Lingua sarda / Politica / Sardegna

“Lingua sarda subito! Coufficialità con l’italiano, insegnamento scolastico, Lsc, una legge per il bilinguismo”: lettera aperta a Francesco Pigliaru

Un gruppo di aderenti al movimento linguistico e che si riconoscono nelle posizioni del Partito Democratico rivolge questa lettera aperta al candidato del centrosinistra Francesco Pigliaru. Venerdì e sabato ci sarà a Castelsardo la Conferenza regionale della cultura e lingua sarda: il tema non può essere eluso.

***

A Prof. Frantziscu Pìgliaru

Frantziscu Istimadu,

allegrende-nos pro s’inditu Tuo che a ghiadore de s’assòtziu de Tzentru-Manca pro su guvernu de sa Sardigna e torrende-Ti gràtzias pro t’àere pigadu s’incàrrigu turmentosu de Ti impignare pro nde fàghere essire s’Ìsula nostra dae s’abbratzu de sa crisi chi dd’istringhet, Ti diamus bòlere sinnalare giai dae immoe su bisòngiu chi su programma de guvernu pro is chimbe annos chi benint chi semus acanta de presentare a is Sardos mustret s’atentu chi si depet a is chistiones lato sensu identitàrias e, a manera particulare, a is chi pertocant su promovimentu e s’avaloramentu de sa limba sarda (e de is variedades alloglotas presentes in Sardigna).

Dae su 18 de abrile de su 2006 – cando sa Giunta regionale chi nde faghias parte fintzas Tue at adotadu cun mèritu mannu sa Limba Sarda Comuna (L.S.C. – Normas linguìsticas de riferimentu a caràtere isperimentale pro sa limba iscrita de s’Amministratzione regionale) – a oe, si sunt fatas cosas meda pro s’afortiamentu de sa limba istòricu-identitària nostra, fintzas gràtzias a polìticas linguìsticas abbistas promòvidas dae su Servìtziu Limba e Cultura Sarda de sa R.A.S., in sa carrera de su cuadru giurìdicu-normativu europeu, istatale e regionale.

Ma sa punna de istabilèssere in s’Ìsula nostra s’echilìbriu funtzionale isperadu intre limba sarda e limba italiana est ancora a tesu. Tocat a sighire cun firmesa s’àndala cumentzada in custos ùrtimos annos.

Pro custu, pensamus chi siat pretzisu a Ti sinnalare unas cantas chistiones chi – a parre nostru – diant dèpere piessignare su programma de guvernu Tuo/nostru in contu de sa polìtica linguìstica:

a) su megioru e sa difusione de s’istandard L.S.C. pro is impreos iscritos de su sardu;

b) s’impreu cuncretu de sa limba sarda in s’iscola comente a aina veiculare de s’imparu, dende aici aplicu prenu a s’art. 4 de sa L. 482/1999 paris cun s’art. 9, comma 10, lìtera b), de sa Lege regionale 3/2009;

c) sa previsione, iscriende s’Istatutu nou de autonomia de sa Regione Autònoma de Sardigna, de sa co-ufitzialidade prena in su territòriu regionale intre limba sarda e limba italiana;

d) s’aprovu dae parte de su Consìgiu regionale de Sardigna de una lege ispetzìfica in contu de sa limba sarda (e in contu de is variedades alloglotas presentes in s’Ìsula), chi inditet sa bia pro lòmpere in su territòriu isulanu a una forma de bilinguismu reale e agiomai echilibradu intre sardu e italianu;

e) sa garantzia, in su bilàntziu regionale, de finantziamentos bastantes pro is polìticas linguìsticas in Sardigna, a su mancus aguales a cussos de is ùrtimos annos.

Frantziscu, sa Sardigna tenet s’apretu de mudare su passu! Is Sardos tenent su deretu de si nde torrare a pònnere meres de sa limba istòricu-identitària issoro, pro tempus meda negada dae polìticas tzentralìsticas luscas! E custas chistiones non depent e non podent èssere lassadas a sa  galàssia de partidos de s’àrea indipendentista/natzionalista/sovranista ebbia, ne prus pagu ancoras a cussos de s’assòtziu aversàriu de Tzentru-Dereta (chi mustrat fintzas unu tzertu interessu a sa cosa!).

Dende-Ti giai dae immoe sa disponibilidade nostra a traballare a manos de pare cun Tegus pro iscrìere su programma, Ti saludamus e Ti/nos auguramus bonasorte manna.

Aristanis, 6 de ghennàrgiu de su 2014

***

Al Chiar.mo Prof. FRANCESCO PIGLIARU

Caro Francesco,

nel congratularci per la Tua designazione alla guida della coalizione di Centro-Sinistra per il governo della Sardegna e nel ringraziarTi per aver accettato l’oneroso incarico di impegnarTi nel tentativo di fare uscire la nostra Isola dalle sabbie mobili della crisi che l’affligge, vorremmo segnalarTi fin d’adesso la necessità che il programma di governo per il prossimo quinquennio che ci accingiamo a presentare ai Sardi riservi la dovuta attenzione alle tematiche lato sensu identitarie e, in modo particolare, a quelle riguardanti la promozione e valorizzazione della lingua sarda (e delle varietà alloglotte presenti in Sardegna).

Dal 18 aprile 2006 – data in cui la Giunta regionale della quale facevi parte ha meritoriamente adottato la Limba Sarda Comuna (L.S.C. – Norme linguistiche di riferimento a carattere sperimentale per la lingua scritta dell’Amministrazione regionale) – ad oggi, molto è stato fatto per l’affermazione della nostra lingua storico-identitaria, anche grazie a lungimiranti politiche linguistiche promosse dal Servizio Lingua e Cultura Sarda della R.A.S., nel solco del quadro giuridico-normativo europeo, statale e regionale.

Ma l’obiettivo di ristabilire nella nostra Isola l’auspicato equilibrio funzionale tra lingua sarda e lingua italiana è ancora lungi dall’essere raggiunto. Occorre proseguire con determinazione il cammino intrapreso in questi ultimi anni.

Perciò, riteniamo opportuno segnalarTi alcuni punti che – a nostro avviso – dovrebbero imprescindibilmente caratterizzare il Tuo/nostro programma di governo su questo tema:

a) il perfezionamento e la diffusione dello standard L.S.C. per gli usi scritti del sardo;

b) il concreto impiego della lingua sarda a scuola come strumento veicolare dell’insegnamento, dando così piena attuazione all’art. 4 della L. 482/1999 in disposto combinato con l’art. 9, comma 10, lettera b), della Legge regionale 3/2009;

c) la previsione, in sede di scrittura del nuovo Statuto di Autonomia della Regione Autonoma della Sardegna, della piena co-ufficialità nel territorio regionale tra lingua sarda e lingua italiana;

d) l’approvazione da parte del Consiglio regionale della Sardegna di una specifica legge sulla lingua sarda (e sulle varietà alloglotte presenti nell’Isola), che tracci le linee-guida per il conseguimento nel territorio isolano di una forma di bilinguismo reale e tendenzialmente equilibrato tra sardo e italiano;

e) la garanzia, nel bilancio regionale, di adeguati finanziamenti per le politiche linguistiche in Sardegna, almeno in linea con quelli degli ultimi anni.

Francesco, la Sardegna ha bisogno di cambiare passo! I Sardi hanno il diritto di riappropriarsi pienamente della loro lingua storico-identitaria, a lungo negata da miopi politiche centralistiche! E questi temi non possono e non devono essere appannaggio esclusivo della galassia di partiti dell’area indipendentista/nazionalista/sovranista, né tantomeno della coalizione avversaria di Centro-Destra (che pure mostra al riguardo un certo interesse!).

Nel rappresentarTi fin d’ora la nostra disponibilità a collaborare con Te alla stesura del programma, Ti salutiamo cordialmente e Ti/ci auguriamo un grosso “in bocca al lupo!”.

Oristano, 6 gennaio 2014

Antonio Ignazio Garau, Direzione provinciale P.D. Oristano, Circolo P.D. Villaurbana, dirigente del Movimento Linguistico Sardo

Mariantonietta Piga, Circolo P.D. Nuoro, dirigente del Movimento Linguistico Sardo

Giovanna Tuffu, Assemblea provinciale P.D. Sassari, Circolo P.D. Sassari, dirigente del Movimento Linguistico Sardo

Roberto Deriu, Presidente Provincia di Nuoro, Direzione regionale P.D.

Alba Canu, Assemblea regionale P.D., Gruppo P.D. Consiglio provinciale di Sassari

Paolo Bussu, Gruppo P.D. Consiglio provinciale di Sassari

Gian Nicola Cabizza, Gruppo P.D. Consiglio provinciale di Sassari

Giovanni Serra, Gruppo P.D. Consiglio provinciale di Sassari

Gianfranco Strinna, Gruppo P.D. Consiglio provinciale di Sassari

Antonio Tanca, Gruppo P.D. Consiglio provinciale di Sassari

Giampaolo Mameli, Gruppo P.D. Consiglio comunale Sassari, Segretario Circolo P.D. Sassari

Franco Sanna, Gruppo P.D. Consiglio provinciale di Sassari

Mario Pala, Gruppo P.D. Consiglio provinciale di Sassari

Bruno Farina, gruppo PD consiglio comunale Ozieri
Marco Murgia, gruppo PD consiglio comunale Cagliari
Mario Tendas, Capogruppo PD Consiglio provinciale di Oristano, Vicesindaco Comune di Solarussa
Mariantonietta Canu, circolo PD Ozieri e gruppo PD Comune di Ozieri

Maurizio Bonetti, circolo Copernico  PD di Cagliari

Seguiranno altre adesioni.

47 Commenti

  1. Giuanna says:

    e bravo Vito Biolchini che lancia ossa ai cani rabbiosi…nel leggere questi commenti ho dei movimenti peristaltici violenti…quante belle opinioni sulla lingua sarda e tra le righe sui sardi….nel non voler accettare uno standard linguistico unitario stiamo aprendo le porte al caos babelico già evidente nel parlato. Infatti i linguisti hanno constatato l’esistenza di 7 sottovarietà del Campidanese: centro occidentale, cagliaritano e hinterland, sulcitano, campidanese centrale, campidanese della barbagia meridionale, ogliastrino, sarrabus; per il logudorese abbiamo 3 sottovarietà: logudorese centrale, sud orientale, nord occidentale; rimangono quindi da tenere in considerazione l’arborense, il nuorese che a sua volta si frammenta in 3 sottovarietà: settentrionale, centro occidentale e quello orientale-meridionale.
    E siamo dunque a 14 lingue secondo i criteri dell’uomo della strada e del linguista a ore e di quello a distanza. Ma dove vogliamo andare cosi? tutto questo ve l’ho scritto in italiano che pare essere l’unico standard che non vi disturba.

  2. Antonella Lai says:

    Ops la destra supera la sinistra. E anche Kelledda….

    Lingua sarda: presidente Cappellacci, “Il sardo è una lingua normale””Noi vogliamo e dobbiamo riportare il sardo nella quotidianità. Dobbiamo parlare e scrivere in sardo per far diventare la nostra lingua motivo di distinzione culturale rispetto alla globalità. Perché le lingue minoritarie si salvano dal rischio estinzione solo se vengono considerate normali”. Così ha detto il presidente Cappellacci.Lingua sardaAscolta la notiziaAscolta la notizia

    CASTELSARDO, 10 GENNAIO 2014 – “In questi anni è stato segnato un solco molto profondo per la politica linguistica che deve appartenere a tutti i sardi e non a una sola parte politica. La lingua sarda fa parte della nostra identità e deve essere tutelata perché è una lingua normale”.

    Lo ha detto il presidente Ugo Cappellacci intervenendo all’ottava Conferenza Regionale della Cultura e della Lingua Sarda.

    “In questi anni – ha proseguito – ho sentito numerose considerazioni sul “sardo”, sulla limba. Prese di posizione sulla limba sarda comune, considerazioni sulle parlate – anch’esse lingue, delle diverse zone della Sardegna.

    Credo che l’interrogativo principale sia, ancora oggi, cos’è la Limba? Serve ancora parlarla?

    Si tratta di un argomento del quale mi è capitato di discuterne in famiglia con i miei figli, che si pongono il problema proprio perché la percezione della lingua sarda è ancora legata ad una visione arcaica della lingua stessa, circoscritta esclusivamente ai temi della cultura e dell’identità.

    In realtà la risposta su cosa sia lingua sarda è arrivata anche dalla recente campagna di comunicazione promossa dalla Regione sui media: il sardo è una lingua normale. Che può essere utilizzata in qualsiasi contesto del nostro quotidiano: in ufficio, in banca, al mercato quando si fa la spesa.”

    “La stessa Regione – ha continuato il Presidente della Giunta – ha più volte scritto al Governo utilizzando il sardo, perché questa lingua è rappresentativa per la nostra isola, per la nostra identità. Io ne sono fortemente convinto!

    Noi vogliamo e dobbiamo riportare il sardo nella quotidianità. Dobbiamo parlare e scrivere in sardo per far diventare la nostra lingua motivo di distinzione culturale rispetto alla globalità. Perché le lingue minoritarie si salvano dal rischio estinzione solo se vengono considerate normali.

    E in questi anni abbiamo fatto crescere la politica linguistica e tutelato gli operatori di questo settore.

    Ora ci impegniamo a un ulteriore passo avanti della questione della lingua regionale. E’ necessario che diventi una competenza di serie A . Deve diventare una competenza riconosciuta e legittimata, di livello presidenziale per gli aspetti sociali, istituzionali e giuridici, non relegata al solo ambito culturale. Si garantiranno investimenti in linea con gli ultimi anni a scuola, uffici linguistici, media e attività artistiche che useranno la lingua.”

    La questione linguistica della Sardegna è importante e strategica per alcune considerazioni.

    E’ intimamente legata all’identità del popolo sardo e alla questione autonomistica istituzionale.

    E’ una risorsa economica perché gli ambienti e le società multilingue (anche con lingue regionali) sono sempre quelli più avanzati nei quali germogliano le imprese più dinamiche e l’innovazione più produttiva. Come ad esempio accade in Catalogna.

    L’uso contemporaneo delle lingue regionali, della lingua statale e di quelle di grande comunicazione (inglese, ad esempio) produce vantaggi cognitivi nell’educazione dei bambini, come testimoniano numerosi studi.

    Ufficializzare e dare dignità alla lingua sarda consente alle produzioni culturali e popolari autoctone di uscire dal ghetto della subcultura e del folclore per entrare a testa alta nel salotto della cultura mainstream.

    A questo fine ci impegniamo perché nei prossimi anni di governo siano realizzati i seguenti punti, che sono il naturale completamento di una politica linguistica condotta in questi primi 5 anni di governo regionale:

    – Mantenere, all’interno del bilancio regionale, gli stanziamenti in favore della politica linguistica e dei piani triennali su livelli pari a quelli degli ultimi anni;

    – Presentare una proposta di modifica costituzionale dello Statuto Speciale e legge regionale per realizzare la co-ufficialità della lingua sarda con l’italiano e la gestione regionale delle politiche scolastiche e universitarie di intervento;

    – Gestire la questione della lingua regionale agganciandola a quella dell’inglese e della realizzazione di una reale società sarda internazionale e multilingue;

    – Perfezionare, ufficializzare e diffondere lo standard di riferimento della lingua sarda scritta a tutti i livelli, in assenza del quale nessuna politica linguistica sarebbe efficace e reale, senza però limitare l’uso delle parlate locali: ciascuno deve poter utilizzare il proprio sardo;

    – Potenziare le strutture regionali che si occupano delle politiche linguistiche con rimodulazione di risorse a favore della creazione di nuove direzioni nell’Istruzione e presso la Presidenza della Giunta.

    – Creare una fondazione/istituzione regionale che si occupi di ricerca scientifica e definizione delle strategie operative della politica linguistica in collaborazione con atenei internazionali;

    – Stanziare risorse operative con pari dignità, nei rispettivi territori, a favore delle altre lingue presenti in Sardegna: catalano di Alghero, turritano, gallurese e tabarchino.

    – Potenziare e stabilizzare l’operatività delle reti degli operatori linguistici e degli uffici della lingua sarda che saranno gestiti direttamente dalla Regione in collaborazione con gli enti locali.

    – Valorizzare le attività artistiche tradizionali che fanno uso della lingua sarda con la messa a disposizione di risorse pari almeno a quelle degli ultimi anni per associazioni di canto e per la musica regionale in limba in genere;

    – Intervenire sulla diffusione del sardo nei mass media con sostegno a riviste, radio, web e televisioni che usino la lingua sarda in maniera esclusiva o preponderante.

    – Sostenere l’insegnamento del sardo nell’orario curricolare e sostenere la formazione degli insegnanti;

    Istituire un albo degli insegnanti di lingua e implementare i piani triennali della lingua previsti dalla legge 26/97.

    Per l’assessore Sergio Milia l’impegno della Giunta è stato massimo visto che “anche grazie all’aiuto del consiglio regionale, gli stanziamenti riservati alle politiche linguistiche sono aumentati del 300 per cento. Non siamo qua per autocelebrarci – ha dichiarato Milia nel suo intervento – ma per cercare di tracciare un percorso che abbiamo iniziato e che gli operatori del settore hanno apprezzato. Soprattutto per quanto riguarda la scuola abbiamo consentito, a fatica, l’utilizzo della lingua. Contro tutti. Il Governo tutela tutte le minoranze ma non tutela la lingua sarda, ed ha cercato di impedirci l’insegnamento ai nostri ragazzi nelle scuole.

    I lavori dell’ottava Conferenza regionale proseguiranno domani mattina con gli interventi degli esperti degli sportelli linguistici.

  3. Giorgio Atzeni says:

    E’ passata una settimana e Pigliaru non ha raccolto la sfida lanciata dai dirigenti pd. E’ evidente ciò che si sapeva già: è contrario al bilinguismo e all’ufficializzazione della lingua. A quelli di sinistra cui interessa questo tema non resta che votare la Murgia.

  4. G. Melis says:

    Non t’ismèntighes però de leare sa pastiìglia, faghe su fpigiu bonu.

  5. Federico says:

    Se solo sento accennare a bilinguismo, LSC o altre follie del genere voto Cappellacci.

  6. Si scrive Accabbadora, Accabadora o Acabadora? Provi qualcuno dei dotti a rispondere. Faedda, Cossu, Cabras ecc. ecc. Ci provino. Sarà divertente. A domani.

  7. Pingback: E b’est puru su PD is sardu | Bolognesu: in sardu

  8. casumarzu says:

    non chi vuole il sardo nelle scuole ma coloro che lo studieranno come strumento veicolare per l’insegnamento di altre discipline. Non è mio costume “abbettiare” via blog, semmai mi piace molto dal vivo, ma la ricerca sociolinguistica che mi proponi la conosco fintroppobbene avendo fatto parte di quel progetto di LSC nella pubblica amministrazione che tutto ha prodotto fuorchè gli atti che si proponeva di scrivere in LSC.

  9. Mommotti says:

    Chi calincuna cosa Pigliaru tenit bidea de fàiri po su sardu, no pensu chi at a ponni fatu a is trumixeddas de auto-nomenaus “esperteddus”, de cussus mancai chi tragallant is professoris de is universidadis sardas… E chi giai ddu tirant po sa giachetta, comenti iant fatu cun Soru. Ma cun issu mi parit ca apicant mali in crais.
    Is consillus, capassu chi ddus at a circai a intru de is ambientis universitàrius etotu. Ma inguni puru non est chi siant totus a una conca..

    In tema de imparu de su sardu in is scolas , labai s’ interventu de prof. Blasco Ferrer in s’Unioni Sarda de su 29 de Idas de ocannu passau:

    http://www.sardegnaeliberta.it/photo/Il-sardo-una-seconda-lingua-con-una-storia-straordinaria.pdf

  10. casumarzu says:

    le motivazioni a sostegno della proposta di insegnamento della lingua sarda nelle scuole come strumento veicolare dell’insegnamento mi sembra davvero troppo e sopratutto non trovano una coerenza con le vere priorità dell’insegnamento in generale e della organizzazione scolastica in particolare.
    Portare nel programma un riferimento al bilinguismo, si sa, serve a raggranellare voti, e ci può stare; io sono tra quelli che ritiene la cultura sarda un valore, ma lo faccio da persona che ha potuto guardare e riconoscere questo valore avendo altre basi di conoscenza, acquisite con la formazione e con l’esperienza. Ho la chiara sensazione che tutto questo prenotare un impulso all’insegnamento della lingua sarda sia solamente funzionale a muovere un po’ di economia nelle tasche dei soliti accreditati più o meno noti.
    Comunque per farla breve: se c’è un modo per rovinare la credibilità del neo-candidato governatore della coalizione di centrosinistra, questo è certamente il più efficace..imporre il sardo nelle scuole!
    da “pocos locos y mal unidos” a “maccus, barrosus e ignorantes”

  11. Paolo Cantarella says:

    Io il sardo non lo parlo per ragioni familiari. Ma se dovessi studiarlo e scriverlo preferirei la versione unica. Due lingue? Ma come? Dove? Una complicazione incredibile. A Cagliari una lingua e a Nuoro un’altra? Una follia…Bene la Lsc

    • Bene, Paolo Cantarella!

    • Logudoresu says:

      è la classica visione da continentale che non ha la minima idea di cosa sia il Sardo, se abiti qui, ti basta imparare la lingua del luogo dove vivi, ma fare una lingua unica, quando di fatto ce ne sono due è da pazzi

      • Hassel says:

        Due? I ceppi sono due, poi quasi ogni paese ha la sua parlata. E poi c’è la spina nel fianco del gallurese, che a rigore non sarebbe nemmeno sardo…

      • Davide Corda says:

        Il sardo è una lingua unitaria, non diciamo fesserie. Anch’ io parlo e continuerò a parlare il mio dialetto, ma serve una maniera unica di scrivere per esigenze pratiche, tutto qui.

  12. Dimenticavo di fare i miei complimenti a logudoresu quando scrive: “criare una limba unica chi est un arrore e odiada dae tottu? o invece tutelare sas duas limbas chi bi sun e chi sun amadas dae sa zente chi las faeddat ogni die?”
    Creare una lingua e imporla con metodi para – e neanche tanto para – fascisti e nella migliore delle ipotesi leghisti. Questa è la realtà.
    Non basta il nome degli assessorati in finto sardo e qualche documento in finto sardo, ricorda quei mobili dozzinali con l’anticatura e anche la Sardegna finta di certi villaggi vacanze.
    Basterebbero gli spot milionari con la bocca stretta per capire il significato dell’operazione Lcs. Finirà nel nulla.
    Dentro il Pd c’è qualcuno che la questione linguistica la può affrontare seriamente e favorendo davvero l’uso del sardo.
    Uno dei modi consiste certo nel deviare l’enorme flusso di denaro dall’ufficio verso pratiche che favoriscano l’uso quotidiano, scritto e parlato liberamente. Liberamente e non perché lo decidono quattro linguisti.

    • Marco Cabras says:

      Un’àteru ideòlogu de s’anarco-iscritura in sardu, pro sos sardos. Unu male de sos monolinguistas istèricos, chi in càmbiu rispetant sas règulas de sa limba issoro

  13. Ora vedrete che il nemico delle liste della Murgia diventa il Pd per vari motivi. Uno di questi sta nel fatto che dentro il Pd qualcuno sente la questione linguistica, come dimostra questa lettera e la sottrae al monopolio di Sardegna Possibile. A breve questo movimento – che è dato al 6% nella migliore delle ipotesi – dimenticherà Cappellacci e avrà l’ossessione di PIgliaru. Tipicamente sardo l’errore di sbagliare nemico. Fatale.

  14. Claudio Serusi says:

    De Is risposta de Pigliaru e Maninchedda s’at a cumpend chi olint a commissariai sa lingua a Is acadèmicus chi olit nai a non fai nudda

  15. Giovanna Lecis says:

    dimandamos e ite ndi pentzat a Maninchedda

  16. Mauro Medda says:

    Bene cosi, avanti. Senza la lsc non può esserci polìtica linguìstica. E neppure l’insegnamento a scuola. E chini non bolit….bollat.

  17. Biu ca certai esti sa cosa chi fadeis mellus. E chini sunti custus de su Pd chi chistionanta e scrinti un lingua ca no c’esti a su mundu?

  18. bachis efisi says:

    A me sembra un escamotage elettorale di chi pensa a un popolo di cretini.
    Ma una copia, almeno per conoscenza, ai loro amici dell’università italiana di sardegna gliel’avranno mandata?
    In ogni caso sarei contento di sbagliarmi.

  19. Custa cramada pro sa limba sarda relatada dae gosi medas dirigentes, e fintzas de artu nivellu, de su Partidu Democraticu est pro sa politica linguistica de su tzentru ischerra sa cosa prus importante acaessida depustis de aere aprobadu Renato Soru s’istandard de sa Limba sarda Comuna, una de sos cosas megius chi custu presidente aiat fatu, e est fatia chi dat cuntentesa meda. Fintzas a como pessaia ca sos democraticos autonomistas pro pro sa limba sarda esseremus verdaderamente pagos, no est prus gosi. Sos tempos sunt cambiende in megius.

    Parabenes a sos arguasiles de tzentru ischerra de custu relatu e megiorende sempere

  20. Giorgio Atzeni says:

    Deu seu campidanesu e non bollu a pratziri su sardu. Si Pigliaru est de acordiu beni sinunca votu a Cappellacci. DE Kelledda Murgia no apu ancora cumprendiu sa positzioni politica po sa lingua. Meghe e nai: chini sighit sa linea po unu sardu normali deu ddu votu. Mancai siit su dimoniu. Sa Lsc no dda sciu, ma mi andat beni. DD’at a imparai filla mia.

    • abetiosu says:

      Tui no ses campidanesu, unu campidanesu no narat “siit” (tradutzioni de siet,)ma siat. In prus no funt medas is chi nanta “normali” po sa LSC.

  21. abetiosu says:

    Sa chistioni no est a pratziri is sardus, ca is sardus abarrant cumenti funt e no ddus pratzeus nì ddus pinnigaus ni deu, ni tui, ni Luca de Martini, sa chiistioni est cussa de donai a is sardus unu standard chi siat beni arriciu e no impostu. Poita ca chi est cumandau po s’amarolla no funtzionat, e depemus essiri giai scramentaus. In aterus fueddus: sardu in iscola eia o no? Eia po chini d”olit, no po chini no dd’olit; LSC o Campidanesu? LSC po chini olit LSC, campiidanesu po chini olit campidanesu. Chi boleus imponi su campidanesu in provintzi’e Nuoru o sa LSC in provintzi’e Casteddu, segundu mei, nci pistaus is murrus malamenti.

    • Supresidenti says:

      sesi ponendi a pari cosas diversas, a cumenti sa lsc (sa lingua de sa regioni) e su campidanesu (sa lingua de is campidanesus). Sa lsc a mei non praxit poitta non podit essi unu uffizzu e su direttori, impari a studiosus (ma scetti cussus chi da pensanta a cumenti issu ca is attrus funti “dentistas”) a scioberai cali lingua dopeus chistionai in sardinia. Teneus un’occasioni manna, de costruiri sa lingua cun “partecipazione democratica” e no po “imposizione coloniale” de sa regioni. A su mancu, deu da penzu de aicci e segumenti no seu direttori tengiu meda arrispettu po chini da penzada diversamenti. Ca mancai si podit sempri imparai calincuna cosa..
      In donia manera, mi fai praxeri chi ci sianta dirigentis de su pd chi tenint a coru sa lingua sarda, mi dispraxiri scetti ca funti tottus sassaresus, ma mancai is casteddaius s’anta acciungi in custas disi…

  22. casumarzu says:

    prenderò colpi ma dico quello che penso da appassionato di lingua e cultura sarda.
    Personalmente credo che l’insegnamento della lingua sarda (quale variante o LSC non è importante) sia il modo migliore per estinguerla definitivamente.
    Invito tutti quelli che hanno sviluppato un interesse culturale, e non economico, nei confronti della lingua sarda a fare una riflessione su un aspetto: l’insegnamento imposto della lingua italiana ha prodotto l’abbandono o l’estinzione delle lingue regionali delle diverse regioni italiane? La lingua inglese ufficiale ha inibito o ha uniformato le diverse parlate anglofone dal Galles al Minnesota? Nelle scuole pubbliche regionali frequentano alunni di diverse nazionalità o provvenienti da altre regioni italiane: quale sarà il loro punto di vista e dei genitori al riguardo? Imporre la lingua “materna” come materia scolastica garantirà la sua “salvezza” dall’estinzione?
    Io sono per la libera scelta, Lingua Sarda Facoltativa. Non vedo come si possa chiedere ad un candidato di un partito che si dice Democratico, l’imposizione di un qualcosa, figuriamoci l’imposizione del mezzo espressivo.

    • Franco Cossu says:

      Ma comente a non bi pensare in antis! Gràtzias casumarzu: Istudiare una limba est a la bochire. E nois, in càmbiu, pensaìamus su contràriu

    • Risposta:
      1) l’insegnamento imposto della lingua italiana ha prodotto l’abbandono o l’estinzione delle lingue regionali delle diverse regioni italiane?
      SI, ANCHE ADESSO.
      2) La lingua inglese ufficiale ha inibito o ha uniformato le diverse parlate anglofone dal Galles al Minnesota?
      LO AVREBBE FATTO SE IN GALLES E IN ALTRI LUOGHI NON SI FOSSERO MOSSI IN DIFESA DEL GALLESE E DELLE ALTRE LINGUE MINORITARIE.
      PER IL MINNESOTA CHIEDILO AI NATIVI AMERICANI.
      3) Nelle scuole pubbliche regionali frequentano alunni di diverse nazionalità o prov(v)enienti da altre regioni italiane: quale sarà il loro punto di vista e dei genitori al riguardo?
      CHIEDILO AI BASCHI AI GALLEGHI MA ANCHE AI FRIULANI (Il friulano viene inoltre studiato nelle università di Udine, Trieste, Praga, Mosca e Lubiana. Nel 2000 l’Università di Udine è stata la prima in assoluto ad istituire, nell’ambito della Facoltà di Lingue e Letterature straniere (sede di Gorizia), un Corso di Laurea in Traduttori e interpreti comprendente la lingua friulana, ai sensi della Legge 482/1999.).

  23. saludi e trigu says:

    ….. in su PD (is concas mannas de-i cussu partidu) funt incumintzendi a seberai comenti perdi atrus votus: sa LSC est su primu seberu bessiu a pizu 🙂 🙂 🙂

    • Scommetto una pecora che l´autore di questa petizione
      è parente stretto stretto dell´autore della lettera,
      in LSC, di Ugu a Letta.
      O pensate che i firmatari abbiano veramente capito cosa hanno scritto.
      Se così fosse avremo un esempio di cosa significhi
      essere realmente multitasking e trasversali, di lotta e di governo.
      Filologi fatevi avanti!
      http://www.ugocappellacci.org/lettera-al-premier-letta/

  24. abetiosu says:

    De acordiu in totu, foras de unu puntu: sa LSC tenit su deretu de essiri sperimantada ma no de essiri imposta. In Sardinia teneus sa norma campidanesa, chi nascit de una traditzioni seculari, est stetia aprobada a s’unanimidadi in su consillu de sa Provintzi’e Casteddu, at produsiu unu testu de arrgulas, unu ditzionariu e varius librus po sa scola. Sa LSC no ets mai passada in consillu regionali, no tenit ditzionariu e peus testus po sa scola. In prus est una lingua artifitziali, est a nai no benit de nisciuna traditzioni literaria ma nascit de una mediatzioni intre duas variantis. Imponi una operatzioni de ingenieria linguistica chen’e passai po sa sperimantazioni est unu machiori. Deu nau ca est pretzisu chi, democraticamenti, sa Provintzi’e Casteddu sperimantit su campidanesu standard, e is provintzias chi ant scioberau sa LSC sperimantint sa LSC. E chi nci siat una cumissioni chi, passu po passu, medit totu is efetus de donnia proposta e, a s’acabada, ditzidat. Una cosa est segura: chi sigheus a spendi dinai po totu foras che po sa formatzioni de is docentis sa scriidura de is librus e s’imparu in iscola,depeus sciri ca su fallimentu est acanta. E fallimetu bolit nai morti de su sardu. Su sardu si sarbat chi brintat in iscola imoi, totu s’atru est burrumballa.

    • Franco Cossu says:

      Bene meda abetiosu, sa matessi positzione chi defensat Abdullah Luca de Martini, sa de partzire sos Sardos in sunnitas e sciitas.

      • Logudoresu says:

        invece est mezus criare una limba unica chi est un arrore e odiada dae tottu? o invece tutelare sas duas limbas chi bi sun e chi sun amadas dae sa zente chi las faeddat ogni die?

      • Tui pensas chi deu candu scriu diaici seu una “partzidora” de su sardu? Ahhh…

        E ita depo fàgher? Depo iscrier sa Limba chi cherres tue? Depo iscrier su logudoresu pro non ofender sos ogros tuos?!

        Bai, bai a bogai sa tzidica chi tenis me is ogus…

        • Davide Corda says:

          Neunu ti obbligat a impreare sa LSC. E tzacdichelu in conca una borta pro sempre chi sa LSC no est logudoresu!

Lascia un commento

Follow

Get every new post delivered to your Inbox

Join other followers: