Politica / Sardegna

M5S Sardegna, ecco tutti i nomi divisi per province dei 198 aspiranti consiglieri e presidenti della Regione!

Soltanto un non-partito che si vanta di avere un non-statuto poteva avere dei non-candidati, i cui non-nomi li potete leggere qui sotto, divisi ovviamente per non-province. In vista delle prossime elezioni regionali il Movimento 5 Stelle sardo è diviso, anzi spaccato, in due fazioni contrapposte. La prima ha dato il via alla raccolta delle autocandidature, la seconda risponde che si tratta di tempo sprecato e accusa i primi di essere in sostanza dei ciarlatani (leggete questa nota, giusto per capire che non sto esagerando). Chi avrà ragione? Come andrà a finire? Il non-leader Beppe Grillo ha fatto sapere che i due gruppi devono trovare l’accordo da soli: staremo a vedere. Certo che in questa fase fare peggio di Pd e Pdl era difficile, ma il M5S è riuscito nell’intento.

In ogni caso, in sei giorni (da sabato 26 a giovedì 31 ottobre) alla piattaforma del MoVimento Cinque Stelle in Sardegna sono arrivate la bellezza di 192 autocandidature di aspiranti consiglieri regionali, 28 dei quali hanno segnalato di voler correre anche alle primarie per la presidenza. In sei invece hanno optato solo per la presidenza: totale 198 grillini pronti alla pugna regionale.

Se guardiamo alla suddivisione territoriale, ben 87 candidature sono arrivate dalla provincia di Cagliari. Seguono, nettamente staccate, Sassari con 38, Nuoro con 20, Carbonia-Iglesias con 15, Oristano con 14, Olbia-Tempio e Medio Campidano entrambe con 11, mentre il M5S ha raccolto in Ogliastra appena due autocandidature.

Trentaquattro candidature alla presidenza sono un segno di vitalità o di imbarazzante distacco dalla realtà da parte del popolo grillino? Di sicuro tra gli aspiranti governatori ci sono dei nomi di rilievo e da non sottovalutare (ne parleremo meglio prossimamente).

Vi lascio ai nomi dei candidati, distinti per province. Se volete approfondire e scoprire se qualcuno di essi ha lasciato sulla piattaforma maggiori informazioni, non potete far altro che consultare la lista completa.

Ora questi 192 nomi saranno vagliati dal M5S, c’è da scommettere che molti non supereranno il primo sbarramento. Sempre che poi la fazione avversa non abbia ragione e che si sia trattato solo di una gigantesca presa in giro.

***

CANDIDATI AL CONSIGLIO REGIONALE

 Cagliari (84 candidature)

Giancarlo Nonis (1953), Priamo Melis (1961), Fausto Saba (1970), Barbara Cireddu (1972), Francesco Musino (1982), Alessio Palla (1989), Corrado Melis (1973), Dalmazio Ranieri Davide Sillitti (1966), Franco Fozzi (1951), Eugenio Basciu (1961), Riccardo Mallus (1962), Carlo Bernardini (1968), Giovanni Pianta (1965), Fabrizio Murgia (1972), Antonio Piras (1958), Corrado Cadeddu (1965), Massimo Fenu (1977), Nicola Cinus (1978), Maria Cristina Pani (1974), Dino Delrio (1951), Roberto Follesa (1983), Marta Banditelli (1985), Carlo Trudu (1957), Gian Carlo Carrus (1965), Pierpaolo Tronci (1964), Alessandro Cau (1980), Roberto Saba (1953), Lucia Sulis (1984), Fabio Surcis (1978), Beatrice Carta (1966), Renato Vincis (1961), Stefania Pulina (1969), Gianluca Tocco (1964), Pier Luigi Usai (1962), Massimiliano Locci (1977), Pasquale Atzeni (1957), Giovanni Vargiu (1954), Giorgio Demurtas (1986), Carlo Andrea Arba (1969), Roberto Cambarau (1967), Roberto Giorgini (1949), Alessandro Lorenti (1977), Stefano Vadilonga (1961), Giovanni Mura (1968), Giorgio Corona (1958), Giorgio Ligas (1960), Federica Garau (1982), Giorgio Fanni (1947), Marcello Trudu (data errata), Antonio Pala (1965), Monica Mascia (1969), Orazio Copiello (1957), Marcello Serra (1968), Stefano Piroddi (1975), Massimiliano Boi (1966), Riccardo Murru (1964), Michelangelo Serra (1950), Andrea Palmas (1976), Andrea Zucca (1969), Paola Marcella Mereu (1948), Ivano Paolo Todde (1970), Franco Anedda (1966), Marco Muscas (1957), Marianna Piras (1981), Massimo Esposito (1971), Veronica Maggiolo (1976), Nicola Quaquero (1982), Luca Floris (1967), Stefano Arca (1973), Alessandro Fadda (1965), Cristiana Matta (1965), Samuele Mereu (1968), Athos Cadeddu (1972), Fabrizio Zuddas (1975), Giuseppe Vacca (1966), Giovanni Cazziani (1952), Michelangelo Serra (1950), Angelo Congiu (1965), Mattia Piano (1982), Roberto Contu (1988), Christian Pilleri (1975), Davide Chitti (1969), Aurelio Corti (1958), Andrea Deiana (1971).

 

Sassari (35 candidature)

Giuseppe Sechi (1959), Andrea Tirotto (1975), Vanna Pina Delogu (1963), Lazzaro Mureddu (1973), Cosimo Provenzano (1973), Giovanni Sanna (1954), Immacolata Scanu (1972), Grazia Ines Tangianu (1980), Luigi Muroni (1957), Lorenzo Cosseddu (1991), Giuseppe Pinna (1962), Giuseppe Di Lorenzo (1973), Franco Pintus (1976), Assunta F. Rossella Piu (1969), Salvatore Bussu (1969), Raffaele Donadio (1965), Alessio Pirino (1958), Alessio Pinna (1976), Pier Paolo Fresi (1973), Eustachio Tarasco (1964), Ivo Manca (1963), Gavino Bigella (1983), Nicola Andrea Oggiano (1964), Vincenzo Antonio Giuliano Migaleddu (1952), Riccardo Usai (1978), Massimo Dore (1974), Davide Giovanni Costantino Sechi (1969), Antonello Zicconi (1973), Costantino Onofrio Lupino (1957), Vinicio Demurtas (1969), Paolo Antonio Pintus (1961), Giuseppe Pilia (1966), Pietro Idini (1958), Patrizia Zallu (1970), Sergio Merella (1965).

 

Nuoro (20 candidature)

Paolo Mutzette (1968), Marcella Arru (1966), Gabriela Tidu (1970), Gianfranco Cambedda (1967), Daniele Arduino Pinna (1987), Elvira Lucia Evangelista (1968), Fabio Murru (1976), Pietro Gosamo (1948), Michele Virdis (1982), Piero Giorgio Pira (1949), Riccardo Mureddu (1979), Silvio Porcu (1976), Francesco Puligheddu (1973), Paolo Cappai (data errata), Estevan Lai (1987), Sara Piu (1974), Nicolò Calia (1946), Antonello Mauro Pintore (1970), Davide Fara (1974), Mauro Fenu (1966).

 

Carbonia-Iglesias (15 candidature)

Manolo Lucia (1970), Anna Paola Friargiu (1967), Giuseppe Piga (1968), Roberto Massa (1962), Ornella Ghisu (1955), Massimiliano Zonza (1969), Manolo Cossu (1974), Sandro Aste (data errata), Roberto Albanese (1963), Simone Muscas (1973), Beniamino Perri (1953), Francesco Giganti (1974), Stefano Carbone (1950), Paolo Zandara (1952), Elio Loi (1946).

 

Oristano (14 candidature)

Giovanni Costantino Spada (1974), Fabio Cossu (1980), Georgeta Cibotario (1977), Massimiliano Cinti (1976), Sandro Tatti (1976), Massimo Pisanu (1963), Luca Loi (1985), Giacomo Zucca (1985), Sebastiano Chighini (1960), Federico Tanchis (1964), Paola Caria (1976), Giacomo Antonio Piga (1960), Giuseppe Daniele Senes (1974), Marco Cominu (1970).

 

Olbia-Tempio (11 candidature)

Omar Milia (1986), Giovanni Antonio Puliga (1958), Nino Vargiu (1975), Maria Teresa Piccinnu (1965), Franco Mario Giovanni Sanna (1958), Gianfranco Fois (1962), Giovanni Casali (data errata), Marina Fancellu (1957), Roberto Ferinaio (1973), Sebastiano Posadinu (1948), Angela Salis (1983).

 

Medio Campidano (11 candidature)

Maurizio Montis (1963), Renato Pisu (1968), Daniele Tatti (1972), Marino Serpi (1959), Luigi Pilloni (1957), Giampaolo Lampis (1994), Giovanni Soro (1968), Barbara Deias (1977), Massimiliano Molon (1976), Antonio Collu (1960), Giulia Moi (1971).

 

Ogliastra (2 candidature)

Cristian Ponti (1982), Giovanni Bardeglinu (1982).

***

CANDIDATI PRESIDENTI (34 candidature)

I seguenti 28 nominativi si sono proposti anche per la carica di consigliere regionale.

Priamo Melis noto Mimmo (1961) Cagliari, Dalmazio Davide Ranieri Sillitti (1966) Cagliari, Franco Fozzi (1951) Cagliari, Giovanni Pianta (1965) Cagliari, Daniele Tatti (1972) Medio Campidano, Fabrizio Murgia (1972) Cagliari, Luigi Pilloni (1957) Medio Campidano, Massimo Fenu (1977) Cagliari, Giuseppe Di Lorenzo (1973) Sassari, Lucia Sulis (1984) Cagliari, Carlo Andrea Arba (1969) Cagliari, Maria Teresa Piccinnu (1965) Olbia-Tempio, Vincenzo Antonio Giuliano Migaleddu (1951) Sassari, Giorgio Fanni (1947) Cagliari, Piero Giorgio Pira (1949) Nuoro, Marcello Serra (1968) Cagliari, Stefano Piroddi (1975) Cagliari, Massimiliano Boi (1966) Cagliari, Michelangelo Serra (1960) Cagliari, Francesco Puligheddu (1973) Nuoro, Paola Marcella Mereu (1948) Cagliari, Beniamino Perri (1953) Carbonia-Iglesias, Giovanni Costantino Spada (1974) Oristano, Giulia Moi (1971) Medio Campidano, Christian Pilleri (1975) Cagliari, Paolo Zandara (1952) Carbonia-Iglesias, Aurelio Corti (1958) Cagliari, Davide Fara (1974) Nuoro.

 

I seguenti sei nominativi si sono proposti esclusivamente per la carica di presidente della Regione.

Andrea Murru (1977) Cagliari, Ettore Antonio Licheri (1963) Sassari, Fabrizio Pireddu (1967) Cagliari, Francesco Masu (1949) Sassari, Marco Lecca (1977) Cagliari, Fausto Farinelli (1967) Sassari.

 

48 Commenti

  1. Smentita ufficiale di Grillo sulla road map ed elezioni regionali sarde 2014 says:
  2. Riflessioni varie says:

    Migaleddu lascia.

    http://www.sardiniapost.it/politica/m5s-migaleddu-ritira-la-candidatura/

    Ciò dovrebbe far riflettere, sul fatto che forse il percorso da portare avanti consiste nel dialogare anche con persone non attivisti iscritti, certificati 5stelle, ma aventi principi e indirizzi di vita e lavoro, coerenti con il movimento, su luoghi di incontro diversi dalla road map.

    Così si voteranno tra loro, e forse per le regionali servirebbe un percorso diverso, condiviso con la società civile, che non necessariamente è iscritta a 5 stelle, ma che può condividerne i principi.

  3. Mi auguro che ci sia una terza via che risolva la ” questione sarda” del Movimento, cioè un intervento d’ufficio di Grillo che dia delle direttive.
    Infatti, lasciando così le cose, il 5 stelle sardo sta deviando pericolosamente sulla scia dei vecchi partiti tradizionali, che sempre ha combattuto.
    Sia Grillo con il suo staff, e portavoci, dovrebbero informarsi al più presto e fare un’ analisi accurata, per trovare personalità esterne ai 5 stelle, ma con cv comprovato e credibilità ed etica seria in Sardegna: dovrebbero cioè indicare una rosa di nomi, super partes, riconosciuti, apprezzati, provenienti da diversi settori lavorativi ed anche associazionismo, sicuramente per il candidato Governatore, che deve essere un esempio, un leader, una guida per la Sardegna.
    Qualcuno che porti voti, già solo con la sua candidatura, e possa “pescare” nel mare degli altri partiti, portando nuovi consensi.
    Non credo sarà difficile a Grillo ed allo staff informarsi, sia tra la rete, sia in loco per trovare 5 o 6 nomi, ” significativi” da sottoporre a tutti gli attivisti, ponendo fine a questa lotta fratricida.
    Io ci spero.

  4. Luigi Pilloni says:

    Succede che qualche volta si perde una occasione buona per stare zitti:questa è una di quelle!!!

  5. marco cugusi says:

    Come stiamo cadendo in basso, e questo sarebbe il nuovo che avanza? meglio essere ultracentenari!

  6. Finalmente una forza politica apre le liste.
    la speranza si riaccende 🙂

  7. anonimo says:

    Sembra proprio che Grillo abbia trasmesso la comicità a tutti i suoi seguaci. Tra gli ipotetici candidati del medio campidano, ritroviamo anche marito e moglie. Conoscendo gli elementi non sarebbero in grado di gestire neanche il Club delle giovani marmotte.

  8. Minkius, tanto non ne vogliono poltrone questi!!! Cess cess e queste sarebbero primarie??? Ma per favore, fate ridere i polli!

  9. Riflessioni a freddo says:

    Per chi si è candidato anche al ruolo di consigliere mi sorge un dubbio: non è che vorrebbero una poltrona di ” consolazione”?
    Oppure, si ritengono competenti per ambo le cariche?

    Apprezzo decisamente di più, chi, autocandidandosi, ha fatto una scelta precisa: o l’uno o l’altro ( e suggerisco di scegliere chi ha le idee chiare su ciò che può apportare al movimento, non sul fatto di avere più chances).

  10. Vito io uno lo conosco ed è un artista visivo di grande dignità, ma contattato nega dii essere candidato, intanto te e ve lo presento:
    http://tavorartmobil.blogspot.it/2013/11/roberto-follesa-artista-candidato-m5s.html

  11. Con la presente intendiamo fare alcune precisazioni importanti in relazione ad un articolo da voi pubblicato in data 29/10/13 sulle Candidature del Movimento5Stelle per la Regione Sardegna, per evitare ulteriori fraintendimenti o la divulgazione di informazioni inesatte. Ad oggi, non esiste alcuna candidatura ufficiale per il M5Stelle, ma solo “aspiranti candidati” che hanno risposto ad una proposta di primarie inviata da un’assemblea degli attivisti iscritti al Movimento. Precisiamo, a scanso di equivoci, che le candidature, potranno considerarsi UFFICIALI ‘solo ed esclusivamente’ quando saranno pubblicate sulla Piattaforma Nazionale del Movimento 5Stelle. Unica piattaforma certificata e attendibile a garanzia del corretto svolgimento delle votazioni aperte a tutti gli iscritti certificati. La procedura prevede da sempre l’invio di una lista allo staff nazionale di Beppe Grillo e l’approvazione da parte dello Staff ‘previa verifica di tutte le proposte di candidatura’ in base alle regole nazionali valide per tutto il territorio nazionale (salvo indicazioni diverse pubblicate sul Blog nazionale). Qualsiasi scelta operata in assenza di questa procedura, non legittima alcuna candidatura UFFICIALE. Vi preghiamo dunque di non parlare di candidati per il Movimento 5Stelle se non ad avvenuta pubblicazione dei nomi dei candidati, sulla piattaforma nazionale riconducibile ai link http://www.beppegrillo.it e http://www.movimento5stelle.it Confidando in una vostra pronta precisazione e per evitare fraintendimenti o distorsioni delle regole del M5Stelle nazionali, vi porgiamo i più cordiali saluti.

    Manuela Corda e Manuela Serra

    • Ora mi tocca annullare tutti i santini………proprio oggi!!

      • Andrea Murru, il tuo esserti iscritto nella lista degli “aspiranti candidati portavoce” è sintomo di quanto è caduta in basso la politica in Italia.

        Ormai non viene più considerato gravemente scorretto andare alle manifestazioni politiche altrui per disturbare.

        Non c’è più alcuna etica, ma solo voglia di farsi notare.

        Te lo dice uno che va volentieri ad ascoltare le manifestazioni delle varie forze politiche, portando il rispetto dovuto.

        In ogni caso la tua candidatura non avrebbe superato il primo filtro: occorre non avere tessere da almeno 2 anni.

        Quanto vorrei una Italia dove il confronto politico venga fatto nel rispetto reciproco ed il bene comune non venga straziato dai teppisti.

        Invece tutte le nostre strade, e le nostre piazze, sono sfregiate dai vandali.

        • Addirittura teppista, mi pare troppo! Comunque, sorvolando su ciò, ricordo a Franco che la mia auto-candidatura intendeva porre, all’interno del dibattito politico, una semplice questione, come in parte ha riportato l’Unione, e cioè come ci si affidi, quasi fosse la panacea di tutti i mali, a degli strumenti che, in una regione come la nostra, dove, solo ieri, un sindaco si affidava ai segnali di fumo perché il suo comune non è raggiunto dall’adsl e nemmeno da una copertura telefonica. Questo e solo questo intendevo, anche perché avessi voluto fare il teppista, non mi sarei, per così dire,auto-denunciato, ma avrei percorso gli ulteriori step anche perché ho la fedina penale pulita, nessun precedente mandato, ecc……

          • Andrea, non avresti percorso altri step in quanto è facilissimo sapere che eri candidato con Capelli per le politiche di febbraio.

            La rete fa circolare efficacemente le informazioni, hai pure un profilo Facebook “aperto”.

            Riguardo al “digital divide” nel programma del Movimento 5 Stelle è previsto: “Cittadinanza digitale per nascita, accesso alla rete gratuito per ogni cittadino italiano”

            • Franco, se sono questi i requisiti, io li posseggo tutti :

              Requisiti

              All’atto della loro candidatura e nel corso dell’intero mandato elettorale, ogni candidato non dovrà essere iscritto ad alcun partito o movimento politico
              Ogni candidato non dovrà avere riportato sentenze di condanna in sede penale, anche non definitive
              Ogni candidato non dovrà avere assolto in precedenza più di un mandato elettorale, a livello centrale o locale, a prescindere dalla circoscrizione nella quale presenta la propria candidatura
              Ogni candidato dovrà risiedere nella circoscrizione del Comune per il quale intende avanzare la propria candidatura. Per le elezioni comunali dei capoluoghi di provincia, i candidati potranno risiedere in uno dei comuni appartenenti a quella provincia, ad eccezione del capolista.

              Fonte : http://www.beppegrillo.it/movimento/certifica-la-tua-lista.html

              • Guarda che questa pagina ti rimanda innanzitutto a quella di iscrizione al portale del M5S con tanto di certificazione del documento d’identità. Se tu non sei iscritto e certificato prima del 30 giugno alle primarie non puoi in ogni caso partecipare…

    • Infatti nel titolo del mio post c’è scritto “aspiranti candidati”! A fare confusione non sono i giornalisti ma gli iscritti sardi al M5S che, essendosi evidentemente divisi in due fazioni, se le stanno dando di santa ragione (anche su questo blog).

      • Nella lista compaiono anche i “trombati” nelle passate elezioni nonché ex dirigenti di partito ed ora con una tunica bianca per nascondere tutti i colori del passato..

        • Tonio, se fosse così, allora non saranno selezionati.
          Anch’io conosco ex candidati alle comunali sarde che avevano tessere nel Pd, ed in Sel, ma non mi risulta fossero passati 2 anni dalla loro iscrizione a detti partiti, quando li hanno candidati.

          Continuo a non capire ste’ regole del non Statuto, se siano valide per tutti, o siano cambiate.

          Qualcuno potrebbe cortesemente spiegarci, come si può entrare nel Movimento, e che requisiti bisogna avere per essere candidati?

          Grazie.

          • Ragazzo,
            lo hai chiesto anche nel post precedente e ho pensato che fosse sufficiente una risposta veloce.
            Sei stato anche gentile nel ringraziarmi per cui cerco di essere più preciso.
            Per iscriversi nel m5s basta essere incensurati, non avere tessere di partito, essere maggiorenni. Solo questo.
            Ci si iscrive online, non ci sono tessere, non ci sono quote in denaro da versare. Si viene quindi abilitati a votare sulle decisioni che si prendono di volta in volta. Adesso è anche partita l’applicazione per interagire con i parlamentari nella stesura ed elaborazione ed approvazione delle proposte di legge che vengono presentate in Parlamento.
            Le regole sono minime perché l’obiettivo è soprattutto culturale e sociale: l’obiettivo è invogliare le persone ad impegnarsi nella cosa pubblica, e quindi informarsi, studiare e dare un contributo personale. Sono tutti invitati, indipendentemente dall’orientamento politico. L’importante è partecipare e discutere e imparare.
            Per essere candidati valgono gli stessi requisiti di prima più un altro paio: bisogna essere residenti nel posto in cui ci si candida, quindi non ci si può candidare in più collegi diversi, poi bisogna accettare un “voto di sobrietà”, rinunciando ad una parte dello stipendio ed ai benefit accessori.

          • Miseriaccia, mi sono dimenticato due cose:
            per essere candidati non si devono neanche avere procedimenti in corso, e poi comunque, anche se si rispettano tutte le prerogative, per essere candidati si devono passare un paio di esami; non si viene candidati automaticamente, ma ci si deve presentare di fronte ad una platea di attivisti (quelli certificati) e si deve rispondere alle domande di questi, fino a che non saranno soddisfatti, perché poi possano decidere se puoi essere candidato col m5s, oppure no.
            Quindi, se tu volessi candidarti, non dovresti pensare di cercarti i voti tra parenti ed amici, dovresti invece convincere me, per esempio (in generale devi convincere gli iscritti certificati fino ad una certa data); e se a me mi puzza che tu sia solo un arrampicatore sociale, io ti do voto negativo e tu non vieni candidato.
            .
            Quindi questi burloni che si iscrivono pensando di mettere in difficoltà il m5s, faranno la figura degli idioti.

  12. Vorrei far notare che la candidatura di Migaleddu, e’ una “stortura” con il 5 stelle. Mi spiego meglio: in tanti, erano certi si sarebbe candidato con la Murgia, per continuare il percorso collaborativo iniziato.
    Poi, si è capito ( in via ufficiosa, già lo si sapeva) che avrebbe ” virato” , appunto perché già la Murgia rischia di non entrare come consigliera, figuriamoci i suoi sostenitori, pur rientranti nelle liste a suo sostegno.
    Allora, perché non ” approdare” nel porto sicuro di 5 stelle?
    Il ragionamento, non fa una grinza.
    Mi aspettavo da 5 stelle scelte e candidature diverse, verificando prima in Rete e in giro per la Sardegna quali è quante persone potessero candidarsi a tali cariche, facendo dei sondaggi di gradimento in Rete.
    Non c’è più ne’ l’effetto Grillo, ne’ l’effetto protesta.
    Attenzione: così si sono candidati ”
    Non solo, ” cani e porci” , ma anche diversi appartenenti all’odiosa ” casta” che 5 stelle si erano ripromesso di sconfiggere.
    A meno che, i candidati di alto livello per la carica Governatore, non ci fossero al loro interno, e si sia dovuto accettare delle soluzioni pro casta.
    Credevamo però che il movimento fosse diverso, per il principio: ” uno vale uno!”

    • No, il ragionamento di grinze ne fa molte.
      L’affermazione “già la Murgia rischia di non entrare come consigliera, figuriamoci i suoi sostenitori, pur rientranti nelle liste a suo sostegno” è completamente errata. La legge prevede che le coalizioni possano eleggere dei consiglieri se superano lo sbarramento del 10 per cento, mentre la sorte dei candidati presidenti è diversa: entra in consiglio solo il secondo miglior piazzato dopo il presidente. Dunque, se una alleanza prende il 15 per cento piazza dei consiglieri, ma se il suo candidato presidente prende il 15 per cento ed altri due candidati presidente lo precedono (uno prende il 30 e l’altro il 25), il candidato presidente in questione resta a casa.

      • Grazie x il chiarimento.

        Quindi, passare ai 5 stelle, per alcuni è’ davvero più ” conveniente” che stare con la Murgia, potendo candidarsi come Governatori, giusto per il calcolo percentuale.

      • Arrubiu says:

        Caro Vito il punto è che, secondo i sondaggi più o meno scientifici, forse la Murgia potrebbe superare il 10% ma , in virtù del voto disgiunto, dubito che le 3 deboli liste di sostegno lo raggiungano. E quindi……. tutti a casa. Per i grillini il discorso dello sbarramento è molto più semplice in quanto correndo da soli possono candidare anche un paracarro come presidente ma lo sbarramento del 5% lo superano di sicuro e quindi eleggono. Di sicuro il 30% delle politiche se lo sognano, come insegnano le elezioni regionali del Friuli e del Trentino Alto Adige-Sud Tirolo.

    • Il tuo ragionamento è pieno di grinze. Lascia perdere. Migaleddu può andare dove vuole e parlare con chi vuole. E può candidarsi quando e come vuole. Non scrivere solo perché possiedi una tastiera.

  13. GIUSEPPE ARIU says:

    sara’una bella disputa la maggior parte dei candidati sono persone rette e capaci , la candidatura di VINCENZO MIGALEDDU E’ UN VALORE AGGIUNTO!!

  14. Dubbioso sulle numerosissime candidature says:

    Tra i tanti dei candidati dei 5 stelle apparsi in questa lista ( ufficiale, ufficiosa o meno), mi chiedo chi realmente abbia lo spirito ed i buoni propositi per fare vera politica, o sia solo saltando nel carro dei 5 stelle.

    Mi spiego meglio: chi tra i suddetti avrebbe potuto realmente essere preso in considerazione in un ” partito classico”?
    Ben pochi.

    Il discorso non è la democrazia diretta, bensì selezionare ex ante persone, anche conosciute con competenze specifiche.
    Alle regionali conta quanto la persona sia conosciuta ed apprezzata in Sardegna, per essere votata.

    Se 5 stelle vuole vincere, non può’ limitarsi ai suoi elettori, attivisti che è ovvio, voteranno chi supererà le varie fasi; per riuscire ad aumentare i consensi, avrebbero dovuto scegliere candidati condivisi con altri movimenti, associazioni, o cercando nella società civile, persone già conosciute.

    L’effetto Grillo, è scemato; la gente non voterà più il 5 stelle per mera protesta, e non basta essere ” certificati” da tot mesi od anni, insomma avere una Cd anzianità di servizio in 5stelle per pensare di poter fare i consiglieri o Governatori sardi.

    Avrebbe fatto bene 5 stelle ad aprirsi ad altre forze politiche, dato che anche loro sono comunque divenuti, una forza politica.

    Ripeto: candidare illustri sconosciuti, è un grande errore , come lo è candidare la casta, e da 5 stelle, non me lo aspettavo.

    Spero ci ragionino su, perché stavolta, la gente voterà x le persone, non il simbolo, non Grillo.

    • “…chi tra i suddetti avrebbe potuto realmente essere preso in considerazione in un ” partito classico”? ”
      Vedendo il livello dei rappresentanti degli altri partiti direi: meno male!

  15. Ghostwriter says:

    Tra i 5 stelle ci si candida a caso senza neanche dare un valido motivo per essere votati; nel centro-sinistra organizzano primarie pilotate (o truccate, scegliete voi l’aggettivo più appropriato) per continuare a candidare i peggiori disponibili; nel centro-destra si suddivide fra chi ottiene la “nomination” dall’alto e chi si compra la candidatura…

    Comunque vada sarà un fallimento. Sotterrati Sardegna.

  16. Vincenzo Di Dino says:

    Non so se resteranno in duecento o se invece se ne aggiungeranno degli altri per i problemi che, un po’ sarcasticamente, sottolineava Vito. Di sicuro dobbiamo ringraziare quanti in un mondo stancamente bipolare (che forse non a caso sa anche di patologia) hanno la forza di mettersi in gioco per cercare di risollevare le sorti della nostra terra. Mi auguro che tra questi emergano comunque quanti sappiano con competenza e lucidità far valere le proprie idee mantenendo piena autonomia di giudizio, lasciando indietro quanti si lanciano col solo puro sprezzo del ridicolo che immagino risultino meno di quelli che vanno a saturare liste civetta di destra e di sinistra. Felice gara!
    Vincenzo Di Dino

    • Concordo: l’ironia è per i dirigenti di M5S in Sardegna che stanno dando un pessimo spettacolo, certamente non per tutte queste persone che si stanno mettendo in gioco. Queste 198 candidature sono un valore per la politica sarda.

      • in altri post, queste persone che sono un valore per la politica sarda, le hai definite burattini, criptofascisti, armata brancaleone

        e mi incuriosisce un po’ il ritrovamento dei dirigenti del m5s sardegna: chi sono? hai dei nomi?

      • anonimo says:

        Vincenzo, sono molto d’accordo sullo “sprezzo del ridicolo”. Alcuni verranno sommersi dal ridicolo. Altri, che del ridicolo neppure si accorgono, saranno perfino stupiti che neppure la sorella non lo voti, si offenderanno e si iscriveranno al gruppo di Doddore e perfino al Pd.
        Ci sarà un bum di adozioni di piddini, a distanza, s’intende.
        Ci sarà nel Pdl qualcuno che cercherà di riprodursi in 5stelle.
        Però credo che, alla fine, vincerà la ragionevolezza ed avremo una lista decente con un candidato presidente credibile. E credo sarà Migaleddu.

      • Vito, parlando di “dirigenti di M5S in Sardegna” prendi un abbaglio: il M5S non ha assolutamente “dirigenti”.
        Il M5S non ha una struttura gerarchica, pure gli eletti hanno unicamente il ruolo di portavoce secondo il principio “Uno vale uno”.

        Il Movimento appare caotico, e lo è, ma il suo modo di operare è sostanzialmente rivoluzionario.

        Se i sardi lo vorranno potranno entrare, con noi, nei palazzi del potere senza alcuna intermediazione.

        p.s. sono pure io in lista, me l’hanno chiesto gli amici.

  17. pare che ci siano già i primi scontri e malumori… vuole decidere tutto il grillo parlante, un ‘altro che si professa come cambiamento mentre invece vuole solo fare la sua parte per se stesso!

  18. L’errore è stato quello di rendere completamente aperta questa fase di pre-iscrizione, ma questo comporterà semplicemente un po’ di lavoro in più per lo staff e nulla più. Ora verranno eliminati tutti i nomi fittizi, tutti coloro che non sono iscritti al Movimento, i burloni iscritti agli altri partiti e ai rimanenti verrà chiesto di certificare la pulizia della propria fedina penale e il non avere indagini in corso (la Barracciu e Cappellacci non supererebbero questa selezione…).
    Per questo prima di fare ironia sui problemi interni (non mi pare che gli altri partiti non ne abbiano…) io attenderei la lista definitiva. I partecipanti verranno poi “interrogati” in pubblico e in diretta streaming in modo tale da far emergere le persone più competenti a discapito di quelle inadatte al ruolo. Alla fine sono sicuro che verranno elette delle persone molto competenti e di tempra morale riconosciuta.

  19. Nino, come ti sembrano le altre scelte negli altri partiti? Come ti sembrano i metodi delle altre “formazioni”? Come ti sembrano i salti della quaglia di certi indipendentisti che pur di avere un seggio, gli esempi sono numerosi, mutano parere e schieramento in un istante? Come ti sembrano le scelte del Pd fatte in una malinconica segreteria mentre fuori “infuria la peste” e loro non se ne accorgono? Come ti sembrano le scelte del Pdl fatte con metodi monarchici ancien régime?
    E che suoni senti sullo sfondo di queste “scelte”? Il canto a tenore, l’internazionale, un’orchestra d’archi e cori angelici?
    Non ti fanno neppure avvicinare per ascoltare la discussione che, di solito, avviene durante pranzi e cene, e si vede dai risultati.
    Questa di 5stelle mi pare, con molte imperfezioni, una scelta dal basso e, almeno, lontana dai pasti.
    E’ un metodo che presenta dei rischi evidenti e molto dipenderà effettivamente da noi. Basta partecipare.
    Certo, qualche squalo c’è. Ma si tratta di gattucci di mare più che squali o perfino giarrettus, gorbaglius e mumungioni. Verranno eliminati dalle liste e se qualcuno resterà non sarà in percentuale superiore che negli altri partiti.
    Vedo invece un buon numero di persone presentabili, che possiedono un lavoro e dunque non sono senza arte né parte come altri dei “tuoi” partiti
    Credo e spero che il candidato presidente sarà Migaleddu, certamente più cosciente dei problemi generali di quanto non lo siano Cappellacci e Barracciu.
    5stelle è, secondo proiezioni accreditate, il secondo partito nell’isola, dopo il Pdl, e nessuno può escludere che diventi il primo.
    La Murgia è una donna intelligente e determinata ma, per ora, non viene data oltre il 5%.
    Vedremo.
    Certo che è molto interessante e assistiamo a qualcosa di nuovo e vivo.
    Non mi rassegnavo a sentire una campagna elettorale tra candidati che si danno pacche sulle spalle in base al principio che meno vanno a votare e meglio è, così restano in pochi e sempre gli stessi.
    Coraggio, Nino, forse ce la farà a vedere la Sardegna indipendente. Ma dovrà attendere.

  20. Gianfranco Carboni says:

    Poi si dice che non c’e’ passione politica

  21. ninosardonico says:

    Venghino siori,venghino!
    Pescate anche voi il biglietto della fortuna!
    In sottofondo si sente il suono di una fisarmonica sgangherata…
    Il padrone del circo si sfrega contento le mani:
    “Anche oggi un bell’incasso!”.

Lascia un commento

Follow

Get every new post delivered to your Inbox

Join other followers: