Politica / Sardegna

“Istruzione, politiche sociali, sostegno alle imprese, qualità della pubblica amministrazione”: ecco il programma elettorale di Francesco Pigliaru

Questa è la versione integrale del programma elettorale del candidato del centrosinistra alle elezioni regionali del prossimo 16 febbraio, Francesco Pigliaru. Si tratta di una versione aggiornata rispetto a quella depositata in tribunale e ancora suscettibile (a detta dello staff) di integrazioni e miglioramenti. Non appena saranno disponibili, pubblicherò integralmente anche i programmi di tutti gli altri candidati alla presidenza della Regione.

***

 

COMINCIAMO IL DOMANI

Programma di governo

di Francesco Pigliaru Candidato Presidente alla Regione Sardegna

 

 

Vogliamo investire sulle persone…

Un’isola più istruita equa e innovativa, ampia partecipazione al mercato del lavoro i giovani e l’equità intergenerazionale, garantire la parità di genere

 

…per creare opportunità di lavoro…

Una moderna politica industriale, agricoltura e sviluppo locale, un turismo che faccia sistema cultura, identità e sviluppo, l’inganno della zona Franca integrale, una seria politica di bilancio

 

…e una società inclusiva

integrare le Politiche sociali e sanitarie, un sistema sanitario per tutti, nuove Politiche per il sostegno e l’inclusione sociale, promuovere la convivenza civile e la integrazione, promuovere le attività sportive

 

Per fare questo ci servono: un ambiente sostenibile…

le nostre risorse comuni, il paesaggio è’ il nostro valore aggiunto, obiettivo rifiuti zero, l’energia di cui abbiamo bisogno

 

…collegamenti efficienti…

i costi dell’insularità, le reti di comunicazione mobilità e trasporti

 

…e istituzioni di alta qualità

zona Franca da cattiva Burocrazia, partecipazione, trasparenza e valutazione, la Sardegna per una specialità sostenibile, la nuova agenda Europea

 

cominciamo il domani significa comprendere che il 2014 deve segnare una svolta per la Sardegna, una grande occasione per ripartire, per dare speranza e concretezza ai sardi così duramente colpiti da una crisi prima finanziaria, poi economica e sociale che la nostra isola non sembra riuscire a superare.

negli ultimi 5 anni la Sardegna è scivolata pesantemente all’indietro. il prodotto interno lordo regionale è diminuito di circa il 7% rispetto al 2008 tornando, a prezzi costanti, a livello di oltre 10 anni fa. in pochi anni sono stati cancellati oltre 50mila posti di lavoro, riducendo gli occupati in Sardegna, a 560mila. oggi un sardo su due, nella fascia di età tra i 20 e i 64 anni, non lavora. Una tragedia di dimensioni storiche. Un livello così alto nella disoccupazione non si era mai registrato negli ultimi 20 anni. la conseguenza più immediata è stata la crescita esponenziale del ricorso alla cassa integrazione con l’aumento, dal 2007 ad oggi, del 500% delle ore autorizzate. la situazione generale di crisi ha contribuito a una contrazione dei consumi delle famiglie che sono tornati ai livelli del 2000.

la crisi economica ci conferma che, nell’economia globalizzata del nostro continente, per garantire e promuovere il proprio livello di coesione e di sicurezza sociale, si deve puntare con forza su quella parte dove conta di più la creatività ed il capitale umano. lo confermano le tante aziende sarde che, anche in questi anni difficili, hanno battuto la crisi e sono cresciute puntando sulla qualità e sull’innovazione.

cominciamo il domani significa denunciare a tutti i cittadini che di fronte alla gravità della crisi la Giunta di centrodestra ha mostrato in questi anni tutta la sua inadeguatezza. troppe volte hanno prevalso annunci e propaganda sulla capacità concreta di affrontare la crisi, di proporre azioni credibili e orientate ai risultati. sono esempi di questa incapacità la questione irrisolta della vertenza entrate con lo stato che sottrae 600 milioni al bilancio regionale ovvero il 10% di tutte le risorse;

la mancata riforma del sistema sanitario, commissariato nel 2009 in attesa di una riorganizzazione che avrebbe dovuto consentire un ridimensionamento del disavanzo, arrivato a 400 milioni di Euro; la continuità territoriale, aerea e marittima, per persone e merci, la cui attuazione che avrebbe garantito ai sardi il diritto alla mobilità e alle imprese costi di trasporto comparabili con quelli del resto d’Italia è ancora di la da venire.

cominciamo il domani significa impegnarsi per il futuro dei nostri ragazzi, che sono il futuro per tutti noi. oggi, in Sardegna, 1 ragazzo su 4 non completa la scuola dell’obbligo, 5 su 6 non raggiungono la laurea. Gli investimenti in ricerca e innovazione sono fermi allo 0,67% del nostro Prodotto interno lordo, meno della metà di quanto ci chiede l’Europa. in tutti questi parametri siamo molto lontani dalle regioni europee con le economie più dinamiche e competitive. Per questo oggi più di ieri, la Sardegna deve invertire la tendenza e far diventare il suo straordinario patrimonio paesaggistico, ambientale, archeologico e culturale la materia prima di una un’economia della conoscenza basata sulla qualità e sulla ricerca dell’eccellenza.

cominciamo il domani significa dare ai temi dell’istruzione inclusiva e di alta qualità l’importanza che non ha mai avuto nel passato. le condizioni economiche mondiali e il mercato in cui anche la Sardegna di trova ad operare richiedono un impegno crescente nelle politiche di istruzione. non vogliamo guadagnare il ruolo cui miriamo attraverso una politica di basso costo del lavoro, né possiamo contare su materie prime e fonti energetiche a basso prezzo. la Sardegna deve affrontare la propria sfida della crescita scommettendo su un’economia della conoscenza basata su alti livelli di istruzione della popolazione, sull’orientamento all’innovazione e sulla ricerca dell’eccellenza del sistema delle imprese. Una società complessa come quella sarda è perdente se non mette al centro del proprio agire il problema dell’acquisizione delle competenze di base per la totalità dei propri studenti, unito allo sforzo che deve essere compiuto per incrementare la qualità ed il numero dei propri laureati, garantendo un sistema delle formazione continua che risponda alle esigenze di riqualificazione della propria forza lavoro.

cominciamo il domani significa dare centralità alla nostra identità e quindi affrontare il tema della lingua sarda che non si riflette in sterili slogan e dubbie politiche ma trova coraggio e sostanza nel riconoscimento di un bilinguismo reale in ossequio alla politica dell’UE nei confronti delle lingue regionali in attuazione dell’articolo 22 della carta europea dei diritti fondamentali. in questo contesto la promozione della lingua sarda nelle sue varianti linguistiche non è soltanto una questione di identità, di rispetto della storia e delle tradizioni culturali della Sardegna, ma apre prospettive di sviluppo nel campo della scuola, del lavoro e della rappresentanza politica.

cominciamo il domani per iniziare una strada che vogliamo percorrere tutti insieme, perché la Sardegna si salva solo se tutti si salvano. nessuno deve essere più lasciato indietro. Un cammino da percorrere con i tanti che credono che la crisi si possa battere, contro un declino che non sia immutabile destino, per disegnare un futuro diverso se sapremo essere, tutti insieme, all’altezza delle nostre ambizioni e delle nostre responsabilità.

cominciamo il domani significa assumere la responsabilità di guidare la nostra isola tra il 2014 e il 2019, restituendo ai sardi ottimismo e fiducia nel futuro. Un ottimismo basato su cose concrete e progetti responsabili. non su slogan e propaganda. non solo l’ambizione di tornare semplicemente ai livelli del passato, ma quella, più impegnativa, di rimuovere con coraggio i problemi strutturali che, per troppo tempo, hanno compromesso le nostra potenzialità di crescita. E’ un progetto ambizioso, ma possibile, se saremo disposti ad orientare ogni politica pubblica, ogni risorsa investita, in funzione di obiettivi misurabili in termini di creazione di posti di lavoro,

di efficiente utilizzo delle risorse naturali e ambientali, di effettiva capacità del nostro sistema economico e sociale di essere inclusivo superando ogni disparità tra giovani e meno giovani, tra donne e uomini, tra aree urbane e rurali.

cominciamo il domani insieme per raggiungere questi traguardi ambiziosi. abbiamo capacità, braccia e cervello; un ambiente unico dal punto di vista paesaggistico, archeologico e della qualità ambientale, le tradizioni e i saperi diffusi dei nostri paesi, due poli universitari di livello europeo, un tessuto industriale da riconvertire, ma denso di competenze, un settore agroalimentare ricco di eccellenze, un potenziale turistico enorme da sviluppare, un sistema istituzionale da modernizzare e rafforzare, ma con una lunga storia autonomistica di cui siamo fieri.

la serietà e l’affidabilità di questa proposta politica non devono essere confuse come eccesso di dirigismo, tecnicismo ottuso e mancanza di empatia. noi crediamo al cuore almeno quanto crediamo alle analisi che stanno dietro le nostre proposte. senso di comunione e solidarietà sono importanti come razionalità e rigore. Per queste ragioni, intendiamo utilizzare in modo esteso gli strumenti della democrazia partecipata coinvolgendo in modo diretto le persone nelle decisioni che le riguardano. nessuno conosce meglio dei cittadini i problemi da affrontare. nessuno conosce le soluzioni meglio di chi le cerca tutti i giorni con tenacia. cominciamo il domani farà in modo che i cittadini possano comunicare con semplicità con chi governa la regione.

 

 

Vogliamo investire sulle persone…

in una economia globale dove i paesi emergenti puntano su un basso costo del lavoro e sulla elevata disponibilità di materie prime e fonti energetiche, la Sardegna può vincere la sfida della crescita scommettendo sull’economia della conoscenza. alti livelli di istruzione e orientamento all’innovazione e alla ricerca sono gli ingredienti chiave per far crescere il sistema delle imprese. le società dei paesi industrializzati sono infatti in continua evoluzione, la tecnologia diventa rapidamente obsoleta rendendo necessarie conoscenze e competenze sempre più avanzate, per questo motivo le qualifiche della scuola secondaria superiore sia generale che professionale sono oggi le credenziali minime per l’accesso al mercato del lavoro. Una società è perdente se non affronta il problema delle pari opportunità e dell’acquisizione delle competenze di base,

le esigenze di riqualificazione continua della propria forza lavoro e non attua interventi efficaci che aiutino le persone a far fronte a cambiamenti rapidi, riducano i periodi di disoccupazione e agevolino la transizione verso nuovi posti di lavoro.

 

 

Un’isola più istruita, equa e innovativa

Più scuola e più opportunità

la Sardegna affronta una fase di profondo cambiamento strutturale. istruire e formare tutte le ragazze e i ragazzi costituisce oggi la migliore strategia per raggiungere i livelli di sviluppo e coesione sociale delle economie più avanzate. tutte le ricerche mostrano che le regioni nelle quali si coniuga la qualità con l’equità nell’istruzione ottengono i risultati scolastici migliori. al contrario in Sardegna, i pessimi risultati scolastici e gli alti tassi di abbandono (tra i più alti in Italia) si sono accompagnati da forti diseguaglianze territoriali e profonde disparità sociali. Per queste ragioni le politiche dell’istruzione e le pari opportunità costituiscono per noi la priorità dell’azione di governo regionale. il nostro obiettivo è favorire e stimolare lo sviluppo individuale, premiare il merito, e allo stesso tempo perseguire e sostenere lo sviluppo economico della nostra isola. con un sistema di istruzione di qualità è possibile cambiare il corso della vita delle persone. l’uguaglianza delle opportunità si può raggiunge con un’istruzione di qualità senza condizionamenti legati al luogo in cui si è nati, al reddito della famiglia, al livello di istruzione dei propri genitori, o al tipo di scuola che si frequenta. oggi in Sardegna gli studenti delle zone interne e di quelle montane conoscono una condizione di svantaggio nell’accesso ad un’istruzione di qualità: accorpamento delle classi e difficoltà ad accedere all’insieme dell’offerta formativa secondaria costituiscono alcuni degli ostacoli al successo scolastico di alunni e studenti. Equità ed eccellenza possono e devono andare di pari passo. le regioni che hanno un numero maggiore di studenti nella fascia di eccellenza sono le stesse che, allo stesso tempo, sono in grado di non lasciare indietro gli studenti più problematici, riuscendo a ridurre il numero di giovani sotto la soglia minima di conoscenze-competenze. a differenza di quanto accaduto nel resto del mezzogiorno, negli anni della Giunta cappellacci la percentuale di studenti con difficoltà di apprendimento nella nostra regione è aumentato: dal 24% al 27% per l’Italiano e dal 32% al 33% per la matematica. sono dunque diminuite le competenze acquisite dai nostri giovani, in controtendenza rispetto a quanto è avvenuto tra il 2006 e il 2009.

inversione di tendenza in negativo anche per la dispersione scolastica: dal 2004 al 2008 era diminuita, passando dal 30% al 23%, oggi è risalita al 25%. molti ragazzi che rinunciano agli studi entrano in un limbo nel quale non studiano, non lavorano e non si formano professionalmente. questi ragazzi sono ormai il 28% nella fascia d’età tra i 15 e i 19 anni. le difficoltà incontrate nel percorso scolastico si riflettono poi nei dati sull’istruzione universitaria: solo il 17% consegue la laurea. questi dati mostrano il segno del fallimento delle politiche del centrodestra in Sardegna. Bisogna fare di più e meglio per migliorare i livelli di apprendimento degli studenti, per combattere la dispersione scolastica e aumentare in modo significativo il numero di giovani che raggiungono la laurea. Un risultato ambizioso che richiede politiche incisive e durature nel tempo tra le quali:

•        incentivare la frequenza delle scuole dell’infanzia da parte di tutti i bambini sin dai primi anni di vita. come dimostrato da consolidati studi internazionali, intervenendo nei primi anni dell’apprendimento si ottengono risultati migliori.

•        intervenire alla radice sul problema della dispersione scolastica. con attività di orientamento degli studenti nella fase di scelta della scuola secondaria superiore. con un sistema di sostegno alle famiglie da realizzarsi attraverso le politiche sociali. riavviando i programmi di sostegno alle autonomie scolastiche, tagliati dal centrodestra, per incrementare il tempo scuola e per rafforzare l’offerta didattica in modo da migliorare le capacità di apprendimento degli studenti nelle competenze di base. Partendo da interventi mirati verso gli studenti più svantaggiati per favorire loro una permanenza nel sistema pubblico dell’istruzione/formazione fino ai 18 anni.

•        riqualificare la formazione professionale che può svolgere ancora oggi un ruolo chiave nel consentire ai giovani di trovare una valida alternativa all’istruzione secondaria quando questa fallisce. l’azione della regione negli ultimi anni è stata largamente insufficiente su questo fronte, frustrando le grandi potenzialità di questo settore di esprimersi al meglio. occorre costruire un sistema di formazione collegato e integrato con quello di istruzione e fare uno sforzo per innalzare la qualità delle proposte formative professionali.

•        investire nella formazione dei docenti per dare loro le opportunità di aggiornamento, strumento indispensabile per l’introduzione di innovazioni didattiche e per affrontare con efficacia i problemi specifici dei nostri studenti in situazione di svantaggio e di sottorendimento.

•        intervenire sulla qualità degli spazi e la loro funzionalità rispetto alle esigenze didattiche. riprendere, in raccordo con gli enti locali, ad investire sulla riqualificazione degli edifici scolastici, sulle mense, sugli alloggi e su ogni barriera o ostacolo che impedisca un esercizio concreto del diritto allo studio.

•        risolvere i problemi della mobilità e della distribuzione territoriale dell’offerta scolastica. le più recenti vicende legate al dimensionamento scolastico hanno creato una condizione di incertezza e di disagio per migliaia di famiglie sarde e per gli insegnanti.

•        sostenere i comuni che vogliono cooperare tra loro per sviluppare nuove scuole, che ispirandosi ai più avanzati modelli didattici siano in grado di soddisfare in modo efficiente i bisogni formativi e culturali di territori caratterizzati da fenomeni di isolamento e spopolamento.

•        monitorare e valutare l’efficacia dei programmi di sostegno dei sistemi di istruzione e formazione a tutti i livelli.

•        individuare un organismo per la messa a sistema e il monitoraggio delle informazioni per conoscere lo stato del sistema istruzione-formazione regionale per individuare le criticità e intervenire dove è più necessario.

•        approvare, finalmente, una legge regionale sul diritto allo studio e sulla crescita del capitale umano che riorganizzi gli interventi e le competenze, premi il merito, eviti sprechi e sovrapposizioni e favorisca sinergie e integrazioni tra sistema pubblico dell’istruzione/formazione e il mondo del lavoro.

 

 

L’Università

anche l’Università è chiamata ad assolvere diverse missioni, tutte di fondamentale importanza per la nostra isola. il quadro internazionale definito dal Processo di Bologna attribuisce all’Università il compito di offrire una formazione superiore idonea a dotare la società del capitale di conoscenza necessario alla crescita complessiva nelle sue diverse dimensioni, tanto quelle professionali quanto quelle legate alla ricerca e ai servizi al territorio. le nostre Università devono, inoltre, creare le condizioni per allargare in modo sostanziale la Formazione superiore (secondo l’obiettivo della comunità Europea, almeno il 40% di laureati nella forza lavoro) e nello stesso tempo proporre e mantenere attività formative di qualità.

Bisogna costruire nuovi ponti tra la scuola e l’Università. soprattutto nella fase cruciale dell’orientamento in entrata degli studenti. Per troppo tempo sono stati attuati programmi di orientamento estemporanei che non sono stati oggetto di sistematiche azioni di valutazione e monitoraggio e che si sono rivelati inefficaci nell’affrontare le cause principali di abbandono degli studenti.

ma lo sviluppo delle risorse umane richiede anche una riqualificazione dell’istruzione tecnica e professionale. Per questo motivo occorre rilanciare e sostenere la formazione di tecnici di livello superiore (post-secondaria). questo tipo di formazione permetterà l’integrazione dei settori pubblici e privati e dovrà coinvolgere tra i suoi attori le imprese. in questo modo il capitale umano dell’isola potrà arricchirsi di figure tecniche-professionali oggi mancanti nel mondo del lavoro. ciò significa che bisogna intervenire su:

•        attività di orientamento per combattere il fenomeno della dispersione e le segregazioni disciplinari di genere, per rinforzare le attività formative ritenute strategiche per lo sviluppo del territorio;

•        le strutture ricettive dei maggiori centri universitari favorendo housing sociale, canoni d’affitto concordati, programmi di convivenza tra residenti e studenti;

•        il programma master and Back, per migliorarne l’efficacia rispetto alla tempistica dei bandi e alla selezione delle aziende per individuare quelle che maggiormente sono in grado di garantire una utile esperienza lavorativa post specializzazione che favorisca l’inserimento dei giovani nel mondo del lavoro;

•        il collegamento tra programmi didattici ed esigenze del mondo del lavoro, anche attraverso la valorizzazione di specifici percorsi formativi, quali master di primo e secondo livello;

•        il sostegno dei programmi UE per la mobilità di insegnanti, studenti e ricercatori per rafforzare l’apertura internazionale del sistema scolastico e universitario e creare occasioni di crescita e di confronto.

 

 

Ricerca e innovazione

l’investimento in alta formazione e i suoi risultati in termini di competenze, sapere e cultura sono solo una precondizione per la crescita economica. Perché un sistema economico cresca è infatti necessario attivare un regolare processo di innovazione che inneschi il cambiamento tecnologico e strutturale necessario per migliorare continuamente la nostra competitività.

abbiamo quindi bisogno di politiche che migliorino sensibilmente il nostro sistema scolastico e universitario e di finanziare la ricerca di base, ma questo da solo non basta. la Sardegna investe troppo poco nella ricerca, nello sviluppo organizzativo e dei processi produttivi; appena lo 0,67% del proprio Pil, meno della metà dell’obiettivo UE fissato all’1,5% per l’Italia e appena un quinto dello sfidante obiettivo dell’intera Unione Europea fissato al 3%. questo traguardo, assieme all’incremento di laureati nella forza lavoro (da innalzare al 40%) fa parte della ambiziosa strategia Europa2020. strategia che propone un grande sforzo collettivo per lasciare alle spalle la crisi e creare le condizioni per una Europa più competitiva nell’attuale economia globalizzata fondata sulla conoscenza.

Per la Sardegna allinearsi quantomeno all’obiettivo nazionale significherebbe incrementare gli investimenti privati in ricerca e sviluppo di circa 250 milioni all’anno, per un totale di 450 milioni di Euro. questi investimenti devono costituire le basi per un sistema regionale dell’innovazione che coinvolge Università, amministrazione regionale e imprese in un’unica strategia condivisa. strategia che deve mirare a creare le condizioni per rendere la Sardegna una regione aperta al cambiamento e capace di trattenere i suoi migliori talenti, così come di attirarne dalle altre regioni e dagli altri paesi. all’interno di questa strategia, la legge regionale sulla ricerca è un tassello importante in quanto può garantire il sostegno necessario per la ricerca di base. allo stesso tempo è necessario intervenire perché anche la ricerca applicata, soprattutto da parte delle imprese, possa esplicarsi in un contesto più favorevole e redditizio. la combinazione di ricerca di base e applicata dovrebbe consentire al nostro sistema economico, pubblico e privato, di avviare e sostenere il cambiamento con continue innovazioni di prodotto e di processo. Per raggiungere questi risultati è necessario:

•        migliorare la lr 7 sulla ricerca, per garantire più profonde e diffuse ricadute sul sistema economico e sociale sardo;

•        riorganizzare la filiera della ricerca potenziando la cooperazione tra Università, centri di ricerca, Sardegna ricerche e mondo delle imprese in modo da consolidare tutta la catena dell’innovazione: dalla ricerca, al trasferimento tecnologico, alla commercializzazione;

•        agevolare l’accesso al capitale di rischio;

•        sostenere e sviluppare una rete regionale di incubatori di impresa che favoriscano il sorgere di nuove iniziative imprenditoriali ad alto contenuto innovativo

•        sostenere e sviluppare le infrastrutture materiali e immateriali necessarie per la ricerca di base, la ricerca applicata e il processo innovativo nel settore pubblico e privato

ampia partecipazione al mercato del lavoro negli anni della Giunta di centrodestra il numero di occupati in Sardegna è sceso a 560 mila individui (dato del terzo trimestre 2013), il livello più basso dal 2004. Dal 2008 sono stati cancellati in Sardegna circa 60mila posti di lavoro. complessivamente il tasso di occupazione nella fascia di età tra i 20 e i 64 anni è, oggi, al 51%, molto lontano dall’obiettivo fissato per l’Italia (67%) dalla strategia Europa2020, al fine di garantire la sostenibilità del nostro sistema del welfare. si contraggono, in particolare, gli occupati dell’industria in senso stretto e del settore delle costruzioni, senza che siano compensati dal debole incremento del settore dei servizi, a conferma del processo di trasformazione in atto nella nostra economia. soprattutto in alcune aree della nostra regione, sono stati effettuati, nei decenni, enormi investimenti altamente specializzati in produzioni che oggi appaiono in larga misura non più in grado di affrontare la concorrenza internazionale e le produzioni localizzate in Paesi in via di sviluppo. Gestire questa trasformazione è essenziale e la nostra regione ha l’urgente necessità di organizzarsi al meglio per competere in altri, più sofisticati campi. Gli ultimi cinque anni, caratterizzati dall’assenza di un governo politico del sistema, la strumentazione adottata nel campo delle politiche del lavoro si è contraddistinta per estemporaneità e scarsa efficacia degli interventi.

noi vogliamo aumentare le risorse destinate alle politiche del lavoro e superare l’attuale fase di spesa senza controllo valutando la qualità e l’efficacia di quanto viene fatto. Bisogna fornire ai disoccupati sicurezza e protezione e aggiornare le loro competenze soprattutto in aree in rapida trasformazione strutturale, dove è spesso vero che crisi apparentemente temporanee di interi comparti produttivi nascondono un persistente cambiamento di vantaggi competitivi dei territori coinvolti. la nostra regione, come in parte il resto del Paese, non è dotata di istituzioni adeguate ad affrontare i problemi generati dalle crisi. ciò pone questioni cruciali: come dotarsi di interventi appropriati sia a livello regionale che territoriale, come utilizzare i fondi europei, come interagire con le grandi imprese che lasciano la Sardegna per ottenere da loro un co-finanziamento degli istituti in grado di offrire i servizi ai lavoratori licenziati, come offrire localmente servizi di orientamento e di formazione di qualità sufficiente da consentire ai lavoratori una transizione rapida dalla vecchia alla nuova occupazione. ma, non basta intervenire prontamente, è necessario che prontamente vengano anche valutati gli interventi messi in campo, per sospendere quanto prima quelli che non funzionano e potenziare quelli che si dimostrano efficaci nell’aumentare le probabilità di occupazione della nostra forza lavoro.

E’ necessario garantire copertura reddituale temporanea ai lavoratori legata in maniera imprescindibile alla partecipazione a piani individuali di formazione (adeguatamente personalizzati e strutturati in funzione dei fabbisogni del mercato) e ad un processo di reinserimento comprensivo anche della possibilità di un percorso di auto imprenditorialità attraverso i quali la probabilità di ottenere una nuova occupazione cresca in modo sostanziale. Per fare ciò è necessario migliorare in modo significativo la qualità dei sistemi formativi e promuovere il massimo di integrazione possibile del sistema di istruzione e formazione professionale con l’Università, il territorio, il sistema produttivo e sociale. malgrado il sostegno e gli obiettivi Europei attraverso il FsE nelle diverse programmazioni regionali, la regione Sardegna, nel corso degli ultimi cinque anni è rimasta immobile. Dal 2009 a oggi lo stanziamento regionale per gli interventi di formazione professionale, oltre all’obbligatorio cofinanziamento del FsE, si è ridotto del 90%. ma sulla formazione non c’è solo un problema di spesa ma sopratutto di come si spendono le risorse. i dati a nostra disposizione sulla formazione sarda sono del tutto insufficienti, e la gestione della filiera formativa continua a rimanere dispersa nell’ambito di competenze e assessorati diversi. E’ dunque necessario dotarsi di un organico piano di riforma dei sistemi dell’istruzione e della Formazione Professionale che: i) riorganizzi la governance e il sistema di accreditamento ii) risolva il mancato collegamento tra istruzione – formazione – università e sistemi di lavoro, iii) predisponga un sistema informativo di monitoraggio e valutazione dell’efficacia delle azioni formative. inoltre, uno degli ostacoli maggiori per una piena realizzazione di programmi efficaci di inserimento e reinserimento lavorativo riguarda l’inadeguatezza delle attuali strutture del centri dei servizi per il lavoro che devono invece costituire il fulcro nevralgico per la gestione del disoccupato/inoccupato e favorire l’incontro tra domanda e offerta di lavoro. in Sardegna solo 1.3% delle imprese gestisce le assunzioni mediante selezione effettuata dai centri (in trentino il 5,3%). chi si rivolge a questi servizi esprime richieste su percorsi di orientamento, formazione, opportunità lavorative di tirocini e stage che le attuali strutture non sono in grado di soddisfare. in svezia ogni operatore dei centri dell’impiego gestisce circa 46 persone in cerca di lavoro, in Italia 825. abbiamo bisogno che le attuali strutture cls e non siano non più luoghi di burocrazia, ma abbiano le professionalità in grado di attivare servizi come il bilancio delle competenze o il marketing territoriale e forniscano informazioni direttamente consultabili online.

tra le azioni principali occorre dunque:

•        rifondare completamente i servizi regionali per l’impiego e potenziarne l’organico in linea con standard di qualità adeguati e con figure professionali specifiche;

•        potenziare i bandi per il sistema dei tirocini formativi di orientamento che attraverso il sistema dei voucher possa consentire un primo ingresso nel mondo del lavoro ad almeno 10.000 persone ogni anno tra giovani e categorie svantaggiate;

•        rafforzare gli incentivi all’apprendistato con progetti mirati in accordo con le organizzazioni imprenditoriali;

•        sviluppare partenariati con le parti sociali e il mondo del lavoro per pianificare il sistema della formazione e istruzione in maniera funzionale alla domanda di nuove professioni e secondo i principi della formazione continua;

•        predisporre interventi mirati a favore delle imprese che si impegnano ad effettuare nuove assunzioni volte a incrementare gli organici;

•        prevedere un sistema di incentivi che favorisca una evoluzione intelligente dei modelli di lavoro – come orari flessibili, telelavoro, job sharing – che consentano la rimozione degli ostacoli al lavoro per donne o uomini impegnati nella cura dei figli o per giovani che vogliano affiancare il lavoro allo studio o alla formazione professionale;

•        stanziare fondi addizionali per interventi straordinari sulle infrastrutture scolastiche, con funzione anticiclica, volto all’apertura immediata di cantieri per l’occupazione.

 

 

I giovani e l’equità intergenerazionale

nell’attuale crisi chi sta pagando il conto più salato sono le nuove generazioni che faticano a trovare le giuste opportunità nella nostra regione e rappresentano quindi un gruppo sociale vulnerabile. i giovani, nonostante livelli di istruzione più alti di quelli della generazione precedente e un più ampio spettro di possibilità di formazione e mobilità, soffrono comunque un deficit di opportunità di realizzazione se confrontati con la generazione precedente. questo deficit si traduce spesso nella difficoltà ad acquisire i ruoli tipici della vita adulta (farsi una famiglia, raggiungere una indipendenza) e forse ancora più gravemente, a livello più ampio si può trasformare in una radicato senso di emarginazione, frustrazione, distanza dalle istituzioni, scarsa fiducia e in generale distacco dalla vita pubblica.

nella fascia di età 18-29 anni, 4 giovani su 10 non lavorano. la gran parte di loro smette di studiare, non si forma professionalmente, non si prepara al mondo del lavoro e corre il rischio di alimentare le fila dei disoccupati di lungo termine. la disoccupazione colpisce oggi un giovane europeo su quattro. in Sardegna 4 giovani su 10. E’ un fenomeno sociale che riguarda una intera generazione sottraendole speranze e prospettive per il futuro.

Per questo motivo troppi giovani sardi scelgono di emigrare per trovare un lavoro. la mobilità giovanile è un valore aggiunto prezioso. apre nuovi orizzonti e facilita la circolazione di idee. tuttavia, una comunità in cui la mobilità sia l’unica opzione per costruirsi un futuro è una comunità destinata a fallire e che perde la sua identità.

noi vogliamo cambiare radicalmente questa situazione e mettere il futuro dei nostri giovani al centro dei nostri interventi costituendo e sostenendo reti in cui i giovani si sentano pienamente inseriti per poter dare un senso alle loro attività nella e per la Sardegna. i giovani sardi devono sentirsi una risorsa per la loro regione, devono poter vedere la possibilità di costruirvi qualcosa. Devono poter credere che la loro regione creda in loro.

Gli interventi proposti nella parte su scuola, formazione e Università rappresentano il modo migliore per risolvere il problema in futuro in linea con “strategia Giovani” dell’Unione Europea che annovera inoltre tra i suoi otto campi d’azione anche misure specifiche per la partecipazione, l’inclusione sociale e la cultura e creatività. le politiche per i giovani devono considerare che ‘i giovani’ non sono un gruppo omogeneo ma che al loro interno si possono verificare problemi diversi, in relazione al ceto di appartenenza e al genere. Proponiamo anche interventi specifici per:

•        Dare piena attuazione alle direttive europee per l’occupazione giovanile, avviando quanto prima la sperimentazione della “Garanzia Giovani”, una politica attiva del lavoro approvata dal Parlamento europeo e già utilizzata in altri paesi. l’intervento fornisce supporto ai giovani che hanno appena finito le scuole o l’università, oppure hanno abbandonato gli studi che hanno particolari necessità di orientamento nel momento dell’entrata del mondo del lavoro. ma, oltre a ciò, la Garanzia Giovani propone interventi e misure affinché ogni giovane sardo possa ricevere un’offerta qualitativamente buona di lavoro, proseguire gli studi, svolgere un apprendistato o un tirocinio entro quattro mesi dal completamento del percorso scolastico o dal momento in cui perdono il lavoro.

•        istituire un gruppo di lavoro specifico sui giovani con competenze interdisciplinari che monitori qualunque politica proposta in relazione a possibili effetti negativi che potrebbe avere su questo gruppo svantaggiato.

•        coinvolgere i giovani nella costruzione delle politiche promuovendo gruppi di discussione sulla costruzione delle politiche e assicurando la partecipazione dei giovani residenti nei centri periferici rispetto alle città.

•        Potenziare in modo significativo e garantire i percorsi formativi di prima qualificazione indirizzati ai giovani, volti all’acquisizione delle abilitazioni necessarie e soprattutto delle competenze per svolgere attività richieste dal mercato.

•        organizzare spazi di di co-lavoro per abbattere i costi nell’accesso alle professioni e ridurre il disagio dell’isolamento e favorire la collaborazione.

 

 

Garantire la parità di genere

malgrado in Sardegna la componente femminile costituisca la maggioranza e la parte più istruita della popolazione, solo poco più di 4 donne su 10 ha oggi un lavoro. Per avere un quadro chiaro della criticità della partecipazione femminile nel mercato del lavoro sardo, alle 46 mila donne ufficialmente disoccupate (al 2012) va aggiunta anche l’ampia quota di lavoratrici potenziali che, scoraggiate da anni di ricerca infruttuosa, hanno rinunciato a cercare attivamente un lavoro, benché di fatto “sarebbero disponibili a lavorare”, se ne avessero l’opportunità concreta.

Per le donne è più frequente scontrarsi con il dilemma quotidiano della conciliazione tra responsabilità lavorative e compiti di cura familiari, per le mancate risposte in termini di welfare, di servizi, di nido, di trasporti, di organizzazione delle città. allo stesso modo, è più arduo il percorso nella carriera, nella formazione e nei regimi retributivi, oltre che nelle modalità contrattuali, data la loro maggiore presenza nel lavoro non regolare, poco stabile e poco protetto. la scelta di maternità è un fattore fortissimo di blocco, il più intenso e anche il più gravoso, se si pensa al calo demografico impressionante che connota la regione sarda, che presenta il tasso di natalità più basso del paese e un profilo socio-demografico sempre più vecchio. il 39% delle donne che hanno chiesto l’intervento della consigliera regionale di parità negli ultimi anni è stato motivato dal trattamento apertamente discriminante subito a causa della maternità e delle assenze per maternità. ancora oggi troppe lavoratrici, non hanno altra scelta che dimettersi alla nascita di un figlio, e oltre 1 su 4 non rientrerà più nel mercato del lavoro. quali risposte offre la società sarda? in Sardegna la quota destinata ai servizi per l’infanzia e alla cura di anziani e disabili, le due voci che incidono maggiormente sul lavoro di cura familiare non remunerato richiesto prioritariamente alle donne, in capo alle reti familiari e parentali, è inferiore a quanto speso nelle altre regioni del mezzogiorno. solo 13,5% dei bambini fino a 3 anni viene preso in carico dai servizi, contro dati che sfiorano il 30% in regioni come l’Emilia romagna e a fronte di un obiettivo europeo del 33%. inoltre, la qualità dei servizi offerti (in termini di accessibilità, di distribuzione sul territorio, di copertura oraria, etc.) non è in grado di coprire le esigenze delle donne che operano in un mercato del lavoro che richiede loro sempre più flessibilità. oltre a quelli sociali, anche i contenuti politici sostanziali della cittadinanza femminile appaiono incompiuti: il dato sulla rappresentanza femminile in consiglio regionale nell’ultima legislatura, solo 4 consigliere su 80, indica quanta strada ci sia ancora da fare anche nel campo della rappresentanza nelle istituzioni. certo, è più difficile diventare visibili e candidarsi se non si sono già occupate posizioni economicamente o socialmente rilevanti, ma la bocciatura della doppia preferenza di genere nella legge elettorale, senza che siano state proposte altre misure per favorire il riequilibrio tra donne e uomini nel consiglio regionale, non aiuta certamente ad avere una maggiore presenza femminile. Esistono dunque ostacoli strutturali e vincoli culturali, che continuano a limitare l’accesso delle donne ai luoghi delle decisioni che vanno contrastati e rimossi. le donne sarde potrebbero essere una grande risorsa per uscire dalla crisi. Più donne al lavoro, più crescita economica. lo dimostrano i dati recenti sulle imprese femminili: in una situazione di crollo dell’imprenditorialità, le imprese femminili fronteggiano la crisi, crescono nel numero, sono più affidabili e innovative. occorre investire su di loro con un cambio di passo nelle strategie economiche, le donne devono entrare a pieno titolo nell’economia e nelle istituzioni, non è solo giusto, ma conviene a tutti, conviene alla Sardegna. Per fare ciò bisogna superare la frammentazione degli interventi, le azioni spot che in questi anni son state messe in campo, senza una visione strategica e senza efficacia. E’ necessario avviare, come già fatto da tempo in altre regioni (è il caso, ad esempio, della toscana, del Piemonte, dell’Emilia romagna) una nuova e articolata progettualità di interventi:

•        incrementando in modo significativo le politiche di sostegno alle famiglie, tramite la copertura adeguata delle prestazioni sociali che aiutino le persone a comporre le responsabilità private e familiari (cura dei figli, degli anziani, dei disabili) e migliorando i meccanismi di equa partecipazione in quest’ultimo ambito;

•        rafforzando la componente di politiche attive del lavoro (corsi di formazione, incentivi fiscali per l’imprenditoria femminile, estensione della possibilità di ricorrere per scelta al part-time a ad altre modalità flessibili di erogazione delle prestazioni lavorative) a favore delle donne;

•        istituendo una cabina di regia specifica per le Pari opportunità di genere presso la Presidenza della regione, con compiti anzitutto di coordinamento e raccolta delle informazioni e dei bisogni qualificati provenienti dai diversi territori per pianificare le politiche di intervento per la parità su scala regionale come presupposto trasversale all’insieme delle politiche regionali.

 

 

…per creare opportunità di lavoro…

vogliamo una Sardegna capace di creare opportunità di lavoro ampie, diversificate ed moderne. la nostra regione possiede importanti e diffusi vantaggi comparati che non sono ancora pienamente sfruttati e che rappresentano la risorsa cruciale per uno sviluppo equilibrato tra agricoltura, industria e servizi. Perché questo avvenga sono fondamentali i fattori essenziali per la crescita economica: il capitale umano e la disposizione al cambiamento e all’innovazione; ma anche l’apertura ai mercati esterni, una maggiore integrazione tra settori e un effettivo coordinamento nelle iniziative per lo sviluppo economico.

 

 

Una moderna politica industriale

il dato più drammatico dell’economia sarda degli ultimi anni è il rapido ridimensionamento della produzione manifatturiera che si era sviluppata negli anni ‘70 e ‘80 grazie ai grandi investimenti nell’industria di base sostenuti da ingenti risorse pubbliche. si sono pertanto ristretti i margini di intervento per strategie che mirino a guidare i processi di localizzazione dei grandi investimenti che non siano efficienti e competitivi nel medio e lungo periodo. in altri termini, una moderna politica industriale a livello regionale non può eludere le dinamiche di fondo di una economia globale caratterizzata dalla presenza di paesi emergenti sempre più competitivi grazie, soprattutto, alla ampia dotazione di forza lavoro e ai suoi bassi costi.

tuttavia, in diversi paesi industrializzati (Gran Bretagna, Germania, stati Uniti) si nota una ripresa della produzione manifatturiera nonostante il loro costo del lavoro sia enormemente maggiore di quello cinese o indiano. si tratta ovviamente di produzioni basate su “lavoro innovativo” e sull’impiego del macchinario più sofisticato e flessibile esistente: l’uomo. E si tratta di un’industria che, seppure dia lavoro ad una percentuale limitata dei lavoratori ha un impatto enorme sui posti di lavoro riguardanti i servizi locali.

E’ questo uno degli elementi più rilevanti quando si guarda al declino dell’industria: il suo impatto sul territorio nel quale quell’attività è insediata. si calcola che, per ogni posto di lavoro perduto nell’industria, ci siano 1,6 addetti in meno negli altri settori. Un settore di prodotti vendibili, infatti, favorisce l’economia locale sia direttamente, creando posti di lavoro ben pagati, sia indirettamente, producendo ulteriori posti di lavoro in altri settori di prodotti vendibili e non vendibili. ma la novità più interessante è che ogni nuovo “lavoro innovativo” creato in una città dà origine nel lungo periodo a ben altri cinque posti di lavoro in ambito locale. la chiave del successo, la possibilità di creare nuove opportunità di lavoro, in tutti i settori produttivi del sistema, sta quindi nella capacità delle imprese di avere a disposizione forza lavoro e management con alte competenze. l’altra chiave del successo è accompagnare il declino dell’industria “tradizionale”, favorendo lo sviluppo dell’industria dell’innovazione, accelerando il contributo che la nostra regione può avere e può dare alla sua “terza rivoluzione industriale”.

Pertanto la principale politica per “creare lavoro” è formare una popolazione con competenze adeguate, diffuse e in continuo aggiornamento. questo richiede quindi la costruzione da parte della regione di una “filiera” della conoscenza di alta qualità che integri efficacemente la scuola, l’università, la formazione professionale, la formazione continua e l’orientamento al lavoro.

la seconda importante misura di “politica industriale” è la semplificazione burocratica: una “zona franca da cattiva burocrazia” che permetta alle imprese, specie quelle hi-tech o che operano nei settori emergenti e che hanno bisogno di un ecosistema flessibile, di nascere, crescere e competere nell’economia globale senza subire i costi di un’amministrazione inefficiente.

costruite queste premesse, che sono di piena competenza della regione, la Sardegna possiede numerosi “vantaggi comparati” che possono permettere alle imprese di operare con successo in numerosi settori di attività economica: manifattura, energia, green economy, costruzioni, agricoltura, turismo, servizi avanzati. E tali vantaggi possono e devono essere sfruttati dall’intero spettro delle imprese, dall’azienda individuale alla grande società, dall’impresa artigiana a quella industriale, dalla azienda singola al distretto industriale. il denominatore comune di tutte queste attività produttive, capaci di creare nuove opportunità di lavoro, deve essere l’elevato contenuto di conoscenza e di innovazione, la sostenibilità ambientale e l’apertura verso i mercati esterni. intendiamo pertanto promuovere e sostenere:

•        gli investimenti nelle nuove tecnologie e nell’innovazione, in linea con un rinnovato piano regionale per la ricerca e innovazione più orientato a tradurre la ricerca sarda in un vantaggio per il sistema produttivo locale e meglio raccordato con “horizon 2020”;

•        un più favorevole accesso ai mercati dei capitali e al credito, raccordando al meglio le molte iniziative, a partire dal sistema delle garanzie alle imprese e dai fondi di capitale di rischio, con i programmi comunitari 2014-2020, come cosmE, e le analoghe iniziative a livello nazionale;

•        una profonda riorganizzazione e semplificazione del sistema degli incentivi all’impresa, privilegiando forme di incentivazione tramite servizi reali e incentivi fiscali allo sviluppo dell’investimento privato;

•        incentivi fiscali e altri servizi reali per le imprese innovative, specie quelle costituite da giovani;

•        la competitività sostenibile del settore delle costruzioni e dell’industria, con l’obiettivo di assumere un ruolo di primo piano nell’utilizzo di fonti rinnovabili, nella diffusione di queste tecnologie sul proprio territorio e rappresentare a livello nazionale un esempio di innovazione energetica e ambientale;

•        infrastrutture adeguate, a partire da quelle necessarie a potenziare la rete di trasmissione dati e ad integrare le energie rinnovabili nel sistema elettrico e contribuire all’efficienza energetica;

•        l’imprenditorialità, attraverso un percorso integrato istruzione scolastica ed universitaria e imprese per stimolare le capacità imprenditoriali dei giovani e la loro capacità di fare impresa;

•        le piccole e medie imprese e le giovani imprese promuovendo interventi con regimi agevolati;

•        l’internazionalizzazione delle imprese sarde, attraverso un programma di promozione unico e coordinato per l’intera regione, fortemente correlato alle iniziative varate a livello nazionale, sotto un marchio Sardegna declinato in maniera moderna e che nasca dalla definizione di adeguate linee “prodotto”. il programma verrà affiancato dalla costituzione di un fondo unico per l’internazionalizzazione e la promozione che raccoglierà tutte le risorse regionali attualmente distribuite tra i vari assessorati;

•        il varo di un vero sistema di accompagnamento alle crisi d’impresa improntato a principi e meccanismi di “flessicurezza”, capaci di favorire le caratteristiche di un mercato del lavoro in forte evoluzione, e dove sia centrale la difesa dei lavoratori e del patrimonio di esperienze e competenze di cui sono portatori, attraverso l’introduzione di sussidi temporanei legati in maniera imprescindibile alla formazione (adeguatamente personalizzata e strutturata in funzione dei fabbisogni del mercato) e ad un processo di reinserimento che può anche prevedere il finanziamento di un percorso di auto imprenditorialità.

tutto ciò richiede però anche una nuova regia delle competenze regionali in materia di

imprese con l’istituzione dell’assessorato regionale per lo sviluppo economico, che assicuri una governance unitaria delle politiche per le attività produttive, prevedendo interventi che possano favorire la capitalizzazione delle imprese, un più facile accesso al credito, il sostegno alle imprese innovative e l’apertura ai mercati internazionali.

agricoltura e sviluppo locale così come per gli altri settori produttivi anche per l’agricoltura i fattori capaci di garantirne lo sviluppo sono la conoscenza, le infrastrutture e la tecnologia. la questione rurale è più che mai attuale e nelle agricolture europee sono in atto alcune importanti trasformazioni che permettono ai produttori di conservare una parte maggiore del valore aggiunto prodotto, diminuendo la loro dipendenza da attori economici più forti.

•        l’affermarsi di un ruolo multifunzionale dell’agricoltura capace di produrre, congiuntamente ai beni agricoli, anche esternalità e beni collettivi (presidio del territorio, salvaguardia dell’ambiente e tutela delle risorse naturali, biodiversità, ricreazione, valorizzazione delle tradizioni e dei saperi locali).

•        la rinascita del modello contadino, come processo di differenziazione che favorisce le imprese autorganizzate, che massimizzano la resa del capitale lavoro e di quello ecologico, rafforzato dal riaffacciarsi in agricoltura dei giovani e dal ricorso a modelli produttivi più sostenibili e durevoli.

•        il cambiamento dei modelli di consumo, con la crescente importanza di mercati locali, filiere corte e nuove pratiche di consumo sostenibile.

•        i nuovi legami tra città e campagna: dal mondo rurale emergono risposte a richieste provenienti da tutta la società (beni ambientali e cibi più sani, di qualità e sicuri), che sfociano in varie forme di filiere corte, connessi ad agriturismi e all’agricoltura sociale.

queste trasformazioni si connettono alla nuova Politica agricola comunitaria (Pac) che ha dato centralità ai territori rurali e alla valorizzazione delle loro specifiche potenzialità-risorse attraverso i distretti rurali soprattutto nelle zone colpite da elevato malessere demografico, spopolamento e rischio di abbandono.

il sistema agricolo regionale ha dimostrato in questi anni di crisi di avere potenzialità per l’intero sistema economico regionale. nel decennio 2000-2010 si è realizzato un processo di concentrazione delle aziende che ha portato ad un aumento della dimensione media per azienda (da 9 ha a 19, più che doppia rispetto a quella Italiana). questo incremento significativo della dimensione media si salda con il mantenimento della conduzione diretta e familiare, l’aumento delle imprese femminili e dei conduttori giovani. la Sardegna ha un Pil legato all’agricoltura, silvicoltura e pesca pari a circa 1 miliardo di Euro, esporta beni agroalimentari per 140 milioni di Euro ogni anno, ma ne importa per 225 milioni. È necessario puntare al riequilibrio della bilancia commerciale dell’agricoltura facendo leva sulla straordinaria varietà dei nostri prodotti tipici, con elevate punte di eccellenza. È possibile iniziare dal mercato interno, con politiche pubbliche che premino i consumi di prodotti a chilometro zero, favoriscano la ricerca della qualità e l’innovazione di prodotto (tra cui la filiera biologica) e stimolino un miglioramento complessivo dell’offerta agroalimentare. la Sardegna vanta un antico patrimonio di specie, il cui recupero e valorizzazione garantirebbe lo sviluppo di un’agricoltura sostenibile e la tutela delle produzioni agricole tradizionali come la viticoltura e l’olivicoltura. in un mondo dove, per effetto delle pressioni demografiche, il cibo di qualità diventa

risorsa sempre più preziosa, va superata l’idea dell’agricoltura come scelta lavorativa residuale, promuovendo l’imprenditoria rurale tra le nuove generazioni, supportando l’accesso al credito e il sostegno ai progetti innovativi d’impresa. in particolare, ci proponiamo di intervenire sul settore agricolo e dell’allevamento secondo tre direttrici: il territorio, le imprese e le produzioni.

 

Il territorio

•        riconoscere il ruolo dell’impresa agricola multifunzionale, individuando specifiche modalità di compensazione economica per la vasta gamma di “beni pubblici” associati alla produzione di alimenti (ambiente, risorse naturali, paesaggio, tutela e gestione del territorio, ecc.).

•        Favorire l’evoluzione verso la forma distrettuale, anche mediante strumenti legislativi, ponendola in relazione con le azioni comunitarie leader e Gal adatte a diversificare e qualificare i territori.

•        rinnovare il ruolo e le funzioni delle terre civiche, confermando la loro rilevanza e necessità come bene comune appartenente a tutta la collettiva, in primo luogo locale e poi regionale.

 

Le imprese

•        Promuovere lo sviluppo di imprese orientate ad una moderna visione della competitività, basata sull’adozione di innovazioni, su un utilizzo efficiente e sostenibile delle risorse naturali, nonché su strategie di diversificazione, seguendo la doppia direttrice della internalizzazione dei segmenti a valle della filiera e dell’ampliamento delle attività (agriturismo, fattorie didattiche e sociali, agricoltura sociale, produzione di energia da fonti rinnovabili).

•        sostenere le filiere agroalimentari di qualità, attraverso politiche di comunicazione e informazione legate alla più generale immagine della Sardegna.

•        Promuovere l’aggregazione dei produttori agricoli dentro strutture di coordinamento come le organizzazioni di produttori, i consorzi di tutela e le organizzazioni interprofessionali, con la finalità di aumentare la massa critica di prodotto gestito direttamente dalla componente agricola e di farne crescere, così, il potere contrattuale rispetto agli altri soggetti della filiera.

•        supportare l’ammodernamento delle strutture e attrezzature aziendali, favorendo il ricambio generazionale, sia all’interno della famiglia che esterno, e la valorizzazione ed integrazione delle competenze.

•        semplificare i processi amministrativi in relazione alle agenzie regionali arGEa, aGris, laorE, rafforzandone il ruolo di accompagnamento delle politiche (vedi pregressa esperienza Gal).

•        rafforzare gli interventi finalizzati a rimuovere e prevenire le cause delle principali calamità che impoveriscono l’agricoltura della Sardegna (ad esempio, integrare le policy per la prevenzione incendi).

 

Le produzioni

•        valorizzare la biodiversità di cui la Sardegna dispone proprio in ragione della sua insularità.

•        valorizzare le filiere produttive di qualità, basate sui prodotti tipici e sui saperi locali diffusi. nel caso della filiera ovi-caprina superare la dipendenza dall’export di Pecorino romano, spostandosi sulla produzione di formaggi di qualità.

•        nelle zone pastorali estensive favorire lo sviluppo di marchi certificati che puntino a mantenere il valore aggiunto dei prodotti e dell’indotto in Sardegna.

•        sostenere forme di filiera corta, canali alternativi di distribuzione e di vendita diretta che creino nuove sinergie tra rurale e urbano.

•        incentivare l’uso efficiente dell’acqua irrigua, già disponibile nei consorzi di Bonifica (se ne utilizza mediamente meno del 30% sul totale disponibile)

•        Governare attivamente le tensioni tra domanda e offerta di filiere agroindustriali per la produzione di biomateriali e biomasse per uso energetico, puntando su sistemi colturali ben integrati.

 

 

Un turismo che faccia sistema

la Sardegna dal 2008 al 2012, in controtendenza rispetto al contesto nazionale, ha perso 245 mila arrivi e 1,5 milioni di presenze turistiche. l’aumento delle tariffe di trasporto marittimo e il persistere della crisi hanno solamente amplificato alcune tendenze di declino dei flussi turistici in Sardegna già in atto e imputabili soprattutto al mercato Italiano. la concentrazione stagionale dei flussi non ha subito variazioni di rilievo, con oltre una presenza su due registrata nel solo bimestre luglio- agosto 2012.

nello stesso periodo la Sardegna registra un incremento complessivo di circa 6.500 posti letto nel settore alberghiero e la perdita di circa 5.500 letti in quello extralberghiero. la dimensione media delle strutture è in costante ascesa confermando i primati a livello nazionale; tale accrescimento convive con una rilevante parcellizzazione in alberghi di medio-piccole dimensioni, pari al 50% del totale, il cui frequente isolamento strategico e operativo si traduce in una modesta propensione all’aggregazione e all’innovazione. l’indice di utilizzazione lorda registra un andamento negativo confermando valori sensibilmente inferiori alla media nazionale; l’indice di utilizzazione netta rispecchia una crescente contrazione dei periodi di apertura delle strutture nel corso dell’anno (40% nel 2012).

nell’ultimo quinquennio l’attuale Governo regionale ha invano perseguito l’incremento e la destagionalizzazione dei flussi attraverso una politica confusa di diversificazione di prodotto e di riorganizzazione dell’offerta che ha prodotto i fallimentare risultati prima richiamati. le tardive linee strategiche di settore hanno rappresentato il preludio a ulteriori provvedimenti di pura facciata di fine mandato, quali l’istituzione dell’osservatorio del turismo, artigianato e commercio e della Destination management organisation.

il turismo è una risorsa strategica per la Sardegna, per le risorse dirette che produce e per la possibilità che offre di allargare il mercato per i propri prodotti artigianali e agroalimentari. la nostra sfida consiste nel superare l’attuale fase di maturità e gli evidenti segnali di declino della destinazione, il nostro impegno è per un riposizionamento competitivo che sappia raccogliere le opportunità di mercato attraverso un nuovo sistema di relazioni tra operatori economici e risorse ambientali e culturali. ciò che vogliamo è un turismo 360 giorni all’anno, capace di contribuire in maniera più incisiva alla crescita della ricchezza regionale e alla creazione di posti di lavoro.

a tal fine proponiamo le seguenti linee di intervento da parte della regione:

•        realizzazione di un osservatorio turistico regionale per monitorare il settore, anticipare le dinamiche, attivare tempestivamente gli interventi correttivi necessari, promuovere un maggiore orientamento al mercato da parte degli operatori;

•        destagionalizzare il movimento turistico attraverso l’incentivazione dei collegamenti aerei di corto e medio raggio in ambito europeo, nel rispetto della normativa comunitaria e valorizzando una maggiore propensione al viaggio in media e bassa stagione;

•        avviare un sistema di relazioni tra operatori di settore e territori per l’attrazione di segmenti di domanda nel turismo attivo e del benessere, sociale, accessibile, ambientale e culturale;

•        realizzare il progetto di riforma legislativa relativo alle tipologie e alla classificazione delle strutture ricettive in linea con le aspettative del mercato;

•        diversificare e riqualificare le dotazioni e i servizi delle strutture “generaliste” marino-balneare per le esigenze di una domanda turistica variegata e riferibile a periodi di fruizione più ampi; • incentivare la progressiva emersione e professionalizzazione dell’offerta di seconde case ad uso vacanza attraverso l’implementazione di innovative formule organizzative con il coinvolgimento degli operatori del settore immobiliare e ricettivo;

•        promuovere l’offerta ambientale e culturale delle aree interne per consolidare il turismo rurale e sviluppare nuove forme di vacanza attiva e di benessere;

•        promuovere i flussi di turismo nautico e rimodulazione e riqualificazione della capacità ricettiva diportistica verso target a maggiore valore aggiunto;

•        sostenere la formazione di network di prodotto, capaci di stimolare la specializzazione dei territori e degli attori economici su specifici tematismi e/o modalità di fruizione;

•        incentivare i processi di commercializzazione degli operatori di settore promuovendo l’accesso al prodotto Sardegna da parte dei consumatori nazionali e esteri attraverso il portale di destinazione;

•        ampliare la diffusione dei sistemi di certificazione e di gestione ambientale presso gli operatori di settore;

•        migliorare la cultura dell’accoglienza nelle comunità e tra gli operatori di settore anche con il potenziamento dell’alta formazione universitaria in materia turistica;

•        promuovere una legge per la tutela delle arti tradizionali;

•        valorizzare il patrimonio immateriale della Sardegna.

 

 

Cultura, identità e sviluppo

Perché la Sardegna, con un patrimonio archeologico e artistico di grande originalità e suggestione, una costellazione di festival di richiamo, una vivace situazione creativa nella letteratura, nel cinema e in altri settori, appare come una regione tutto sommato marginale e periferica nella scena culturale contemporanea e come un territorio incapace di far leva sulle risorse che possiede per produrre valori sociali ed economici?

se l’isola ha consistenti risorse culturali, queste ultime non sono sempre adeguatamente tutelate e ancor meno valorizzate. E’ mancata finora una visione dinamica del patrimonio culturale, in cui passato e presente dialoghino per gettare i semi del futuro, per creare un ambiente propizio all’innovazione e generare occupazione; è mancata la capacità di allargare l’orizzonte al contesto in cui i beni sono inseriti, alle relazioni storiche che ne esaltano i significati, alle potenzialità di figurare all’interno di un’offerta integrata che unisca cultura e ambiente, saperi tradizionali e creatività contemporanea, nuove produzioni e cultura dell’ospitalità.

le cifre del recente rapporto sui musei e luoghi della cultura in Italia (istat, 2013) la dicono lunga in proposito: abbiamo più comuni con almeno un museo rispetto alla media del mezzogiorno ma anche un numero più elevato di istituti che aprono solo in alcuni mesi dell’anno o occasionalmente, le reti museali organizzate sono largamente insufficienti, l’offerta culturale spesso ridotta al minimo.

tutto questo richiede investimenti significativi, protratti e attentamente mirati. non si tratta solo di potenziare gli attuali presidi culturali promuovendone la messa a sistema, ma di attuare una programmazione dell’offerta culturale complessiva (dai festival musicali, letterari e cinematografici alle mostre, dalle manifestazioni folkloristiche alle residenze d’artista, agli eventi legati alla cultura del cibo), accompagnando, anche con servizi reali e benefici economici, la crescita e realizzazione dei progetti più validi e potenzialmente trainanti rispetto al contesto.

occorre innalzare la qualità del “passaggio in Sardegna” con interventi volti a creare sinergie tra i vari eventi, a facilitare la fruizione dei siti e del patrimonio, ampliare la platea dei visitatori e l’interscambio tra i diversi pubblici, accrescere l’impatto economico (diretto, indiretto e indotto) dei flussi, animare le comunità locali e favorire l’inclusione sociale. sul ruolo della cultura come motore di innovazione, fattore chiave nella formazione del capitale umano e nei processi di rigenerazione urbana, non sono mancate in questi anni significative esperienze di progettazione partecipata, i cui esiti sono stati frustrati e disattesi dalle assemblee elettive o dal puro dirigismo. all’opposto, il nuovo governo regionale intende fare tesoro delle indicazioni emerse in questi importanti momenti di pianificazione comunitaria. l’azione di governo si prefigge di

•        colmare le lacune dell’attuale legislazione, per superare mediante maggiori poteri di coordinamento l’attuale frammentazione delle iniziative;

•        ampliare la gamma delle forme di sostegno, limitate per ora al mero sostegno finanziario;

•        promuovere la diffusione di idonei modelli gestionali e di buone prassi per l’affidamento di spazi e strutture pubbliche;

•        stabilire regole trasparenti per la ripartizione delle risorse e la verifica dei risultati;

•        accompagnare con incentivi e servizi reali l’inserimento di figure professionali in aree chiave quali la comunicazione, social e nuovi media, promozione, progettazione eventi, ricerca fondi, animazione territoriale e gestione della domanda;

•        promuovere, mediante incentivi e servizi reali, la costituzione di reti entro cui razionalizzare la programmazione e conseguire le economie di scala e di scopo che la maggiore dimensione permette;

•        ottimizzare l’effetto degli investimenti favorendo la circuitazione delle proposte artistiche e di spettacolo sia all’interno sia all’esterno del territorio regionale;

•        incentivare il contributo dei privati alle politiche e alle risorse per la cultura; come insegnano le migliori esperienze nazionali e internazionali, un investimento lungimirante nelle risorse culturali e nelle sue molteplici espressioni può consolidare la reputazione, la creatività e la capacità organizzativa di un intero sistema territoriale e segnare una svolta nelle sue prospettive di sviluppo.

 

 

L’inganno della Zona Franca integrale

l’attuale Presidente della regione si fa paladino, come unica leva per restituire competitività e benessere alla nostra isola, di una richiesta verso il Governo e l’Unione Europea di una “zona Franca integrale” per la Sardegna. la proposta si muove all’interno di un quadro rivendicativo nei confronti dello stato e dell’Unione Europea totalmente privo di qualsivoglia analisi di fattibilità, sostenibilità, performance e di impatto, e di un programma di sviluppo e di riforme coerenti che creino le basi per introdurre lo strumento vagheggiato. si tratta di un vero inganno nei confronti dei cittadini sardi che va denunciato con forza.

Pur a fronte di un indiscutibile fascino evocativo, capace di avere presa e risonanza, l’idea di fare della Sardegna una “zona franca integrale” per l’Europa, denota infatti una totale confusione sul fronte delle politiche volte a promuovere uno sviluppo equilibrato della nostra regione, come pure una inadeguata conoscenza e valutazione degli oltre 30 anni di esperienza in questo tipo di intervento.

nessuno può infatti contestare che regimi fiscali favorevoli come la zona Franca , sotto particolari condizioni, possono contribuire a rilanciare investimenti e consumi. non sono quindi in discussione le potenzialità dello strumento, quanto piuttosto le modalità e precondizioni che si devono realizzare affinché le zone franche possano produrre gli effetti indicati. il successo infatti non è scontato, ma, come dimostrato ampiamente dalla vasta letteratura e dagli studi sul tema, sin dall’inizio dipende strettamente dalle scelte operate nella definizione degli interventi di agevolazione e delle procedure amministrative con particolare riferimento all’integrazione delle zone con le economie di cui esse sono parte come Italia e Unione Europea nel caso della Sardegna. la prima confusione riguarda proprio la completa sottovalutazione di ciò che determina il successo di quella che viene impropriamente definita “zona Franca integrale”. la rivendicazione avanzata in questi ultimi mesi, infatti, è priva di qualsiasi chiara indicazione su:

•        livello incentivi fiscali e loro copertura finanziaria al fine di renderli competitivi con le analoghe aree operanti nel bacino del mediterraneo;

•        previsioni di restrizioni nei controlli e irrigidimento delle procedure amministrative o regolamentari derivanti dall’istituzione della zona Franca sull’intero ambito regionale;

•        vincoli alla circolazione di merci e cittadini;

•        tipologie di merci e produzioni che potranno effettivamente beneficiare delle migliori condizioni legate agli accordi multilaterali o regionali che regolano gli scambi commerciali tra stati;

•        investimenti infrastrutturali collegati alla zona franca e loro copertura finanziaria;

•        riforma e sviluppo delle strutture amministrative coinvolte nell’amministrazione della zona franca;

•        coinvolgimento dei privati nello sviluppo della zona franca. la proposta appare inoltre particolarmente confusa sul fronte della “concezione” stessa della zona, poiché il concetto di “zona Franca integrale” avanzato mischia tipologie assai differenti: zona franca doganale, zona industriale per l’esportazione, zona franca urbana, porti franchi, zone specializzate. Un ulteriore elemento di confusione e inganno riguarda le risorse finanziarie necessarie a sostenere la realizzazione di questo progetto e la sua chiara insostenibilità sul fronte della tenuta dei conti pubblici e dei servizi essenziali resi ai cittadini. Dobbiamo ricordare che qualsiasi imposta riscossa in Sardegna genera automaticamente un’entrata nel bilancio della regione per effetto del regime delle compartecipazioni fiscali garantito dall’articolo 8 dello statuto. solo a titolo d’esempio la riduzione dell’iva di un 2% (ossia passare dal 21% al 19%), comporterebbe per la regione Sardegna minori entrate per 181 milioni di euro. tagliare completamente il gettito dell’iva, invece, vorrebbe dire per la Sardegna rinunciare ai circa 1900 milioni di Euro di entrate contabilizzate in bilancio a tale titolo. Giusto per dare un’idea: il 57% della spesa sanitaria regionale che rimarrebbe senza copertura. queste minori risorse andrebbero ad accrescere il residuo fiscale della nostra regione già oggi fortemente passivo. il totale delle imposte raccolte nell’isola, infatti, non copre il costo delle spese pubbliche sul territorio con un saldo negativo di 4,8 miliardi di Euro (7,1 per il settore pubblico allargato), circa 3.000 Euro all’anno per ogni residente in Sardegna. nel contesto delle politiche di contenimento della spesa indotte dall’elevato debito pubblico nazionale – che ha portato tagli consistenti ai bilanci degli enti locali – sembra solo illusorio e ingannevole che la nostra regione possa ottenere, dallo stato, tagli alle imposte che non sia in grado di finanziare autonomamente (come comprova in maniera inequivocabile la modifica dell’art.10 dello statuto concordato recentemente con il Governo). Per questo ogni ragionamento serio sui tagli al gettito delle imposte non può prescindere dall’indicare in maniera chiara quale spesa si intenda cancellare per mantenere in equilibrio il bilancio.

su questi temi, fuori da ogni promessa elettorale ed inganno, siamo pronti ad aprire un confronto vero e concreto con le associazioni, i movimenti, i gruppi di interesse, che hanno, in questi anni, sostenuto la richiesta per una zona franca nell’isola, per arrivare ad un risultato che sia in grado di portare risultati tangibili per le famiglie e le imprese della Sardegna.

noi ci impegniamo a promuovere l’istituzione e la realizzazione di specifiche zone Economiche speciali, all’interno di un quadro coerente di regole e strategie, senza compromettere un livello adeguato dei servizi pubblici di cui tutti i sardi dovranno beneficiare, e all’interno di un programma che è proiettato a costruire le basi per un incremento generalizzato del benessere economico e sociale dei sardi.

in particolare puntiamo a promuovere i seguenti interventi:

•        il rafforzamento della riduzione della pressione fiscale sulle imprese all’interno del più generale processo di riorientamento della fiscalità e delle risorse regionali e statali;

•        l’estensione del modello territoriale di fiscalità di vantaggio, elaborato per il sulcis, alle aree interne svantaggiate dell’isola secondo quanto previsto dall’UE con gli interventi per le zone franche urbane;

•        la piena operatività dei punti franchi doganali della Sardegna istituiti ai sensi del Dl n.75, 10/03/98 (norme di attuazione dello statuto speciale della regione Sardegna concernenti l’istituzione di zone franche) e della lr n.20 del 2/08/13, adottando per questi un modello di zona Economica speciale concepito e strutturato, secondo le migliori esperienze internazionali, in modo da:

–        consentire la localizzazione nella stessa area delle imprese manifatturiere e di quelle commerciali e dei servizi, imprese estere e locali, attività esistenti o nuove;

–        promuovere lo sviluppo e gestione dell’area da parte di partenariati pubblici – privati; –        sviluppare un appropriato ed integrato insieme di incentivi sia fiscali che normativi, regolamentari ed autorizzativi da attribuire alle imprese ed operatori della zEs.

 

 

Una seria politica di bilancio

Un elemento fondamentale per avviare una nuova politica di sviluppo è promuovere una seria politica di bilancio e fiscale. E’ infatti evidente che il programma di cambiamento che vogliamo realizzare deve essere sostenibile anche dal punto di vista finanziario e non generare disavanzi ovvero scaricare su cittadini ed imprese maggiori spese ovvero riducendo i livelli ottimali dei servizi. su questo fronte agiremo su quattro direttrici:

•        portare a definizione la vertenza entrate con lo stato;

•        ricostituire l’agenzia regionale delle Entrate

•        avviare un’azione di revisione della spesa pubblica volta a ridefinire dalla base i meccanismi e le voci di spesa della regione

•        avviare un programma di contenimento della pressione fiscale su cittadini ed imprese sarde. sul primo punto, si tratta di una partita che è stata colpevolmente mal presidiata dalla Giunta di centrodestra e che ha riportato le lancette dell’orologio indietro di molti anni, quando l’allora assessore, Francesco Pigliaru, si era trovato a confrontarsi con un livello di trasferimenti statali sul fronte delle entrate sensibilmente inferiore alle risorse raccolte dallo stato sul nostro territorio. Una situazione analoga si è venuta a determinare in questo periodo di legislatura, come peraltro evidenziato dalle stesse associazioni imprenditoriali, le quali, recentemente, hanno segnalato il mancato riconoscimento di consistenti risorse su iva, accise e irEs. a tale proposito, e sempre avendo a riferimento i conti Pubblici territoriali 2011, l’iva ammontava a 2.802 milioni di euro. alla Sardegna avrebbero dovuto essere riconosciuti i 9/10 pari a 2.522. viceversa nei bilanci degli ultimi tre anni, l’ammontare medio è stato di 1.800 milioni di euro, con un divario di circa 500 milioni di euro che solo in parte può essere giustificato dalla particolare formulazione dell’art.8. sulle accise dei prodotti petroliferi sembrerebbe invece che, a fronte di un’imposta complessivamente versata pari a 425 milioni di euro, alla regione ne sarebbero stati riconosciuti 323 milioni di euro, e non 383 milioni che costituiscono i 9/10 da attribuire alla Sardegna. anche in questo caso ci sarebbero pertanto 60 milioni di mancate risorse.

Pertanto, non solo: non è stata chiusa la vertenza sulle entrate aperta dalla Giunta Soru, assicurando i circa 600 milioni all’anno di maggiori entrate fiscali che avrebbero dovuto essere riconosciuti alla Sardegna a partire dal 2010; non si è stati in grado di concordare un allentamento del Patto di stabilità in ragione della maggiore disponibilità di risorse; ma l’impasse sulla vertenza ha registrato anche una minore attenzione e presidio sull’effettivo ammontare delle risorse di cui la nostra regione ha diritto. inoltre va evidenziato che il mancato adeguamento dei vincoli del patto, al fine di adeguare la capacità di spesa della Sardegna alle nuove funzioni da essa esercitate, ha imposto di fatto un incremento di risparmi a carico della regione stessa, in misura pari alla differenza tra le maggiori risorse di cui dispone e le spese rimaste invariate. a fronte di tali risparmi, non possono che determinarsi minori prestazioni in favore dei cittadini sardi con riferimento alle funzioni trasferite: queste ultime, infatti, non sono più erogate dallo stato e non possono nemmeno essere erogate dalla regione, a causa di vincoli del patto che restano immodificati.

l’adeguamento dei predetti vincoli, costituisce pertanto una condizione necessaria al conseguimento dei risparmi nella misura fissata dalla legge. quanto avvenuto denota inoltre la necessità di ricostituire l’agenzia delle Entrate regionale, come strumento della regione per la gestione dei rapporti tributari tra la Sardegna e lo stato e come presidio tecnico ed informativo volto ad assicurare una migliore e più puntuale conoscenza dell’ammontare di risorse versate allo stato da cittadini ed imprese sarde.

l’azione sul fronte delle entrate sarà accompagnata da un piano di legislatura per la “spending review” al fine di operare una revisione profonda sul fronte della spesa regionale, anche attraverso una ridefinizione delle strutture organizzative, delle procedure di decisione e di attuazione, dei singoli atti all’interno dei programmi, tenendo conto dei risultati. il Piano dovrà pertanto integrarsi con l’azione di semplificazione promossa dalla regione con il progetto “Sardegna zona Franca dalla cattiva Burocrazia”. inoltre, verrà avviato un programma di legislatura con il compito di:

•        monitorare l’andamento della pressione fiscale su cittadini ed imprese sarde, disgiungendo le diverse componenti, nazionali e locali.

•        introdurre misure ed interventi volti a semplificare il quadro dei tributi regionali e ridurre la pressione fiscale. a tale proposito va evidenziato che l’unico intervento definibile come afferente alla “fiscalità di vantaggio”, la riduzione dell’aliquota iraP, una tassa iniqua per le imprese che grava sul lavoro, è stata proposta dalla centrosinistra nella Finanziaria regionale 2013, impugnata Poi dal Governo in quanto difettava dell’accordo con lo stato, definito solo a fine anno con la modifica dell’art.10 dello statuto.

ci proponiamo quindi di proseguire nell’azione avviata con l’intervento sull’iraP, anche prevedendo ulteriori misure, all’interno di uno specifico accordo con lo stato che possa portare ad una ridefinizione della spettanza di alcuni tributi in capo alla regione Sardegna. affronteremo anche i problemi collegati alla tassazione locale, attualmente in via di definizione da parte del Governo che, pur non di diretta competenza regionale, va comunque inquadrata all’interno di un confronto globale tra stato e regione e ed Enti locali. Particolare attenzione verrà riservata infine alla possibilità di intervenire sul costo del lavoro per favorire l’assunzione di giovani disoccupati.

 

 

…e una società inclusiva

vogliamo una Sardegna inclusiva, una terra che non lascia nessuno indietro e che rafforza la partecipazione al mercato del lavoro, combatte la povertà e le discriminazioni, riduce le disuguaglianze territoriali e sociali. Un’isola che proprio perché sa essere solidale e coesa affronta con coraggio il cambiamento e le trasformazioni della società di oggi. Una Sardegna consapevole che la sfida del futuro si vince o si perde tutti insieme: zone urbane e paesi, giovani e anziani, uomini e donne, imprese e lavoratori.

integrare le politiche sociali e sanitarie la salute e il benessere delle persone non può prescindere dalla piena integrazione degli interventi sanitari con quelli sociali. le risorse finanziarie della programmazione nell’interfaccia sociosanitaria dovranno essere gestite in modo unitario, adeguando in tal senso la disciplina organizzativa degli interventi socio-sanitari e ridefinendo il ruolo istituzionale e giuridico degli organi collegiali (forme associative dei comuni e Distretto sociosanitario). i piani per la salute e per il benessere sociale, già avviati in alcune regioni, possono costituire ambiti efficaci di programmazione integrata e di coordinamento delle scelte gestionali. l’integrazione delle politiche sociali e sanitarie muove dalla programmazione unitaria e si estende all’attuazione integrata degli interventi e delle prestazioni al fine di garantire la continuità delle azioni di cura.

Un nuovo Piano sanitario regionale, un nuovo Piano sociale. È necessario superare la frammentazione dei singoli provvedimenti normativi di settore adottati negli ultimi anni, rivolti a soddisfare interessi specifici e particolari, e spesso incoerenti tra loro. È prioritaria l’approvazione di un nuovo Piano sanitario regionale per ridare unitarietà di visione strategica alle politiche sanitarie: un piano che affermi i principi ispiratori del sistema sanitario regionale (ssr), le regole, l’architettura delle aziende sanitarie e delle reti di assistenza, gli obiettivi di salute e di qualità delle prestazioni, i meccanismi di governo e valutazione degli interventi programmati. nella legislatura 2004-2009 è stato predisposto un Piano regionale per le politiche sociali che non ha concluso il suo iter di approvazione. È necessario riprenderlo e attualizzarlo con gli indirizzi per il coordinamento della programmazione degli enti locali e la definizione di azioni e obiettivi condivisi e priorità per i soggetti – i cittadini, il volontariato e la cooperazione sociale, le professioni – che operano nell’ambito delle politiche sociali.

Integrazione tra le reti di cura territoriale e ospedaliera. la rete ospedaliera deve essere ripensata all’interno di una rinnovata e più efficace organizzazione del sistema sanitario regionale che sia in grado di bilanciare l’intensità e l’elevata specialità degli ospedali per acuti con la continuità di cura assicurata dai centri sanitari intermedi e dai servizi territoriali di cure primarie (medici di famiglia, specialisti del territorio, salute mentale e dipendenze, cure domiciliari). Essa deve essere inoltre in grado di offrire interventi appropriati a tutti i cittadini riducendo al massimo la cosiddetta “mobilità passiva” (residenti in Sardegna che si rivolgono al servizio sanitario di altre regioni). nell’ultimo anno, nonostante la condizione di insularità tenga abbastanza basso il tasso di fuga, si è registrato un incremento del 4,4%. la valutazione in merito alla funzione dei piccoli ospedali deve essere contestuale alla pianificazione e all’attuazione dei processi di riequilibrio delle reti di cura ospedaliere, intermedie e sociosanitarie.

Un piano di investimenti in sanità e nei servizi sociali. Dopo quasi cinque anni di totale assenza di una politica di investimenti in sanità (250 milioni di euro ancora nelle casse del ministero della salute dal 2009 di cui 43 milioni revocati per mancata rendicontazione dell’utilizzo), occorre sviluppare un piano regionale per gli investimenti in edilizia e per l’innovazione tecnologica, coerente con gli obiettivi della rete ospedaliera e territoriale. il piano deve saper spiegare ai cittadini e agli amministratori delle autonomie locali le azioni di qualificazione dei poli ospedalieri regionali, degli ospedali di rete, delle strutture intermedie (case della salute, etc.); deve descrivere quali obiettivi si intendono perseguire, con quali strumenti finanziari e con quali tempi; deve spiegare quali investimenti si vogliono fare per i piccoli ospedali, nel rispetto delle funzioni assistenziali attribuite a ciascuno di essi nell’ambito della rete ospedaliera. i servizi sociali richiedono anch’essi un piano organico di investimenti finalizzati alla creazione di centri diurni, alla riqualificazione delle strutture residenziali esistenti e al miglioramento della qualità delle prestazioni sociali.

Riorganizzare la rete delle strutture residenziali. la disponibilità di strutture di accoglienza deve essere guidata dai bisogni specifici della persona (di alloggio, di relazione, di protezione, di cura). È necessaria una profonda riorganizzazione. Per migliorare l’appropriatezza degli inserimenti, solo nei casi per i quali è impossibile garantire il diritto di ciascuno di vivere nel proprio domicilio, occorre affiancare alle residenze sanitarie assistenziali (rsa), alle strutture residenziali di riabilitazione, alle strutture per la salute mentale, per le dipendenze, una rete integrata di strutture (case famiglia, centri diurni, comunità alloggio, comunità integrate) che costituiscano un continuum fra sociale e sanitario, che si differenzino tra di loro soprattutto in relazione all’intensità delle prestazioni, che garantiscano assistenza alle persone portatrici di bisogni complessi, rafforzando le alternative domiciliari di qualità (come il ritornare a casa o la l. 162) che permettono alle persone di poter stare in mezzo alla propria comunità.

Riqualificare le cure primarie. nella riqualificazione dell’assistenza sanitaria di base è prioritario avvicinare i servizi e le prestazioni al cittadino. in ciascun ambito territoriale (opportunamente definito) deve essere presente una casa della salute, struttura accessibile nelle 24 ore, identificabile come laboratorio dei processi di integrazione sociosanitaria, di promozione e gestione dei programmi di cure integrate delle malattie croniche, domiciliari e residenziali, di miglioramento dell’appropriatezza delle prestazioni e dei piani terapeutici. il rafforzamento del ruolo dei medici di famiglia si concretizza nello sviluppo dell’attività associata e dei team multidisciplinari con la determinante presenza degli infermieri. in questo processo di riqualificazione le professioni sociali consolidano la loro capacità operativa nella predisposizione di progetti e modalità d’intervento integrate, creando le condizioni nell’ambito della famiglia e della comunità territoriale affinché le cure primarie possano realizzarsi in modo ottimale.

 

 

Un sistema sanitario per tutti

il diritto alla salute, come previsto dall’art. 32 della costituzione, va garantito assicurando a tutte le persone l’accesso ai servizi, alle prestazioni e ai programmi di cura. l’esigenza di garantire la qualità dei servizi alla persona impone una riorganizzazione dell’intero sistema della rete dei servizi sanitari e assistenziali, eliminando doppioni e creando servizi e strutture in funzione dei bisogni e non in funzione di chi dirige i servizi e le strutture, replicando i modelli positivi esistenti in Sardegna e nel Paese, rafforzando l’integrazione sociosanitaria in accordo con gli enti locali. tutti i cittadini devono essere consapevoli che la spesa sanitaria incide ormai per circa il 54% del totale della spesa regionale

(3,7 miliardi, di cui 3,2 per la sanità, al netto degli oneri finanziari) e che la spesa farmaceutica pro capite regionale è la più elevata in Italia con 192,3 euro a fronte di una media Paese di 151,3 euro. in una logica di qualità di sistema il nostri impegno è quello di ridurre sprechi e inefficienze, arginare la crescita della spesa sanitaria e sociale, perseguire l’efficienza, l’efficacia e l’equità dell’offerta di servizi. Politiche della salute trasversali, intese, dunque, in una dimensione globale: rivolte quindi anche agli animali il cui benessere sarà assicurato con politiche e azioni tese a migliorare regole e servizi; con piani regionali per il contenimento del randagismo, per la prevenzione in materia di mangimi, alimenti, per la tutela degli animali d’affezione.

lndipendenza della gestione della sanità dalla politica. il perseguimento dell’interesse generale di tutela e promozione della salute delle persone richiede un nuovo avvio dell’azione programmatoria e di controllo in capo alle istituzioni regionali e locali. al contempo, è indispensabile adottare gli strumenti ed interventi necessari per proteggere il servizio sanitario regionale (ssr) dalle indebite e illegittime pressioni e ingerenze politiche nelle scelte gestionali e operative.

Dialogo e partecipazione come metodo di governo. la persona è titolare del diritto alla salute, nella sua accezione più ampia che include il benessere dell’individuo e la sua partecipazione sociale. la regione deve promuovere e supportare il coinvolgimento diretto della persona e quello delle istanze sociali, sia in fase programmatoria che di valutazione dell’attività dei servizi. Un nuovo processo di riforme sociali e sanitarie è imprescindibilmente legato alla ricerca del dialogo con i cittadini, singoli o associati, con gli operatori sanitari e sociali, con le forze sociali.

Alleanza con gli operatori della salute e del benessere sociale. le professioni sanitarie devono essere messe nella condizione di svolgere il lavoro di cura senza pressioni che ne indeboliscano l’immagine di affidabilità. È necessario promuovere e garantire un clima di maggiore serenità, autorevolezza e, allo stesso tempo, maggiore responsabilità gestionale da parte degli operatori sanitari. questo è possibile, innanzitutto, superando le condizioni di precariato, garantendo il reclutamento dei professionisti esclusivamente attraverso procedure concorsuali e contrastando il ricorso all’esternalizzazione dei servizi di assistenza diretta. occorre individuare il fabbisogno del personale sulla base di standard predefiniti, superando la logica dei tagli lineari, attraverso un governo di programmi di ristrutturazione e qualificazione dei servizi delle aziende sanitarie che colmi gli squilibri presenti in alcune realtà territoriali. le professioni sociali devono essere adeguatamente valorizzate e il loro apporto professionale va considerato determinante nella programmazione di ambito territoriale, nella gestione dei servizi, nel coinvolgimento dei cittadini e delle loro associazioni. la ripresa e il consolidamento

dei processi di riforma, la riqualificazione e adesione delle attività di cura ai criteri di appropriatezza, efficacia ed efficienza, sono inderogabilmente attuati attraverso il confronto con le professioni sanitarie e sociali, le organizzazioni sindacali, le società scientifiche, le associazioni di volontariato, le associazioni dei pazienti e dei familiari.

Una politica di promozione della salute e del benessere sociale. la pianificazione degli interventi di prevenzione deve essere attuata dalle aziende sanitarie locali (asl) in modo integrato con tutti gli attori che operano negli ambiti territoriali del distretto (specialisti, medici di famiglia, pediatri, scuola, servizi sociali comunali, associazioni), in un’ottica multidisciplinare. È necessario approfondire le relazioni tra inquinamento ambientale e insorgenza di patologie, saper gestire un sistema informativo ambientale finalizzato al monitoraggio del territorio e saper comunicare i dati in modo scientifico.

 

 

Nuove politiche per il sostegno e l’inclusione sociale

le politiche sociali costituiscono un ambito di intervento regionale di notevole rilevanza che dispone di una lunga tradizione operativa, di innovativi strumenti normativi e adeguate risorse professionali e di terzo settore, della grande partecipazione dei cittadini e delle famiglie, devono vedere come faro guida le pari opportunità tra tutti i cittadini, in qualunque condizione essi siano. Politiche sociali che creano sviluppo, non assistenzialismo. negli anni di governo della Giunta cappellacci la qualità delle prestazioni sociali in Sardegna è peggiorata profondamente: le politiche sociali sono sempre meno capaci di dare risposte concrete alle persone a causa della loro frammentazione e la scarsa continuità dei programmi di intervento e spesso ci si è trovati di fronte al tentativo di rendere assistenzialistici e discrezionali interventi che oramai si erano dati certi come livelli essenziali di assistenza, co-progettati e personalizzati, conquistati dalle battaglie dei cittadini e le loro organizzazioni. noi proponiamo di invertire rapidamente questa deriva delle politiche sociali che devono costituire nuovamente un solido che vivono una condizione di disagio economico, di disabilità di un suo componente, di difficoltà nei rapporti con i componenti più giovani. alcuni programmi, come il Fondo per la non autosufficienza, devono essere potenziati e adeguati alle nuove esigenze, altri – i servizi per l’infanzia, i centri per la famiglia, i programmi di inserimento lavorativo – richiedono programmi di attuazione più efficaci e maggiori risorse. i servizi sociali dei comuni devono caratterizzarsi non solo nella promozione di interventi a favore di singoli cittadini, ma anche nella promozione di azioni più generali rivolte alla comunità nel suo complesso, finalizzate a prevenire condizioni di degrado e di esclusione sociale e a promuovere inclusione.

 

Il contrasto delle povertà e dell’esclusione sociale

in Sardegna è molto elevato il numero di famiglie in condizione di povertà, con un’incidenza nel 2012 pari al 20,7%, quasi il doppio di quella nazionale. le famiglie con figli minori sono quelle più esposte al rischio di cadere in povertà. la riduzione dell’incidenza delle povertà e il contrasto di ogni processo di impoverimento e di esclusione devono diventare i compiti prioritari delle politiche sociali. Bisogna invertire la direzione delle politiche di intervento, incrementando le risorse e dando certezza della loro disponibilità. il programma regionale deve prevedere l’erogazione di adeguati interventi economici nell’ambito di percorsi di accompagnamento e sostegno all’inclusione sociale. i Fondi strutturali 2014-2020 devono svolgere un ruolo maggiore nella lotta alla povertà e nella promozione di una rete integrata (pubblico, privato, e volontariato) nonché nel coordinamento con le politiche attive del lavoro, con le politiche urbane e scolastiche.

 

Nuove politiche per gli anziani

l’invecchiamento generalizzato della popolazione, con l’associata dinamica demografica, costituisce una delle maggiori sfide che la nostra regione dovrà affrontare nei prossimi decenni. negli ultimi vent’anni (dal 1991 al 2011) la speranza di vita alla nascita è passata da 74 a 80 anni per gli uomini e da 81 a 85 anni per le donne; nella regione, la percentuale degli ultra sessantacinquenni è oggi pari al 19,5% e diventerà, secondo le proiezioni, il 39,6% nel 2050. in Sardegna si vive di più che nelle altre regioni, ma la qualità della vita in questi anni è inferiore rispetto alla media nazionale.

Gli anziani possono vivere condizioni molto differenti. spesso partecipano pienamente alla vita sociale e costituiscono un riferimento essenziale per la comunità e i familiari. altre volte vivono condizioni di grave difficoltà: patologie croniche, severe ristrettezze economiche ne segnano pesantemente.

 

La vita quotidiana

i servizi e gli interventi non tengono conto di queste differenze, non valorizzano il loro contributo sociale oppure affrontano condizioni drammatiche con strumenti insufficienti che non garantiscono continuità. le politiche sociali regionali devono promuovere programmi di invecchiamento attivo volti a contrastare la sedentarietà, il declino cognitivo e a promuovere stili di vita sani; programmi sociali di intervento che “aiutino gli anziani che aiutano”, con una organizzazione dei tempi, delle distanze e degli spazi delle città e dei piccoli centri che faciliti la mobilità, l’accesso ai servizi, la partecipazione ad attività di volontariato, di informazione e di formazione.

Per gli anziani che sono in condizioni di non autosufficienza o che vivono gravi ristrettezze economiche, le attuali politiche sociali sono ampiamente inadeguate. il potenziamento degli interventi realizzati nell’abitazione dell’anziano (interventi sociali e di cura della persona insieme ad appropriati interventi sanitari domiciliari) è prioritario. i centri diurni e gli spazi di incontro e di socializzazione, ora pressoché assenti, devono costituire anch’essi un punto centrale di una politica per gli anziani.

 

Promuovere la convivenza civile e l’integrazione

L’integrazione degli immigrati. il diritto alla salute e i doveri inderogabili di solidarietà politica, economica e sociale sono scritti nella costituzione. la regione Sardegna, con le sue articolazioni territoriali dei ministeri competenti e con gli enti locali, ha il dovere di promuovere e tutelare i diritti fondamentali attinenti alle condizioni di vita e di salute degli stranieri che giungono nel nostro territorio siano essi regolari o irregolari, provenienti da aree extraeuropee o neocomunitari appartenenti all’Unione Europea che transitano o che si stabiliscono in Sardegna. la condizione di migrante, che rappresenta di per sé una condizione di fragilità, diviene ancora più critica, e quindi degna di maggiore attenzione, quando si colloca nello stato di minore, di profugo, di clandestino. le difficoltà legate alle diversità, siano esse etniche, linguistiche, culturali, religiose o di genere, costituiscono una barriera spesso insormontabile per l’accesso ai servizi di istruzione, sociali, sanitari e lavorativi. il risultato è la collocazione di questi individui in una condizione di marginalità sociale, di indigenza e di degrado, con conseguenze che si riflettono sullo stato di benessere complessivo della persona e sulla possibilità di integrazione nel tessuto sociale.

in Sardegna operano da tempo associazioni che si occupano della promozione dell’inclusione sociale dei migranti e che hanno in qualche modo vicariato e sostenuto l’assenza delle istituzioni. Presso le asl e gli enti locali, esistono, altresì, servizi e programmi di intervento rivolti alle popolazioni migranti, orientati al lavoro di prossimità, in modo da intercettare i bisogni laddove questi più facilmente vengono espressi. Partendo dalle realtà più virtuose si dovrà tendere ad un’offerta più omogenea ed uniforme in tutto il territorio attraverso una specifica pianificazione delle azioni da intraprendere. Guardando alla realtà multietnica della nostra regione è necessario creare un osservatorio specifico correlato ai diversi bisogni culturali, di salute o più genericamente sociali e promuovere e/o potenziare i servizi di accoglienza, di informazione e orientamento, dando alla figura dei mediatori culturali un ruolo formalmente riconosciuto a supporto dei diversi ambiti della rete sociale e sanitaria.

 

La tutela delle persone detenute

È necessario sostenere i bisogni degli adulti e dei minori coinvolti nel circuito giudiziario, promuovendo il rispetto della dignità della persona, l’umanizzazione delle relazioni, la presa in carico globale, con interventi di carattere educativo, sociale, sanitario coerenti con il dettato della costituzione che all’art. 27 prevede che “le pene non possono consistere in trattamenti contrari al senso di umanità e devono tendere alla rieducazione del condannato”.

anni di battaglie e sollecitazioni da parte di cittadini, associazioni e istituzioni internazionali, hanno finalmente consentito il trasferimento della sanità penitenziaria dal ministero della Giustizia alla regione Sardegna. tuttavia, l’applicazione delle relative normative appare più formale che sostanziale. È necessario operare perché al suddetto trasferimento di competenze corrisponda la reale garanzia dell’accesso al ssr dei detenuti e delle persone coinvolte in procedimenti giudiziari e l’equiparazione dei servizi e degli interventi di prevenzione cura e riabilitazione a quelli offerti alle persone libere. È oltremodo necessario, inoltre, potenziare i percorsi alternativi alla detenzione in carcere o in ospedale psichiatrico giudiziario (oPG), percorsi alternativi basati sulla responsabilizzazione individuale e sociale della persona e orientati al suo reinserimento, prevedendo progetti intra ed extra carcerari, contatti con la famiglia e con il contesto di provenienza e coinvolgimento delle associazioni di settore.

tra le azioni programmatorie previste dalla legge regionale 23/2005 e rivolte alla riqualificazione ed integrazione degli interventi in capo a diverse istituzioni, è necessario prevedere quelle rivolte a promuovere, sostenere e monitorare il coordinamento dei servizi in capo agli enti locali (servizi sociali), alle asl (consultori, neuropsichiatria infantile, salute mentale, etc.) e alle articolazioni periferiche del ministero della Giustizia. ciò al fine di individuare le soluzioni più idonee per contemperare le esigenze giudiziarie con quelle educative, sociali e sanitarie e predisporre programmi di intervento integrati e personalizzati.

in una regione che vuole essere per tutti, anche per gli ultimi, la Giunta cappellacci nella scorsa legislatura ha operato con grave ritardo nell’istituzione normativa, prima, e poi non ha colpevolmente nominato il Difensore dei diritti delle persone detenute. ciò contrasta con le politiche e le economie della solidarietà, con la fede nel diritto che fa nascere incrinato. ci impegniamo a dar seguito, tra i primi atti, alla sua nomina considerato il ruolo di garanzia che il Difensore regionale potrebbe svolgere in un momento così delicato, non solo a livello regionale, in ragione delle forti criticità avvertite dalla realtà carceraria. la nomina di un garante che possa visitare gli istituti senza alcuna autorizzazione per monitorare lo stato di attuazione della carta dei diritti e dei doveri dei detenuti e degli internati o vigilare sul mancato rispetto della normativa penitenziaria costituisce un tassello fondamentale nella regione che vogliamo: una regione dei diritti.

 

Promuovere le attività sportive

lo sport è cultura, educa al rigore, al metodo nel lavoro, ad organizzare bene il tempo, a porsi e raggiungere obiettivi, a confrontarsi con gli altri imparando ad accettare qualsiasi risultato come un’occasione di crescita personale. E’ strumento di prevenzione di molte patologie, utile a contenere le esternalità negative connesse a stili di vita sedentari. ma lo sport è anche strumento di inclusione

e coesione sociale fondamentale, utile a prevenire e arginare situazioni di disagio sociale, a favorire il reiserimento e ad educare alla comunità. a far emergere l’interesse del gruppo accantonando gli individualismi. lo sport, specie in Sardegna, è anche un veicolo di promozione turistica soprattutto quando unisce la pratica sportiva con la natura. E’ in sintesi un’attività trasversale in grado di rafforzare gli interventi proposti. noi vogliamo promuovere una Sardegna strategicamente impegnata nello sport, sia come attività di base, che agonistica. tra gli interventi prevediamo di:

•        rafforzare i programmi di attività motoria di base definendo meglio le professionalità coinvolte e migliorando il collegamento tra medici e laureati in scienze motorie;

•        modificare i criteri e modalità di attribuzione delle risorse della lr 17/99 per: incentivare gli atleti sardi di eccellenza, facilitare l’accesso alle risorse per le attività sportive giovanili delle federazioni sportive, aumentare le risorse per la promozione dell’attività di base da svolgersi in raccordo con scuole, comuni e con gli Enti di promozione sportiva;

•        potenziare le risorse per le manifestazioni sportive in grado di veicolare l’immagine della Sardegna nel mondo e di far crescere il turismo sportivo.

 

 

Per fare questo ci servono:

un ambiente sostenibile…

costruire una Sardegna sostenibile non significa soltanto prestare una grande attenzione al consumo dell’ambiente, alla salvaguardia delle coste e del paesaggio rurale, alla bonifica di porzioni di territorio compromesse dall’industria pesante o al combattere i cambiamenti climatici. lavorare per una crescita sostenibile significa orientare l’economia ad un uso efficiente di tutte le risorse, non solo quelle ambientali, in un’ottica di sostenibilità economica, ambientale e sociale.

 

Le nostre risorse comuni

Durante gli scorsi decenni la Sardegna ha subito forti processi di trasformazione che hanno dato luogo ad un miglioramento considerevole nelle condizioni di vita. tuttavia, la progressiva localizzazione costiera della popolazione, con il conseguente spopolamento delle aree interne, che ha assecondato l’andamento del sistema industriale e turistico, ha dato luogo ad una crescita consistente dei fattori di pressione ambientale. la sostenibilità degli interventi che programmiamo e attuiamo ci deve essere chiara: quali sono le caratteristiche del patrimonio del quale disponiamo (suolo, acqua, piante,..); che alterazioni provochiamo agli ecosistemi; quali costi dovremo sopportare (e chi li sopporterà) per ripristinare le risorse, eliminare i rifiuti e gli inquinamenti provocati da quegli interventi. occorre una organizzazione della conoscenza ambientale non fine a se stessa ma in grado di dare strumenti a chi programma e informazioni al cittadino affinché vengano da tutti valutati i costi e i benefici, i rischi e le opportunità anche ambientali. i principi ispiratori della nostra strategia sono quelli dell’integrazione dell’ambiente nelle altre politiche, stili di vita consapevoli e parsimoniosi, aumento dell’efficienza globale nell’uso delle risorse, orientamento alla prevenzione piuttosto che al risanamento, la riduzione degli sprechi, l’allungamento della vita utile dei beni, la vicinanza dei mercati di produzione e consumo, la valorizzazione dei prodotti tipici e delle culture tradizionali; la partecipazione di tutti gli attori nella determinazione degli obiettivi e degli impegni secondo i principi di sussidiarietà e corresponsabilità. Per questo vogliamo che il patrimonio di risorse comuni (acqua, aria, suolo) sia il patrimonio di tutti, gestito con la consapevolezza che solo la sua gestione integrata potrà consentirci di dare una prospettiva durevole alle nostre azioni.

 

 

Le risorse idriche.

le politiche di gestione delle risorse idriche debbono:

•        rafforzare il sistema di accumulo pluriennale della risorsa idrica proseguendo le azioni avviate da Enas nel corso degli anni passati (risanamento strutturale e riassetto funzionale delle opere idrauliche e miglioramento delle interconnessioni tra esse).

•        attuare politiche di riduzione dei consumi a livello domestico, agricolo ed industriale, integrando il sistema delle interconnessioni e aumentando il quantitativo di acque soggette a depurazione terziaria.

•        attuare politiche efficaci per la qualità delle risorse idriche, penalizzata dalle diverse forme di inquinamento che insistono sulle falde acquifere e dai deficit nel sistema depurativo.

•        migliorare il bilancio energetico del sistema di idrico primario e a livello di distribuzione settoriale (Abbanoa, consorzi di Bonifica) secondo due linee di indirizzo: destinare le energie rinnovabili prioritariamente al servizio delle public utilities sarde per cercare di raggiungere l’obiettivo del pareggio energetico e di bilancio e rivedere il quadro delle concessioni idroelettriche all’EnEl, perché tali risorse sono essenziali per l’approvvigionamento idrico in una regione caratterizzata da naturale scarsità di risorsa.

•        cambiare le modalità di gestione del servizio idrico integrato per gli usi civili ricomponendo le fratture tra l’autorità d’ambito, il gestore unico abbanoa, i comuni ed i cittadini. È necessario affrontare i nodi aperti e portare a compimento la riforma dell’autorità d’ambito, oggi ancora in gestione commissariale, attribuendo le sue funzioni ad un nuovo soggetto nel rispetto dei princìpi di sussidiarietà, differenziazione e adeguatezza e del ruolo fondamentale, costituzionalmente riconosciuto, degli enti locali. Un’unica autorità per la programmazione unitaria potrà rendere più efficace l’azione istituzionale.

 

 

L’aria

la buona qualità dell’aria deve essere una risorsa condivisa dall’intera comunità regionale. la disomogenea rete delle stazioni di rilevamento della qualità dell’aria evidenzia situazioni di criticità che continuano a costituire un pesante fattore di rischio per le nostre comunità sia nelle maggiori aree urbane sia nei maggiori agglomerati. se da un lato dobbiamo rafforzare il sistema regionale di monitoraggio, dall’altro un’efficace inversione di tendenza si realizza con azioni integrate quali:

•        la riqualificazione delle strutture industriali all’interno siti contaminati di interesse nazionale del sulcis-iglesiente-Guspinese e dell’area industriale di Porto torres deve essere attuata in funzione della riconversione produttiva lungo la prospettiva della green economy e del recupero dell’equilibrio ecosistemico compromesso. Gli interventi già attuati devono integrarsi all’interno di un percorso che vada oltre il mero intervento di contenimento del danno pregresso.

•        Una politica energetica regionale non più caratterizzata da una scissione tra esigenze del territorio – in termini di gestione della domanda di energia – e richieste da parte di investitori di varia provenienza. i vari interventi, sia quelli concessi ed attuati, sia quelli solamente proposti, si sono svolti in un contesto di pianificazione lacunoso e spesso miope rispetto alle innovazioni tecnologiche meglio adattabili al contesto locale e alla qualità del territorio. la qualità urbana potrà migliorare se la pianificazione regionale andrà verso una molteplicità di centri di produzione legati a piccole reti interconnesse per la gestione di picchi e deficit di produzione (smart grid). le nuove tecnologie di produzione di energia da fonti rinnovabili permettono la produzione di energia a livello di autoconsumo minimizzando gli impatti visivi sul territorio, migliorando la qualità del contesto urbano e rafforzando la qualità dell’efficienza energetica dei nostri edifici.

•        l’adozione di strumenti volontari che costituiscono una grossa opportunità di partecipazione, crescita culturale e qualificazione della qualità del vivere nella nostra regione. la crisi economica ha rallentato la diffusione della certificazione di qualità ambientale (iso 14001, Emas, Ecolabel) in ambito produttivo e amministrativo. questa strada deve essere ripresa con l’obiettivo di raggiungere i livelli di partecipazione e competitività delle regioni del paese più attive. occorre dunque aumentare le opportunità, sia attraverso il sostegno finanziario ad imprese e comunità all’interno di programmi organici di lunga durata, sia attraverso l’utilizzo di forme specifiche di premialità e di semplificazione delle procedure amministrative. i sistemi di gestione ambientale e la relativa certificazione possono rappresentare un fattore di crescita culturale per gli attori pubblici e privati della Sardegna, a supporto di una più vantaggiosa integrazione con i sistemi extr2a regionali.

 

 

Il suolo

la difesa del suolo è strettamente connessa al tema della pianificazione paesaggistica. l’obiettivo deve essere il miglioramento funzionale dell’assetto idrogeologico ai fini del contenimento dei processi di dissesto e degrado del suolo e del processo di desertificazione. il corretto utilizzo di una risorsa così delicata deve diventare centrale nella politica della gestione del territorio nei diversi comparti e nelle pianificazioni correlate. occorre salvaguardare e ripristinare i “servizi ecosistemici” in funzione produttiva (ripristino della fertilità e della funzionalità dei suoli), protettiva (protezione dall’erosione)’ idrologica (regimazione, depurazione), climatica (influenza sui regimi termo-udometrici, controllo della co2). a causa dell’estesa e disordinata urbanizzazione che ha interessato negli ultimi decenni il territorio della Sardegna, con particolare riferimento alle aree limitrofe al reticolo idrografico, gli eventi alluvionali hanno determinato pesanti ricadute sul tessuto economico e sociale dell’isola, fino al sacrificio di vite umane. non si può quindi prescindere dal prestare una particolare attenzione all’organizzazione del sistema di gestione del rischio idraulico per prepararsi ad affrontare le nuove, inevitabili, situazioni meteorologiche avverse. azioni concrete debbono portare all’attuazione dei documenti fondamentali di mappatura del rischio idrogeologico, il Piano di assetto idrogeologico (Pai) e il Piano stralcio Fasce Fluviali (PsFF) e all’introduzione nella legislazione regionale dei principi del Disegno di legge del Governo nazionale del dicembre 2013 sul contenimento del consumo del suolo e riuso del suolo edificato. come evidenziato a livello europeo l’esperienza ha mostrato che il più efficace approccio alla definizione dei programmi di gestione del rischio, per ridurre gli impatti degli eventi sul territorio, è quello di sviluppare al meglio la prevenzione (evitando di costruire nuovi insediamenti o realizzare attività produttive nelle aree pericolose e promuovere usi appropriati del suolo e pratiche agricole e forestali compatibili), la protezione (prendere misure strutturali e non strutturali per ridurre gli effetti e gli impatti degli eventi di piena), la preparazione (informare la popolazione sui rischi e su cosa fare durante gli eventi critici; creare un sistema di monitoraggio diffuso sul territorio per la tempestiva individuazione delle aree interessate dagli eventi), la risposta all’emergenza (sviluppare e attuare operativamente piani di gestione dell’emergenza con puntuale definizione dei soggetti interessati e delle attività da compiere), la ricostruzione ed acquisizione di nuove informazioni (ritornare alle condizioni ordinarie il più rapidamente possibile, mitigando gli impatti sociali ed economici sulle popolazioni colpite). Da subito dobbiamo:

•        rendere finalmente effettivamente operativo il centro Funzionale regionale di Protezione civile.

•        completare la mappa del rischio idrogeologico, che oggi è stato sviluppato a livello regionale solo per le aste principali (Pai e PsFF), sviluppandola anche per il reticolo idrografico minore secondo i livelli di competenza (comuni, Province, regione);

•        definire a livello istituzionale ed organizzativo, sempre secondo le competenze, i compiti di polizia idraulica che regolamenta e sorveglia l’utilizzo delle aree del demanio idrico; oggi l’attuale assetto è assolutamente deficitario e fuori controllo;

•        incrementare le sinergie tra i soggetti che hanno competenza sul tempo reale (Protezione civile) e sul tempo differito (amministrazione regionale, enti locali, consorzi di Bonifica). Più in generale, si dovrà riformare la Protezione civile dovrà essere partecipata. Per favorire la partecipazione di cittadini informati e formati e ditutti i soggetti impegnati a livello territoriale (Prefettura, Provincia, regione, comune, asl, vigili del Fuoco, volontariato).

 

 

Le bonifiche

Per la programmazione e il monitoraggio delle bonifiche delle aree industriali, militari e minerarie il primo passo funzionale deve essere l’accessibilità e consultabilità dei dati del sira (sistema informativo regionale ambientale) da parte del pubblico. il ritardo accumulato nella sua realizzazione deve essere superato con la revisione delle priorità previste nel Piano d’azione ambientale regionale Paar 2009 – 2013 e non attuate in questi anni. la verifica dello stato di attuazione degli interventi di bonifica, per ciascun sito, è in ritardo e la più recente è quella realizzata in sede di vas del Por 2007- 2013. questo stallo deve essere superato con:

•        l’attuazione delle azioni previste nei siti contaminati di interesse nazionale del sulcis-iglesiente- Guspinese e dell’area industriale di Porto torres, legati alle pregresse attività industriali e minerarie. Per le aree industriali l’azione della regione deve essere quella di richiedere e pretendere velocità di esecuzione da parte delle società chiamate a rimediare al danno, come nel caso della bonifica della falda dell’area Portovesme e della bonifica dell’area saras. Per le aree minerarie ci si deve porre l’obiettivo immediato di restituire operatività all’iGEa perché sia realmente in grado di spendere i 150 milioni di euro disponibili per i progetti sul rio san Giorgio, di monteponi e di montevecchio.

•        accanto a un’azione politica efficace per la riduzione delle servitù militari, si deve attuare l’inserimento nel sira dei siti contaminati delle aree militari presenti nell’isola ed in particolare nei tre poligoni di tiro di capo Teulada, del salto di quirra (Poligono interforze di salto di quirra) e di capo Frasca e nell’area, in corso di parziale dismissione, di la maddalena. nell’ambito di queste aree militari notevole importanza riveste lo studio dei valori di fondo geochimico, specie per gli elementi non normati (tra tutti Uranio e torio) per i quali, sono fortemente carenti le conoscenze sia delle reali concentrazioni naturali che degli effetti diretti e indiretti che eventuali concentrazioni anomale posso comportare per la salute dell’uomo e degli animali.

•        la bonifica dei siti contaminati dalla presenza di amianto. Pur in considerazione della dimensione che il problema assume nel contesto regionale, non si è in grado, a tutt’oggi, di integrare le informazioni disponibili con un riferimento maggiormente puntuale alla situazione relativa alla diffusione a scala comunale della concentrazione della contaminazione da amianto. nei prossimi anni si dovrà mettere in campo un ulteriore importante sforzo economico finalizzato alla bonifica degli edifici pubblici/privati che prioritariamente dovrà essere rivolta a quelli destinati ad attività ad alto rischio quali le scuole di ogni ordine e grado.

 

 

Aree forestali e protette

Deve cambiare la gestione delle aree forestali e delle aree marginali della macchia mediterranea. l’essersi in prevalenza interessati alle attività di mera sistemazione forestale e non aver promosso ed investito in maniera adeguata sullo sviluppo di attività economiche compatibili legate alle produzione del bosco e della macchia e al turismo naturalistico, certamente non ha favorito un processo motivazionale verso la tutela ambientale da parte degli attori sociali e delle amministrazioni locali. Generare nuovi interessi economici è forse la maniera migliore perché le popolazioni residenti si impegnino in maniera diretta nella prevenzione e nella difesa dagli incendi.

la valorizzazione del sistema regionale di aree protette è un’opportunità per le nuove generazioni e dobbiamo superare le criticità che continuano ad accompagnarci. ad oggi le principali problematiche che si possono riscontrare sono il rischio di perdita di biodiversità (a causa di Enti di gestione non esistenti o non efficaci per la tutela, data la scarsità di personale e di risorse, e per l’esiguità della superficie totale protetta), gli scarsi benefici per il territorio (scarsità di risorse per la creazione di green job, ecc.) e quindi consenso della popolazione locale non elevato, se non apertamente ostile, la scarsa – se non nulla – influenza all’esterno del perimetro dell’area protetta, e conseguente debole influenza sulle politiche territoriali. quindi è necessario: •   migliorare la gestione delle aree protette istituite, parchi e aree marine, assegnando risorse umane adeguate e garantendo, a fronte di una maggiore responsabilità nella tutela delle risorse, e a fronte dei servizi ecosistemici offerti, meccanismi di premialità e priorità nell’assegnazione e uso delle risorse finanziarie.

•        completare il percorso di istituzione di nuovi parchi regionali e aree protette, che devono nascere dalla volontà delle amministrazioni e con l’assenso delle popolazioni interessate;

•        Dotare tutti i siti della rete natura 2000 di organismi di gestione che garantiscano l’attuazione delle misure di conservazione previste nei piani di gestione esistenti e in aggiornamento e l’implementazione degli interventi a favore del territorio;

•        aumentare le capacità di autofinanziamento degli enti gestori sviluppando le opportunità offerte dal project financing e dagli strumenti innovativi di commercializzazione, e altre forme di autofinanziamento, ad esempio attraverso i pagamenti per i servizi ecosistemici (PEs) a favore di coloro che tutelano i servizi eco sistemici utili per la società.

•        implementare nei siti della rete Ecologica regionale sistemi di economia attiva e sostenibile, con incentivi a pratiche sostenibili di utilizzo delle risorse e del territorio, in particolare privilegiando l’incentivazione di pratiche agricolo/forestali e di turismo sostenibile che possano mantenere elevato il livello di qualità ambientale delle aree rurali, creando economia e evitando lo spopolamento. Da subito possiamo inserire nella programmazione 2014-2020:

•        la redazione e approvazione formale del Prioritized action Framework (PaF), quadro di azioni prioritarie per la tutela della biodiversità (rete natura 2000)

•        la definizione e mappatura dei corridoi ecologici della rete Ecologica regionale

•        l’avvio dei processi di adesione alla “carta Europea del turismo sostenibile”, strumento di pianificazione partecipata per lo sviluppo del turismo sostenibile all’interno delle aree Protette.

•        l’approvazione del Piano faunistico regionale, che costituisce l’indispensabile strumento di corretta gestione sostenibile della fauna selvatica e del suo prelievo.

 

 

Gli incendi

la prevenzione degli incendi deve essere una priorità della politica ambientale regionale. l’obiettivo di diminuire il numero ed i danni causati dagli incendi non può essere più perseguito con il semplice aumento della repressione, ma è necessario intervenire in via preventiva. le comunità locali, che sono quelle maggiormente interessate alla tutela del proprio territorio, sono state progressivamente private di un ruolo preciso che invece potrebbe essere determinante nella prevenzione, nel controllo del territorio e nel primo intervento che spesso è l’unico capace di bloccare lo sviluppo degli incendi. occorre:

•        potenziare il ruolo organizzativo centrale della Protezione civile regionale;

•        favorire e sostenere economicamente l’azione dei comuni, preferibilmente associati in distretti omogenei per caratteristiche geografiche ed ambientali, che opereranno sotto il coordinamento della Protezione civile;

•        favorire attraverso le amministrazioni locali il coinvolgimento diretto degli operatori economici del mondo rurale, del mondo venatorio, dell’associazionismo e del volontariato; •      promuovere azioni di informazione e sensibilizzazione con il coinvolgimento permanente delle scuole, ma anche di azioni mirate e permanenti di formazione ed aggiornamento degli attori sociali locali sulle tematiche della protezione civile e della lotta agli incendi;

•        ridisegnare il ruolo del corpo Forestale e di vigilanza ambientale, favorendo non solo le attività di repressione ma soprattutto quelle di prevenzione, di sensibilizzazione e di supporto agli operatori del mondo rurale;

•        ridimensionare il ruolo dell’Ente Foreste della Sardegna rispetto al suo impegno diretto nelle attività antincendio per favorire lo sviluppo di interventi di management forestale che migliorino la prevenzione, nonché progetti di fruizione turistica che facilitino il coinvolgimento e l’interesse economico di società e cooperative locali, che diverrebbero anch’esse soggetti direttamente motivati nel controllo del fenomeno incendi.

 

 

Il Paesaggio è il nostro valore aggiunto

il Paesaggio è un bene comune su cui si basa l’identità della Sardegna. vogliamo tutelarlo, promuoverlo e valorizzarlo, in un quadro di certezze per i cittadini e per gli amministratori. in estrema sintesi, un’intera legislatura è stata sprecata per mantenere la promessa che l’attuale maggioranza aveva fatto in campagna elettorale di riaccendere le betoniere e spazzare via il Piano Paesaggistico regionale (PPr). il progetto si è realizzato in parte, nel senso che con la indebita proroga per quasi tre anni del Piano casa si è innescato un sistema di ampliamenti e di superfetazioni edilizie che in alcuni casi sono emersi come dei veri e propri abusi, come recentemente scoperto dalla magistratura. Fra i molti insuccessi di un percorso infelice, un avviso preliminare di bocciatura del procedimento di approvazione del nuovo PPr dell’attuale giunta regionale arriva dalla recentissima sentenza n. 308 del 17 dicembre 2013 che sancisce due principi: a) le modifiche del PPr possono essere disposte, per una importante parte dei beni paesaggistici, attraverso il sistema della copianificazione stato-regione; b) la riduzione del grado di tutela paesaggistica in essere può essere disposta solo se imposta da esigenze di soddisfacimento di “preminenti interessi costituzionali”. il contrario di quanto fatto dalla Giunta di centrodestra, che da 5 anni blocca ogni procedura di adeguamento dei comuni, promettendo uno stravolgimento del PPr all’insegna della deregolamentazione, questi vanno sostenuti nello sforzo all’adeguamento dei propri strumenti urbanistici alle previsioni dello stesso PPr. Una manutenzione del PPr è, dopo 7 anni, necessaria, ma senza demagogia. ancora più importante è approvare una nuova legge urbanistica, la leva attraverso la quale promuovere la riqualificazione energetica e architettonica del patrimonio edilizio pubblico e privato, con l’inserimento, nei regolamenti edilizi comunali, di incentivi e premialità per gli edifici ad alta qualità architettonica e ambientale, rafforzando concretamente le scelte strategiche già fatte Per rilanciare il settore delle costruzioni, per non gravare le famiglie di oneri e costi impropri e per creare un clima di consenso intorno alle politiche per la qualità paesaggistica e architettonica, è fondamentale superare gli inaccettabili ritardi che si verificano a tutti i livelli nelle istruttorie delle pratiche edilizie. al contempo, sebbene la legislazione ambientale abbia contribuito a proteggere l’ambiente e a migliorare la vita dei cittadini sardi, gli obblighi imposti da tale normativa comportano per le aziende consistenti oneri amministrativi che gravano in particolare sulle piccole e medie imprese. in linea con i principi e la strategia di semplificazione normativa e amministrativa che intendiamo adottare e nel quadro dello specifico piano per la semplificazione, ci impegniamo a varare iniziative concrete per ridurre i costi amministrativi sostenuti dalle imprese per ottenere le autorizzazioni ambientali, mantenendo lo stesso livello elevato di protezione ambientale. ci proponiamo di intervenire secondo le seguenti linee guida:

•        approvazione di una nuova legge Urbanistica regionale improntata alla modernizzazione delle concezioni costruttive, rispettosa dei piani di settore e delle leggi sulla protezione del rischio idrogeologico che introduca parametri nuovi sulle procedure autorizzative favorendo la semplice autocertificazione e il controllo successivo ma innalzando sensibilmente il livello sanzionatorio per le violazioni realizzate.

•        Finanziamento per la redazione dei PUc dei comuni che dovranno avere un termine perentorio per adeguare la propria disciplina urbanistica locale pena l’intervento sostitutivo della regione. infatti la certezza delle regole e l’univocità della loro interpretazione devono essere il nuovo messaggio di efficienza che il pubblico dovrà mandare al mondo economico ed imprenditoriale.

•        revisione del PPr per introdurre norme di semplificazione procedurale, correggere imprecisioni e rendere univoche le interpretazioni e le applicazioni sul campo attraverso la creazione di un apposito ufficio di relazione con i potenziali interlocutori sia pubblici che privati in materia di applicazione normativa.

•        redazione della parte seconda del PPr, per arrivare a disciplinare l’intero territorio regionale con norme ispirate dai medesimi parametri direttori del PP, perché con la salvaguardia delle aree rurali in chiave produttiva si operi per il rilancio dell’agricoltura.

•        revisione del Decreto Floris in materia di disciplina dei limiti e dei rapporti relativi alla formazione di nuovi strumenti urbanistici comunali ed alla revisione di quelli esistenti con l’aggiornamento dei parametri costruttivi adeguandoli alle mutate condizioni di contesto rispetto al 1983.

•        rilancio del ruolo istituzionale dell’agenzia conservatoria delle coste, in accordo con quanto previsto dall’art. 16 della legge regionale 29 maggio 2007, n. 2.

•        ricostruire un’agenzia regionale per la Protezione dell’ambiente (arPas) credibile che possa monitorare, controllare e certificare la qualità ambientale nel territorio.

 

 

obiettivo Rifiuti Zero

vogliamo una regione virtuosa, che sappia fare un ulteriore passo in avanti nelle politiche di recupero minimizzando o addirittura azzerando il conferimento in discarica e portando al 100% le politiche per il riciclo dei rifiuti solidi urbani. Per noi i rifiuti sono eccedenze dietro le quali si cela un tesoro da recuperare con beneficio per l’ambiente, per l’economia e per la creazione di posti di lavoro.

le politiche regionali, incentrate su strumenti economici con l’adozione di meccanismi di penalità e premialità, hanno ottenuto un discreto successo permettendo lo sviluppo, durante la legislatura guidata dal centrosinistra, di sistemi di raccolta differenziata ad alta efficienza che hanno permesso al sistema sardo di avvicinare gli obiettivi previsti di legge e di presentarsi nel panorama nazionale come una delle regioni più virtuose. nell’ultimo triennio tuttavia si è assistito ad un rallentamento dei progressi, sia per il ritardo mostrato dai centri di dimensione maggiore, sia per un’azione politica regionale che si è limitata esclusivamente al rinnovo delle direttive, che avevano permesso la trasformazione iniziale dei sistemi di gestione, senza il necessario aggiornamento che avrebbe dovuto accompagnare lo sviluppo compiuto dai sistemi durevoli di gestione dei rifiuti. la necessità di una nuova e più efficace azione della politica regionale in grado di far compiere al sistema sardo il definitivo salto di qualità è diventata ormai improcrastinabile: dobbiamo raggiungere l’obbiettivo minimo del 65 % di raccolta differenziata rispetto al 50% attuale e perseguire con efficacia la riduzione della produzione complessiva dei rifiuti. agire sulle prime fasi del ciclo integrato dei

rifiuti (prevenzione, riutilizzo, riciclaggio) permette la minimizzazione della quantità di rifiuti residuali, indispensabile per mantenere sotto controllo la fase del trattamento e smaltimento finale evitando una nuova domanda di impianti (termovalorizzatori e discariche) che determinano gli impatti maggiori nel territorio.

l’adozione di strumenti economici a supporto, che l’esperienza ha mostrato essere tra i più efficaci, va estesa più capillarmente anche in ambito comunale. vi è bisogno dello sviluppo di strumenti tariffari puntuali a livello comunale che possano dare un riscontro economico alla capacità di tutti noi di contenere la produzione dei rifiuti attuare un’efficiente separazione delle frazioni valorizzabili.

nel contempo i meccanismi regionali di premialità e penalità devono superare l’attuale articolazione e contribuire a creare un sistema virtuoso che faccia emergere sistemi locali di “buone pratiche” (acquisto prodotti alla spina, riduzione degli imballaggi, acquisti verdi, iniziative di last minute market), che devono divenire modelli diffusi. E’ la strategia dei “rifiuti zero” che in numerose realtà Italiane ha consentito di intercettare ormai stabilmente l’80% del rifiuto prodotto e di favorire la riduzione della produzione complessiva dei rifiuti. questo percorso comune potrà consentire di affrontare il problema della sperequazione tariffaria del sistema di trattamento e smaltimento finale istituendo una “tariffa unica” disciplinata a livello regionale secondo metodi trasparenti e condivisi. si lavorerà anche per costruire meccanismi di premialità regionali per gli enti locali che attuano progetti integrati di controllo del territorio contro l’abbandono dei rifiuti, nonché interventi regionali (es. accordi quadro con gli Enti gestori delle strade) per favorire gli interventi tempestivi di bonifica delle piazzole e delle cunette stradali di loro competenza. questa strategia deve poter essere accompagnata da politiche di incentivazione per la creazione di filiere legate al riutilizzo delle materie prime secondarie ottenute dalla raccolta differenziata e da una politica attiva che, con il concorso di tutti i comuni, affronti il problema della eliminazione delle discariche abusive attraverso azioni di controllo del territorio e di sensibilizzazione sugli impatti negativi derivanti dall’abbandono dei rifiuti.

 

 

l’energia di cui abbiamo bisogno

l’energia è un fattore chiave per lo sviluppo economico e l’efficienza energetica ne rappresenta una delle linee di azione più efficaci e a più rapido ritorno economico per il sistema produttivo locale. il piano energetico regionale è indispensabile per programmare in modo consapevole le scelte necessarie per riportare il costo dell’energia per famiglie ed imprese ad un livello competitivo e comparabile con quello del resto del Paese, riducendo l’impatto sull’ambiente e introducendo meccanismi di pari opportunità di accesso al mercato da parte dei produttori e dei consumatori. È indispensabile pertanto definire ed approvare il Piano Energetico regionale, che la giunta cappellacci non ha ancora elaborato, per definire priorità, strategia e linee di azione, inserendo anche in un quadro complessivo il Piano dell’efficienza energetica attualmente esistente. E’ necessario rimediare quanto prima portando alla luce strumenti operativi finora non portati all’attenzione del consiglio regionale e della popolazione della regione. l’assenza del Piano Energetico ha inoltre creato significative criticità per le amministrazioni comunali nella definizione dei loro piani di azione sul tema energetico in assenza di un contesto di riferimento. in particolare la regione dove perseguire le seguenti azioni strategiche.

Ridurre i costi dell’energia termica per le famiglie e per le imprese. l’assenza del gas naturale determina una forte penalizzazione per i consumatori isolani, sia domestici che industriali, che devono far ricorso a combustibili più costosi ed inquinanti per soddisfare le esigenze di riscaldamento e di energia termica. in più riprese nel corso delle passate legislature è stato finanziato un piano per la realizzazione di reti di distribuzione del gas naturale; parte di queste infrastrutture sono state realizzate e vengono utilizzate per la distribuzione di gas derivati dal petrolio. mentre il progetto Galsi, che avrebbe dovuto trasportare il gas algerino in Sardegna sembra ormai segnare il passo, la regione deve rimarcare con forza nelle sedie appropriate nazionali ed europee, che il gas naturale come strumento di sviluppo non è una delle possibili opzioni, ma una necessità inderogabile. se il gasdotto non fosse più praticabile, bisognerà rapidamente concentrare le risorse finanziarie sulla realizzazione un impianto di rigassificazione di gas naturale liquido. Un ulteriore ritardo nella realizzazione di questi investimenti strategici, metterebbe ancor più in difficoltà il sistema industriale, con la possibilità di ridurre ulteriormente i potenziali consumi e rendere meno economicamente sostenibile l’investimento infrastrutturale. nel frattempo dovranno essere attivati provvedimenti amministrativi e fiscali diretti alla copertura della differenza di costo subìta dalle famiglie sarde, tenendo conto dei diversi prezzi dei combustibili e delle relative equivalenze energetiche. nel corso del 2012 l’energia elettrica richiesta in Sardegna è stata abbondantemente inferiore alla produzione, anche a causa della chiusura di industrie energivore, con un calo dei consumi di circa il 25%. ne deriva un’esportazione netta di oltre 2000 GWh, in gran parte legata alla produzione da fonti rinnovabili. questo determina l’esigenza di avere una programmazione attenta della produzione energetica complessiva in un sistema produttivo regionale a minore consumo energetico per assicurare gli opportuni bilanciamenti sulla rete e l’opportunità di esportare energia verso il resto del Paese.

Favorire gli investimenti sulle centrali esistenti per renderle più efficienti. il mercato elettrico regionale pone delle sfide che devono essere affrontate in particolare per quanto riguarda l’efficienza e l’impatto ambientale del settore termoelettrico. E’ necessario costruire una strategia per rendere più efficiente la produzione energetica termoelettrica fossile per coprire il carico di base dei consumi e migliorare l’impatto ambientale in termini di emissioni di co2 e di inquinanti a ricaduta locale (polveri, nox ed so2). va favorito dunque l’adeguamento e la riconversione delle centrali elettriche esistenti in funzione di obiettivi di efficienza energetica e ambientale, in particolare per le centrali del sulcis, di Fiumesanto e di ottana. l’obiettivo prioritario è sostituire la capacità di generazione termoelettrica obsoleta con impianti di livello europeo per coprire la quota di energia indispensabile per assicurare la qualità e sicurezza dell’approvvigionamento, riducendo al contempo i costi di produzione termoelettrica.

Modificare la programmazione per le risorse rinnovabili. le energie rinnovabili devono diventare un’occasione di sviluppo locale, evitando l’ulteriore crescita dei grandi impianti eolici e solari. E’ necessario un ripensamento complessivo che tenga conto delle mutate condizioni generali di incentivazione alle rinnovabili rivedendo il Piano d’azione per le Fonti Energetiche rinnovabili (FEr) della Giunta cappellacci del 2012 che ipotizza, addirittura, una crescita fino a circa 2300 mW (dagli attuali 1000 mW di eolico installati o in corso di installazione e 600 mW di fotovoltaico) dei grandi impianti di produzione di energie rinnovabili, con pesanti conseguenze sia a livello di efficienza di sistema energetico che con impatti sull’ambiente e sul paesaggio. È indispensabile armonizzare gli interessi di salvaguardia dell’ambiente e del paesaggio con quelli di produzione da energie rinnovabili, attraverso la definizione di criteri oggettivi per il posizionamento dei nuovi impianti e allo stesso tempo promuovere impianti di energia rinnovabile di piccola taglia, destinati a coprire le necessità di consumo degli utenti, secondo un’ottica di bilancio energetico in equilibrio. questo implica la necessità di nuovi investimenti per la creazione di reti “intelligenti” (smart grid) per la gestione di picchi e deficit di produzione in piccoli ambiti territoriali. il valore aggiunto di questa strategia sarebbe la creazione di imprese locali per la produzione e l’assemblaggio delle tecnologie rivolte a produzioni energetiche innovative ed a tecnologie per l’accumulo di energia, e l’attivazione di nuovi e più ecocompatibili posti di lavoro. questa linea d’azione deve naturalmente essere accompagnata da un’adeguata politica di promozione dell’efficienza energetica. in quest’ottica, alcune azioni prioritarie sono:

1.      la promozione di strumenti per il sostegno di azioni per l’efficientamento energetico dei settori produttivi isolani al fine di sostenere il rilancio e lo sviluppo economico.

2.      valorizzazione delle professionalità e competenze del mondo della ricerca e dell’impresa, al fine di creare un vero e proprio cluster di sistema sui temi energetici.

3.      l’incentivazione alla diffusione delle tecnologie di produzione energetica per l’autoconsumo domestico attraverso il fotovoltaico, sia tradizionale, che innovativo (vetri, applicazioni di film sottile, gel fotovoltaico e il mini e micro eolico.

4.      la promozione di sistemi di accumulo a livello domestico attraverso l’adozione di batterie che potrebbero essere utilizzate per il consumo domestico e la realizzazione di stazioni per il rifornimento di automobili elettriche per la mobilità urbana, al fine di incrementare gli assorbimenti elettrici nei picchi di produzione da rinnovabili.

5.      l’aumento dell’efficienza energetica degli edifici attraverso l’adozione di tecnologie costruttive più efficienti, comprese quelle della bioedilizia, per la diffusione di edifici ad energia quasi zero.

6.      la creazione di smart grid, anche attraverso la partecipazione ad appositi bandi comunitari.

7.      sviluppo di nuovi servizi ancillari (accumulo, produzioni da sistemi di rapida attivazione come ad es. gruppi a gas naturale, ecc.) per la stabilizzazione della rete elettrica.

 

 

…collegamenti efficienti…

vogliamo una Sardegna pienamente collegata al resto dell’Europa con infrastrutture tecnologiche e di trasporto adeguate agli standard moderni. che riesca ad affrontare i costi dell’insularità eliminando le barriere che impediscono ai cittadini ed alle imprese della Sardegna di godere degli stessi diritti delle altre persone in Italia e nell’Europa. E’ necessario riprendere un filo interrotto in questi anni di inerzia della Giunta cappellacci e ripartire con slancio.

 

I costi dell’insularità

sappiamo quanto la nostra isola sia bella proprio in quanto isola. quando ce ne dimentichiamo, ce lo ricordano gli amici che non risiedono nel nostro territorio. in effetti, il riferimento ad un territorio singolare per bellezza, ricco di risorse naturali e favorito dal bel clima è uno motivo ricorrente nei discorsi sulla nostra isola. ma noi sappiamo anche, e non possiamo dimenticarlo, quanto vivere in un’isola comporti dei costi: l’insularità è una dimensione che da sempre ha condizionato la nostra storia, i nostri saper fare e le nostre opportunità di crescita. tuttavia, quasi mai si è intervenuti efficacemente per compensarla. se guardiamo all’indice che consente di misurare lo svantaggio della nostra condizione geografica nel contesto del mediterraneo (l’indicatore di isolamento redatto dall’UnEP-United nations Environment Programme), scopriamo che il valore assegnato alla Sardegna la identifica come la seconda isola del mediterraneo più isolata. a fronte di questa indicazione di chiaro svantaggio nelle condizioni di partenza niente sinora è stato fatto, se non il vagheggiare nell’ultimo anno insostenibili zone franche nella forma di territori totalmente defiscalizzati. Durante l’ultima legislatura infatti la nostra condizione insulare non è mai stata affrontata con specifiche misure di governo. come prima cosa, è fondamentale fornire a noi stessi, al governo centrale e all’Europa una valutazione economica di questo svantaggio al fine di individuare le misure atte a contrastarla. ma le isole sono davvero caratterizzate da una sorta di innato svantaggio nei confronti della terraferma? ad oggi, è la stessa commissione Europea che considera l’insularità un handicap geografico meritevole di azioni politiche capaci di rimediare o correggere il gap esistente. lo svantaggio dovuto alla condizione di insularità lo si può avvertire innanzitutto nei problemi permanenti di accessibilità: i confini geografici delimitano in modo stretto la dimensione del mercato; a ciò si aggiungono le difficoltà nel trasporto dei nostri prodotti destinati ai mercati esterni e dei prodotti necessari al nostro interno. in queste condizioni le imprese loro malgrado si indeboliscono e il territorio diventa ancora meno interessante come attrattore di attività produttive, con ulteriori conseguenze negative per la dimensione del mercato locale e per la produttività del suo sistema produttivo in quanto le imprese migliori vanno a localizzarsi altrove. questi sono tutti ostacoli al commercio di beni. E dal momento che l’integrazione economica con il resto del mondo di una determinata area geografica è un importante canale di crescita e sviluppo, un più basso livello di tale integrazione concorre a rendere la nostra regione in ritardo nelle diverse misure di performance economica. le dimensioni di vulnerabilità legate alle condizione insulare sono diverse e ognuna di queste richiede misure specifiche di intervento: la scarsità di risorse, la bassa diversificazione del sistema produttivo, la mancanza di economie di scala sia nel settore privato che con riferimento ad infrastrutture pubbliche, la maggiore esposizione ai monopoli nel trasporto merci e passeggeri, la carenza di opzioni di scelta nel settore trasporti, le maggiori spese di assicurazione merci. tutto ciò si traduce in costi aggiuntivi per le attività economiche, per i quali sono già disponibili delle stime: nel caso di imprese multi- impianto, sono attribuibili al caso della Sardegna dei costi di logistica più alti per un valore che varia dal 10 al 20%, scomponibili in diverse componenti: un sovra costo di trasporto dell’8%, tempi più lunghi di giacenze medie dei prodotti, nonché mancati guadagni in termini di attività che non possono realizzarsi fino al raggiungimento di una scala minima di produzione. E’ da queste misure che bisogna partire per rivendicare il recupero di quella condizione di svantaggio che impone alle forze produttive della nostra regione una debolezza competitiva nei mercati esterni, ai quali invece occorre far riferimento per la creazione di valore e ricchezza di un territorio che non può bastare a se stesso. lo svantaggio può e deve essere affrontato con interventi di investimento indirizzati alle diverse dimensioni dell’isolamento e non con soluzioni “assistenziali” incentrate su sconti e compensazioni monetarie. misure come queste dopo poco tempo risultano insostenibili e invece che portare il nostro territorio in un mondo che spinge verso la maggiore competitività accentuano nel tempo quel reale svantaggio geografico che ci condiziona.

 

 

le reti di comunicazione

nella moderna società della conoscenza la dotazione di tecnologiche, di possibilità di comunicare in modo efficiente col resto del mondo è un elemento fondamentale sia per i cittadini che per le imprese. la attuale Giunta di centrodestra non ha fatto molto per ridurre il divario digitale che tuttora caratterizza la Sardegna rispetto al resto dell’Europa, limitandosi, in molti casi, a ultimare azioni di intervento decise e avviate nella precedente legislatura guidata dal centrosinistra. nel 2005, all’atto dell’avvio da parte della Giunta regionale di centrosinistra del Piano di azione per il superamento del divario digitale, solo il 25% dei comuni sardi risultava servito dall’adsl che raggiungeva appena il 67% della popolazione. vi erano dunque ben 284 comuni esclusi dal collegamento adsl equivalenti al 33% della popolazione. i primi interventi posti in essere (progetto sics1 e Piano infrantel) , hanno portato negli anni immediatamente successivi, ad ridurre sensibilmente la platea dei comuni a rischio che, con il Progetto sics2 del 2007, si è drasticamente ridotta sino quasi ad annullarsi. Dopo tali interventi, che hanno avuto conclusione tra il 2009 ed il 2010, la copertura della banda larga (adsl) in Sardegna è pari al 93,9% (per una velocità di connessione inferiore a 2mbps), con un divario digitale del 2,7%. in questo contesto è da considerarsi strategica la spesa nell’ict che secondo i dati ocse si traduce, per ogni euro speso nel settore , in un incremento del Pil pari a 1,45 e della produttività industriale, nel medio temine, del 5%. nella prossima legislatura occorrerà proseguire il lavoro, rafforzandolo anche i termini di efficacia degli investimenti, per il superamento del divario digitale tra Sardegna ed Europa, tra paesi e città, tra coste e interno promuovendo un’agenda sarda del digitale che possa garantire a tutti i cittadini sardi, entro il 2020, l’accesso alla banda larga internet (30 mbps o superiore) per sfruttare appieno i vantaggi, per famiglie e imprese, di un unico mercato digitale europeo proiettato verso l’ambizioso traguardo del 50% delle famiglie e del 100% delle imprese con connessioni al di sopra di 100 mbps. condizione indefettibile per un reale cambio di passo verso l’innovazione e la semplificazione dei rapporti cittadino amministrazione nell’ottica della de-burocratizzazione, nonché per la delocalizzazione di numerosi servizi a cittadini e imprese grazie alla modalità digitale.

 

 

Mobilità e trasporti

i trasporti sono un settore di rilevanza strategica per lo sviluppo socioeconomico della Sardegna. Per tale motivo occorre garantire il diritto alla mobilità delle persone e delle merci sia nei rapporti interregionali da e per la Sardegna che intra-regionali, al fine agevolare il nostro sistema produttivo (migliorare la competitività delle imprese), quello territoriale (attività insediativa, riequilibrio a favore delle aree interne e loro integrazione con il versante costiero) e sociale (coesione, superamento dell’isolamento geografico dovuto all’insularità e dello spopolamento delle aree interne). vogliamo riaffermare il principio generale e irrinunciabile che la mobilità è un diritto di cittadinanza che deve portare alla parità tra appartenenti ad uno stesso stato e come tale va garantito con trasferimenti dal bilancio nazionale. inoltre le decisioni in materia di trasporti che riguardano la nostra isola devono essere assunte dal governo nazionale d’intesa con la regione .

le esigenze di mobilità da e per la Sardegna ed all’interno della nostra isola debbono trovare il loro riconoscimento, in una visione integrata, nel Piano regionale dei trasporti, quale elemento strategico per l’individuazione degli interventi di carattere infrastrutturale, gestionale ed istituzionale per conseguire un sistema integrato dei trasporti regionali. l’ultimo Prt fu approvato dalla giunta regionale di centrosinistra nel dicembre 2008 ma non ratificato dal consiglio regionale in seguito alla fine della legislatura, mentre l’ultima approvazione di un Piano regionale dei trasporti da parte del consiglio regionale risale addirittura al 1993. questa legislatura guidata dal centrodestra è stata caratterizzata da una totale assenza di riflessione ed pianificazione sul tema dei trasporti e della mobilità. ne costituiscono un esempio la mancata approvazione del Piano, l’aumento delle tariffe del trasporto marittimo, la soppressione di servizi ferroviari e di traghettamento, la riduzione dei finanziamenti, la perdita di risorse per gli investimenti infrastrutturali, che ha condotto a prese di posizione demagogiche e decisioni improvvisate (Flotta sarda, diversi bandi per la continuità territoriale aerea), scoordinate e non razionalmente inquadrate in una logica di piano e di programma, integrato tra settori economici diversi (turismo), tra le diverse modalità, articolato nel tempo e per priorità di interventi. il risultato è stato quello dell’assenza della governance del sistema complessivo dei trasporti in maniera competente, efficace e capace, con una giunta regionale che è stata arrendevole con il governo Berlusconi in materia di trasporto marittimo, e superficiale nel modo in cui è stata affrontata la questione della tariffa unica per i residenti e non residenti nel trasporto aereo. si impone pertanto una radicale inversione di rotta rispetto alle scelte del centrodestra in un settore vitale per un’isola come la Sardegna.

occorre dunque ripartire da un Piano regionale dei trasporti che affronti in una visione proiettata al prossimo decennio lo sviluppo dei settori marittimo, aereo, viario e ferroviario

 

Trasporto pubblico locale

questa legislatura regionale governata dal centrodestra si è distinta esclusivamente per l’assenza della regione nel suo ruolo di governo del trasporto pubblico locale. non c’è stata la definizione degli ambiti o bacini ottimali omogenei e dei relativi servizi minimi per una la riorganizzazione complessiva del settore. E’ mancato il processo di ristrutturazione della saremar (servizi marittimi con le isole minori) e dei servizi (ammodernamento naviglio, tariffe). assoluta assenza, poi, del ruolo di governo della regione del sistema in cui operano i diversi operatori (sovrapposizione dei servizi su gomma e su ferro, tra privati e pubblico, nessuna integrazione tariffaria). E’ mancata, infine, la distinzione delle competenze tra l’attività d pianificazione, degli enti locali, e quella di gestione delle aziende.

analogo disinteresse è stato manifestato dalla giunta regionale per gli investimenti nel settore. Per la città di Cagliari non è stato realizzato neanche un metro di linea della metropolitana leggera di superficie e solo da qualche giorno è stato assegnato un esiguo finanziamento rispetto a quello assai più cospicuo destinato nell’accordo di Programma del 2008 della giunta di centrosinistra che destinava alla metropolitana dell’area vasta di Cagliari circa 340 milioni di euro. Per la città di Sassari, poi, si è riusciti a far perdere alla città l’importante finanziamento per l’allungamento linea per Baldinca e san Giovanni. Eppure i recenti Piani strategici di Cagliari e Sassari, solo per citare le principali polarità, hanno contrastato queste scelte scellerate e delineano un futuro differente dove l’attenzione si sposta sui pedoni, pedali e pendolari e un più forte legame delle città con i terminal di trasporto, porti e aeroporti occorre dunque riequilibrare la politica regionale dei trasporti a favore del trasporto pubblico locale. in Italia per soddisfare la domanda di mobilità del 3% delle persone e delle merci che compie spostamenti quotidiani superiori ai 50 chilometri si sono impegnati il 75% dei fondi pubblici destinati alle grandi infrastrutture, mentre all’insieme degli interventi per le aree urbane e per il pendolarismo (dove si muove il 97% della popolazione) lo stato destina solo il 25% delle risorse, puntando troppo spesso a nuove strade, tangenziali e svincoli piuttosto che sul trasporto collettivo o su quello non motorizzato. il dato è molto più iniquo in Sardegna e gravemente lesivo delle reali esigenze dei cittadini. la ripartizione delle risorse nei vari modi di trasporto operata dalla giunta regionale uscente evidenzia oltre il 90,52% dei fondi interessa collegamenti stradali e solo lo 0,47% sistemi di trasporto collettivo nelle aree urbane.

c’è un’urgente necessità di dare un diverso orientamento alle risorse pubbliche concentrando la spesa laddove è più forte la domanda di mobilità e nello stesso tempo va avviato un radicale ripensamento del settore dei trasporti, sostenendo attraverso scelte strategiche le persone che quotidianamente si muovono usando i treni, i bus, i tram e le metropolitane e la bici, dando l’opportunità a chi usa l’automobile di scegliere un’alternativa più efficiente, più sicura, più economica. Un mobilità urbana nuova e diversa che ruota attorno a quattro perni: l’uso delle gambe; l’uso delle bici; l’uso del trasporto pubblico locale e della rete ferroviaria e metropolitana; l’uso equilibrato dell’auto privata, sostituita dove è possibile dal car sharing, car pooling, taxi. Una nuova mobilità che modifica lo spazio pubblico e la sua destinazione d’uso, rafforza i legami comunitari tra le persone e il luogo dove vivono, studiano e lavorano, stimola un’economia agroalimentare basata sul km0, crea lavoro stabile, contribuisce a far crescere la percezione di sicurezza attraverso strade e piazze più vissute e frequentate. in altre parole rende le città e il territorio più bello e migliora la qualità della vita. nella prossima legislatura si dovrà individuare la mobilità sostenibile urbana come uno dei temi più rilevante e prioritario nell’ambito della mobilità, realizzato attraverso un asse portante di metropolitana leggera, integrata con parcheggi di scambio, da un trasporto su gomma di adduzione su corsie preferenziali e con tariffazione unica. quest’ultima è una delle sfide da vincere riorganizzando ed integrando i vettori e i bacini di utenza da essi serviti. arst e aziende municipalizzate dovranno trovare sintesi a beneficio dell’efficienza e della qualità del servizio offerto ai cittadini. in questo contesto assume particolare valenza il progetto, per la costituzione dell’area metropolitana di Cagliari. accessibilità e connettività sono le parole chiave con cui questo nuovo organismo, guarda non solo ai territori limitrofi, sede di cultura, turismo e produzione, ma alle potenziali relazioni ancora inespresse con i popoli del mediterraneo, agli scambi commerciali e della conoscenza.

questi dunque i temi fondamentali del trasporto pubblico locale per la prossima legislatura: •        Dare piena attuazione alla l.r. 21/2005 su riordino del trasporto pubblico locale in particolare per quanto attiene l’assegnazione delle funzioni di pianificazione agli enti locali e di gestione alle aziende;

•        Dare immediata attuazione alla delimitazione degli ambiti (o bacini) territoriali ottimali (ato) di trasporto pubblico locale e regionale (tPlr), ai sensi dell’art. 3-bis del D.l. 138/2011;

•        Promuovere l’immediata definizione dei servizi minimi, specie a livello di area urbana e vasta, per una radicale riorganizzazione dei servizi che eviti sovrapposizioni e diseconomie (integrazione gomma ferro, integrazione tariffaria/biglietto unico);

•        Dare forte impulso alla realizzazione delle reti di metropolitana leggera e di tram-treno nelle aree già servite da questi sistemi (Cagliari e il suo hinterland, Sassari, sorso, Alghero) riprendendo e partendo dalla programmazione degli investimenti prevista dalla precedente giunta regionale di (accordo di programma area vasta Cagliari del 2008);

•        Promuovere concretamente la mobilità sostenibile sia aiutando gli enti locali a pianificare interventi integrati finalizzati ad evitare l’utilizzo dell’auto privata (agenzie e/o centrali della mobilità), anche con modalità innovative (car sharing, micromobilità, veicoli elettrici, ) e fortemente ecologiche (biciclette) che con azioni di marketing e campagne di sensibilizzazione sull’utilizzo dei modi di trasporto alternativi all’auto.

 

Trasporto marittimo

il diritto alla mobilità marittima va realizzato in modo concreto, evitando le risposte demagogiche come la Flotta sarda, per la quale la regione è sotto procedura di infrazione dalla UE, costata ai sardi 19 milioni di euro per trasportare meno del 5% dei passeggeri. l’inerzia della regione ha portato ad una impennata delle tariffe (sulla Olbia-civitavecchia tariffe passeggeri +120% da 2009/2010, e +70% in media sulla Olbia-Genova), ovvero quasi il doppio rispetto al consentito, ed alla perdita consistente di domanda (nel periodo 2008/12: – 33% di passeggeri trasportati (Olbia -34%), -19% di trasporto merci ro-ro (2008/12) (Olbia – 23%), -10% di corse). occorre pertanto che la Sardegna rivendichi e ottenga pari dignità rispetto allo stato nel tavolo decisionale per la modifica della convenzione con la tirrenia in tema di tariffe, qualità del servizio e rotte, riacquistando quella persa dopo il 2008 quando è stata estromessa dal governo nazionale, in modo acquiescente, dal processo decisionale che ha portato alla firma della convenzione con la stessa tirrenia senza che la regione abbia potuto incidere in alcun modo sulla definizione del servizio. Dovrà pertanto essere rinegoziata con lo stato e le compagnie una nuova regolamentazione del trasporto marittimo Sardegna – continente, in termini di porti serviti, rotte, naviglio, qualità del servizio e tariffe anche con il ricorso agli strumenti previsti dalla normativa comunitaria per garantire servizi regolari conformi alle esigenze di servizio pubblico (anche solo su particolari rotte) sia per i passeggeri che per le merci.

la regione dovrà, inoltre, estendere la continuità territoriale marittima alle merci attraverso bandi internazionali e in regime di concorrenza con interventi ed azioni mirate del tipo “autostrade del mare” per ottimizzare e ridurre le distanze terrestri nel trasporto su gomma e per diminuire il relativo impatto ambientale (Ecobonus, continuità merci, altri incentivi). si dovrà dare, inoltre, immediato avvio alle procedure di ristrutturazione della società saremar per impostare un forte e radicale miglioramento nella qualità del servizio offerto nei collegamenti con le isole minori (ammodernamento naviglio, servizi, tariffe).

 

Trasporto aereo

ci sono voluti ben tre anni, dopo continue proroghe, perché la regione guidata dal centrodestra avviasse la nuova gara per la continuità territoriale aerea. i risultati sono tutt’altro che soddisfacenti ed il settore dei collegamenti aerei da e per la Sardegna si connota oggi per l’incertezza e le difficoltà negli spostamenti per roma (Fiumicino) e milano (linate/malpensa) a causa della riduzione del numero dei voli. E’ stata inoltre interrotta la continuità territoriale con altri aeroporti come quelli di torino, verona, Bologna, napoli e Palermo mentre meridiana ha abbandonato le rotte in continuità da Cagliari e alghero. la giunta regionale di centro destra in questo quadro deficitario del trasporto aereo ha persino rinunciato all’azione di controllo della regione sui vettori. occorre pertanto realizzare la continuità aerea portando a compimento il bando internazionale per le rotte principali e mettendo fine all’insopportabile incertezza di questi anni dove le proroghe e i rinvii hanno fatalmente inciso sulla qualità del servizio. Dovrà essere messo in atto un nuovo assetto della continuità territoriale in termini di rotte, frequenze giornaliere e stagionali e penali applicate, che non si concentri esclusivamente sulla tariffa (come nella continuità attuale) puntando anche sulla frequenza dei servizi giornalieri, nelle differenti stagioni e/o periodi di punta, per garantire certezza e regolarità del servizio. entrambi sinonimo di continuità. in questo contesto si potrebbe prevedere che la contribuzione tariffaria venga accordata solo ed esclusivamente nel caso che le compagnie assegnatarie dei servizi uguaglino e/o superino la quota di domanda standard sulla rotta individuata dai dati sulle serie storiche. ciò per stimolare l’interesse delle compagnie a promuovere e “vendere posti” per la Sardegna, per raggiungere i valori di domanda previsti per il riconoscimento dei contributi relativi agli oneri di servizio. occorrerebbe poi spingere le compagnie ad associarsi in modo che, sulle rotte con più alte frequenze, si abbia la presenza contemporanea di più vettori, per evitare qualsiasi interruzione del servizio. E’ inoltre necessario incentivare i voli low cost, strategici per lo sviluppo turistico, con politiche mirate nel rispetto delle normative europee. in tale settore, infatti, la regione dovrà svolgere un ruolo di coordinamento tra le società di gestione dei tre più importanti aeroporti in modo da definire

una comune strategia di sviluppo, per sostenere le stesse società e le realtà territoriali locali a cui i tre aeroporti afferiscono e per far maturare una visione complessiva ed unitaria del processo di espansione di questi servizi, evitare che invece si realizzino situazioni di concorrenza (spostamento anomalo dei traffici) e di conflittualità tra le tre realtà aeroportuali e territoriali.

 

 

Trasporto stradale

la Sardegna ha subito un brusco rallentamento nello stato di attuazione di molte sue infrastrutture strategiche. la ss 195 appaltata da oltre 6 anni non vede ancora la luce, la Sassari-Olbia dopo cinque anni di annunci stenta a partire e molti anni sono stati persi per la riqualificazione della ss 554. la ss 131 è al palo: cantieri fermi a sud, mentre dell’adeguamento della tratta a nord sino a Sassari si è persa traccia. molte altre opere importanti sono state definanziate o abbandonate (ss291, ss130, la ss125 tra Olbia e Palau, la Tempio-Olbia). occorre mettere mano alle procedure, far ripartire opere ferme

ed accelerarne l’attuazione. non certo con opere pesanti, invasive e con forti impatti ambientali, ma piuttosto con interventi di grande prospettiva strategica e attenti all’ambiente, nel rispetto del paesaggio, adeguando l’esistente, ricucendo e riorganizzando il territorio, con l’obiettivo primario dello sviluppo economico e della coesione sociale, per contrastare lo spopolamento delle aree interne e favorire la diffusione delle migliori condizioni di vita della costa verso i territori montani e interni dell’isola.

a favore dell’ammodernamento del sistema della viabilità dell’isola verrà intrapresa, nel prossimo quinquennio, una efficace azione di raccordo e di rivendicazione verso lo stato per il completamento della maglia viaria fondamentale di rilievo nazionale. ma occorre ora, alle soglie della nuova programmazione comunitaria, orientare le risorse sul complessivo adeguamento della rete viaria di interesse regionale di primo e secondo livello, per il miglioramento degli standard di funzionalità e sicurezza privilegiando le correzioni di tracciato rispetto alla realizzazione di nuove arterie, che assicurino la riduzione dei tempi di percorrenza. ci poniamo l’obiettivo di abbattere la condizione di “doppia insularità” dei territori interni a forte inaccessibilità. interventi capillari con l’obiettivo di superate l’isolamento, collegare i piccoli centri alla viabilità principale, rafforzare i sistemi locali e favorire l’integrazione tra i territori montani e la costa. naturalmente senza trascurare le esigenze di sicurezza, di riduzione della congestione e dell’inquinamento, specie nei grandi assi di penetrazione urbana. analogamente si interverrà, secondo il criterio dei “costi efficacia” per il miglioramento della viabilità di accesso ai nodi urbani, portuali, aeroportuali e turistici nei contesti maggiormente congestionati (ad esempio la ss 554 dell’area vasta di Cagliari ) fine di ridurre i tempi del traffico pendolare. attenzione dovrà essere posta alle reti viarie cittadine, dove si verifica il 75% dei sinistri, ripensando gli spazi urbani a favore dei pedoni e di una nuova mobilità sostenibile.

 

 

Trasporto ferroviario

questa legislatura è stata caratterizzata dall’abbandono del trasporto ferroviario in Sardegna. assente il governo nazionale così come la giunta regionale apparsa priva di idee ed autorevolezza. i risultati sono stati la mancata stipula del contratto di servizio tra la regione e trenItalia (la Sardegna è con la sicilia il fanalino di coda tra le regioni, mentre ci sono regioni che hanno già in scadenza i primi 6 anni di contratto), la soppressione in media del 30% dei treni giorno programmati, l’assenza di nuovo materiale rotabile messo in esercizio, l’abbandono degli interventi per la velocizzazione della rete.

in questo quadro si paventa un possibile disimpegno di Fs spa dalla Sardegna con la riduzione dei servizi a bassa frequentazione. c’è dunque la necessità, nella prossima legislatura, di una inversione di rotta. occorrerà, infatti, completare il trasferimento delle competenze sui servizi ferroviari dallo stato alla regione con la stipula immediata del contratto di servizio con trenItalia, per interrompere l’incremento dei continui disservizi . si dovrà, inoltre, ribadire l’importanza della rete ferroviaria quale elemento portante dei collegamenti interprovinciali, per garantire una mobilità sostenibile ed amica dell’ambiente, in contrasto con un uso indiscriminato dell’autovettura privata, che in Sardegna raggiunge i livelli di utilizzo tra i più elevati in Italia (78% di spostamenti auto conducente) e esternalità negative quali l’incidentalità e l’inquinamento locale e globale.

si dovrà, infine, riprendere e dare maggiore forza alla realizzazione degli interventi di velocizzazione ed ammodernamento della rete ferroviaria a scartamento ordinario partendo dalle dorsali Cagliari- Sassari e Sassari-Olbia (nuovi treni veloci, nuovo materiale rotabile) e a scartamento ridotto specie in prossimità delle due principali aree urbane isolane di Cagliari e Sassari-alghero-Portotorres (nuovo materiale rotabile, nuova organizzazione del servizio).

 

 

…e istituzioni di alta qualità…

Una delle condizioni necessarie per lo sviluppo è la qualità delle istituzioni, la loro adeguatezza, la loro capacità di farsi interpreti delle aspirazioni di un popolo. le istituzioni inefficienti non sono in grado di definire le priorità e utilizzano male le risorse pubbliche. Una burocrazia scarsamente orientata ai bisogni dei cittadini e delle imprese aumenta i rischi e aggrava i costi di qualsiasi iniziativa economica rappresentando un freno alla crescita e alla coesione sociale. Per questo il tema della qualità istituzionale è strettamente correlato alla competitività e alla capacità del sistema economico di garantire il benessere e la coesione sociale di una comunità.

 

Zona franca da cattiva burocrazia

in questa fase storica caratterizzata da una crisi profonda, non solo economica, proponiamo un modello di regione che metta sempre al centro il valore della persona promuovendone lo sviluppo autentico. sia grazie alla qualità delle istituzioni, che alla qualità della regolazione e all’alleggerimento dei carichi burocratici. la qualità istituzionale, troppo spesso trascurata è infatti un fattore competitivo fondamentale per sostenere il cambiamento e favorire, nel lungo termine, la crescita.

attualmente la situazione della regione non è certo positiva; nel Global competitiveness report del 2013 la Sardegna si colloca al 168° posto su 199 regioni europee per quanto riguarda la facilità di fare impresa. crediamo che una buona regolazione, non inutilmente invasiva, procedimenti amministrativi semplici e rapidi, un’amministrazione capace di assicurare il rispetto delle regole e la qualità dei servizi pubblici, senza eccesso di oneri per i cittadini e le imprese, costituiscano un fattore decisivo per la crescita della nostra regione. Per il superamento della corruzione e delle ingiustizie sociali, per migliorare la qualità della vita delle persone. troppe regole, o regole confuse, equivalgono a nessuna regola. troppi controlli a nessun controllo.

siamo consapevoli del fatto che senza un’elevata qualità istituzionale le politiche pubbliche non funzionano. non si risolvono i problemi infrastrutturali. il potenziale delle imprese non si esprime pienamente a causa degli oneri regolamentari e delle procedure burocratiche superflue ed inefficienti. ma sappiamo anche che, spesso, l’eccesso di regolazione costituisce la risposta al proliferare delle istanze sociali e alla parallela moltiplicazione dei diritti propria della società contemporanea; all’incremento degli interessi pubblici che appaiono meritevoli di tutela. le regole, dunque, servono; come servono controlli efficaci sul loro rispetto. ciò che non serve sono i carichi regolativi inutili o sbilanciati rispetto agli interessi da tutelare, ai costi che ne derivano per la collettività. non serve la rinuncia a tutelare efficacemente i diritti dei cittadini e gli interessi generali della collettività. Una buona regolazione e un apparato amministrativo capace di garantire il rispetto dei limiti normativi e l’erogazione di servizi pubblici di qualità a costi contenuti costituiscono le precondizioni per favorire la crescita e la competitività dei sistemi produttivi.

vogliamo, quindi, modificare il processo di produzione delle regole e “semplificare la semplificazione”. non è un gioco di parole: intendiamo avviare una politica per la regolazione grazie alla quale l’attenzione ai costi della complessità sia sistematica e costituisca il metodo da seguire nella definizione dei procedimenti; per arginare il potere della burocrazia coniugando innovazione organizzativa e innovazione tecnologica.

Per fare ciò definiremo sistemi di valutazione dei risultati attraverso una consultazione continua e informata dei portatori di interesse e dei cittadini. la nostra azione sarà rivolta a: •     introdurre una riforma organica della regione che possa promuovere efficienza organizzativa, migliore qualità nella implementazione delle politiche pubbliche, migliore capacità di risposta ai bisogni di cittadini e imprese;

•        abolire enti e agenzie che si sovrappongono alle funzioni degli enti territoriali.

•        perseguire una energica revisione della spesa regionale che partendo dalle sovrapposizioni di competenze, dagli sprechi e dalle inefficienze, dalla mole di residui passivi legati ad impegni che non si trasformeranno mai in spesa, liberi risorse importanti da destinare al lavoro, all’impresa, alla formazione;

•        limitare la presentazione di nuove proposte legislative e regolamentari fino a quando il quadro esistente non sia stato adeguatamente valutato e semplificato;

•        agire sulla capacità di spesa dei fondi europei, dove siamo a rischio di restituzione di almeno il 25% delle risorse comunitarie, integrando le risorse europee nel bilancio regionale, con un ciclo unico della programmazione, in modo da evitare sprechi e sovrapposizioni con gli interventi regionali.

 

 

Partecipazione, trasparenza e valutazione

la regione documenta oggi un’insicurezza crescente, un disagio e una sfiducia persistenti. solo il 7% dei sardi ha fiducia nei partiti; il 14% nella giunta regionale; il 16% nel consiglio regionale. alla base di questi bassi livelli di fiducia istituzionale sta anche un forte deficit di partecipazione e coinvolgimento democratico. la cosiddetta “anti-politica” non si nutre solo di malaffare e corruzione, ma anche di esclusione ed elitismo. siamo convinti che la qualità delle istituzioni si misuri con la loro capacità di far partecipare i cittadini ai processi decisionali.

ciò impone un diverso approccio alla trasparenza. Partecipazione e inclusione rappresentano modalità attraverso le quali si costruisce coesione e capitale sociale, senso di comunità e identità. noi non vogliamo che l’insicurezza e la sfiducia siano il modo di vivere la nostra regione; un modo per indurre una politica della rassicurazione generale con una lettura dei problemi a mero livello individuale, come se la regione fosse priva di responsabilità. la crisi non è del singolo, è dell’intera regione che non risponde più della sua identità. la fatica di vivere nell’isola porta con sé il senso implicito di non appartenenza. la paura di non farcela. noi vogliamo cambiare. ce la faremo, perché la regione è e sarà di tutti. lo sarà se è per tutti e se è da tutti partecipata.

riteniamo, infatti, che partecipare ed essere responsabili debba essere il modo di vivere la nostra regione, di contribuire alla sua crescita, di interagire democraticamente con le istituzioni e con la pubblica amministrazione. al tempo stesso, riteniamo che l’amministrazione regionale debba rapportarsi ai cittadini nello spirito del servizio di cittadinanza democratica.

ciò impone l’assunzione della trasparenza e della valutazione come principi cardine su cui improntare l’organizzazione dell’apparato burocratico, l’attività amministrativa e le scelte politiche. non trasparenza “demagogica”, mero adempimento, comunicazione di dati e informazioni non selezionate, funzionali a generare un’illusoria informazione, dietro le quali si celano significati nascosti; ma trasparenza reale, intesa come metodo complessivo di azione, come vera filosofia dell’azione politica e amministrativa. conoscenza tesa al coinvolgimento e al monitoraggio, strumentale alla partecipazione e alla condivisione delle scelte, alla valutazione dell’organizzazione e dell’azione. valutazione non in un’accezione punitiva, ma nel suo essere strumento indispensabile per correggere eventuali scostamenti rispetto agli obiettivi strategici predefiniti. consapevoli dell’importanza di questa scelta, impronteremo rigorosamente la nostra azione di governo sui principi di trasparenza e valutazione. con la consultazione dei cittadini e delle singole parti interessate definiremo e adotteremo, cioè, un sistema complessivo di controllo e valutazione delle politiche, dell’efficienza ed economicità dell’azione amministrativa, delle prestazioni, su indicatori riconosciuti che, alla luce delle caratteristiche geografiche e socio-demografiche della nostra isola, consentano di divulgare buone pratiche e risparmiare sistematicamente risorse da destinare alla competitività e alle politiche per l’inclusione e la coesione sociale. la valutazione e il controllo interno applicati in modo integrato con gli strumenti dell’innovazione e dell’informazione in funzione collaborativa ci consentiranno di ottimizzare il rapporto tra costi e risultati. in attuazione della trasparenza e dell’aspirazione ad un’amministrazione condivisa, ci impegniamo a:

•        valutare sistematicamente gli effetti delle principali politiche pubbliche passate e future e dei principali capitoli di spesa del bilancio regionale;

•        pubblicare un rapporto annuale sulla semplificazione, con l’indicazione delle misure adottate e delle riduzioni conseguite per i cittadini e le imprese;

•        rendere pubbliche, preventivamente, le proposte di intervento e le valutazioni del loro impatto;

•        sottoporre alla consultazione delle parti economiche, sociali ed istituzionali i procedimenti per la valutazione di azioni e politiche, secondo procedure trasparenti e codificate che consentano di acquisire i contributi dei portatori di interesse;

•        attivare ad inizio programma una consultazione con i portatori di interesse, ai fini degli interventi di semplificazione successivi, invitandoli ad indicare i principali settori o atti legislativi regionali considerati più gravosi;

•        promuovere una valutazione di impatto indipendente sulle principali proposte regionali per esaminare la congruità delle valutazioni interne;

•        applicare con rigore il codice dell’amministrazione digitale per favorire il cambiamento dell’apparato burocratico al servizio dei cittadini, degli interessi pubblici e dell’attuazione dell’amministrazione di risultato.

•        dare vita ad un’amministrazione aperta, in linea con la filosofia dell’ Open-Data.

 

 

La Sardegna per una specialità sostenibile

Un programma riformista non può che proporsi la diversificazione delle politiche su base territoriale per mantenere coesi sistemi altrimenti destinati ad agire in modo inefficace. Partire da questa consapevolezza costituisce la base per riaffermare il valore e le potenzialità di una specialità sostenibile fondata sulle politiche per lo sviluppo e sulla razionalizzazione della governance locale nel rispetto del sistema “policentrico” delle autonomie.

i sardi sono consapevoli che i diritti non hanno solamente una dimensione nazionale, ma ne hanno una europea, una regionale, e una locale; di conseguenza, necessitano di politiche differenziate per una attuare buona politica. Ecco perché tutte le democrazie europee hanno trovato una soluzione per semplificare i sistemi politici ridefinendo i poteri pubblici a favore delle autonomie regionali e della loro capacità di disegnare amministrazioni leggere, nelle quali l’esercizio delle funzioni amministrative sia coordinato a “sistema” di tutte le istituzioni rappresentative delle comunità locali.

la disciplina delle relazioni tra la regione e gli altri enti territoriali va così impostata in ragione del sistema policentrico delle autonomie rispetto al quale la legislatura regionale guidata dal centrodestra è stata assolutamente immobile. occorre che la regione diventi il soggetto istituzionale della programmazione e di raccordo degli enti locali, disciplinando, valorizzando, potenziando i principi costituzionali di sussidiarietà, adeguatezza, differenziazione. la regione deve costruire un adeguato sistema delle autonomie locali procedendo al riordino della propria legislazione di settore, individuando l’interesse locale e quello di area vasta, in ragione della dimensione territoriale degli interessi e delle caratteristiche della popolazione e del territorio, cioè delle diversità di configurazione fisica, economica, culturale e sociale delle collettività locali, riservando alla propria amministrazione unicamente le funzioni d’interesse regionale.

 

 

Uno Statuto di autonomia speciale.

non è più possibile attendere la revisione dello statuto speciale. sono passati sessant’anni dal dibattito costituente ma il tema sempre aperto è quello di come bilanciare il principio eguaglianza con la diversità. la costituzione ha un valore fondativo del benessere sociale e l’autonomia statutaria contribuisce allo sviluppo regionale. noi vogliamo rivendicare la nostra autonomia speciale accrescendo l’idea di costituzione, interpretando la specialità in una accezione moderna e dinamica . lo statuto speciale deve riscrivere con chiarezza un rapporto di piena reciprocità con lo stato che preveda un nuovo riparto delle competenze legislative e delle competenze amministrative sulla base del principio di sussidiarietà e di adeguatezza. la specialità non è un intollerabile privilegio e le politiche di riequilibrio devono essere fondate su parametri misurabili. lo statuto deve prevedere maggiori potestà legislative in materia finanziaria e fiscale e un trattamento finanziario più favorevole. lo statuto deve anche identificare alcuni diritti speciali quali il diritto alla continuità territoriale, il diritto alla cultura, il diritto a competere con lo stato per standard ambientali più alti. all’interno dei rapporti stato – regione affronteremo con urgenza la riduzione delle servitù militari in Sardegna, avviata nella scorsa legislatura e completamente trascurata dalla Giunta del centrodestra, prevedendo la chiusura di capo Frasca e capo Teulada e la specializzazione del Poligono del salto di quirra in polo di addestramento e formazione ad alta tecnologia. Pretendiamo che lo stato paghi per intero il costo delle bonifiche e il sostegno alle popolazioni locali, il cui territorio è interessato dalle dismissioni, con progetti di sviluppo che possano rapidamente riconvertire quel poco di economia locale legato alla presenza militare.

Il sistema degli Enti Locali in Sardegna è stato gravemente e colpevolmente trascurato a favore del consolidamento di un nuovo centralismo regionale gonfio di competenze amministrative e di risorse e, al tempo stesso, privo della capacità di legiferare, programmare e regolare. le Province sono state semplicisticamente individuate come il soggetto responsabile degli “sprechi e delle inefficienze della Pa” e il dibattito si è concentrato prevalentemente sull’opportunità di eliminare o accorpare gli enti intermedi. Parallelamente sono stati relegati in secondo piano i temi prioritari della riorganizzazione dei rapporti tra regione e autonomie locali, degli ambiti territoriali ottimali per la gestione delle competenze e degli interventi pubblici, della gestione coordinata della finanza locale, delle politiche di sviluppo attuate dal basso. con la nostra azione di governo intendiamo porre rimedio alle disfunzioni generate da questa carenza di attenzione e dalla errata individuazione delle priorità.

 

 

Gestioni associate delle funzioni e dei servizi

vogliamo disegnare un sistema di gestione associata delle funzioni e dei servizi come opportunità per fronteggiare le criticità connesse alla difficoltà, soprattutto dei piccoli comuni, di sostenere l’offerta di servizi di qualità nonché di realizzare un’adeguata animazione e promozione economica e sociale dei territori. la possibilità di disporre, attraverso le collaborazioni intercomunali, di una maggiore quantità di risorse economico finanziarie, strumentali e tecniche consente di sviluppare azioni coordinate che potenzialmente, rispetto a una gestione singola, incrementano le opportunità di:

• • • delle attività e consentire l’erogazione di nuovi servizi. E’ vero, infatti, che se la normativa vigente introduce l’obbligatorietà della gestione associata delle funzioni fondamentali per i comuni con popolazione inferiore ai 3000 abitanti, la latitanza della regione nel governo di questi processi ha generato, e genera, serie difficoltà nell’attuazione delle politiche.

aumentare la forza contrattuale dei comuni nelle negoziazioni con altre istituzioni e fornitori; determinare investimenti altrimenti non effettuabili dai singoli comuni; realizzare innovazioni di processo in grado di rendere più efficace ed efficiente lo svolgimento

intendiamo avviare un deciso cambio di passo che consenta di superare una fase di generico interesse nei riguardi di soluzioni collaborative per approdare alla concreta attivazione di processi di cambiamento istituzionale e organizzativo. questo passaggio, al fine della più ampia condivisione, avverrà grazie alla concertazione con i soggetti politici locali e con responsabilità organizzative che condizionano fortemente i percorsi di cambiamento. l’obiettivo è individuare operativamente le più adeguate soluzioni organizzative e gestionali del percorso associativo; i profili istituzionali con esse più coerenti; pianificare tempestivamente fasi operative e relativi tempi per la messa a regime delle soluzioni istituzionali, organizzative e gestionali individuate e procedere alla loro attuazione.

 

 

Città metropolitana

la legge 142/1990 espressamente conferiva il potere di istituire l’area metropolitana di Cagliari, tale disposizione statale non ha mai trovato concreta applicazione, essendosi limitata la regione a prevedere, con l’art. 4, comma 6, della legge regionale 4/1997 per il territorio di Cagliari “la delimitazione dell’area metropolitana con l’istituzione della relativa autorità o comunque altre speciali forme di autonomia politica ed organizzativa tali da consentire il governo dello sviluppo ed il coordinamento delle funzioni dell’area”, senza dar corso ad atti attuativi di tale norma. noi crediamo che l’istituzione di una città metropolitana possa dare una spinta decisiva alla crescita della Sardegna e rappresentare un nuovo simbolo culturale ed identitario della nostra regione. Per fare questo occorre attribuirle un ruolo forte di coordinamento delle politiche pubbliche in settori strategici quali infrastrutture, sviluppo economico, servizi pubblici.

ci impegniamo, pertanto, a:

•        disegnare un quadro normativo con la disciplina del sistema elettorale di secondo grado del consiglio metropolitano;

•        allocare le funzioni provinciali alla città metropolitana;

•        adottare strumenti normativi per la disciplina della finanza metropolitana, accompagnati da un corredo di regole che consentano di arrivare al più presto all’elezione del consiglio metropolitano.

Coordinamento delle politiche di finanza pubblica a differenza di altre regioni la Sardegna ha rinunciato alla delega per la gestione delle finanza locale con effetti perniciosi in ordine soprattutto all’efficienza delle politiche di patto. Basti pensare al fatto che attualmente le risorse trasferite ai comuni attraverso il Fondo Unico sono sottoposte ad un doppio conteggio dei limiti di patto prima sul bilancio regionale e poi su quello dei comuni. occorre quindi un’azione decisa di coordinamento della finanza pubblica, con l’individuazione di un organismo paritetico (regione – Enti locali) che abbia il compito di concordare le linee generali delle politiche economico-finanziarie e di bilancio, anche e soprattutto nella prospettiva delle definizione degli atti fondamentali di programmazione delle politiche di sviluppo che la Giunta dovrà adottare. questo si potrà fare solo attraverso una revisione delle sedi di concertazione istituzionale nella loro attuale conformazione tricefala, al fine di migliorare e rafforzare il principio di leale e reciproca collaborazione istituzionale, di passare dalla concertazione alla integrazione delle politiche pubbliche per prevenire i conflitti, per dare più forza alle decisioni, con un forte ruolo centrale ed unitario della regione nel governo dei rapporti tra la regione stessa e gli Enti locali attualmente frazionata e frammentata. Una tale impostazione consentirà, tra l’altro, di eliminare sovrapposizioni di competenze e lungaggini che generano perdite di chance, costi diretti e indiretti e si configura come una precondizione per lo sviluppo una rigorosa e drastica semplificazione, normativa, amministrativa e tecnologica.

 

 

La nuova agenda europea

la Sardegna deve dotarsi di una vera agenda Europea, sviluppando concretamente il concetto di cittadinanza europea e diventando protagonista dell’Europa delle regioni, rivendicando un ruolo strategico in particolare per l’area mediterranea. occorre avere la consapevolezza che le specificità della Sardegna possono essere valorizzate al meglio solo se integrate nel più ampio quadro di un’Europa democratica e inclusiva. Essere protagonisti significa quindi farsi portatori in maniera concreta e non demagogica delle istanze sarde presso le istituzioni europee, portando la voce competente, informata ed autorevole dell’insieme della società isolana, precedendo e non subendo interessi altrui. siamo fortemente convinti che come la Sardegna ha bisogno dell’Europa, in modo analogo l’Europa ha bisogno della Sardegna migliore, della sua cultura, della sua conoscenza e dei suoi valori.

nel 2014 si apre una grande stagione di programmazione che ispirata dalla strategia Europa 2020 impone a tutte la regioni di interrogarsi su quale percorso avviare per contribuire al raggiungimento degli obiettivi comuni, potenziando le proprie eccellenze e sviluppando le proprie potenzialità. costruire un agenda europea significa per la Sardegna onorare un doppio impegno: nei confronti di sé stessa per assicurare ai sardi le stesse possibilità di sviluppo e benessere dei concittadini europei; nei confronti delle altre regioni europee, perché rafforzando sé stessa la Sardegna da un fondamentale contributo al rafforzamento della stessa Unione. questa linea di azione verrà avviata in prima battuta su tre linee prioritarie.

1. Un nuovo protagonismo mediterraneo. la nuova politica europea di vicinato con il suo strumento di finanziamento (european neighbourhood instrument –Eni) offre una straordinaria occasione per la Sardegna di farsi punto nevralgico per le relazioni commerciali e di cooperazione nel mediterraneo, in particolare per le nazioni della sponda sud questa politica e questa possibilità è stata colpevolmente sottovalutata negli ultimi anni, mentre avrebbe dovuto essere la più forte referenza delle politiche

di cooperazione internazionali della Sardegna, in vista dell’auspicata più stretta integrazione tra l’UE ed i suoi vicini. il nuovo protagonismo mediterraneo della regione Sardegna garantirà dal punto di vista economico la possibilità del rafforzamento delle relazioni commerciali e conseguentemente dell’internazionalizzazione del sistema economico sardo, una più facile connessione con le regioni dell’Unione Europea nei campi dell’energia, dei trasporti e della ricerca e innovazione.

2. Un nuovo protagonismo nelle politiche europee. Una parte rilevantissima dei finanziamenti europei sono gestiti in maniera diretta da parte della commissione Europea, attraverso procedure che consentono il finanziamento di Enti pubblici, imprese e persone. Poche di queste risorse arrivano in Sardegna, raramente imprese, comuni e organizzazioni partecipano a queste procedure. occorre una forte azione regionale di informazione, coordinamento, assistenza tecnica e cofinanziamento per consentire alla società sarda di usufruire di queste risorse, che si tradurrebbero in un entrata netta di soli fondi comunitari, come tali esenti dal patto di stabilità per il sistema degli enti locali. a solo titolo di esempio ricordiamo due importanti programmi. il programma cosmE che istituisce un programma per la competitività delle imprese che ha come obiettivi generali il rafforzamento della competitività in particolare delle Pmi e la promozione della cultura imprenditoriale nonché la creazione e la crescita delle Pmi, ha una dotazione finanziaria di circa 2 miliardi e 300 milioni di euro. il nuovo programma quadro europeo per la ricerca e sviluppo horizon 2020 che mira a rafforzare le base scientifiche e tecnologiche finalizzate allo sviluppo del potenziale economico e industriale delle regioni europee, ha una dotazione finanziaria di 77 miliardi di euro. il programma liFE, che contribuisce a perseguire un sistema economico efficiente in termini di uso delle risorse, ha una dotazione finanziaria di circa 3 miliardi e mezzo di euro. il programma Europa creativa diretto a proteggere, sviluppare e promuovere la diversità culturale e linguistica europea nonché promuovere il patrimonio culturale dell’Europa e a rafforzare la competitività dei settori culturali e creativi europei, in particolare del settore audiovisivo, ha una dotazione finanziaria di circa un miliardo e mezzo di euro.

se solo la Sardegna riuscisse nei prossimi sette anni usufruire dell’1 % di queste risorse avrebbe a disposizione una base finanziaria paragonabile a quella del Programma FEsr e FsE messe assieme. Per tale motivo la facilitazione alla partecipazione a questi ed altri programmi europei sarà considerata prioritaria nell’agenda europea. Un nuovo protagonismo nelle politiche di coesione. i Fondi strutturali europei sono le risorse che l’Unione Europea affida alla regioni per assicurare un armonioso sviluppo e la riduzione dei divari economici e sociali. a oggi diverse centinaia di milioni di euro della programmazione 2007/2013 non sono ancora state spese e molti di questi neanche impegnati. E’assolutamente necessario immettere nel sistema sardo queste risorse riorientando le risorse non impegnate verso politiche di inclusione sociale, competitività delle imprese e salvaguardia del territorio con procedure veloci e finalità anticicliche. la nuova programmazione 2014/2020 deve fare tesoro delle criticità attuali e basarsi su alcuni principi guida obbligatori:

•        la concentrazione delle risorse su pochi temi prevalenti: competitività delle imprese, ricerca e innovazione, energia, modernizzazione della Pa con l’ausilio delle nuove tecnologie, inclusione sociale, occupazione, istruzione e lotta alla povertà

•          obiettivi chiari e misurabili con forte responsabilizzazione di chi gestisce le risorse per il raggiungimento dei risultati;

•          fortissimo coinvolgimento del partenariato economico, sociale e istituzionale con immediata applicazione del codice di condotta europeo del partenariato che vede un ruolo decisivo dello stesso non solo nella predisposizione dei programmi ma anche nell’attuazione dello stesso;

•          applicazione del principio di sussidiarietà, con un forte coinvolgimento con assunzione di responsabilità di gestione da parte degli Enti locali, in particolare da parte delle autorità urbane;

•          concentrazione degli interventi integrati in aree determinate, in particolare nelle aree urbane e nelle aree interne con forti fenomeni di spopolamento;

•          completa e continua integrazione tra il Fondo di sviluppo regionale (FEsr) e il Fondo sociale (FsE), in modo da garantire un reale programmazione unitaria;

•          garantire l’addizionalità delle risorse comunitarie, in modo che siano aggiuntive e non sostitutive delle risorse ordinarie. l’applicazione di queste linee guida comporta un rafforzamento delle strutture regionali dedicate alla gestione dei programmi comunitari e l’introduzione delle metodologie comunitarie quali regole generali anche per l’utilizzo delle risorse regionali, in modo da garantire una vera programmazione unitaria per lo sviluppo. a differenza dell’attuale periodo di programmazione occorrerà garantire che lo stato mantenga gli impegni del finanziamento della politica regionale nazionale, da utilizzare per la realizzazione delle grandi infrastrutture con il Fondo di sviluppo e coesione ed escluda dal Patto di stabilità interno, per l’intero ciclo di programmazione comunitaria, tutti gli investimenti finanziati da fondi strutturali, comprese le spese di cofinanziamento nazionale e regionale nonché le eventuali quote di cofinanziamento richieste ai comuni per la realizzazione degli interventi.


19 Commenti

  1. Pingback: Su programa e su candidau a Presidenti de sa Regioni Pigliaru apitzus de sa lìngua sarda | Acadèmia de su Sardu

  2. ruggero says:

    Programma Murgia: http://sardegnapossibile.com/programma/
    Programma Cappellacci per ora non c’è, tranne questo:
    http://www.ugocappellacci.org/programma-di-governo.html

  3. Commentare seriamente un programma in poche righe è privo di senso. Anche un programma debole come questo. Mi permetto però un paio di considerazioni.
    Prima di tutto non mi piacciono le marchette sovraniste/indipendentiste chiaramente introdotte per la necessità di soddisfare i ciuffi d’erba al seguito (definirli cespugli mi parrebbe eccessivo). Sono marchette prive di senso per le quali, tra l’altro, si dichiara semplicemente un generico interesse. Porre in atto politiche per la loro eventuale attuazione è ben altro. E non è detto che faccia bene alla Sardegna.
    In secondo luogo, tutto il programma è basato su un principio che suona più o meno così: ”la politica deve creare le regole affinché l’impresa possa prosperare… ma non deve entrare direttamente nei problemi delle imprese, facendo impresa essa stessa”. Esattamente ciò che diceva Prodi quando dismetteva il tonno e i panettoni dalla partecipazione statale, considerata un vero e proprio disastro.
    Questo atteggiamento, al mondo, non ce l’ha nessuno. Neppure gli iperliberisti USA, che per ovviare alla crisi hanno sovvenzionato il mercato dell’auto comprandosi la FIAT; che basano il proprio potere sull’industria dell’armamento, di fatto controllata e soprattutto pagata, dallo stato; che hanno introdotto enormi liquidità sul mercato in barba al liberismo. Quello di Pigliaru è esattamente lo stesso errore commesso da Soru: la pretesa di creare impresa creando le condizioni affinché nasca da sola, senza interferenze. Per fare un esempio, il Master&Back di Pigliaru è proprio espressione di questo. Infatti è stato un fallimento.
    Da questo punto di vista, si possono dire due cose: la prima, che Pigliaru e Cappellacci dicono esattamente la stessa cosa: difendono una lettura liberista della struttura produttiva regionale. Il primo (a parole) combatte il mattone del secondo, ma, alla resa dei conti, poco può fare per farlo davvero: se il mercato favorisce il mattone, si potrà impedire lo scempio estremo delle costruzioni sulle spiagge, ma sarà comunque mattone e poco altro. E lasciamo correre gli incubatori per gli spin-off perché bisognerebbe essere sarcastici!
    La seconda, che allora si pone il problema di una scelta: Pigliaru è più “onesto” di Cappellacci? E’ più “capace”? Oppure votiamo Michela Murgia, che dice, in pratica, le stesse cose di questi due ma non ha alcuna esperienza gestionale e sarebbe in mano alla burocrazia? E che dire del fatto che quando Pigliaru ha governato si è mostrato inadatto alla funzione producendo pochissimo di utile?
    Il fatto è che Pigliaru è una candidatura debole che favorisce la peggior politica, quella delle lotte all’arma bianca tra fazioni dentro il PD e tra partiti e partitini all’esterno.
    Dulcis in fundo, a proposito di sinistra, abbiamo anche l’esempio pazzesco delle candidature Sel. Partito che, dal punto di vista del programma, non dice proprio nulla e accetta supinamente il liberismo di Pigliaru: una vera delusione.
    Personalmente, ad oggi, sono intenzionato a non votare: non vedo perché dovrei favorire il pessimo PD di questi anni a discapito del pessimo Cappellacci. Un voto “contro” non sono più intenzionato a darlo. Qualunquista o no, ho l’impressione che saremo in tanti.

    • Paolo Bozzetti says:

      E per quale ragione non votare la Murgia?

      • @Bozzetti
        “…non ha alcuna esperienza gestionale e sarebbe in mano alla burocrazia”
        Basta leggere.
        Non per nulla è una candidaura caldeggiata da Gad Lerner, che di Sardegna capisce quanto di politica: nulla.

        Certo che di fake pro Kelledda ce ne sono…

        • Paolo Bozzetti says:

          Ok, non ti posso dare torto, ma visto l’esperienza di Cappellacci, vista l’esperienza di Pigliaru, forse il fatto che non abbia esperienza di governo potrebbe anche aiutarla a svincolarsi dalle “mani della burocrazia”,
          Del resto un corso di laurea per fare il Governatore ancora non c’è.
          Il fatto è che siamo arrivati “alla frutta” e non votare non aiuta, anzi …

      • boricca says:

        Perchè, a parlare, siamo tutti bravi, un pò meno quando si tratta di fare. Ho letto il Suo programma, buono, perfettibile ma solo in una prospettiva futura.Purtroppo i problemi sono tantissimi e urge una rapida soluzione. Pur avendo apprezzato il fatto che ha reso nota anzitempo La Giunta, non considero alcuni all’altezza, tutto qui, magari mi sbaglio ma la penso così.

  4. El_Condor says:

    …però : http://www.unica.it/pub/7/show.jsp?id=24793&iso=96&is=7 ;
    Interessante quanto afferma il Magnifico…in perfetta sintonia con quanto si legge nelle righe del Prof.! Tutti pronti agli ordini ad obbedire agli ordini di scuderia! 😉

  5. Stalin sia con te says:

    Vai Monti ,siamo tutti con te!

  6. Pingback: “Istruzione, politiche sociali, sostegno alle imprese, qualità della pubblica amministrazione”: ecco il programma elettorale di Francesco Pigliaru - vitobiolchini | SardegnaElezioni.it

  7. Paolo Bozzetti says:

    Grazie, Pigliaru.
    Avevamo già gradito il primo volume del “Libro dei Sogni” (mi riferisco a “Un programma per cambiare la Sardegna. Insieme. del Maggio del 2004) e, ora, questo secondo volume, “Cominciamo il domani”, ci fa ancora più piacere.
    Peccato che l’analisi dei segni dell’immagine di quello che sarà probabilmente il manifesto della campagna, suggerisce una lettura con una valenza negativa:
    “Cominciamo il domani: fine”
    I due triangoli della grafica rievocano il simbolo degli apparecchi di riproduzione, generalmente musicali, che porta all’ultima traccia alla fine dell’archivio, appunto.
    Non mi sembra beneaugurale, oltre essere un po’ ambiguo, una sorta di “go&stop”.
    Mah!! Questi programmi elettorali sono un po’ strani: è molto bello scriverli, ci vuole del bel tempo per arrivare alla fine, leggerli e capirci qualcosa annoia un altro po’ e, alla fine si ha la sensazione che non siano serviti a molto.
    Ecco, metaforicamente, sono molto simili all’antico gesto della “pugnetta” (“sf. Atto manuale ripetitivo, dedicato alla ricerca del piacere personale, senza finalità riproduttive”).
    O no?

    • giorgio r. says:

      Solo una riflessione. Se il Prof. Pigliaru è la grande speranza del cambiamento, l’alfiere della riscossa sarda, perchè alle primarie ha vinto Francesca Barracciu e il Prof. non si è neppure candidato? Ditemi se mi sono perso qualcosa.

      • Paolo Bozzetti says:

        Come direbbe Biolchini, ti sei perso il ciclone che la procura di Cagliari ha scatenato sull’utilizzo dei fondi per i gruppi del consiglio regionale da parti di svariate decine di consiglieri (tra cui, purtroppo, Santa Francesca da Sorgono, che è stata, così, miseramente abbattuta dal fuoco “amico” del suo partito, con sommo godimento di alcuni altri, tra cui l’ineffabile SerialVito ossia vitobiolchini in persona).
        Io, invece, direi che nel bel caravanserraglio che è diventato, ormai, il PD (Partito Dipocriti) si è consumato uno dei peggiori atti d’ipocrisia nel mondo della politica locale:
        1) la Barracciu partecipa alle primarie insieme con Ganau, che era al tempo già inquisito, ma poteva partecipare perché il regolamento interno lo prevedeva; 2) FB vince le primarie e dopo qualche giorno viene inquisita anche lei; 3) nonostante il regolamento non prevedesse alcunchè per gli inquisiti, nasce la fronda contro Barracciu, perchè, essendo indagata, è un candidato debole elettoralmente (benché il principale avversario, UgoTuttoSugo, non solo è indagato, ma è anche rinviato a giudizio); 3) il fronte dei nemici esterni si salda con quelli interni, che vedono, nascosti dietro la questione morale, l’occasione di far fuori il vincitore delle primarie; 4) la mitica Pantera di Sorgono tiene duro per qualche settimana, mangia il panettone, beve lo spumante di Capodanno e, inopinatamente, cede, ritirando la sua disponibilità, per il bene del partito; 5) il partito ringrazia, scongela e riformatta Pigliaru ma permette agli altri indagati di candidarsi, fottendosene della questione morale e avendo cura di fottere, nel mentre, anche GianValerioSanna (tanto per gradire), negandogli la dispensa per il numero massimo di legislature.
        Insomma .. grande puzza!!!
        -(spero di esserti stato utile)-

        • giorgio r. says:

          Insomma, questa Sardegna rimane un povero scoglio in mezzo al mare tormentato dai flutti. Ci mancava solo l’onda anomala sovranista per completare il danno.

  8. Vedo che di liquidare Carbosulcis, Sotacarbo e tutte le partecipate e enti per un risparmio complessivo di 170 milioni/anno non se ne parla. Ahi, ahi cosa vogliono dire i centri di consenso………

  9. Andrea caboni says:

    Povero Francesco… lo cuoceranno a fuoco lento e fra 6/8 mesi massimo, esasperato dall’ inerzia dei suoi collaboratori dovrà dimettersi.

    • El_Condor says:

      …concordo!!! Sono più ottimista un’anno e mezzo due li fa! non foss’altro per i soldi che i consiglieri perderebbero!

    • ichnusa says:

      Non credo proprio: la competenza, rara di questi tempi, insieme all’onestà saranno la sua forza.

  10. Pingback: “Istruzione, politiche sociali, sostegno alle imprese, qualità della pubblica amministrazione”: ecco il programma elettorale di Francesco Pigliaru | Fabio Argiolas

Lascia un commento

Follow

Get every new post delivered to your Inbox

Join other followers: