Politica / Sardegna / Servitù militari

Verso Capo Frasca: quello strano silenzio sulle servitù militari

Capo Frasca 2019

C’è uno strano silenzio intorno alla manifestazione contro le basi militari in Sardegna prevista per sabato prossimo 12 ottobre a Capo Frasca.

Tacciono sostanzialmente i quotidiani che, a differenza di quanto fatto quattro anni fa in occasione della precedente protesta, nemmeno hanno valorizzato il manifesto degli intellettuali sottoscritto da alcuni dei loro più autorevoli editorialisti, o relegano ipocritamente nelle pagine interne la conferenza stampa di presentazione della manifestazione.

Tace l’opinione pubblica, incapace da tempo di sussulti veri anche davanti all’iniziativa della procura di Cagliari che contesta a diversi militanti non solo i tradizionali capi d’accusa di resistenza, lesioni, partecipazione a manifestazione non autorizzata e imbrattamento, ma perfino quelli di “terrorismo” e (udite udite) di “eversione all’ordine democratico”. Accuse da togliere il fiato e sulle quali la Sardegna veramente democratica avrebbe dovuto aprire un dibattito. Ma così non è stato. 

Tace la cultura davanti a un film, “Balentes”che, dopo essere stato proiettato in Australia e negli Stati Uniti e in diversi film festival internazionali, da qualche settimana gira (a fatica) per i cinema sardi e che racconta in maniera originale le conseguenze delle servitù militari attraverso lo sguardo di una regista sardo-australiana (Lisa Camillo), tornata in Sardegna per raccontare l’epopea della Costa Smeralda e che invece ha deciso di parlare di Teulada e Perdasdefogu. Dopo l’uscita del film, avete letto recensioni? Articoli? Interviste? Io no.

E poi tace chiaramente la politica.

I risibili risultati raggiunti dalla giunta Pigliaru sono manna dal cielo per la giunta Solinas, che ora non dovrà fare altro che proseguire nelle strada portata avanti per cinque anni dal centrosinistra: molte parole, pochi fatti, tante dichiarazioni e nessuna azione concreta né sul fronte delle bonifiche, né su quello della riduzione del danno alla salute dei militari, né tantomeno su quello della riduzione delle superfici occupate dai militari.

Di servitù militari è meglio non parlare: e infatti pochi tra coloro che hanno potere lo fanno.

Anche i nostri parlamentari sembrano afoni. Nella passata legislatura Giampiero Scanu del Pd e Roberto Cotti dei Cinquestelle tenevano alta l’attenzione sulla necessità di affrontare con piglio nuovo questo vecchio problema della Sardegna. Adesso che i loro partiti sono a governo, la situazione appare tristemente normalizzata.

Insieme a Salvatore Deidda di Fratelli d’Italia, della commissione Difesa alla Camera fanno parte Andrea Frailis del Pd e Manuela Corda del M5S: cosa pensano i nostri onorevoli di maggioranza dei problemi sollevati dalle oltre quaranta associazioni che hanno promosso la manifestazione di sabato? 

E cosa pensa della questione l’ennesimo sottosegretario alla Difesa sardo, Giulio Calvisi?

Da politici sardi che sostengono questo governo, Frailis, Corda e Calvisi possono fare tanto: vogliono assumersi pubblicamente un impegno?

E i consiglieri regionali? Non hanno niente da dire? E il sindaco di Cagliari, città ancora soffocata da una presenza militare perfino ridicola in alcune sue manifestazioni di smaccato privilegio (gli innumerevoli stabilimenti balneari al Poetto, il campo sportivo Rossi chiuso ai civili)?

Nessuno di costoro parla. Ma che almeno non si dica che non abbiamo posto le domande.

Tags: , , , , , , , , , , , , ,

4 Comments

  1. Paolo Erasmo says:

    Le condizioni che si realizzarono quattro anni fa, non credo si possano ripetere , anche perché qualche giorno prima all’interno del poligono vi fu un vasto incendio , che per una scarsa coordinazione e dei protocolli poco chiari non consentirono ai mezzi civili di accedere all’interno per domare l’incendio . Non sarebbe male se tutti leggessero questi documenti un po datati ma di grande spessore e di grande visione ;https://www.regione.sardegna.it/documenti/1_26_20051104131256.pdf ;https://www.regione.sardegna.it/documenti/1_26_20051104130301.pdf ;come sarebbe interessante leggere i protocollo d’intesa firmato nel 2007 tra Soru ( Governatore della Sardegna) e Casula (Sottosegretario alla Difesa ) e che fine hanno fatto i beni dismessi .

  2. Mario Pudhu says:

    “Strano silenzio”?
Est sa cosa prus normale: no tenent nudha de nàrrere!!! Ite tiant tènnere de nàrrere prus de su chi ant nadu pro nos sighire a leare in ziru?!
Pro totu su chi andhat male (a chie?) bi at solu de fàghere e cambiare.
Antzis pro chie bi podet ca cumandhat no b’at de cambiare nudha: bases militares, bombardamentos, provas de gherra, dannu a s’ambiente e a s’economia nostra, avelenamentu (“la prova” chi no faghet male est ca no morimus che a sa musca candho la fúrminat su ddt), e infame distribbutzione de su pesu militare aprofitendhe in manera vile ca sos Sardos semus pagos e nudha de menzus li serbit de logos ispopulados, a s’Itàlia monàrchica fascista democràtica repubblicana I e repubblicana II e fintzas III o post repubblicana sos polígonos militares li andhant bene in Sardigna ca ischint chi sa Sardigna no est in Italia, ca a s’Itàlia li rendhet (l’ischint issos cantu in ite e comente li rendhent) e ndhe tenet bisonzu puru, de sa resa, e ca sos Sardos za agguantamus totu “nei secoli fedeli” che a sos menzus canes civilizados.
Chie no at cumpresu chi sa Sardigna no est in Itàlia (pro ignoràntzia ignorante e mescamente ‘dotta’, ‘colta’, cioè coltivata, ogros serrados, tontesa fóssile, trassas de margianes chi no perdent mai su pilu, torracontu personale o de butega o de carrozzone, de on. o de sen., de catedhos suta mesa in númene de sa Sardigna, tostorrímine fóssile de chie no li cumbenit a bídere cantu sa Sardigna est dipendhente, ite podet tènnere ancora de nàrrere?
Nudha!
B’at calicunu chi tenet de nàrrere carchi cosa? La niat, za semus in demogratzia: tantu, Cani imbàuat e Procu pascit.
Ca sa chistione no est a nàrrere: sos Sardos noche semus morindhe cantendhe, che a s’ómine de sa poesia de Pretu Mura, chi nachi l’ant mortu «chin sa cantone in buca»… tzertu, totu poetas sos Sardos, e totu cantadores e a boghe bella una meraviza, bastat chi no cantent o iscriant carchi cosighedha de valore civile pro unu pópulu avilidu, o pro avilire a chie nos avilit, o nessi pro abbèrrere sos ogros e àere unu cumportamentu civile, ca goi nachi est política e dispiaghet a chie nos daet sa limúsina, ma invetze a nos ispèrdere canta canta no est política.
Sa chistione no est de nàrrere.
O totu su chi amus cumpresu est chi s’importante est a nàrrere? Ca podimus fintzas abbèrrere sa buca cantu unu boe (e no l’abberimus mancu cantu unu becu, chi si est de corros za ndhe zughet su matessi). E Procu pascit!
Ma ite faghimus? Ca sa chistione est de fàghere. Ca si no faghimus cheret nàrrere chi no semus faghindhe nudha! Ma ite sighimus a fàghere, portessiones cun duas bandheras a codhu ca… tiaimus èssere una “manifestatzione oceànica” sendhe quattro gatti de pàrrere fintzas solu duos?
Cun chie la faghimus sa “manifestatzione oceànica”, cun sa zoventude emigrada? Cun sos betzos e cun sas badantes chi los tenent contu? Cun sos malàidos e andicapados chi tenimus a “record” pro tantas maladias?
Proite sos Sardos nos faghimus prus tontos e macos e andicapados de cantu semus e no l’agabbamus de pònnere ifatu a totu sa porcheria infame de partidos italianos e italianistas de donzi càlibbru e colore, e la finimus cun sa presuntzione de zúghere sa veridade in busaca, de àere motivu pro istare solu a iscórriu tra nois o a trivas de pare prus che espes odiosos chi no che cristianos chi s’istimant, bonos a inventare àteras siglas inútiles, e invetze cun umilesa e frimmesa e cun totu sas pagas fortzas chi tenimus pessamus a fàghere seriamente s’unidade política de libbertade e responsabbilidade natzionale contr’a sa política infame de sa dipendhéntzia?
Ischimus èssere solu zente senza capi nè coda?
Si a totu sa política de dipendhéntzia e isperdimentu e avilimentu italianista no li paramus fronte coment’e unidade natzionale, sa Sardigna at a sighire a cúrrere emigrendhe, ispopulendhe, morindhe faghindhe a desertu de zente e depimus fintzas ringratziare, tantu pro fàghere un’esémpiu prus reghente, sa BPER chi che cheret trasferire a s’Emilia Romagna 600 dipendhentes ca in Sardigna sunt… esuberanti. E ifatu issoro fizos e nebodes e fintzas babbos e mamas.

  3. Vincenzo Di Dino says:

    c’è uno strano silenzio… non sarà anche perché hai scritto 12 settembre invece di 12 ottobre? 😀
    scherzi a parte, sarà sempre peggio perché i politici sardi conteranno e saranno sempre meno… 🙁

Rispondi a Paolo Erasmo Annulla risposta

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.