Politica / Sardegna

Cappellacci, farsa in tre atti: zona franca, nuovo Ppr e presto benzina gratis per tutti i sardi! Intanto la Barracciu…

Ognuno ha le narrazioni che si merita. Quelle del centrodestra sardo assomigliano molto ad una farsa che, come ci ricorda Wikipedia, “indica qualunque forma espressiva volta verso l’eccesso buffonesco”.

In principio fu la zona franca, con la sua mirabolante promessa di trasformare la Sardegna in una sorta di “paradiso fiscale” (lo scrisse addirittura il berlusconiano Panorama, non ve lo ricordate il pezzo “La Sardegna dice addio all’Iva” il 20 febbraio dello scorso anno? In base alla delibera del presidente Cappellacci e alla scadenza perentoria del 24 giugno, l’estate 2013 per la Sardegna dovrebbe profilarsi, sotto il profilo turistico, davvero rivoluzionaria. (…) Insomma, la Sardegna ha deciso. E diventerà il nuovo paradiso fiscale d’Italia).

Il progetto di zona franca integrale, brutalmente smontato da economisti come Beniamino Moro e Francesco Pigliaru, ora è un’arma che Cappellacci e gli altri esagitati dei vari comitati brandiscono contro tutti quei sardi accusati di “non amare la loro terra”. È chiaro che il progetto, una volta benedetto da un Consiglio regionale ormai spaventato dall’aggressività dei zonafranchisti e incapace di qualunque seria opposizione, finirà nel nulla, alimentando però la cagnara elettorale della destra.

Il secondo atto della farsa scritta, diretta e interpretata dal presidente della Regione è andato in scena ieri, con il patetico annuncio di modifica del Piano paesistico regionale. “Nuovo Ppr, bluff di Cappellacci” ha titolato correttamente oggi in prima pagina la Nuova Sardegna. Il ministero ai Beni culturali ha avuto buon gioco a dichiarare che si è trattato di un “atto unilaterale” senza alcuna efficacia reale se non quella di mettere sul campo alcune proposte che dovranno però passare attraverso un processo di co-pianificazione: insomma, poca roba al di la delle solite pessime intenzioni e alla imbarazzante boutade di cambiare nome al Piano paesistico regionale, da oggi “Piano paesistico dei sardi”.

Ma sarà il terzo atto della farsa che svelerà, se ancora ce ne fosse bisogno, la strabiliante pochezza demagogica della destra sarda. Come annunciato a Videolina due giorni fa dal capogruppo del Pdl Pietro Pittalis, presto la giunta Cappellacci presenterà un disegno di legge che consentirà ai sardi di rifornirsi ai distributori a prezzi scontati! Poi poco importa se la Cassazione boccerà tutto, l’importante sarà il clamore mediatico generato da questa “anticipazione” di zona franca. Non lo preannunciava forse anche Panorama che anche in Sardegna presto la benzina sarebbe costata “meno di un litro di acqua naturale”?

La farsa, insomma, non è per niente finita.

E il centrosinistra cosa fa? Come reagisce? Cosa risponde? Come si mobilita contro la destra?

La vincitrice delle primarie, Francesca Barracciu, ben lungi dal rappresentare in questa battaglia politica tutto lo schieramento progressista, è impegnata invece a difendere se stessa e la sua credibilità. Con una importante novità, decretata da una stupefacente inversione ad U che certifica una evidenze iniziale sottovalutazione della portata della situazione nella quale l’aspirante candidata alla presidenza della Regione è rimasta invischiata.

Barracciu, che inizialmente aveva deciso di condividere con i suoi colleghi (sotto indagine come lei per peculato nell’ambito dell’inchiesta sui fondi ai gruppi consiliari) la scelta di non presentarsi dal pm, due giorni fa ha invece nominato i suoi difensori (gli stessi che aveva Soru nel processo Saatchi & Saatchi), perché è chiaro che la sua unica speranza di candidatura alle regionali è legata alla sua capacità di uscire subito e bene dall’inchiesta. Perché il Pd nazionale non ha nessuna intenzione di affidare ad una candidata inquisita le sorti della battaglia elettorale in Sardegna.

E così, mentre la destra sarda è già lanciata in campagna elettorale e bandisce le sue armi demagogiche contro l’intelligenza dei sardi, lo schieramento democratico e progressista non può fare altro che stare a guardare, privo di voci rappresentative perché tutte delegittimate da inchieste giudiziarie…

 

 

19 Commenti

  1. Urtimos duos sondeos surpreendentes pro sas eletziones regionales sarda su 7 de Santu Andria:
    32_32 %
    23-24 %
    17-18%

    • Parent mecanismos politicos prus simigiantes a sa Corsica chi no a sa Sardigna. Est verdadaderamente cambiende totu.

  2. Sa situatzione a pagos meses dae sas eletziones regionales est pighende unu petorru inisvetadu a profetu de tzentru dereta. Sos dirigentes de su tzentru ischerra pessant ca custu tzentru dereta siat petzi bullugende unu abbolotu mannu, imbetzes depet averiguare ca custu, chi issos pessant chi siat petzi un’abolotu mannu (Capitan Fracassa?), tocat argumentos comente sa Zona Franca, su P.P.R. bortadu in P.P.S., chi sunt argumentos chi interessant mestamente a su populu e pagu a sos inteletuales e a sos cuadros sindigales comente sa Confederatzione Generale de su Traballu, de ischerra, chi non bi recessit prus a movere si non petzi sos giubilados ma chi galu costituint sa coluna reghidora e furnidora de cuadros de su tzentru ischerra. Cheret a s’ametare ca sos chi non podiant bidere su P.P.R. fiant sos mastros de muru, sas cooperativas ediles chi tzertu non botaiant a tzentru dereta e como nche sunt belle e isperdidas. S’eletoradu est cambiende e sos giovanos disabudos sunt su chimbanta pro chentu e botant peri issos e pro su prus no a ischieramentos traditzionales. Su tzentru ischerra faeddat de sa defesa de su mediu ambiente ma a narrere sa veridade fiat unu pagu contradditoria custa defesa in sa legislatura colada, a unu ghetu si cheriat firmare totu su frabicongiu in costa, cosa chi si podet compartire, ma a s’ateru ghetu criaiat un’aidu cun s’Intesa chi daiat petzi a sa Regione e no a sas Comunas sa posibilidade de sas derogas. Ammento bene ca su Presidente de s’atera legislatura, inue su tzentru ischerra aiat sa majoria, fiat derrutu comente Presidente pro sa lege urbanistica inue sos cussigeris de su tzentru ischerra contestaiant propriu custu mecanismu ifernale. Cheret peri a s’amentare sa contrariedade in sa legislatura colada de tzentru ischerra su Parcu de sa Ghenna de Arghentu, crae de sa defesa de su mediu ambiente in Sardigna, inue su tzentru ischerra no aiat peruna diferentzia cun tzentru dereta. Ghite at cumpresu de prus de su tzentru ischerra su tzentru dereta, in primis sa Sardigna est cambiende e est sempere prus innedda dae su sentidu comunu italianu e cheret cosas noas, badde chi semus in una borta istorica crobina e non nde semus abigiados. Male at fatu su P.D. sardu a non si convertire in unu partidu federadu a s’italianu e male faghet a no aere perunu interessu a megiorare s’impreu de sa limba sarda. Apo intesu giuditzios in pitzu de su cunfrontu interi Capallacci e Barracciu in Tonara de sostenidores de sa Barracciu non tzertu entusiastas. Si su P.D. fiat istadu unu partidu assalumancu comente a su P.D.S., sotzialdemocraticu (a custu puntu pecadu ca nche l’ant iscontzadu assalumancu una fortza sotzialista fiat aturada in Sardigna), aiat convocadu sos organismos e aiat fatu una discussione prefunda cun gente chi nde cumprendet, e chi connoschet s’eletoradu, e aiat averguadu ghite faghere pro nche bessire dae custu guturinu sena de abirgongiare sa candidada chi at bintu sas primarias, e est una pessone de remediu, agangulita dae una fatu de su mamentu, chi peroe la podet giughere a si deposare si diat binchere sas eletziones, cosa tantumatessi possibile, e peri sena de candidare in logu suo a carchi marchesa o marchesu de su Continente. Ma semus fueddende de ateras epocas geologica. Como si su tzentru dereta si ponet de acordiu cun Unidos, chissai chi mi isballe, ma sunt de verteri in ventagiu.

  3. sergio says:

    forse l’aumento di consapevolezza genera un disorientamento curabile con l’assunzione di psicofarmaci e bevande alcooliche.
    aia iai signora longari

  4. Il codice Urbani (DECRETO LEGISLATIVO 22 gennaio 2004, n. 42 recante il “Codice dei beni culturali e del paesaggio” ai sensi dell’articolo 10 della legge 6 luglio 2002, n. 137), che prevede la copianificazione in materia paesaggistica, si chiama Urbani dal nome del ministro di allora Giuliano Urbani, ministro del governo Berlusconi.

  5. grazia pintore says:

    la Sinistra appare politicamente paralizzata.” Signor Murta,non conosco bene la situazione della sinistra sarda,quindi non esprimo pareri ma che la sinistra italiana ha solo un unico interesse:autodistruggersi è l’unica certezza..Ma ora arriva il clone di Silvio(Renzi) e risolverà tutti i problemi della sinistra-DC(quella peggiore)Renzi,il mentalista,come lo descrive bene Crozza,farà il sindaco di Firenze,il segretario del partito,aspira a fare ,in contemporanea,il presidente del Consiglio ed anche il presidente della Repubblica.L’augurio che faccio alla Sardegna è che non abbia mai un essere spregevole come Renzi.

  6. ninosardonico says:

    NUOVA VOCE DEL DIZIONARIO ITALO-SARDO EDIZ.CAPPELLACCI.

    Cappellazzo:dicesi di errore grossolano,madornale;

  7. Carlo Murtas says:

    Anche se son convinto che le varie bolle mediatiche innescate da Cappellacci si sgonfieranno alla distanza, la Destra in ogni caso, sarà pure spazzatura, ma dà l’impressione di lavorare, mentre la Sinistra appare politicamente paralizzata.
    Gli avvocati incaricati Grosso e Macciotta non credo avranno grande difficoltà a dimostrare l’irrilevanza penale delle ipotesi di utilizzo dei fondi consiliari ascritte alla Barracciu, compito di gran lunga più agevole di quello affrontato per difendere Soru nel caso Saatchi & Saatchi, ma resta il fatto che a fronte di risorse pubbliche sempre più limitate a disposizione della collettività ed un fisco sempre più aggressivo nel farti le pulci, c’è una casta privilegiata di persone che ritiene di dover approfittare dell’interpretazione elastica delle norme per assicurarsi ulteriori risorse per l’attività politica in aggiunta a quelle già ingenti di cui dispone.
    Questa non è propaganda populistica, ma il richiamo all’esigenza di regole di maggior rigore nell’utilizzo del denaro pubblico, sempre più inaccessibile per i comuni mortali anche quando lo Stato e l’Ente Pubblico è il tuo debitore, comuni mortali chiamati in questi anni in modo sistematico a fare continui sacrifici.
    L’impressione è che posti di fronte a scelte del genere, anche in questo caso, ‘sti politici non sappiano bene cosa fare, si chiudono in difesa e l’iniziativa politica è alla paralisi.

    • Ottimo commento come quello di Stefano Deliperi.

      cappellacci si sta comunque muovendo (male per chi non lo vota , ma sicuramente bene per i suoi elettori), ha un sito, risorse e pagina facebook iper attiva delle sue visite ad Autunno in Barbagia.

      La sinistra è ferma o indietro anni luce, non ha programma,sito e non ha certezza neanche sul candidato.

  8. Caro Vito, siamo in piena campagna elettorale da tempo.
    Solo in quest’ottica può aver senso una bimbominkiata giuridica di siffatta magnitudo come l’adozione di questo “piano paesaggistico dei sardi” senza il pieno svolgimento di quelle procedure di co-pianificazione Ministero B.A.C. – Regione autonoma della Sardegna necessarie per legge e, addirittura, per protocolli d’intesa sottoscritti fra il Ministero e la Giunta Cappellacci.
    Siamo in campagna elettorale e il presidente-candidato Cappellacci spara le sue bordate elettorali a spese pubbliche.
    Gli altri candidati o inseguono affannati o rimangono inerti.
    Sul piano giuridico gli complicheremo parecchio a vita, sul piano politico – con questa legge elettorale, dove vince anche chi prende un solo voto in più degli altri – Cappellacci sta agendo in modo spregiudicato e demagogico.
    Dice fesserie, ma dice quello che i “suoi” elettori vogliono sentirsi dire.
    Bravo, non c’è che dire.

    Stefano Deliperi

  9. Filippo says:

    Ma non era il Ministero delle Partecipazioni Statali?

  10. ninosardonico says:

    NUOVO DIZIONARIO DELLA LINGUA ITALO-SARDA.
    EDIZIONI CAPPELLACCI. IN TUTTE LE LIBRERIE.
    Alcuni esempi:Mattone=coadiuvante,corroborante e tonificante del paesaggio.
    Mandare a quel paese=costruire un manufatto.
    P3=dopo P2 e prima di P4.
    Zona Franca=luogo appositamente prescelto per l’operazione che nella parlata tipica milanese viene definita come “dare via i ciapp”.A seconda dell’operatore viene via via chiamata con un nome diverso.
    Benzina:liquido infiammabile politicamente(vedi guerre)e i cui vapori procurano evidenti danni al cervello.
    BAMBINI,DITE ALLA MAMMA DI COMPRARVI IL DIZIONARIO.
    EVENTUALI PROFITTI VERRANNO DEVOLUTI IN BENEFICENZA A FLAVIO BRIATORE.

  11. Errata corrige. Intervistata da Videolina, la candidata Barracciu afferma che per varare il nuovo ppr serve l’accordo con il ministero… dell’Ambiente!! Due legislature in consiglio regionale e un seggio al parlamento europeo per dire una cosa simile.
    http://www.videolina.it/video/servizi/52781/il-ppr-infiamma-la-campagna-elettorale-polemiche-tra-i-candidati.html

  12. ci dobbiamo difendere da te…atru che che contusu…

  13. grazia pintore says:

    La farsa dei sardi è che hanno votato una persona come Cappellacci,ma come si fa ad aver fiducia nei servi di Berlusconi?Poi nin parliamo di questa sinistra che sinistra non è.Sono veramente disgustata dalla politica italiana e sarda.Non sono una qualunquista ma i politici mi costringono ad esserlo.

Lascia un commento

Follow

Get every new post delivered to your Inbox

Join other followers: