Cagliari / Elezioni comunali a Cagliari 2011 / Politica / Sardegna

Comunali a Cagliari: l’Idv dice no alle primarie e abbandona l’alleanza! Si sfideranno Cabras, Zedda, Frongia, Petrucci e Andreozzi. Chi vincerà?

Ora è ufficiale: saranno le primarie a decidere chi sarà il candidato sindaco del centrosinistra per le prossime Comunali a Cagliari. Ma c’è un colpo di scena: all’ultimo momento l’Italia dei Valori è uscita dall’alleanza. A sfidarsi il prossimo 30 gennaio 2011 saranno dunque Antonello Cabras (Pd), Massimo Zedda (Sel), Tiziana Frongia (Verdi), e due candidati dell’ultimora: il sorprendente Filippo Petrucci e lo sconosciuto Giuseppe Andreozzi dei Rossomori.

Innanzitutto, perché l’Italia dei Valori ha rotto con il centrosinistra? Per capirlo basta leggere con attenzione la nota della segreteria regionale: “Calando prematuramente le candidature a mezzo stampa si è preferito mettere dinanzi al fatto compiuto della contrapposizione tra partiti nel centro sinistra. Per altri importanti centri e territori è anche peggio, con prospettive di alleanza del PD o di suoi pezzi con partiti organici alla destra o con la volontà di escludere IDV, come a livello nazionale”. Detto in italiano: trattasi di banale ritorsione perché il Pd, in altri comuni italiani, non ha dato il via libera ad alcuni candidati dell’Idv. Niente di più, niente di meno.

Cosa farà ora l’Italia dei Valori? Presenterà un proprio candidato sindaco, per poi cercare l’alleanza nel caso in cui Cabras dovesse arrivare al ballottaggio.

La sorpresa? Filippo Petrucci. Un giovane trentenne, praticamente sconosciuto, che riesce a raccogliere le 1653 firme necessarie è un segno di un grande malcontento della base del centrosinistra contro Cabras che i partiti non devono sottovalutare.

E gli altri? La candidatura di Tiziana Frongia è incomprensibile. Il partito dei Verdi di fatto in città non esiste e non si comprende per quali motivi creda di avere visibilità da una competizione elettorale che regalerà quasi sicuramente percentuali irrisorie.

Allo stesso modo non si capisce per quale motivo all’ultimo momento si siano svegliati i Rossomori che hanno candidato Giuseppe Andreozzi, avvocato e consigliere nella IV circoscrizione. Perché Claudia Zuncheddu non ha accettato la sfida, lei che è consigliere comunale e regionale? Il rischio per i Verdi e i Rossomori è adesso di venire superati da un outsider come Petrucci.

Sì, ma chi vincerà le primarie? Non credo ad un “effetto Milano”. Per cui, le vincerà Cabras. Il punto è con quale percentuale. Per questo è importante ricordarsi cosa accadde cinque anni fa, perché quei dati saranno un punto di riferimento imprescindibile per valutare ciò che accadrà il prossimo 30 gennaio.

Il 29 gennaio del 2006, andarono a votare in 7397. Gian Mario Selis (sostenuto da Democratici di Sinistra, La Margherita, Progetto Sardegna, Socialisti Democratici Uniti, Udeur, Repubblicani Europei, Liberali, Colori della Terra) si impose con il 47,6 per cento (pari a 3499 voti), seguito da Gianni Loy (indipendente) con il 22,9 (1684 voti), Patrizio Rovelli (sardisti e radicali) con 21,6 (1590 voti) e Fausto Ferrara (indipendente) con il 7,7 per cento (565 voti). Per la cronaca, le nulle furono 35 e le bianche 24.

E il 30 gennaio 2011 cosa succederà? Si accettano scommesse.

46 Commenti

  1. Alessandro Mongili says:

    @gentarrùbia: custu sciollòriu chi as nau de sa sinagoga e de sa moskea ti ndi depias bregungiai.

    • o su profesori! un’atra borta ancoras s’est crétiu donendi letzioni. mi párit ki ddi praxat a s’ascurtai e a si ligi. E a ghetai ladámini a pitzus ‘e sa genti. Ma a arrexonai impari parri ca no nci dda fait.
      s’apu pregontau datus asuba de su sionismu de Petrucci e sighit kene mi ndi donai. Antis de si ddus pedi, apu circau in Internet e no apu agatau nudda, sceti ca scriri asuba de is Judeus, casa ca sciemu jai. Apu liju un’artículu cosa sua in frantzesu asuba de is judeus in Tunisia, in ningunu logu me partu sionista.
      unu sotziólugu ki bolit spricai cumenti funtziónat una realidadi kene donai datus no est unu bonu sotziólugu. Fustei bolit cunvinci ca Petrucci est sionista sceti nendi “Petrucci est sionista poita si ddu naru deu”. Est fustei ki si depit bregonjai!
      Deu puru seu antifascista e antisionista, e deu puru no apu a votai po unu ki est ratzista. Ma finas a imoi, po su ki scrit, m’at cunvintu ca fustei est sceti ghetendi ladámini. No po nudda, in d-un’atru cumentu, at nau ca at a votai a Cabras…bellu pegu cussu!!! no mi dda cóntat justa, o su profesori! dda biu groga!

      po su de sa moskea, cumenti si nárat in italianu, “è una questione all’ordine del giorno”. su guvernu munitzipali no dda bolit in su centru de sa tzitadi, ki Petrucci est sionista, duncas ratzista cun is árabus, no creu ca dd’at bolli fai…Tócat a nai a Biolchini de si ddu pregontai a Question Time!

    • amos cardia says:

      Labai cust’artìculu de Petrucci a pitzus de Israeli:

      http://www.claudiocugusi.it/cc/content/gli-occhi-di-israele-di-filippo-petrucci

  2. Alessandro Mongili says:

    Po gentarrùbia: mi seu riferendi a una positzioni sua connota e esprìmia craramenti in un’editoriale de su giornali online “Tramas de Amistade” (Sa chida sarda 20-22 giugno 2010), chi no s’agatat prus online poita podit èssiri si ndi bregùngiat. Donniunu tenit is preferèntzias suas: però deu no potzu votai a unu chi sustenit su Stadu de Israele e negat is deretus a sa populatzione originària de sa Palestina, mancai siat candidau po su Cunsillu circoscritzionali de Pirri. Podit èssiri unu lìmiti miu, dd’amitu. Nisciunu est perfetu e deu ndi tèngiu duus, de custus lìmitis: su primu est sù de èssiri antifascista, e a no pòdiri poderai custu càncheru, su segundu e a no m’iscarèsciri de su colonialismu e de su razismu, e duncas a no pòdiri sustènniri nè Israele nè ìs chi no tenint una positzioni crara a pitzus de sa limpiadura ètnica de su 1948 e de sa discriminatzione de is personas classificadas comente parte de sa populatzioni originària de sa Palestina in cuddu logu. Creu ca unu chi no tenit una positzioni prima de totu morali a pitzus de custas duas cosas deu no ddu potza votai. Seguramenti, iat a èssiri unu lìmiti cosa mia, figureusindi.

  3. Alessandro Mongili says:

    O Banana, in sa vida tocat a studiai de totu po pòdiri cumprèndiri, su sardu puru, sendi ca “sa genti no nascit imparada”. Ma chi no bolis cumprèndiri, insandus no istudis e sighi a sballiai scriendi in sardu in is fotoromanzus tuus, cumenti fais sempri. No sempri si podit domandai a sa genti de chistionai in sa sola manera chi cumprendis tui, medas-bortas tocat a si sfortzai a cumprèndiri a is atrus. E imparai fait beni meda.

    Filippo Petrucci tenit positzionis filo-sionistas esplìcitas. Po custu, mancai siat stètiu unu studenti bèciu miu, no dd’apu a votai mai. Si mancat sceti custa disgràtzia a nosatrus!

    • “Filippo Petrucci tenit positzionis filo-sionistas esplìcitas” => interesanti custa cosa, mi dda podit acrarai mellus? ita datus ténit po dda nai? cun su guvernu de Casteddu cumenti nci podit intrai: nc’at a bogai is Palestinus? no at a fai sa moskea ma sceti sinagogas?
      creu ca no sceti deu si ddu at a agradessi

      PS:
      unu studenti béciu (srd.) => ¿un vecchio studente (it.)?
      no sciu, o su profesori…unu studenti béciu, a mimi in sardu mi sónat a unu ki stúdiat mancai siat jai unu pagu matukeddu.
      Ténit arrexoni a nai ki si depit studiai sempri, ma luegu tócat puru a fai prática de su ki si stúdiat: s’impárat in is librus perou in s’arruga puru! Intzaras tócat a nc’andai in s’arruga e fueddai in sardu cun kinikisiat, no sceti in sa cambarada elitista de is “nous-sardófunus”

      • Marco P says:

        Chi mi potzu permiti, non mi parit chi siat sballiau su chi at scritu Mongili. Chi deu nau, cussu est un’amigu bèciu cosa mia, no seu narendi ca s’amigu miu est bèciu..
        Comenti si bollat chi siat, nosus Sardus seus bravus meda a circai is pinnicas e is erroris de is atrus candu calincunu s’atrivit a chistionai o a scriri in sardu, at essi fortzis po custu puru chi certa genti, timendi su giuditziu, mancu si nci ponit . Custu mi dd’at fatu notai un’amiga mia de Germania.
        Opuru chi scris in sardu in unu blog.. e ma no bastat! La chi insaras depis chistionai in sardu finas cun totus! Sinuncas ses unu “nou-sardofunu” , (nau unu pagu cun minispretziu, comenti chi fessit cosa mala), fighetto! E nci arrueus a chistionai de sardu e no de su chi naraus in sardu..

        ps
        Banana teniat pagu gana de si sciorbeddai e deu prus pagu gana de si-ddu furriai in italianu. Seus abarraus dinniunu cun sa mandronia cosa sua.. 😉

  4. sveglia al collo says:

    leggo dal profilo fb di massimo zedda (personaggio politico):”se eletto la prima iniziativa sara’proporre la drastica riduzione delle indennita’ e dei privilegi dei consiglieri regionali”. Si’ rimanendo anche al comune e candidandomi a sindico !! ecco i politici giovani … a ridateci mario melis

    • Oh sveglia al collo, mì ca cussu non è il collo! E quella sopra non è la testa.

      La doppia indennità non è consentita dalla legge, quindi Massimo Zedda riceve una sola indennità, non entrambe. E la carica di Sindaco è incompatibile con quella di Consigliere Regionale e dunque se eletto Sindaco si dimetterebbe da una delle due carica (quella regionale, ovviamente).

      Lega meglio la sveglia e tienila accesa. E scegli la testa giusta, quella un po’ più vuota. Quella di sotto non sente le sveglie 🙂

    • ah ah ah ma se zedda non ha neanche firmato la proposta di riduzione degli stipendi della zuncheddu…..

  5. gigi melis says:

    Chi fa parte di una formazione politica prima di pigiare il dito sulla tastiera e scrivere , farebbe bene che il dito lo usasse per. contare sino a 10 e riflettere se le cose che scrive sono utili per la formazione politica di cui fa parte.

    • le persone che fanno parte di una formazione politica si dividono in 2: quelle che fanno politica per il bene della collettività e quelle che fanno politica per il bene della propria pancia/cricca/corrente/partito. Fiero di appartenere senza nessuna indecisione al primo gruppo.

  6. Marco P says:

    Su bellu est ca imoi m’ant frigau!! A is primarias mi tocat a votai a Cabras po sa timoria chi contras a su centru-dx innantis, e po sindigu apustis, nci pongat unu chi no ddi connosciu is capatzidadis politicu-amministrativas.. (a parti Zedda ca no ddu bollu propriu ca ddu connosciu..)

  7. giovanni dore says:
  8. mattro murgia says:

    ge seusu a bellu puntu.. po zedda aicci da biu tostada (e esti s’unicu ca poriada frigai a cabras, impari a tottus is attrus) , e is attrus mancai pozzanta tenni ipocrisia o sincerirari fainti scetti un’arregalu a cabras.. a custu puntu ge mi pariri ca chini simpatizzara po su pd, e non seu deu, a sa fini teniri arrexioni e tottu…

  9. Chi ha VOLONTARIAMENTE ostacolato e impedito la candidatura di Claudia Zuncheddu dovrà renderne conto al partito, alla coalizione e alla città di Cagliari. Andreozzi, con tutto il rispetto alla persona, è un nome di ripiego per chiudere la strada alla Zuncheddu, non un nome che qualcuno ha ritenuto più valido (elettoralmente parlando) della Zuncheddu.

    • Augusto says:

      Nonne, ma sempre a fare polemiche e pensare a complotti?
      I Rossomori in quanto movimento/partito avranno avuto le loro belle assemblee e avranno deciso secondo i loro criteri chi candidare. Se la Zuncheddu non è stata scelta (o non si è presentata) come candidata non credo che sia per la volontà di ostacolarla da parte di uno o due.
      E poi, francamente, stimo moltissimo la consigliera ma non credo dia abbastanza garanzie come rappresentante di un gruppo. Fin’ora ha solo fatto mosse individuali (benché condivisibili). Insomma, forse non la scelta ideale come Sindaco.

      Su Petrucci: l’ennesimo Cagliari-bene che cerca il suo spazio al sole (leggasi: posto in consiglio) senza aver mai fatto nulla. È piuttosto deprimente dover scegliere tra dinosauri ed emeriti sconosciuti: nessuno per cui ci sia un trasporto vero dettato da cose concrete.

      • Enrico says:

        Ciao Augusto, le tue considerazioni su Petrucci sono date da informazioni certe oppure sono solo tue supposizioni? Quali sono le basi che ti portano a dire che stia cercando un semplice posto in consiglio?
        La mia non è una domanda polemica ma reale curiosità.
        Grazie in anticipo,
        enrico.

        • Augusto says:

          Per carità, è solo una deduzione personale: dal momento che le possibilità di passare alle primarie sono veramente scarse lo scopo ultimo non può che essere quello.
          Ovviamente del tutto legittimo, ci mancherebbe.

        • O Augusto! Ma se Petrucci non si fosse presentato, le primarie le avrebbero fatte?
          A me di votare Cabras alle primarie e alle secondarie (D’Alema docet) mi fa schifo. Se a te piace, bonu pro ti fetzat!
          …ma non illudiamoci che con un eventuale Cabras sindaco, la gestione della città sarà differente rispetto agli ultimi 16 anni!
          Petrucci vuole un posto al sole? Bho! E se anche fosse? mi sembra che per quello che ha fatto finora se lo possa anche essere meritato. Credo che ha posto in chiaro un problema, fra tanti, del centro-sinistra: si riempiono tanto la bocca di democrazia, ma poi quando si deve parlare di programmi si parla di nomi di candidati e quando si parla di nomi di candidati si vuole parlare di programmi. E alla fine sono i soliti “ruderi” politici a occupare gli spazi.
          Cabras cosa ha fatto? Qual è il suo lascito politico? Sta meglio nelle strisce di Banana…

          saludi e trigu

        • voce di via emilia says:

          Petrucci non ha raccolto TUTTE le firme: per raggiungere la soglia gli e ne occorrevano ancora un centinaio.

          E tra quelle raccolte PARECCHIE provengono dal soccorso Piddino… in alcuni circoli Pd (come nel mio, Enrico Berlinguer in via Leopardi) giravano i moduli di raccolta firme per lui. E l’ultimo giorno utile, 30 dicembre, è addirittura arrivata un offerta dell’ultimo minuto by via emilia (Petrucci, ti serve una mano per le firme?) subito rifiutata dal candidato…

          Ora: Perchè il PD, che ha imposto una soglia alta di firme da presentare, che ha fatto di tutto per NON fare le primarie, alla fine favorisce la presentazione di uno con meno firme (e quindi CONTRO il regolamento)?

          L’ammissione di Petrucci è in deroga al regolamento. NON SOLO. Petrucci ha presentato le firme convinto di essere molto lontano dalla soglia pubblicizzata per settimane sui giornali. In via Emilia ha scoperto che la soglia era stata miracolosamente “abbassata” di un centinaio di firme e ha detto di aver “consegnato le firme senza la convinzione di aver raggiunto la soglia e quindi di poter partecipare”.

          Ovvio: Quando serviva evitare le primarie, chiusura massima per tutti i candidati.
          Una volta che le primarie sono diventate inevitabili ecco che le maglie si allargano e che forse Petrucci può tornare utile. Per penalizzare un’altro candidato andando a pescare voti nel suo stesso bacino e annacquando l'”area del dissenso”, e quindi favorire Cabras.

          Quello che dice Augusto è falso. Ho conosciuto Filippo qualche settimana fa: persona seria anche se assolutamente non in grado di ricoprire l’incarico per il quale si è candidato. E’ finito in un gioco più grande di lui e con un ruolo che non gli si addice. Spero solo che se ne accorga in tempo.

        • Marco P says:

          analisi ineccepibile

        • Banana says:

          già, ottima veramente

        • Augusto says:

          Non ho nulla da dire sulla serietà di Petrucci, che non conosco.
          Dico solo che un emerito sconosciuto (associazionismo? previa militanza in qualche movimento? boh!) che si butta nella bolgia delle primarie non può sensatamente avere altro scopo che ritagliarsi un posto in consiglio (e ho anche detto: legittimo).

          La mia è solo una osservazione di elettore amareggiato nel dover scegliere – ma anche no – fra questi candidati.

        • che poi mi chiedo se segui un minimo l’attività consiliare di Claudia. Dovresti conoscere le centinaia tra mozioni e interrogazioni portate avanti insieme al gruppo. Do you know?

        • Augusto says:

          Conosco perfettamente la sua attività e seguo con molto interesse il suo blog.
          Stimo molto la sua attività e la sua intelligenza, ma ripeto: non mi sembra una candidata ideale per un ruolo di mediazione, visti i notevoli problemi che ha a relazionarsi col gruppo Rossomori (visite sporadiche e spesso burrascose).
          Prevenendo una possibile obiezione: non è importante che la responsabilità di questo sia sua o di X o Y; come nelle coppie se qualcosa non funziona è responsabilità di entrambi. Finché lei riterrà di identificarsi coi valori dei Rossomori e rappresentarli nelle sedi istituzionali mi aspetto che ci sia perfetta comunicazione tra lei e il gruppo, e non una azione (per quanto illuminata) da free-lance.

        • quelle che elenca mi sembrano motivazioni generiche e fumose, nel dettaglio.
          1) Claudia non ha nessuna difficoltà a relazionarsi con il movimento, sempre che per movimento si intenda una base e non un vertice; attendo comunque esempi concreti al riguardo.
          2) ‘l’esempio delle coppie provi a farlo ad una moglie pestata da un marito impotente e alcolizzato, poi mi riferisce la risposta ok?
          3) attendo una dettagliata sintesi degli scostamenti tra i valori dei rossomori e l’attività di Claudia Zuncheddu.
          Se vogliamo dialogare, per quanto in divergenza d’opinione, ne sono ben lieto, purchè si faccia riferimento a cose concrete. Parlare di aria fritta invece non mi interessa.

      • “Sempre”. Ci conosciamo? Magari se metti il cognome ti capisco meglio.
        Sulle assemblee dei Rossomori, sei sicuro? Eri presente? Sai come sono andate le cose?
        E sulle azioni individuali a cosa ti riferisci: al gruppo consiliare (cui è obbligata ad aderire) o ai Rossomori (che non hanno altri rappresentanti nel caso non te ne fossi accorto….) O mi vuoi dire che nei Rossomori sono scontenti del suo operato in regione???? Preferisci Andreozzi? Lo reputi spendibile elettoralmente?
        In due parole i complottisti va e cercateli da qualche altra parte hai sbagliato indirizzo.

        • Augusto says:

          Sono un iscritto e un lettore del sito Rossomori e ho già avuto modo di apprezzare la qualità dei tuoi interventi, piuttosto monocordi nel criticare ogni singola virgola venisse pubblicata.
          Mi chiedo perché tu e Meli non fondiate un vostro partito, già che i Rossomori vi paiono essere costantemente in errore o in malafede o chissà che altro…
          Comunque mi rendo conto che questa non è la sede giusta per questo argomento; tantomento ho l’interesse sufficiente a dialogare con chi della negatività ha fatto un proprio stile di vita.

          Saluti

        • Di nuovo un bel concentarto di aria fritta. Ora ho capito chi sei, il tuo stile non è cambiato. Insunuazioni fumose ben distaccate dai fatti e dau ragionamenti concreti. Quando finiranno le primarie e conterai i voti dei Rm ne parleremo mr aria fritta

  10. tiziana frongia says:

    la libertà, caro vito non è solo di stampa ma saper vedere oltre…cosa te ne frega se non esistono iverdi? forse bisogna incominciare a puntare sulle persone e sui partiti che danno sicuramente più forza a chi non può contare su altro!
    inoltre potevi avere la libertà di vedere che le donne se non hanno un uomo dietro di loro che le posiziona, difficilmente si mettono in gioco ed affrontano difficoltà e paure..ma il coraggio in questa società a cosa serve? vi vanno meglio i soliti nomi e non chi cerca di rompere schemi e logiche di cui siamo pieni da schiffo !
    dov’è il femminile in questa città ? nazioni come il brasile..il giappone..la germania sono avanti anni luce ma da noi chi c’è? fantola…cabras…che fantasia ! e zedda ? non aveva già il consiglio regionale? vedi sta sbagliando anche lui! eppure è giovane..poteva diversificarsi…ma l’accapparraggio piace troppo a tutti !o non era un partito con altre persone spendibili..allora è grave ! allora è un partito che ha solo una persona ! cambiamo musica davvero ! dobbiamo imparare a saper vedere oltre..nella mia candidatura non c’è niente di autorefernziale anche perchè non ero d’accordo con le primarie ma abbiamo fatto un ‘assemblea dei verdi con la costituente appena nata ed ha deciso la maggioranza…questa è democrazia e rispetto ed il mi sono messa a disposizione..qualcosa la dirò Vito credimi con tutta la forza che mi da la mia vita spesa a migliorare sempre e correggere i miei errori…guardando avanti ed al bene che sento posso dare a tutti !

    • sarà come dici, ma, con tutto il rispetto, come mai i Verdi locali si fanno vivi solo sotto elezioni?! Ancora non avete compreso che una forza politica per essere credibile deve agire – e agire bene – tutto l’anno. Tutti gli anni. Questo è grave.

    • Banana says:

      un’assemblea con tutti i verdi di Cagliari? quindi vi siete visti in uno sgabuzzino?

    • Matteo says:

      Cominciamo a correggere quelli di grammatica, punteggiatura e sintassi.

  11. marco lillo says:

    o Amos:
    Sa qalidade de Andreozzi esti sceti cussa de essiri una bravu piccoccu. Seusi a custu puntu.
    Mischinus de nosusu e mera de bos’atrusu!
    A custu puntu sa mellusu é Frongia, chi esti brava e puru belliscedda!
    Deu appu a votai po issa.

  12. ottavio says:

    Massimo Zedda.

  13. luca olla says:

    Andreozzi è un avvocato candidato nel 2006 alla presidenza della circoscrizione 4, brava persona professionalmente valida, politicamente boh!
    Petrucci ha già vinto la sua battaglia e probabilmente ha ipotecato un posto in consiglio comunale per il resto bisogna capire come Cabras si propone di fare breccia nel mare magnum degli astenuti, perchè è li che si vince o si perde e non in sede di primarie ma in cabina elettorale.
    buon anno Vito, buon anno a tutti.

  14. amos cardia says:

    ‘Idu stimau,
    gràtzias po custas noas de importu mannu. Scis e cumprendis cosa meda de sa polìtica de Casteddu, ma calancun’atra ti fuit, cumenti candu naras: “Non si capisce per quale motivo all’ultimo momento si siano svegliati i Rossomori che hanno candidato Giuseppe Andreozzi, avvocato e consigliere nella IV circoscrizione. Perché Claudia Zuncheddu non ha accettato la sfida, lei che è consigliere comunale e regionale?”
    Custu contu ddu potzu fai deu, a serbìtziu de totus, ca in sa polìtica sana, cumenti si spetat, serchetus no nci ndi funt e no nci ndi depint essi. Is Rossomori ant detzidiu martis su 28, in d-un’atòbiu de federatzioni provintziali, chi ant fatu in Casteddu de is 18.30 (depiat cumentzai a is 17.30) a is 21.30. Ddu sciu ca nci femu deu puru (ca seu de is Rossomori e femu po candidai a Claudia Zuncheddu), de su cumentzu a s’acabu. Is fatus funt custus:
    1. A detzidiri est stètia sa federatzioni provintziali cun su segretàriu natzionali Gesuinu Muledda, no is Cìrculus de Casteddu. Genti de una pariga de Cìrculus de Casteddu at circau fai balli su printzìpiu ca su candidau ddu depiant scioberai issus, e fiant po Claudia Zuncheddu, chi si fiat decrarada pronta, ma no nci funt arrennèscius.
    2. Su segretàriu natzionali e atrus boliant a Giusepi Andreozzi ca de custa manera, sendi chi Andreozzi no tenit incàrrigus mannus de partidu cumenti a Zuncheddu, ddu iant’essi votau Rifondazione e Pdci puru. Ca Rifondazione e Pdci iant’essi prontus a votai unu de is Rossomori bastit chi no tengat bisura de essi “tropu” Rossomori, cumenti craramenti est Zuncheddu.
    3. Genti meda, de Casteddu e no sceti, s’est chesciada e inchietada, po sa manera de detzidi (sa fideratzioni provintziali e no is Cìrculus de Casteddu) e po su chi ant detzidiu (Andreozzi, agradèssiu a Rifondazione e Pdci, e no Zuncheddu, pagu agradèssia a custus partidus ma prus forti in sa sotziedadi).
    4. Mancai detzidendi sa fideratzioni provintziali, chi essint votau podit essi chi iat’essi amancau su numùru de lei, ma comuncas is chi fiant po Zuncheddu ant nau totu su chi depiant e agoa ant arrenuntziau, cumenti chi giai no tenessint fiantza de su segretàriu natzionali Gesuinu Muledda.
    5. De pagu fiantza a su segretàriu natzionali est partu s’interbentu de Josto Murgia puru, mancai siat òmini de sa segreteria natzionali e assessori de su Comunu de Sìnnia, chi at nau ca su segretàriu natzionali, detzidendi de custa manera, fiat arrischendi de pratziri su partidu, ca iat’essi dèpiu pensai de prus a s’organisatzioni, ca est dèbili meda, e ca po is eletzionis comunalis de Sìnnia iat’essi detzìdiu su Cìrculu de Sìnnia sceti, chena amiti impositzionis de is òrganus natzionalis de su partidu.
    6. Atra genti meda de su Partidu s’est decrarada di acòrdiu po Andreozzi, po sa calidadi de s’òmini (chi totus arreconnosceus) e po pigai s’acòrdiu cun Rifondazione e Pdci, po no arriscai chi ponessint unu candidau custus puru, cun s’arresurtau de essi in tropus e duncas de fai binci a Cabras.
    7. Urtimu chistioni de interessu est ca su diretivu provintziali ddu faint is fundadoris de is Rossomori, is aministradoris pùbricus de su partidu e is candidaus a is eletzionis arregionalis. Una cumpositzioni, duncas, meda “di apparato” e pagu “di base”. Unu chi boliat chi su candidau ddu detzidessint is Cìrculus de Casteddu est Sergi Falconieri (fundadori), chi sa di’ s’est dimìtiu de su diretivu provintziali, narendi de essi arròsciu s’autoritarismu chi ddu est in su partidu, chi parit – at nau – su de is peus partidus comunistas.

    • Marco P says:

      Gratzias po sa craresa . Giai chi chistionas in sardu, ti nau in sardu.
      Ddoi at una arrexoni posta de su direttivu provintziali chi mi parit debili meda.. est custa:

      […]6. Atra genti meda de su Partidu s’est decrarada di acòrdiu po Andreozzi, po sa calidadi de s’òmini (chi totus arreconnosceus) e po pigai s’acòrdiu cun Rifondazione e Pdci, po no arriscai chi ponessint unu candidau custus puru, cun s’arresurtau de essi in tropus e duncas de fai binci a Cabras.[…]

      Labai ca Cabras bincit acetotu! No cretais chi Andreozzi at a arregolli prus votus de Zuncheddu(chi est connota meda) + candidau comunista. E comuncas no su tanti po impensamentai a Crabas.. Capassu su contrariu! (app’ essi malu deu, ma custu de no nci bolli ponni a sa Zuncheddu mi fait crei ca gana de strobbai a Cabras nci ndi fiat pagu diaderus!)
      Abarrat poi su fatu ca s’unica manera po cumpeti diaderus cun Cabras iat essi stetiu a si pinnigai totus a pari, comunistas, IDV, Sel , Verdi ecc scioberendi unu candidau bonu, chi fessit unu sceti perou (Ottaviu Olita, po ndi nai unu ).
      Ma incapas custas primarias no serbint po scioberai su candidau de su centru-manca po is eletzionis, ca est giai detzidiu, ma sceti a is partidus po si “pesai” aintru de sa coalitzioni..
      saludi

Lascia un commento

Follow

Get every new post delivered to your Inbox

Join other followers: