Cagliari / Elezioni comunali a Cagliari 2011 / Politica / Sardegna

Comunali a Cagliari: giornalisti in campo per le primarie! Matta con la Costituente Ecologista, le sinistre mollano Loy e convergono su Olita. E spunta anche un outsider!

Povero Pd. L’intervista di domenica di Antonio Cabras doveva essere un monito per tutti i partiti alleati a non sognarsi nemmeno a pensare alle primarie per le prossime comunali a Cagliari, e invece ha scatenato la rivolta. I candidati al momento sono tre: sedetevi e respirate profondamente.

Ieri la Costituente Ecologista ha “sparato” il nome di Paolo Matta, nome non sconosciuto ai lettori di questo blog (lo avevamo scritto già l’11 novembre che il giornalista di Videolina era uno dei papabili). L’uscita pubblica del partito ecologista ha messo in enorme agitazione il Pd, che mesi fa aveva scartato l’ipotesi di candidare Matta.

Ma anche le sinistre si stanno preparando alle primarie e proporranno unitariamente il nome del giornalista Rai, Ottavio Olita. L’indicazione è arrivata da Sinistra e Libertà, che aveva chiesto a Rifondazione e Comunisti Italiani di valutare anche il nome della sociologa Lilli Pruna. La scelta però è caduta su Olita, che pone come condizione quella di non essere presentato come candidato di un partito ma di una più ampia area culturale. Con la candidatura di Olita, i Comunisti Italiani hanno abbandonato l’ipotesi di presentare il docente di Diritto del Lavoro ed ex consigliere comunale, Gianni Loy, ritenuto un “cavallo di ritorno”. La disponibilità di Loy ha comunque “costretto” i partiti di sinistra a cercare un candidato che le primarie le potesse vincere davvero, da qui la scelta di Ottavio Olita.

Gianni Loy peraltro dice pane al pane vino al vino nel sito di Sardegna Democratica! In sintesi: ma è vero che Soru appoggia Cabras? E allora perché dice di volere le primarie? Leggetelo: http://www.sardegnademocratica.it/index/istituzioni/articolo/27353/caro-diavoletto-rosso.html

Ma la vera novità arriva dal basso. Un gruppo di giovani ha deciso di sfidare tutto e tutti e di raccogliere le firme per presentare un proprio candidato! Il giovane in questione si chiama Filippo Petrucci, ha trent’anni ed è laureato in Scienze Politiche all’Università di Cagliari. Attualmente è un borsista di ricerca in ebraismo in ambito nord africano. Petrucci è anche giornalista pubblicista. Ha sempre fatto politica senza mai essere iscritto ad un partito, solo recentemente si è iscritto a Sardegna Democratica. Negli anni scorsi è stato presidente dell’associazione Tramas de Amistade. E’ anche un operatore culturale, avendo recentemente organizzato una mostra sui territori arabi occupati dagli israeliani (ecco il sito: http://checkingoutofthecheckpoint.blogspot.com/)

Petrucci è sostenuto da un gruppo di giovani sotto i trent’anni che vogliono così sfidare l’apparato dei partiti e confrontarsi alle primarie. La loro parola d’ordine sarà “dignità”. Il candidato Petrucci e gli altri raccoglieranno le firme da domani (ne servono ben1653, una follia!) e interverranno anche il 19 all’iniziativa della base del Pd ad Oristano “Prossima fermata: Sardegna”.

Insomma, il popolo del centrosinistra vuole fare le primarie. Vediamo se il senatore Cabras si ritirerà oppure se accetterà la sfida. Sapete come la penso.

51 Commenti

  1. Per Petrucci ho firmato oggi, per Olita sono disposto a firmare anche dommani per fermare Cabras in ogni momento ….anche perchè nel caso fosse il candidato Sindaco sceglierei di non andare a votare…..e credo che non sia il solo…..

  2. Qualcuno me lo traduce in italiano? Grazie.

    ELEZIONI CAGLIARI: MARCIALIS (PD), NO A TATTICISMI SU PRIMARIE
    (AGI) – Cagliari, 10 dic. – “Il Pd fara’ ogni sforzo perche’ la scelta della candidatura a sindaco di Cagliari di Antonello Cabras sia ampiamente condivisa dalla coalizione e dai cittadini, ma non permettera’ che le primarie vengano sminuite o utilizzate per posizionamenti pre-elettorali o per tatticismi politici”. Lo afferma il segretario cittadino del Pd, Yuri Marcialis, in riferimento alla scelta del candidato sindaco del centrosinistra alle elezioni della prossima primavera a Cagliari.
    Secondo Marcialis, il Pd ha proposto “uno dei suoi dirigenti piu’ rappresentativi, nella consapevolezza sia della durezza dello scontro politico che della necessita’ che Cagliari abbia una guida autorevole per i prossimi cinque anni”.
    “Il nostro scopo e’ vincere le elezioni comunali”, ha ribadito il segretario cittadino del partito, annunciando che il gruppo dirigente allargato e’ gia’ impegnato per questo.(AGI) Red-Rob

    • Passo

    • Massimo says:

      Vito è tempo perso. Custu non si cumprendidi mancu iss’e tottu.

    • Stefano reloaded says:

      Se ti riferisci a: “non permettera’ che le primarie vengano sminuite o utilizzate per posizionamenti pre-elettorali o per tatticismi politici”, significa che in altre elezioni primarie (quelle del PD), alcuni candidati si sono presentati non per vincerle ma, sapendo già di essere minoranza, con l’unico obiettivo di avere un minimo di potere contrattuale.

    • e torra!
      spara yuri spara…

    • Matteo says:

      Ciao Vito! A proposito di tatticismi politici sarebbe interessante scoprire chi stia aiutando il pur ottimo (e immagino incolpevole) Filippo Petrucci a raccogliere le firme. Un uccellino mi dice che ne arrivino proprio da Via Emilia: tatticismi?

      • Carlotta says:

        Chi aiuta Filippo siamo noi della società civile. Siamo noi cittadini che vogliamo avere scelta, vogliamo essere coinvolti e vogliamo partecipare!!!! Siccome i tatticismi che tu citi mirano al non coinvolgimento dell’elettorato di base e alla non trasparenza e comunicazione delle scelte che si fanno. Ci siamo messi in gioco da soli e ci stiamo rimboccando le maniche ! NOI! Il tuo uccellino vola troppo alto e rischia di perdere l’equilibrio!

      • Matteo says:

        E’ inutile avere reazioni nervose, arrivano firme da via Emilia o no?

        • Carlotta says:

          No! Poi ogni singolo iscritto o simpatizzante fa quello che gli pare ! VIA EMILIA le primarie non le vuole neanche!

        • Matteo says:

          Meglio così allora. Rileggendomi posso affermare senza dubbio di non aver messo in discussione né la candidatura di Petrucci (che sia lodato per il passo coraggioso) né i suoi sostenitori (a qualunque partito o aggregazione appartengano).
          Semmai il Pd che magari sarebbe pronto a fornire qualche firmetta in chiave anti-anti-Cabras. Sarebbe tatticismo, tutto qui.

          Tanti auguri a Petrucci!

  3. Matteo says:

    Io spero nella conferma della corsa alle primarie di Ottavio Olita. E che la sua candidatura, già rappresentativa del mondo associativo e civile della Città, possa essere appoggiata anche da Petrucci e da tutti i partiti, i movimenti e i singoli che vogliano avere un’alternativa al Governo dei poteri forti che ha reso asfittica la capacità di rappresentanza e soffocato la partecipazione dei cittadini alle scelte.

  4. Anche a Cagliari effetto Pisapia? Con Deffenu magari, con Olita improbabile. Alcune precisazioni su Petrucci – Oristano http://bit.ly/hY29OF

  5. Stefano says:

    Ho conosciuto Filippo Petrucci, quando era alunno nella scuola dove insegnavo all’epoca (il Liceo Dettori).
    L’ho poi incontrato qualche volta in occasione di manifestazioni e incontri politici e sindacali. Oltre ad essere sempre stato un studente brillante e seriamente impegnato negli studi e in altre attività, so che ha proseguito negli studi oltre la laurea per specializzazioni e ricerca, con risultati egualmente validi.
    Assolutamente niente a che fare col “ggiovane” cooptato sulla base di conoscenze personali e preferenze di vertice o al “giovane in quanto tale”, da destinare quindi al cesso dei reality show.
    In realtà il suo profilo è l’esatto contrario delle comparse di cui si parla -con paragoni quantomeno impropri-, e se un gruppo di persone ritiene di puntare su Filippo Petrucci, per una sua partecipazione alle primarie, credo che ci siano fondatissimi motivi per farsi rappresentare da una persona che ha le sue qualità e le sue competenze, ma anche le sue esperienze sul campo.
    Sempre che non sia l’età a fare da zavorra, ma in senso contrario.
    Mi pare decisamente più sensata la obiezione riguardo la notorietà del candidato e le possibilità concrete non solo di fare bella figura o magari vincere alle primarie, ma di vincere effettivamente alle elezioni -quelle vere, per il Sindaco-.
    Ho molta stima anche per Ottavio Olita, uomo di cultura e sensibilità ampie, conoscitore di Cagliari e persona conosciuta e apprezzata in tutta la città, e credo che possa raccogliere un consenso vasto.
    Dal momento che non voto a Cagliari ho la fortuna di non essere costretto ad optare per l’uno o l’altro, ma mi fa piacere che dal dibattito stiano emergendo personalità in grado di rappresentare posizioni più avanzate di quelle espresse da un ceto politico autoreferenziale, e spero che si riesca a comporre uno schieramento unitario.
    Stefano Fratta

    • Ex lavoratore says:

      Stefano, per capirci: il mio accostamento tra Petrucci e il Grande fratello era ovviamente una provocazione per chi, commentando su questo blog, ha parlato solo del suo “giovanilismo”.

      Poi non metto in dubbio che possa essere un bravo studente e organizzatore di mostre. Ma io non lo conosco di persona, e non so le sue effetive capacità individuali sono talmente grandi da sopperire alla mancanza di una vera organizzazione che lo sostenga e affianchi.

      • Stefano says:

        Non è un bravo studente, ma uno studioso, dottore di ricerca in Storia, Istituzioni e Relazioni internazionali dell’Asia e dell’Africa moderna, e c’è una certa differenza. Un buon inizio per parlare di “capitale del mediterraneo”, a ragion veduta, mi pare. A parte questo basta mette alla prova lui e chi lo propone come candidato.
        Rimango dell’idea che sia una ipotesi difficile, ma è importante che ci siano persone valide che si mettono in gioco. Le tue perplessità sulla forza di candidature davvero nuove e esterne al ceto politico sono anche mie, ma aggiungo: purtroppo.

  6. Su Cooperadori says:

    – Oh! Fisio, deu andu a firmai, ma ne lo dici a mamma de mi ‘nci ghettai sa roba e xertai.
    – Poita Tore chini ti esti arreneghendi.
    – Eh, ci funti tre banastrus chi mi funti provochendu: unu teni sa berritta e preri, un’attru fuedda, fuedda, fuedda sempri non s’arrennesciri a du firmai, s’attru nara chi si ndi andara e non si ndi anda mai.
    – Oh Tore lassaddus perdi, funti faendi is provas teatralli. Ma du ais castiaus beni, ma beni, beni? Du bisi chi funti de sa compagnia de “Sa Pola”.

  7. Efis Pilleri says:

    c’è un post di banana datato 8/12 inserito tra altri datati 7/12

  8. Efis Pilleri says:

    grazie a Vito si ha notizia che a Cagliari qualcosa si muove anche a sinistra e l’encefalogramma non è completamente piatto…..piuttosto non si potrebbe, con qualche accorgimento tecnico, organizzare i post in ordine d’arrivo e non con un criterio che pare di casualità?

    • Grazie Efis. I post sono già pubblicati in ordine di arrivo: gli ultimi in alto, i primi postati in basso. Poi in ciascun post sono consentite due sottorepliche, e forse questo genera un po’ di confusione. Nella home invece, a destra, sono segnalati gli ultimi commenti pubblicati.

      • docpretta says:

        secondo me due sottorepliche sono poche vito. . o lasci un certo numero di sotto repliche, o le togli totalmente .. cosi si legge solo l’ordine cronologico

  9. Anonimo says:

    che di una ristretta area di opinione o con la esclusiva bandiera del rinnovamento generazìonale non rendera’ molto attrattive
    le primarie ne’ contribuiara’ a creare una entusiasta mobilitazione elettorale. In soldoni, se la sinistra non riesce a rappresentare anche con le candidature

  10. simone says:

    A me non pare che stiamo partendo col piede giusto. E’ verosimile che nel proporre Cabras i maggiorenti del PD intendano captare il consenso di aree tradizionalmente legate ai poteri forti. Ma pensare di contrapporre a questa scelta candidature pur dignitose ma rappresentative poco piu’

  11. Lady Luffa says:

    Certo che essere giovani non basta e non significa automaticamente essere bravi..ma io sono felicissima che questo gruppo di trentenni abbia deciso di mettersi in gioco, di partecipare e di presentarsi sfidando baroni e dinosauri sinistrosi !!! spero tanto riescano a raccogliere le firme, di sicuro la mia che conosco personalmente Petrucci e lo reputo un giovane molto in gamba…e ancor di più spero che abbiano la possibilità di esprimersi, di fare, sbagliare, perdere o spuntarla! sarà sempre meglio correre il rischio con questi ragazzi che hanno voglia di fare che assistere alle solite sceneggiate…in bocca al lupo!

  12. Bene, qualcosa si muove. …nomi, persone, primarie, idee….coraggio…

    Cosa mi aspetto?

    La candidatura di una donna.

    Sono pronta a raccogliere le firme se sarà necessario.

    Dai!

  13. ma la fantomatica “Costituente Ecologista” cosa sarebbe? i Verdi + parte della “società civile ambientalista”?

  14. bene mi piace, largo ai giovani …preferisco l’inesperienza unita all’entusiasmo, piuttosto che i navigati ,scafati,cinici,innamorati del proprio interesse. voglio solo sapere se è contro la riforma gelmini , mia unica condizione .

  15. enrico says:

    Finalmente delle primarie serie con candidati veri. Chiunque vinca, avrà vinto il PD e il centrosinistra tutto. Dare la possibilità agli elettori di scegliere è sempre la cosa migliore.
    Speriamo che tutti riescano a raccogliere le firme.

  16. Lorenzo says:

    Io i giornalisti li preferisco nelle redazioni. E comunque, se politica deve essere, lo sia senza ritorno.

  17. Ex lavoratore says:

    Leggo che qualcuno vorrebbe appoggiare un candidato alle primarie solo perché è “giovane” e non “guastato dalla politica professionistica”. Ma davvero bastano questi criteri per giudicare un (potenziale) candidato? Siamo ridotti così male?

    Questa cosa mi fa venire in mente l’intervista a Marianna Madia, deputata del Pd eletta a soli 27 anni, che disse di “voler portare in Parlamento la sua “straordinaria inesperienza”. Io credevo che i giovani “in quanto tali”, e privi di particolari csperienze e capacità, potessero ambire al massimo ad andare al Grande fratello…

    • Monica says:

      Peggio di quello che ci hanno propinato fino a adesso non può essere. Non voglio dargli un appoggio incondizionato, voglio poter firmare affinchè possa partecipare alla competizione, e il fatto di reputarlo privo di esperienza e di capacità è un’affermazione priva di riscontri. Magari invece ha ottime ideee e un ottimo programma, ma se non gli permettiamo di partecipare non lo sapremo mai.

      • Ex lavoratore says:

        Io firmerei solo dopo aver visto la sua proposta, e mai “a scatola chiusa”. Se qualcuno già la conosce, è convinto al 100% e vuole esprimere il suo appoggio, beh, buon per lui…

        In ogni caso, prima di firmare io valuterei anche le sue effettive possibilità di vittoria, perché ogni singolo voto tolto a Olita rischia di essere un favore per Cabras. Se l'”opposizione” schiera 3 candidati, e ognuno prende il 24% dei voti alle primarie, allora Cabras vincerebbe pur avendo solo il 28% dei consensi…

        Dico di più: personalmente, in questa situazione, se fossi Cabras cercherei di convincere qualche candidato “kamikaze” a farsi avanti alle primarie, giusto per frammentare i voti dell'”opposizione”. Un giovanotto sconosciuto che fa un bel gesto, e rimedia una bellissima sconfitta, sarebbe proprio l’ideale. E ovviamente, una volta vinte le primarie, darei un giusto riconoscimento al kamikaze (o a chi lo sostiene).

      • Banana says:

        ogni volta penso che su questo blog ho letto il massimo possibile della dietrologia, e ogni volta c’è qualcuno pronto a smentirmi… ma vedete complotti ovunque ormai?

  18. Monica says:

    Informaci su dove si può firmare per Petrucci. Sarebbe bello riuscire ad appoggiare un candidato giovane davvero e non ancora guastato dalla pollitica professionistica.

  19. Filippo Petrucci è una persona seria e preparata

  20. Ex lavoratore says:

    Wow, ma davvero la sinistra riesce a convergere unitariamente su un candidato che può davvero spuntarla su Cabras? Incredibile, non ci avrei mai scommesso.

    Spero che gli altri (potenziali) candidati ci ripensino, e si possano concentrare tutte le forze sul nome di Olita. Ma temo che qualcuno voglia presentare candidature solo per dividere il fronte contrario a Cabras, e darsi un po’ di visibilità per alzare la posta col Pd…

  21. Banana says:

    Pronto a firmare per Petrucci!

  22. Io preferisco sapere per chi raccolgo le firme, non basta essere giovani per essere bravi…vedi Mauro Pili o Bruno Murgia o Sanjust…

  23. Olita (persona seria e molto conosciuta) potrebbe essere un nuovo Pisapia ?

    • parco dei principi says:

      lo spero! E’ serio, onesto, preparato e non ha mai fatto politica attiva in partiti e apparati. Conosce Cagliari molto meglio di Antonello (che a parte piazza indipendenza e poco altro non mi sembra preparato).

      Voto Ottavio. Punto.

  24. io direi citando Cabras che davanti al nome di Olita, se venisse confermato come nome che unisce tutta la Sinistra, dovrebbe essere lui a fare ora un passo indietro ed evitare così le primarie…

  25. E non sarà il caso di organizzare una raccolta firme per permettere a questo candidato di partecipare alle Primarie? Finalmente un signor Nessuno!

Lascia un commento

Follow

Get every new post delivered to your Inbox

Join other followers: