Cagliari / Sardegna

Una famiglia siriana e una palestinese hanno bisogno del nostro aiuto! Domenica 12 a Cagliari raccogliamo indumenti e giocattoli

Siria

 

Il loro viaggio è durato in tutto undici giorni. La traversata in mare è stata terribile. Una volta sbarcati  a Trapani, sono stati fatti salire su un aereo e sono arrivati a Cagliari. Ieri infine l’arrivo alla Casa Emmaus di Iglesias. È la storia di due nuclei familiari: uno siriano, l’altro palestinese. In tutto tre uomini e sei donne (di cui una in attesa) e cinque bambini (tutti maschi), tra cui una coppia di gemelli di appena un anno, e gli altri fra i tre e i quattro anni di età.

Inutile dire che queste persone hanno bisogno di tutto: servono in fretta indumenti. Ma anche , giocattoli, quaderni, pennarelli, colori.

L’associazione Casa Emmaus chiede l’aiuto dei lettori di questo blog, perché già in passato non si sono tirati indietro davanti a iniziative di questo genere.

Non c’è molto tempo, per cui bisogna spargere la voce il più possibile. Servono indumenti, biancheria e vestiti per sei donne e tre uomini, più cinque bambini piccoli. Se avete amici e parenti che hanno figli piccoli, girate loro questa notizia.

L’appuntamento è per domenica mattina dalle 11 alle 13 all’ExArt (l’ex liceo artistico) di piazzetta Dettori 9 a Cagliari, nel quartiere della Marina, dove verrà allestito un punto di raccolta.

Queste persone sono fuggite dalle guerra: non c’è altro da aggiungere.

Grazia a tutti per quello che potrete fare.

 

6 Commenti

  1. Grazie a questo sito per averci aiutato nella raccolta e grazie a tutti coloro che ci hanno sostenuto. Elio Turno Arthemalle
    https://www.facebook.com/1455048844769095/photos/a.1455053744768605.1073741828.1455048844769095/1476344065972906/?type=1&theater

  2. 1) Ho la certezza categorica e assoluta che Casa Emmaus offre servizi e prestazioni professionali d’altissima qualità. 2) Casa Emmaus NON ha mai fatto della sacralità della dimensione umana un business 3) Casa Emmaus NON ha mai decapitato né la propria né l’altrui dignità! E sono sicura che mai lo farà!!!
    Casa Emmaus è una realtà irrinunciabile,efficace e benefica per il territorio in cui vivo!!!
    Ritengo che ogni dramma che capita sul pianeta terra,ci riguardi in prima persona molto intimamente!!! Indi per cui,MOLTO PIU’ CHE GIUSTO E LEGITTIMO,IL CONTRIBUTO DELLA CITTADINANZA CHE PARTECIPERA’ ALL’EVENTO!!!
    Io,personalmente,mi auguro che i cittadini,partecipino innumerevoli!!!
    Grazie a vitobiolchini per il suo commento.

  3. Mattea Lissia says:

    Benissimo. Portiamo indumenti e giocattoli per i bimbi. Grazie Vito.

    • Pino S. says:

      Casa Emmaus ha una convenzione con la Prefettura per la quale percepisce 35 euro al giorno per ogni ospite, per far fronte alle necessità dei profughi. Chiedere l’aiuto della gente mi pare ingiusto nei confronti di tutte le altre associazioni titolari della stessa convenzione, che ospitano decine di profughi senza chiedere aiuto a nessuno.

      • 35 euro al giorno servono per le spese di vitto e alloggio; se nove persone arrivano sprovviste di tutto, chiedere una mano è il minimo che si possa fare. Il suo commento vuol lasciare intendere che a qualcuno piace fare la cresta: o no?

      • Chiedere l’aiuto a ogni persona è molto più che giustissimo e legittimo!
        Giacché ogni cosa che capita sul pianeta e a parer mio,affar di tutti!
        Con certezza,posso dire che Casa Emmaus è un’associazione straordinaria e trasparente e offre servizi e prestazioni professionali d’altissima qualità,senza mai fare della sacralità umana,un business…casa Emmaus,la propria dignità come quella altrui,non la ha mai decapitata!

Lascia un commento

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.