fueddànt in italianu cun is fillus. Teneus, peus ancoras, una classi de cantadoris e de popetas e scriidoris chi, a una parti ant gherrau e spendiu tempus e fainas po sa lingua sarda, a s’atera ant impedìu a is fillus insoru de imparai su sardu. Sa causa de su chi Vito at notau ariserus no est de circai in s’arrexoni, ma in is istintus. E s’arrexoni prus forti e prus profunda est custa: nos sardus sunfreus de unu cumplessu de inferioridadi chi si fait parri prus bellus candu stroceus a is aterus, chi no candu fueddaus sa lingua nostra. Is piciocus de oi nant una frasi, chi ddis eus imparau nos, e a sola at bocìu sa lingua nostra: “Chi parla il sardo è grezzo”. E, castiai beni, po issus su sardu est s’unica lingua “grezza” de su mundu. No est “grezzu” su tedescu, nì su bulgaru, nì su portoghesu, ni su cinesu. Su sardu eia, est “grezzo”, e aici “grezzo” est chini ddu chistionat. Su ddu nai mi prangit su coru, ma est sa beridadi e, in fundu in fundu, ddu scieus totus.

    • Mario Piras says:

      S’arresonu tuo Paulu est craru che abba de roca. Sa pregunta tando chi nos devimus fàghere totus est custa: ma ite nos nde faghimus de totu custos indipendentistas (???) de tzilleri? S’ùnica indipendèntzia chi devimus chircare sos sardos est s’indipendèntzia mentale e culturale, s’indipendèntzia chi nos dat su de nos liberare dae sas cadenas de su cumplessu de inferioridade, cumplessu presente in sa magiore parte de sos gasinarados indipendentistas. No est credìbile perunu argumentu, non de independèntzia, ma nemmancu de identidade sarda, si custu non ponet in su tzentru sa limba sarda, comente faghent totu sas natziones sena istadu. Sos argumentos a pitzu de sa limba de sa magiore parte de custos indipendentistas semper acabant cun una frase chi cheret èssere ecumènica: pro nos cumprèndere totus paris devimus arresonare in italianu (e est su chi faghent). Naraiat Sèneca chi sa tzerachia non chircant a sos òmines, ma sunt issos a si chircare sa tzerachia.

  40. Custu matessi pensamentu mi dd’apo fatu deo puru: apo sighidu su congressu de ProgReS in streaming e depo nàrrere chi nde so abbarradu delusu. Difatis, m’abetaia chi a su mancu sa prus parte de is interventos èsseret in Sardu, ma nudda. Petzi Bustianu Cumpostu e cussu pitzocu chi istat in Londra ant allegadu in Sardu. Podet fintzas èssere, comente narat Massimeddu, chi ant tentu problemas logìsticos chi non ddis ant permìtidu de organizare unu sistema de tradutzione simultànea… comente chi su Sardu èsseret una cale si siat limba chi ddi bisòngiat sa tradutzione, e non sa limba de totu is Sardos. Massimè, “la pezza è peggio del buco”! Bellu, custu messàgiu de ProgReS: s’ùnica limba chi podent impreare is Sardos pro si cumprèndere intra de issos est s’Italianu, pro totu is àteras, inclùidu su Sardu, tocat a chircare tradutores. Est custu messàgiu polìticu chi ais donadu eris, su chi Biolchini est critichende inoghe, fortzis non dd’ais cumprèndidu. E in prus, custa crìtica est pro TOTU is indipendentistas chi ant faeddadu eris, foras Cumpostu, ca totus ant allegadu in Italianu. Mi subèngio chi unu de cussos reladores, una borta m’at iscritu in facebook: “A me non me ne frega niente della lingua sarda, a me interessa mandare via l’oppressore!”. Creo chi custa fràsia siat su resùmene de totu su problema de is indipendentistas: chircant de otènnere s’indipendèntzia polìtica in antis de cussa culturale. E a pitzu de ite dda chereis fraigare, custa beneita cuscèntzia de pòpolu? A custa pregonta no apo mai bidu una respusta coerente.
    In fines, una respusta a Clàudia Satta. E no, o Clà: troppo facile, non è così che funziona! Tue non ses una bèstia rara chi isceti a tie ti nd’ant bogadu su Sardu dae buca a pitichedda. Sa prus parte de nois at tentu custa menomatzione, fintzas deo. E a dd’ischis ite apo fatu? Mi dd’apo istudiadu a sa sola, cun meda passièntzia e bona voluntade. Apo chircadu agitòriu cando mi serbiat, e apo semper agatadu gente chi at tentu praghere meda de mi agiuare, pro mi currègere. Si podent lèghere medas cosas iscritas in Sardu, siat in Internet siat in libros. Nche sunt manùales e grammàticas chi ispricant bene comente funtzionat su Sardu. Non si contant prus is vìdeos in youtube/sardegnadigitallibrary chi ti diant pòdere agiuare a “fàghere origra” a totu is allegas de sa Sardigna. Ma mescamente, bi sunt cursos de limba sarda apetotu: scebera·nde unu, sighi·ti·ddu e istùdia, si est berus chi intendes chi carchi cosa ti mancat in contu de limba. Si nono, balet su chi at iscritu calicunu in antis de mene: est petzi chistione de MANDRONIA.
    Pro conclùere: deo fatzo galu unu muntone de faddinas, alleghende in Sardu, ma NON MI ND’AFUTIT NUDDA, sigo a ddu allegare a su pròpiu.

    • Errata Corridge.
      Apu cicau beni e apu agatau torra su messàgiu giustu. Sa fràsia chi apu postu, po sa precisioni, naràt de aici:
      “a me di tutelare la lingua sarda importa poco, perché non siamo una minoranza indiata [indiana? nota mia], io voglio sbattere fuori gli invasori”.
      Iscusai po sa pagu precisioni in su post de in antis. Su cuncetu, in dònnia manera, est su pròpiu.

  41. francesco meloni says:

    Augurios pro s’annu novu. Bonos prinzipios e menzus fine…………………………………………..Cando tenio 12 annos e mi mandaini a s’iscola media de idda mea faeddaimus tottus in sardu. M’ammento chi bi teniamus unu cumpanzu chi faeddaiti in italianu e pro cussu lu beffaimus. Sos professores fin pacatos pro nos imparare sa limba italiana mancari esserene istatos siniscolesos ma nessi cando depian faeddare chin sos parentes usaini su sardu . De unu mastru m’ammento galu ca issu eniat dae Napoli. No fit unu malu ma su comente non cumprendiat su chi naraimus haiat postu una regula, cussa de pacare una contravinzione de 50 francos a totu sos pizzinos chi faeddaimus su faeddu thiniscolesu. E gai a pacu a pacu, annu chin annu, sos sardos han’ irmenticatu sa limba issoro. Cussa limba chi sa cale potiana faeddare de pache, de gherra, de amore, de traballu, de salute, e de malattias. Como sos indipendentistas de custu tempus non trattan prusu custas cosas chin sa li limba de sos disavios ca sa regula de sos guvernos italianos che lis hat canzellatu dae sas raicrinas sa limba sarda e tando los intendimus nande: lo capisco ma non lo parlo. Cussu narrer “lo capisco” non cumprendo ite cheret narrere ca jeo puru chi so istatu istitatu in sardu appo pertu s’usu de meta paraulas . Como sos fizos della mamma sarda che mena il vanto di essere brava a parlare l’italiano e a trasmetterlo ai propri figli dovrebbero reimparare il sardo per parlare con chi? A questo punto e chiaro che dovrebbe prevalere l’amore per la propria identita’ e solo con questo stimolo si potrebbe torrare “A SU CONNOTTU”.

  42. Vandana Shiva dae “Su bene comunu de sa terra” pag 109 ” a livellu locale tocat de miminare sa trata ecologica nostra e ponner in campu opportunidades de traballu chi megiorent sa prospetiva de vida da sas comunidades prus poveras. Finas sas identidade pretzisas nostras raighinadas in sa diversidade biologica e culturale, su sentidu de apartenentzia a su logu inue bivimus devet dare su tragiu a su cumpartzire nostru.
    A livellu universale s’interventu nostru devet esser fundadu a subra de sa cussentzia de cumpartzire sa vida cun totus sas criaduras biventes , s’umnidade e totus sos ateros populos”.
    Sa limba marcat sa diversidade biologica e culturale nostra in tempos de “imperu globale” chi totus cheret aparighinare.

  43. Personalmente rimango e rimarrò ben distante dalle tematiche indipendentiste fintanto che il nodo centrale del problema rimarrà l’uso della lingua sarda in loco dell’italiano.
    E questa è una critica rivolta a te, Vito, non al frastagliato universo dell’indipendentismo isolano.
    Se il problema di quest’isola è limitato a quanti non parlano o non pensano in sardo, seus postus mali… ma mali mera…
    Per me e per quelli come me (e siamo tanti, molti di più di quel 3% che vota indipendentista) è molto più importante conoscere come e in che termini l’indipendentismo caratterizzerà la nostra terra.
    Quali saranno i temi sociali ed economici, quale visione del futuro ci verrà indicata dall’indipendentismo.
    Ma cosa vuoi che importi se i congressi e gli atti della Nazione Sarda saranno in sardo, in italiano, in inglese o in giapponese…
    La pulce che sostiene che il bilinguismo sia solo la strada per ottenere soldi dalla comunità europea urla sempre più forte…

  44. Giuliu Crechi says:

    @ Curreli,
    Giustu po informatzioni: Sedda, Demuru e atrus, coment’è mei e atrus – chi fiaus staus eligius in sa squadra de sa segreteria in su “Summit” de Arbataxm – no seus prus in ProGreS.
    Duncas, cument’è sa majora de i sardus, no fiaus tenius a doi essi. E poisi, nemus s’adi cumbidau dae sa dirigentzia, nè unu po unu nè cument’è rapresentantis de su Frocu Birdi. Po s’arrestu, is vacanzas si programmant mesis a prima( mentras sa data de su “Summit” de ProGreS mi parit siat stata detzidia pagu cidas faidi) e a d’ai comunicau po mesu de facebook mi parit cosa meda normali, in d’unu logu chi de normali ndi doi est pagu cosa. Bona vacantzas a totus e bon’annu nou.

    Giuliu

  45. Seu Deu says:

    Apu sempri penzau ca sa primu cosa iat a depi a imperai su sardu inui si podit, cun totus is chi ddu cumprendit e in donnia manera…Issus forzis iant’a depi fai unu pagu de atenzioni in prus de is atrus, biu su chi narant, su chi disigiant e su chi olint fai po sa Sardigna…

  46. Alessandro Mongili says:

    Su sardu infatis tocat a ddu istudiare. E gana pagu bi nd’at. Però deo creo ca custu indicadore de subalternidade personale inditit una subalternidade prus generale face a sa cultura polìtica italiana, inue sos temas chi creent importantes sunt sèmpere “benaltro” cunfroma a sòs de sa cultura e de is deretos. Is indipendentistas sardos amustrant cun custu cumportamentu ca sa framentatzione issoro no est casuale, ma acapiada a su fatu chi issos etotu no bi creent meda indun’indipendèntzia bera de sa Sardigna, e no sunt bonos a èssere generosos cun is àteros, facendo passi indietro e, sul piano personale, comintzende a istudiare e a cambiare issos etotu, cosa chi in medas amus fatu, torrende a faeddare su sardu.

  47. Gianfranco says:

    Vito, semplicemente bisogna cogliere che la lingua italiana non è in relazione 1 a 1 con lo stato italiano. Ci sono stati e territori estranei all’Italia in cui si parla italiano così come ci sono lingue diverse dall’italiano nel territorio dello stato italiano. Riconoscere che le prerogative della Nazione Sarda non coincidono con quelle italiane non implica ripudiare una lingua che di fatto si usa.

    Io per esempio capisco il sardo ma non riesco a parlarlo. Sto colmando questa lacuna ma ancora non posso esprimermi compiutamente e comprensibilmente in sardo. Vorrei però un Repubblica Sarda indipendente nella quale poter parlare in sardo e in qualunque altra lingua i suoi cittadini decidessero di esprimersi. Perché la mia mancanza del non parlare il sardo deve impedirmi di lavorare per questo progetto?

    Quello che ho scritto per me non vale necessariamente per tutti gli indipendentisti e per chi è intervenuto al congresso.

    Infine, da cosa deduci che gli indipendentisti non si occupano della lingua? Ha fatto alcuni esempi Massimeddu.

  48. Uno qualsiasi says:

    L’anomalia più grande dell’indipendentismo sardo sono l’elevato numero delle sigle e l’esiguo numero di sostenitori.La realtà è che la stragrande maggioranza dei sardi vivono attaccati alla tetta dell’italia.Senza mamma italia non saprebbero come fare, il resto sono chiacchiere.La questione della lingua è assolutamente secondaria,anzi,è causa di ulteriori divisioni.

  49. Claudia Satta says:

    Io mi sarei aspettata una osservazione più intelligente da parte sua, senza offesa, almeno almeno più acuta e meno superficiale…
    Io sono indipendentista, dal mio primo voto, ho 30 anni e non parlo sardo: non sono una vera sarda? Non posso essere una vera indipendentista?
    O forse posso esserlo più consapevolmente perchè vivo sulla mia pelle la sottovalutazione di una lingua tanto nobile ma che ai tempi di me bambina non la si insegnava e manco si parlava in casa perchè era “vergogna”?
    Ho 30 anni, un figlio di tre, e devo chiedere al mio padrone di casa di 86 anni di parlare il sardo con lui, perchè io non posso insegnarglielo, non posso neanche costruirglielo in testa come lingua latente, è forse colpa mia? Mi vuole fare un processo su come debba essere una mamma indipendentista?
    Purtroppo i vari accadimenti storici e culturali hanno portato tante generazioni di sardi, diverse classi sociali, ad essere italofoni e non sardofoni.
    Ma questo ci rende meno Sardi? O forse semplicemente sta a sottolineare ancora una volta che questa situazione politica non conservi la nostra cultura, non se ne preoccupi e che l’unica vera via d’uscita sia quella di creare uno stato sardo che lo faccia?
    Se fossi stata spettatrice di un congresso in sardo non ci avrei capito una cippalippa… fucilatemi! Ignorate tutti i miei sforzi perchè questa cosa non succeda ai miei figli, e fermatevi ad una bella lezioncina morale sull’Uso del sardo scritta in italiano…
    Perchè lei scrive in Italiano? Sarà per farsi capire da più lettori immagino… per quanto sia più che conosciuto il suo impegno per la diffusione del sardo… perchè quindi non fare 2 +2 e anzi che scrivere un pezzo che vuole essere solo provocatorio e denigrante di una realtà che non si mette il problema di come parlare ma pensa piuttosto a come farsi capire, una realtà che ad oggi rispetto a 10 anni fa arriva a tutti forse proprio perchè ha capito di non doversi chiudere dietro standard nazionalisti e di ghettizzazione, aprendosi a chi non conosce la propria cultura e aiutarli a conoscerla piuttosto che colpevolizzarli, scriverlo sui contenuti politici, sulla presenza reale democratica e rispettosa di tutti i gruppi riuniti davanti alla stampa per un congresso non loro?
    Mi pare un post più che altro politico il suo, non di informazione, quella politica giornalistica che rigira le cose, che mette sotto gli occhi una parte che porterà sicuramente zizzania piuttosto che costruzione.
    Senza offesa alcuna, ma vorrei proprio capire le sue motivazioni.

    Abbiamo davanti a noi un mondo che parla milioni di lingue, voglio ci sia anche il sardo in quel futuro, come l’arabo e il cinese e l’ovvio inglese, ma nella realtà, nel presente, se facessimo un congresso in arabo, in rispetto alle nostre convinzioni di inglobamento multiculturale, che risultati avremmo? Sarebbe più o meno utile? Forse sarebbe una bella facciata, molto “aperta” ma a cosa porterebbe?

    Sarebbe bastato soffermarsi un attimo in più, ma si è scelto di tirare su la solita questione di lana caprina…

    • Claudia… grazie di esistere.
      Il tuo esempio vale più di mille parole, di mille schemi, di mille convegni.
      Il tuo caso dimostra che si può amare la Sardegna anche SENZA CONOSCERE IL SARDO.
      L’ho già scritto da qualche parte: dell’indipendentismo spesso si salvano solo le nuove leve.
      Più aperte, più critiche, più lucide e più lungimiranti.
      Complimenti per il tuo italiano perfetto, che non tutti gli indipendentisti si possono permettere.

      • Claudia Satta says:

        Grazie Asia, per il tuo commento.
        Di “nuove leve” come me ce ne sono tante, in ProgReS come anche in altri partiti e movimenti. Questo, a mio parere, può far paura: parlare di indipendentismo in italiano significa essere più “di massa”, aver raggiunto fasce di età e generazioni che non hanno vissuto certe tradizioni, non hanno conosciuto i racconti dei nonni, non hanno mai indossato un costume tradizionale o ballato su ballu tundu, significa aver colto il segno: si sta perdendo l’occasione di essere sardi di un tempo, ma si sta avendo l’occasione di essere sardi di oggi. Che vivono il presente per migliorare il futuro raccogliendo ciò che di buono ci ha dato il passato.
        Una frase retorica? Sicuramente inflazionata, trasformarla in azioni è ben differente… io ci tento, da anni.
        Per chi ha colto l’occasione per dire che sono mandrona, beh, non devo certo render conto di cosa io sia riuscita a studiare nella mia vita, buon per te che ci sei riuscito e tanto di cappello, io ho avuto e ho altre priorità, pazienza!
        Per questo non posso contribuire a una nuova politica? A un nuovo stato? Devo pensare in sardo per essere una brava politica Sarda? Beh, mi spiace sottolineare, che si possa pensare male In qualsiasi lingua, in sardu puru!

        • Scuse, soltanto scuse. Altre priorità, certo. Come se noi non avessimo fatto altro che rinchiuderci in un bunker ad imparare il Sardo, mentre il resto del mondo ci passava davanti. La verità è che se una persona ci crede davvero, nella lingua sarda, si impegna ad impararla anche se non ha la fortuna di essere madrelingua sardo. Come me, tanti altri. Cara Claudia, io non penso male di nessuno: guardo le cose dalla prospettiva di chi si è dato da fare per imparare il Sardo perché ci crede, e mi suonano vuote parole come le tue. Sono solo scuse, insisto.
          Comunque, buono il fatto che tu chieda aiuto perché la stessa cosa non succeda a tuo figlio. Potresti fare la stessa cosa per te, e non sarebbe poco, come esempio! AMB

          • Claudia Satta says:

            Scuse, tutte scuse…mi spiace, ma non ho bisogno di scuse…
            Ho dedicato il tempo che ho potuto, all’università, ma la vita mi ha riservato altre strade, ora il tempo lo impiego in altro, pure nel cercare il modo giusto per far sì che mio figlio lo impari naturalmente e non dovendo scegliere tra l’impararlo oppure dedicare il tempo al lavoro, o ai figli. Vorrei non ci arrivasse come me a 30 anni, ma che sia in grado di decidere se dare lui stesso la lingua ai suoi di figli…
            no è sufficiente? ripeto, pazienza.
            Come accennano in altri post, la Sardegna e tutti, hanno purtroppo mille pensieri, io sono una di quelle, posso fare questo, per il sardo, la ritengo la nostra lingua culturalmente, ma personalmente non la so usare.
            Farò i conti con la mia coscienza…

        • muttly says:

          Claudia si è mai chiesta come mai le istruzioni di prodotti internazionali hanno le istruzioni in molte lingue e non manca mai quella di chi lo ha progettato e costruito ?
          Lei comprerebbe un prodotto Sardo senza una caratteristica Sarda ?
          Anni fa una pubblicità recitava “Se non credi in te stesso chi vuoi che ci creda”.
          Se siamo i primi a rinunciare alla lingua che ci rende speciali, per cosa dovremmo allora lottare ?
          Sull’ isola di Man tutte le strade hanno la dicitura anche in Gaelico eppure sono una isola inglese e hanno leggi autonome decise in completa indipendenza dalla regina da un secolo ormai.
          Probabilmente se in passato chi si doveva battere per l’indipendenza fosse stato più distaccato dalla italica Lira oggi avremo anche noi quei benefici.
          Dipendidi tottu de itta si boliri ottenni, dinai o modu de bivi, asinunca esti una cosa a tipu sa lega innui a sa fini esti tottu una pigadura po culu po tenni dinai e poteri.

          • Claudia Satta says:

            Non mi fraintendete, io VOGLIO conservare la lingua sarda e soprattutto renderla di utilizzo comune, ottimo l’esempio delle etichette, questo non toglie il fatto che io il sardo non lo sappia, e che se dovessi parlare in pubblico parlerei nella mia lingua, cioè, volente o nolente, l’italiano.

            Vogliamo psicoanalizzare l’indipendentista che ha famiglia, lavoro, o lo cerca, e contestualmente con tutti i problemi normali di un essere umano di oggi, vuole contribuire al cambiamento del futuro della sua terra, della sua gente, ma non ha il tempo per studiare una lingua praticamente da zero solo per dover dimostrare che sia un vero indipendentista che crede davvero nella sua causa, piuttosto che cercare soluzioni pratiche alle enormi problematiche della nostra società sarda (e non), e con la sua psicoanalisi concludere che sia un uomo insicuro, poco convinto delle sue idee, ma per un qualche motivo di autolesionismo continua pubblicamente a fare indipendentismo, che si sa, sia una grande fonte di potere e di guadagno, no?

            Perchè non portiamo avanti anche la psicoanalisi di chi il tempo lo ha trovato per studiare il sardo, per parlare perfettamente le tante varianti, oppure la LSC, senza averne fatto un lavoro, ovviamente, perchè questa sarebbe una bella soluzione anche per me, e lo fa per confermare che la lingua di Sardegna sia differente, che sia staccata da quella italiana e come tale degna di essere riconosciuta nelle proprie abitudini personali e quindi chi non le dedica il tempo (che non ha) sia mandrone o poco interessato, ma non dedica altro tempo al rendere migliore tutto il resto, oppure si giustifica dicendo che non si ritrova in nessun gruppo politico, piuttosto che mettersi in gioco ed entrare in uno qualsiasi per rendere concreta la sua idea (almeno sulla lingua) o ancora più acutamente, che non lo faccia perchè tanto è tutto inutile, sono tutti uguali sti politici… se portassimo avanti questa di psicoanalisi a quale conclusione arriveremmo?

            Preciso che questo sia un discorso generale e generico, non conosco nessuno di voi personalmente per poter sapere cosa facciate nelle vostre vite, ma seguendo questa ipotesi, quanti stanno a sindacare sul lavoro degli altri al di fuori? Senza averci mai
            provato? Voi, ci avete mai provato? Siete mai venuti a qualche incontro, o a tutti di tutti i partiti indipendentisti, per sapere cosa si pensi, cosa si programmi sulla lingua, e non solo?
            Da molte delle vostre risposte mi pare proprio di no.
            E soprattutto, perchè sembra sempre che siano gli altri che debbano fare quello che voi crediate giusto? Perchè finito di studiare il sardo, quel tempo che ora avete libero non lo impiegate per portarlo ad altri quello che avete imparato?
            Delle volte bastano piccole cose per lasciare il segno, sapete?

            Il mio è un mero invito, nessuna provocazione.
            Magari questo superficiale post del signor Biolchini può diventare utile…

            • muttly says:

              Ok, parliamo della quotidianità del lavoro, io appendo in lingua inglese, scrivo in italiano per i colleghi fuori dalla Sardegna e in lingua inglese per quelli fuori dall’ Italia, dentro la mia stanza con i colleghi parliamo e frastimmiamo in Sardo.
              Non sono indipendentista o almeno non ho deciso ancora se considerarli affidabili visto che ogni volta che penso di avvicinarmi a sentire cosa propongono si dividono per questioni a me incomprensibili.
              Sono sicuramente disilluso visto che delle sacrosante e leggittime richieste dei Sardi nel passato sono state soffocate sul nascere non solo dai partiti “romani”, basta guardare cosa è successo al PSd’Az con “toro seduto” Serrenti.
              Il Sardo l’ho appreso dai miei nonni e tutte le storie la musica e le tradizioni sarde sono intrecciate a doppio filo con la lingua, le une senza l’altra sarebbero monche. però ogni volta che sento diatribe su quale lingua adottare o sulla purezza c’è anche un filo che porta a dei finanziamenti e questo a me non piace per nulla. Non mi piace perchè significa che si usa l’identità come paravento di interessi monetari, nulla in contrario che si paghino traduttori e persone che ci lavorano a tempo pieno, ma mettersi di traverso per ogni cosa perchè non si riceve denaro in maniera diretta o indiretta è estenuante e controproducente nei confronti della lingua che si vorrebbe trasmettere.
              La lingua è quella che si parla e se non ci sono canzoni/spettacoli/atti pubblici/atti legislativi che parlino quella lingua allora si sta solo mettendo sottovetro un cadavere.
              Un atto pubblico è proprio quello di cui Biolchini sta parlando, al momento massimeddu ha dato la risposta più convincente, però già il fatto che Vito ponga delle domande e qualcuno dia delle risposte è un passo avanti.
              Is domandasa e is arrespustasa funti fattasa in sardu esti puru mellusu, aicci serbidi de palestra po chini si deppidi allenai, prima de curri si camminada e prima de camminai si gattonada cummenti is pippiusu, sa funzioni de tottusu is linguasa e sa comunicazioni, si chini ascuttada cumprendidi puru con is errorisi inzandusu sa lingua adi funzionau asinunca esti unu dinosauru mottu bonu scetti po su libru de sa storia passara.

    • Paolo Curreli says:

      Claudia, te lo dico con tutto il cuore e la simpatia possibile: tu non sei indipendentista, semplicemente credi di esserlo. Ma non è così. Smetti di tormentarti. Tu sei per la new age, per una nuova forma di antagonismo, per il vivere figo e vegetariano, per l’amore dei tuoi figli, ma non c’entri niente con il cammino di autodeterminazione della nazione sarda. Asia lo ha capito e ti incoraggia verso il tuo misticismo globale che finirà, come per tutti, in un sano italianismo di ritorno. Rilassati, quindi, fai un respiro e guardati intorno. Ci sono altri partiti altri mondi. Ciao, vivi bene.

      • Claudia Satta says:

        Wow, mi ha aperto la mente… io NON sono indipendentista… voterò Berlusconi, anzi no, forse Monti… grazie, ora potrò smettere di arrovellarmi dietro tutto questo ed accontentarmi della realtà di oggi…
        Avevo ragione, questo post mi è tornato utile…

      • Anònimu arròsciu de is criticones says:

        O Paolo! Ahahaha! E tue chie ses pro narrere chi est e chi non est indipendentista? Semus brullende a beru inoghe…!
        Comente at naradu Dr.Drer a LaSpisa in una trasmissione in tv unos annos faghet: “ponirì a una parti!”

      • Misticismo globale… new age… vivere figo?
        Ma lei, Paolo, legge i tarocchi?
        Asia ha capito solo una cosa: che la tendenza -tra il biblico e il pastorale- a separare le pecore dai capri in una sorta di GIUDIZIO universale casereccio è tipica degli indipendentisti sardofoni, che scrutano, giudicano, etichettano e scartano chi non bela nel coro.
        Claudia…. ti auguro di.continuare a guardare oltre il muretto a secco e di volare sempre più in alto!

  50. Anonimo says:

    Fia narende de totu sos indipendentistas., non solu de Progres. Naro in prus chi est ora chi totus leent una positzione crara, chi leent su coràgiu de fraigare unu progetu identitàriu e polìticu ca fintzas a oe sos resurtados sunt istados pagos. Est ora de cambiare caminu.

  51. Tziu pibiri says:

    Soe de accordu, l’appo giai nadu, subra bastianu cumpostu; ma sa chistione de importu mannu est comente mai custos movimentos indipendentistas ( finas cumpostu e issu l’ischit) non tenent a su primmu puntu sa defensa de sos ricercadores ( mai una peraula pro issos) chi sunu in campu pro sa cuntierra printzipale cun sos istitutos curturales italianos de sardigna. Non si cheret cumprendere chi s’economia no est su proite ma sa resultada de sa colonizzatzione curturale sarda.Ducas a su primmu postu sa curtura sarda; da igue partit totu
    s’atteru. Tocat de difendere cun totu sas fortzas su traballu mannu de custos ricercadores: Sanna Losi e Tzoroddu pro s’iscrittura antiga sarda e s’istoria, Bolognesi pro sa limba, tantu pro narrer sos primmos.
    Est de badas a la girare in tundu, tocat de la finire cun su mudimene; si sunu indipendentistas de abberu proite no abberin bucca. Tzertu b’at de timere a cara a cussu podere ca est su prus mannu, ma est da incue chi movet totu.
    Sa curtura sarda primma ‘e totu devet torrare in possessu a sos sardos.

  52. Zusepe Corronca says:

    So de acordu a prenu cun su chi narat Biolchini. Cussa de tzertos indipendentistas est una positzione de còmodu e de mandronia. Deo penso chi comente totus ant imparadu a faeddare in italianu, podent fintzas imparare a faeddare in sardu (sos cursos de limba e sas ocasiones pro la imparare non mancant. Bastat petzi a lu chèrrere). Est una brigùngia manna chi in Sardigna sos Sardos non faeddent e non connoscant sa limba issoro. Meda indipendentistas non cumprendent chi sa rescossa de sa Sardigna, partit dae sa limba; sa revolutzione est, in antis de totus, culturale. No impreare su sardu comente limba ufitziale de sos congressos est una contraditzione manna. Bomboi narat chi sa chistione de sa limba no est ispendìbile a livellu eletorale. Deo, pro contra, naro chi no mi benit gana de votare sos indipendentistas pròpriu pro custu motivu: ca no impreant sa limba sarda. Si nos cherimus emantzipare dae s’Itàlia e dae sos italianismos de vàrias zenias chi ant prenadu sa terra e sa cultura nostra, depimus operare una furriada culturale forte e favorèssere in onni cuntestu s’impreu de sa limba sarda.

  53. Anonimo says:

    Impreant s’italianu ca non connoschent su sardu e, sigomente creent chi totu sos sardos siant che a issos, s’intendent legitimados a chistionare in italianu. Annos a como m’ammento chi pro issos su modellu fiat s’Irlanda,un’istadu oramai de limba inglesa (chi però tenet peri su gaèlicu comente limba ufitziale) proponende suta-suta su matessi modellu pro sa Sardigna: un’indipendèntzia chentze limba! In pràtica pro giustificare s’ignoràntzia leant s’etzetzione comente règula, cando chisu ditzu narat un’àtera cosa. Tando mi dimando, si s’itàlia una die nos at a prenare de dinare, amus a pòdere sighire a èssere cuntentos su matessi e èssere torra italianos? Sa limba diat dèvere èssere sa base de una liberatzione individuale e colletiva fundamentale pro s’esistèntzia de su pòpulu nostru, ricu o pòveru chi siat o chi at a èssere.

  54. Dexiottumillacentuxinquant’annus de unidadi de Italia: deu app’essi giài mortu.

  55. Rosella Soliani says:

    Altri percorsi su Indipendenza e lingua. L’esempio della Scozia.
    http://www.presseurop.eu/it/content/article/675451-indipendenza-alla-catalana

  56. Anonimo says:

    So de acordu a prenu cun su chi narat Biolchini. Cussa de tzertos indipendentistas est una positzione de còmodu e de mandronia. Deo penso chi comente totus ant imparadu a faeddare in italianu, podent fintzas imparare a faeddare in sardu (sos cursos de limba e sas ocasiones pro la imparare non mancant. Bastat petzi a lu chèrrere). Est una brigùngia manna chi in Sardigna sos Sardos non faeddent e non connoscant sa limba issoro. Meda indipendentistas non cumprendent chi sa rescossa de sa Sardigna, partit dae sa limba; sa revolutzione est, in antis de totus, culturale. No impreare su sardu comente limba ufitziale de sos congressos est una contraditzione manna. Bomboi narat chi sa chistione de sa limba no est ispendìbile a livellu eletorale. Deo, pro contra, naro chi no voto sos indipendentistas pròpriu pro custu motivu: ca no impreant sa limba sarda. Si nos cherimus emantzipare dae s’Itàlia e dae sos italianismos de vàrias zenias chi ant prenadu sa terra e sa cultura nostra, depimus operare una furriada culturale forte e favorèssere in onni cuntestu s’impreu de sa limba sarda.

  57. Archivista says:

    In sa cunferèntzia de Aggius Maria Antonia Fara at postu sa chistone de sa limba e de sos indipendentistas chi non la càrculant narende “Comente si podet fàghere a afidare sa Sardigna a gente chi non contivìgiat mancu una cosa gasi importante?”. Pro sos chi ant a coro sa limba custa est finas una chistione eletorale. S’ùnicu coerente pro como Bustianu Cumpostu.

  58. giovanni says:

    In sardegna si parlano diverse lingue: oltre al sardo e alle altre lingue minoritarie, ci sono a tutti gli effetti l’italiano e l’inglese (per chi lo sa usare). Io credo che il mondo indipendentista, se è in pace con se stesso, dovrebbe usarle tutte senza complessi e rivendicare l’uso dell’Italiano, come pure dell’inglese, che sono tutti validi strumenti di comunicazione. Nel congresso ho sentito usare il sardo in modo efficace da Arricu Bachis, di Progres, come pure da Compostu; altri hanno usato l’italiano, mentre in altri contesti comunicativi, ad es. sul web, preferiscono usare il sardo, e non vedo nulla di strano.

    • Cuzone says:

      Chi tradotu diat èssere: s’italianu e s’inglesu sunt duas limbas beras, su sardu unu dialetu de impreare in facebook pro catzegiare. Bene Giovanni, as fatu una bella defensa de su partidu tuo e de su chi pensas de a beru.

      • giovanni says:

        Custu lu ses nende tue. Deo impreo su sardu e s’italianu indiferentemente e no apo cumplessos o machines de calesisia genere.

  59. Paolo Curreli says:

    Anche nei convegni organizzati dalla tanto vituperata Regione Autonoma di Cappellacci si parla in sardo e si risolvono i problemi logistici…ajò..indipendentismo da operetta senza radici culturali e senza competenze. Si presta il fianco alle critiche di Asia che ne approfitta. Peraltro molti leader vivono fuori dalla Sardegna ed è per questo che si fanno i congressi a Ferragosto e a Capodanno quando sono in ferie. Da notare l’assenza di Sedda e Demuru che se ne vanno a Malta negli stessi giorni e lo fanno sapere su Facebook.

  60. Anonimo says:

    Ma qual’é il problema? Forse non capisci l’italiano? E tu, che ti riempi tanto la bocca di lingua sarda, in questo blog non scrivi, forse, soltanto in italiano?

  61. Pingback: E deo non apo a votare a nemos | Bolognesu: in sardu

  62. grazia pintore says:

    “Altrimenti si continua così, a lamentarsi dell’Italia in italiano.

    Certo, indipendentisti che usano la lingua dello stato da cui si vorrebbero separare sono cose che succedono solo in Sardegna…”E’ vero questa è una grave anomalia ed è anche la dimostrazione della scarsa fiducia in se stessi.

  63. Caro Vito, di sicuro non avrai sentito qualche esponente di ProgReS “lamentarsi dell’Italia in italiano” dato che non ci siamo mai lamentati dell’Italia.

    Dici che utilizziamo solo l’italiano nella nostra attività politica, ma non è così, ne sono prova le centinaia di comunicati, manifesti, inviti, etc. scritti in sardo che si possono recuperare facilmente anche su internet. O basta partecipare a qualcuno delle decine di incontri che promuoviamo in tutta la Sardegna ed anche a Cagliari, in cui il sardo è lingua spesso prevalente.

    Purtroppo per questioni logistiche, ci è stato impossibile predisporre un servizio di traduzione simultanea in sala che avrebbe permesso a tutti di esprimersi nella lingua che preferivano senza impedire ai non sardofoni di seguire le importanti riflessioni che venivano svolte. Mi impegno fin da ora per il III Congresso nazionale che si svolgerà l’anno prossimo di prevedere questo indispensabile ausilio (naturalmente anche la traduzione simultanea in sardo degli interventi in italiano).

    Citi giustamente il nostro manifesto politico, che naturalmente per questioni di brevità dedica solo tre righe al tema delle lingue nazionali, ma ti invito a leggere il documento ben più corposo, di dieci capitoli, completamente trilingue (sardo, sardo-corso e italiano) che abbiamo dedicato al tema delle lingue nazionali sarde, che consideriamo un tema fondamentale della nostra azione politica. Lo puoi recuperare all’interno del sito http://ajooo.net

    Oltre a questo, anche recentemente, abbiamo promosso diverse iniziative: la campagna per “Facebook in Sardo”, l’iniziativa su “s’Iscola Sarda” (che presto replicheremmo a Cagliari e a cui sei naturalmente invitato), cioè una scuola plurilingue e nazionale per la Sardegna, il sostegno alla toponomastica bilingue a Cagliari, etc.

    Ma oltre alla attività politica, utilizziamo il sardo normalmente nella società, nel nostro lavoro, nella comunicazione. Forse ricorderai il progetto di webTV che ti proposi tempo fà, anche prima che il tema della lingua sarda diventasse uno tra i più importanti di questo blog. 5/6 pagine di informazioni tecniche scritte complettamente in sardo.

    Forse ricorderai le pagine in sardo su SardegnaQuotidiano, scritte anche quelle, forse per caso, da attivisti di ProgReS.

    E forse non sai che il blog che utilizzi, wordpress, possiede una localizzazione in sardo grazie principalmente al lavoro di diversi attivisti di Progetu Repùblica.

    Certo, si può fare di più e di meglio, e prendo questo tuo articolo come utile stimolo per fare di più e di meglio. Sono convinto anche io che le nostre lingue siano il patrimonio culturale maggiore che possediamo, e per questo una dei punti principali delle tesi congressuali che sono state discusse al pomeriggio aveva come argomento alcune proposte per aumentarne e normalizzare l’utilizzo del sardo e delle altre lingue nazionali minorizzate.

    Intanto colgo l’occasione per ringraziarti per l’attenzione che riponi sul tema della lingua sarda, e ne approfito per farti gli auguri di buon 2013.

  64. Stranezza? Mica tanto.

    Anche stavolta ho saltato il congresso, sarà per la prossima. Ma Vito, nel pianeta indipendentista usiamo tutti l’italiano per 5 motivi: 1) Perché non sappiamo parlare bene il Sardo, e da orgogliosi quali siamo, non vogliamo sputtanarci; 2) Perché il tema non è – ancora – spendibile a livello elettorale; 3) Perché la maggior parte dei leader indipendentisti non ha una posizione chiara in merito alla sua standardizzazione e averla significa anche schierarsi laddove ci sono guerre intestine in materia; 4) Perché buona parte degli ascoltatori/lettori/interlocutori è pigra e trova più abbordabile un discorso in italiano (poi che sia vero o no è un altro discorso ancora); 5) Perché la maggior parte dei leader indipendentisti non ha capito che l’uso del tema linguistico è altresì un ottimo strumento per coniugarlo sul piano giuridico anche alla sfera della rivendicazione economica (su questo aspetto su Sa Natzione sono sovente fare l’esempio del caso Sudtirolese). I punti 3 e 5 sono i più complessi e quello meno scontati di quanto potrebbero apparire, perché sono il prodotto del livello di assorbimento (determinato da decenni di imposizione mediatica e dell’istruzione) della lingua italiana (con le relative implicazioni politiche con cui il fenomeno si è trascinato nel tempo). E’ questo ha rappresentato anche il più grande limite dell’indipendentismo contemporaneo in relazione alla mancata presa di una posizione diffusa sulla Lingua Sarda, e cioè, sia il Popolo Sardo e sia l’indipendentismo, non inquadrano nel drammatico problema della Lingua un problema relativo alla sfera dei Diritti Umani. Di conseguenza, non si vive il problema come una discriminazione operata dallo Stato Italiano, dai suoi enti e dalle forze politiche che ne regolano la vita pubblica. Per questo ed altri motivi tempo fa abbiamo sollecitato i movimenti a fare almeno delle cose semplici per iniziare ad introdurre il tema: 1) Chi ha i mezzi e le competenze (noi non siamo un movimento e non abbiamo le competenze che invece a torto o a ragione affermano di avere i movimenti “ufficiali”) faccia almeno dei comunicati bilingue (IRS ha iniziato a farlo, meglio tardi che mai); 2) Assumere una posizione chiara in materia di standardizzazione (SNI ci sta provando); 3) Incrementare la presenza del tema all’interno della propaganda dei singoli movimenti (ancora se ne fottono). Nel complesso insomma siamo all’anno zero e l’indipendentismo attuale in materia linguistica ha subito una involuzione in peggio rispetto al movimento linguistico e nazionalista di fine anni ’70 (che contribuì anche al rilancio del sardismo nei primi anni ’80). Poi andò tutto in vacca ma questa è un’altra storia. Sta di fatto che se oggi esiste almeno la legge n. 26/97 lo dobbiamo alla prima generazione di nazionalisti Sardi e non a quelli contemporanei che dicono di aver capito tutto ed il cui cosmopolitismo si è in realtà tradotto nel silente accompagnamento alla discriminazione verso le componenti sardofone della società Sarda. E sfido chiunque e negare che i 5 motivi sopra elencati non siano la causa dell’anomalia indipendentista Sarda in merito alla Lingua.

    • Cuzone says:

      Bomboi, ti faddis. Ses firmu a deghe annos como. Sos de sa limba ant sos votos e ischint bene a in ue los inditare pro sas eletziones.

  65. Francamente credo che la più grande contraddizione di questa impalpabile compagine indipendentista sia la frammentazione.
    L’obiettivo dell’indipendenza e dell’autodeterminazione non è unico e condiviso?
    E allora?
    Per un esiguo gruppo di appassionati dieci sigle mi paiono davvero troppe e molto poco credibili (tra l’altro non vedo U.R.N).
    L’uso dell’italiano è strumentale, caro Biolchini, e dimostra che… per capirsi veramente da nord a sud dell’isola, senza perdere una virgola… non se ne può fare a meno.
    Altro che il miracolo di Aggius!
    D’altronde chi ha detto che gli indipendentisti debbano conoscere il sardo?
    Io ne conosco alcuni che lo capiscono, ma lo parlano malamente.
    Li cacciamo o li mandiamo a ripetizione di limba?
    E poi… un congresso al THotel non è mica “su flesc mobbi” del martedì sera, ajò… 😀

    • Claudia Satta says:

      Ho letto ora il tuo commento, non voglio mischiare discorsi, ma anche questa questione dell’essere frammentati è molto spesso tirata in ballo, e mi piacerebbe solo sottolineare una cosa: quali stati hanno un solo partito al loro governo? Nell’ipotesi di una nuova repubblica, immagineresti un solo partito o tanti che ti propongono le loro idee e programmazioni e voteresti quello più vicino alle tue di idee?
      Credo ovvia la risposta e quindi aggiungo un’osservazione: ci guardate come un unico gruppo, dall’esterno ci immaginate “come quelli che vogliono solamente staccarsi dall’Italia”. Fosse così, vi darei ragione, saremmo ridicoli… ma non siamo questo. Gli indipendentisti, tutti, vogliono proporre un’alternativa concreta, che con un lavoro attuale, costruttivo, porti la nascita di un nuovo stato. E vi sembra cosa facile? Vi sembra che sulle questioni di una ipotetica legislazione statale si debba essere tutti uguali e d’accordo? È democraticamente ovvio che no…
      Quindi, piuttosto che rimanere al di fuori dei giochi, chiedetevi se crediate sia una buona possibilità per la Sardegna avere un propria repubblica, dopo di chè cercate il modo che credete più giusto tra le tante opportunità che tutte le varie e variegate elaborazioni indipendentiste offrono.

      Vi sconsiglio di creare un altro movimento però… 😀

  66. tziu pibiri says:

    Non soe mai istadu iscrittu a unu partidu indipendentista nè sardista mancari oie cumprendo chi podiat esser una idea bona de mandare a innanti; appo sempere tentu meda in cunsideru bastianu cumpostu e mi soe semper dimandadu comente mai custos movimentos non faeddene in sardu e non si interessent de s’istoria e sa curtura sarda. Imbetzes mesches custu Progres si interessat meda de sa sinistra de roma, sa pius nemiga sigundu me de sa soberanidade de sa sardigna. Nisciunu de custos s’est mai movidu a difendere sos ricercadores sardos de limba istoria e archeologia da su podere curturale italianu de sardigna; e los sunu lassende solos a pustis chi nde sunu iscarralzende sa sardigna da sos battiles miserabiles e faltzos chin sos cales ana ammuntadu finas a oie sa terra nostra.

  67. Risposta facile: perchè qualcosa sanno di italiano, ma poco di sardo.
    E, pro custa rajone, non pessana in sardu: juchene unu pessamentu, ma no lu cumprennene…

  68. Pepyxeddu says:

    Vito tenis arrexoni, mi parit chi a sa fini candu toccat a fai emergi sa prus genuina identidati de unu populu cumenti sa limba, si perdeus in una tassa de abba dimostrendi a tottus chi seus, a sa fini, italianizzaus e basta. Ita peccau !!!

Lascia un commento

Follow

Get every new post delivered to your Inbox

Join other followers: