Cultura / Lingua sarda / Politica / Sardegna

Lingua sarda in tutte le scuole dell’isola! Atti pubblici in sardo! Il Consiglio regionale dice sì all’ordine del giorno proposto dal Sel!

aula-scolastica

La notizia la trovate confinata in poche righe nei giornali, ma ieri il Consiglio regionale ha approvato un ordine del giorno di straordinaria importanza, proposto dal gruppo di Sinistra Ecologia e Libertà. Il testo lo trovate alla fine del post, ma il documento così viene efficacemente riassunto dall’ufficio stampa di via Roma:

Il Consiglio regionale ha approvato un ordine del giorno (Sechi e più) sulla promozione e sulla valorizzazione della lingua e della cultura sarda e delle lingue parlate in Sardegna, in specie il catalano. L’ordine del giorno impegna il Consiglio, il Presidente della Regione e la giunta regionale a realizzare sul piano normativo, amministrativo, finanziario e organizzativo ogni necessario intervento finalizzato all’insegnamento e all’uso della lingua sarda in ogni ordine e grado della istruzione. L’odg impegna altresì ad adottare i necessari provvedimenti al fine di assicurare in ogni ufficio pubblico del territorio della Sardegna la produzione degli atti di competenza e valore esterno anche in lingua sarda.

L’importanza della decisione del Consiglio è evidente e si presta a tre tipi di considerazioni.

La prima: non è vero che sulla lingua sarda ci si divide sempre, anzi. Ieri, nel giorno in cui era in discussione anche la possibilità di andare a votare un referendum per l’indipendenza, c’era il rischio che l’ordine del giorno sulla lingua venisse bocciato. Invece no. Il documento è passato e adesso sancisce un impegno politico fortissimo da parte non solo della giunta ma anche dei singoli partiti e consiglieri che lo hanno votato.

La seconda considerazione è questa: il tema della lingua sarda, del suo utilizzo nelle scuole e nella pubblica amministrazione, non è di sola pertinenza dei partiti indipendentisti.

La terza: con questa iniziativa Sel ricuce uno strappo ultradecennale tra le ragioni dell’identità e quelle della sinistra. L’ostilità dei “compagni” nei confronti del bilinguismo è stata sempre forte e radicata. È evidente che qualcosa di nuovo sta succedendo, e Sel è stata capace di interpretare in questo modo una sensibilità diversa che si sta diffondendo nella sinistra sarda.

Che fare adesso? Il primo terreno di scontro sarà la prossima finanziaria. Nell’ordine del giorno c’è scritto chiaramente che il voto “impegna il Consiglio, il Presidente della Regione e la giunta regionale a realizzare sul piano normativo, amministrativo, finanziario e organizzativo ogni necessario intervento”. Servono risorse, altrimenti restano solo belle parole. Altrimenti è solo una presa in giro.

Secondo obiettivo: Cagliari. Con questo odg Sel ha fatto una scelta precisa a favore della lingua sarda. La prima amministrazione dove si devono mettere in pratica questi intendimenti è dunque quella del capoluogo, dove Sel governa. Cagliari ha bisogno di una politica linguistica più decisa.

Ognuno farà la sua parte, ma la strada è segnata. Stasera alle 17.30, nella sede della Fondazione Sardinia in piazza San Sepolcro (quartiere Marina) a Cagliari) riprendiamo a confrontarci sulla possibilità di organizzare in città dei “flash mob” linguistici. Serve l’apporto di tutti, il gruppo è già bello numeroso ma più si è meglio è.

 

***

CONSIGLIO REGIONALE DELLA SARDEGNA XIV LEGISLATURA

Ordine del giorno n. 90

approvato il 12 dicembre 2012

ORDINE DEL GIORNO URAS – SECHI – COCCO Daniele Secondo –CUGUSI – sulla autodeterminazione responsabile del popolo sardo  .

***************

IL CONSIGLIO REGIONALE

al termine della discussione sulla mozione 224;

PREMESSO che:

– la lingua e la cultura sarda, e le lingue parlate in Sardegna, in specie il “catalano”, rappresentano caratteri fondamentali e di valore assoluto dell’identità del popolo sardo;

– tali caratteri e valore vanno preservati dai sistematici tentativi di aggressione finalizzati alla omologazione alle culture dominanti;

– il patrimonio culturale linguistico consiste nella principale risorsa di un popolo, costituisce l’elemento principale della propria identità nazionale, rappresenta radice e prospettiva per le nuove generazioni;

impegna il Consiglio, il Presidente della Regione e la Giunta regionale

a realizzare sul piano normativo, amministrativo, finanziario e organizzativo ogni necessario intervento finalizzato all’insegnamento e all’uso della lingua sarda in ogni ordine e grado della istruzione;

ad adottare i necessari  provvedimenti al fine di assicura in ogni ufficio pubblico del territorio della Sardegna la produzione degli atti di competenza e valore esterno anche in lingua sarda.

Cagliari, 19 dicembre 2012

 

51 Commenti

    • Archivista says:

      Quella della Provincia di Nuoro e di Maria Antonietta Piga è politica linguistica seria, non le chiacchiere e le polemiche.

      • Non petzi in provìntzia de Nùgoro

        • A parte i quattro bambini della prima fila… gli altri mi paiono in assoluto torpore.
          Sono intenti a mettere muffa e funghi.
          La bimba che dal minuto 3.00 si allunga sul banco, in seconda fila, cerca di schiacciare un pisolino, trattenendo sbadigli da giaguaro.
          Un successone.

  1. Carlo Cossu says:

    Sos chi semus istados e semus sutammissos a unu protzessu de distrutzione de personalidade colletiva, devimus connòschere bene su sinnificadu de una paràula: autoòdiu. Autoòdiu est s’atitùdine a si odiare in cantu pessone o in cantu apartenente a una comunidade. Meda cummentos a custu artìculu sunt ditados, a manera incussiente, dae s’autoòdiu, a èssere nàschidos in custa ìsula, e in particulare a sa limba chi est nàschida in custu logu, a sa limba chi lis ant fatu crèere chi non teniat importàntzia peruna, chi fiat sa limba de sa misèria e de s’intimidade. A nois chi semus orgullosos de la faeddare, custos personàgios nos faghent làstima ebbia. Sa tzerachia, naraiat unu sàbiu, non chircat a nemos, sunt sos òmines chi andant in chirca de issa.

  2. Pingback: Lingua Sarda « Novas di Sardara

  3. M’abarru ispantada deu, de is cummentus chi unus cantu faint contras a sa decisioni de su Consillu Regionali, intamis de sartai de su prèxiu… ohi ohi!
    Is 4 soddus chi ant a andai a sa lìngua sarda no ant ai de seguru bogau peis a sa chistioni manna de su traballu in su Sulcis o de totu sa Sardìnnia! (Comenti chi sa nexi fessit de sa lìngua sarda… ) Ingunis sissi ca ddui at genti chi ndi papat de dinai a sa faci de cussus minadoreddus-pedinas eletoralis!!!!!
    Asia istimada no est nau ca is piciocheddus sardus non ddis importat nudda de sa lìngua sarda, isceti poita in su Dettori non dd’ant “cagada”!
    Isciis cantu piciocheddus de s’iscola nosta non ndi bolint intendi de àteras fainas iscolàsticas, contendi finas ingresu e francesu! (e dd’ant ISCIOBERAU cussus!)
    Mandronia ischeta! Frutu de un’iscola chi est foras de su mundu! Piciocheddus chi no isciint mancu anca funt abarraus: no isciint de geogràfia e istòria locali, non connoscint is biddas acanta, no isciint su poita est chi me in is costas ddui at turris, non isciint de su lagu de Barratz, non connoscint genti nodida sarda chi at fatu s’istòria, non connoscint sa lìngua sarda, de anca ndi arribat…
    Balla, ca ddis est serbiu meda a isciri de su Granducato di Modena o de su corru de sa furca! (e no isciint ita funt is curadòrias!)
    Balla, ca ddis est serbiu meda isciri de sa gherra de s’indipendèntzia americana!
    (e no isciint de is isfollaus de Casteddu me in is biddas nostas o de s’Ocidroxu de Seddori)
    Balla, ca ddis est serbiu meda imparai s’italianu “mamma non vuole a uscire” ,”quanto sei brombolo”, “visto l’hai a Inzaghi, come ha fatto rete?”
    (e no isciint ca est unu cracu de su sardu!)
    Bessint de iscola e abarrant sena traballu: a foras est totu un’àteru mundu! No est cussu chi ddis ant imparau!
    E, sighendi, nareusì sa beridadi: ma is piciocheddus chi faint ingresu me in iscola (e oi est movendi de s’iscola de s’infàntzia finas a is superioris) ndi isciint de cussa lìngua?
    Isciadaus de cussus!
    (P.S. e in continenti? mancai sena lìngua sarda me in is iscolas diferenti meda est?”)

    Su sardu in s’amministratzioni pùblica ddui est giai! Dusinas e dusinas de comunus iscriint in sardu e est unu diritu chi ddis at giau sa costitutzioni e àteras leis! E sa cosa est finas in àteras regionis italianas! E chi unu iscritu in sardu tenit balori sena cussu italianu, chi permiteis, seu prexiada meda: aici non s’isprecat su paperi po ddu iscriri in italianu puru!
    Ma poita est chi su sardu est sèmpiri totu murrùngia mùrrungia?
    E duncas, non depeus fai sa gherra intra de nosu poberiteddus, certa certa po 4 soddus chi sa RAS at a giai!
    🙂

  4. Pingback: Lingua sarda in tutte le scuole dell’isola! Atti pubblici in sardo! Il Consiglio regionale dice sì all’ordine del giorno proposto dal Sel! « Acadèmia de su Sardu

  5. Pingback: Anonimo

  6. Pingback: Lingua sarda in tutte le scuole dell’Isola! « Novas di Sardara

  7. paolo zedda says:

    S’odg propostu de SEL est una declaratzioni de printzipiu, ma no tenit perunu pretzetu chi lessit a sperai mellus po su tempus benidori: no ddu est iscritu cantu dinai si ponit po s’imparu in is iscolas e po sa tradutzioni de is autus publicus, nì innui e cumenti si formant is docentis ; E, mascamenti, no ddu est iscritu ita sutzedit chi s’impinniu no benit arrespetau. Deu creu nudda.
    Sa timoria est chi abarrit un”èrchidu sbuìdu, cun su fini de si fai intendi in periudu preeletorali (scieus beni chi ps’daz e sel sunt tentndi de imbrocillai un’acordiu) e chentz’e peruna cunsighentzia cuncreta.
    Un’ateru puntu est necessariu a ponni in evidentzia: s’imparu de su sardu in iscola no depit essiri ligiu cument’e impositzioni ma cument’e unu scioberu. Chini creit chi su sardu no siat importanti, o chi strobit s’aprendimentu de s’inglesu (is datus nant ca sunt una pitica minorìa, “le lingue dei sardi”, 2006, narat ca su 87% de is sardus bolit chi sa lingua nostra brintit in iscola) depit tenni sa possibilidadi de essiri esonerau de is oras previdias po su sardu in su curriculum.
    Po custu serbit una lei noa po sa lingua.
    Ancoras, chistionai una lingua format unu sentidu forti de unioni in is chi dd’imperant, ma unu ater’etantu de esclusioni in is chi no dda scint fueddai. Tocat chi si pongat in usu unu grandu sensu de arrespetu e de obertura, de par’e pari, po chi no si otengat prus dannu chi no profetu.

    • “Sa timoria est chi abarrit un”èrchidu sbuìdu, cun su fini de si fai intendi in periudu preeletorali… e chentz’e peruna cunsighentzia cuncreta.”

      BINGO!
      Ecco perché il peana trionfalistico di Biolchini mi pareva stonato.

    • Partidu Sardu says:

      Invecis Rossomori in sa provincia de Casteddu adi fatu meda: mancu unu cartellu in sardu, 500 milla èurus chi at torrau a Roma, divisionis contra a sa lingua standard e burdellu po nudda. Ajò…..lasseus a parti s’interesseddu de su partideddu e pentzeus a cosas prus importantis.

      • paolo zedda says:

        Rossomori est s’unicu partidu chi at aprontau una proposta de emendamentu a sa Carta Europea de is Linguas, e dd’at fata arribai in parlamentu (po manu de Palomba e Evangelisti, atto camera 5118). De is aterus nemus at fau nudda ( a parti is declaratzionis solennis, chi no amancant mai). In consillu provinciali at aprovau sa norma grafica de su campidanesu. S’unica chi est passada in consillu (sa LSC no est mai passada in consillu regionali). Ma deu no bollu defensai a nemus, sa beridadi est un’atera: no mi fatzu imbovai prus de promissas chi portant su nasu longu. Nd’apu intendiu tropus. Iapessi boffiu intendi ca sa Regioni at agatau 60.000 eurus po torrai a oberri su Master po sa formatzioni de is docentis chi at serrau tres annus fait, o chi at agatau 1.000.000 de eurus po po s’imparu de su sardu in iscola, o calencunu dinareddu po fundai unu giornali, o una TV, o un’arradiu in lingua sarda. S'”impinniu solenni” de sa Regioni mi sonat cument’e chi su bixinu miu de domu essit nau: M’impinniu solennementi a costruiri una piramidi a intr’e cras a mengianu, chentz’e tenni nì matzolu,nì marteddu e nì pedra. E chentz’e ai mai pesau una muredda de unu metru de artaria.

        • Partidu Sardu says:

          Raju, ite eficace s’azione de Rossomori. Ma si sos emendamentos los ana presentados totus ajò, ite dilentatismu…sa lsc est colada tres bortas in CussìZU REzonale e cunfirmas chi Rossomori non at una polìtica limbìstica seria e iscumproada..pro caridade

          • paolo zedda says:

            S’unicu emendamntu est cussu presentau de Rossomori (autu cameras 5118). chi tui ndi scis aterus nara cali, de si no lassa de contai faulas. Sa LSC est passada in giunta, mai votada de su consillu. No ti fetzas imbovai de is contus, castia is fatus.

  8. Mancu male chi sos Sardos semus acolzados a totu, puru a cussos sardigheddos chena cabu (ma cun bestimenta de sabios intelletuales) chi revudan puru sa limba issoro, o assumancu, sa ch’an faeddadu sos babbos, sas mamas e sos mannos primu de issos. Mi diat piagher de preguntare: “Ma de sa terra bostra ite nde pensades, ite difendides?” Proade nessi a cumprendere sa gherra, chi cun matanas e sacrifitziu, semus faghinde puru pro bois. E si no ateru, faghide su santu piaghere de bos cagliare.

    • antonio says:

      Signor Piga, leggo ” sa gherra, chi cun matanas e sacrifitziu, semus faghinde puru pro bois”. E’ bene che ognuno faccia le sue di guerre, i tempi più o meno recenti sono pieni di gente che ha fatto guerre “giuste” anche nel nome degli altri, e i risultati sono stati tragici. Sas gherra faghidebolla pro bois ebbia, ca noi ja l’ischimus su chi cherimus.

      • Pungiu Artziau says:

        Si certo il sardo come i Balcani, è vero è vero Giulio Angioni ci ha fatto due…..così, molto credibile e realistico. Vogliamo tornare con i piedi per terra?

  9. antonio says:

    Non c’è che dire, alla Regione sono dei geni. Dicono di voler difendere le minoranze e poi si lasciano sfuggire che “Il Consiglio regionale ha approvato un ordine del giorno (Sechi e più) sulla promozione e sulla valorizzazione della lingua e della cultura sarda e delle lingue parlate in Sardegna, in specie il catalano.” Cosa cavolo vuol dire “in specie il catalano”? Che i sassaresi e i galluresi devono andare in Corsica e i tabarchini in Liguria passando per l’Africa.
    Queste cose servono a mangiare soldi pubblici, a produrre un nazionalismo becero che ha l’unico scopo di riempire le tasche di qualcuno e di far rastrellare qualche voto a politici a corto di idee. Ma che cazzo ve ne frega di come parliamo noi sardi? Ma è da molto che non fate un giro nel Sulcis a vedere come vanno le cose? O pensate che se spendete qualche milione di euri pro sa limba la Sardegna avrà un futuro migliore? Ma fateci il piacere!

    • Pungiu Artziau says:

      SEcondo me il Sulcis è il più fulgido esempio di come queste cose servono a mangiare soldi pubblici, a produrre un nazionalismo becero che ha l’unico scopo di riempire le tasche di qualcuno e di far rastrellare qualche voto a politici a corto di idee. Questoè proprio il modello Sulcis.

    • Caro Antonio,
      evidentemente non sai che grazie a sa limba l’economia della Sardegna risorgerà come l’araba fenice. I manager dell’alcoa e quelli dell’eni si strapperanno le vesti e faranno carte false per poter riaprire le loro industrie, diventate profittevoli grazie all’antico idioma. Lo stesso per ottana, rockwool, energit etc.
      I minatori finalmente torneranno a spalare il sacro carbone sulcitano, il cui tasso di zolfo, grazie a sa limba, si ridurrà fino allo 0%. Con le opere di Verdi in campidanese poi, finalmente il lirico di Cagliari potrà fare il tutto esaurito ogni sera, con o senza Crivellenti.
      Mettiamoci a parlare sardo e diventiamo finalmente la catalogna d’Italia.
      Fidati.

      E’ come dire che mettendo a Ribeiro la maglia del Barcellona, comincia a giocare come Messi.
      La verità, caro Antonio, è che questo blog è pieno di invasati.

  10. Pugno Alzato says:

    IO credo che questo ordine del giorno sia stato politicamente pregnante e voluto con saggezza dai compagni Sechi e Uras che giustamente non vogliono lasciare la partita della lingua nelle mani dell’Udc che sfrutta una situazione tecnica molto favorevole. Il PD, invece, purtroppo sempre in seconda battuta. Sempre in ritardo. Pessimo Espa e pessimo Cappelli.

  11. Antonio says:

    Se non ci fosse da piangere lacrime di sangue, c’è da ridere a crepapelle. Ma dico io, siamo una delle Regioni più in crisi d’Italia e forse del mondo occidentale, tra poco andremo in giro tutti con le pezze al sedere e questi qua non hanno altro da pensare che ad introdurre la lingua sarda nelle scuole? Mentre praticamente in tutti i Paesi d’Europa i loro cittadini parlano correntemente l’inglese, pratica qui da noi ai più sconosciuta, alcuni ineffabili consiglieri regionali si baloccano con queste faccende. Dico la verità, preferivo di gran lunga il vecchio partito comunista, magari marxista-leninista, che i suoi scoloriti eredi riciclatisi in una galassia di partitini, movimenti, colorate e colorite associazioni, ong, onlus et similia.
    Il vecchio bottegone era un partito serio, fatto di gente seria che si occupava di cose serie, in primis del lavoro. I suoi epigoni, invece, sono in tutt’altre faccende affaccendati: giustizialismo, ambientalismo fanatico, animalismo, guerra senza quartiere alla Chiesa ed alla famiglia naturale, matrimoni gay, eutanasia, ora il bilinguismo.
    Ma, poi, quando mai la sinistra ha fatto battaglie a tutela delle tradizioni e dei valori identitari? Ma andate a scopare il mare!!!

    • Pugno Alzato says:

      Antonio ignori ciò di cui parli e sei talmente fazioso che non si dovrebbe neppure rispondere. Ma conosci gli scritti di Lenin e Stalin sulle lingue e l’autodeterminazione dei popoli? Hai mai sentito parlare di Gramsci e Pasolini e dei loro scritti su sardo e friulano? Per carità, ragliare non ti aiuta di certo. Leggi, compagno, leggi e studia.

    • Pepyxeddu says:

      Antonio s’opinioni tua est tipica de sa “ignoranza colta”, movimentu sempri prus biu in Sardigna chi adi sterminau sa lingua, cultura e identitadi sarda. In Europa ci funti is catalanus, scozzesus, bascus e tantu atrus populus chi difentidint sa lingua e s’identitadi insoru e po custu non funti certu is prus poburus d’Europa, anzi.
      A proposito: I speak English very well, and you only Italian ? Saludi e trigu.

    • Antonio,
      io trovo immorale che si faccia leva sullo spirito identitario e sulla sardità, per mettere in piedi progetti costosi e fallimentari.
      Il Dettori, fucina della lingua e della cultura, ha dimostrato -con la sua esperienza disastrosa – che ai giovani cagliaritani non interessa né il sardo né il suo recupero.
      E non per ignoranza, ma per SCELTA.
      Vogliamo prenderne atto o decidiamo noi adulti di chi e di cosa si debbano innamorare i nostri figli?
      Altro che il mare c’è da scopare! 😀

      • Vito Biolchini says:

        Asia, tu lo conosci il Dettori, vero?

        • Carissimo Vito,
          è mia abitudine parlare per esperienza e non per sentito dire.
          Conosco il Dettori, conosco bene i giovani, conosco i meccanismi linguistici, conosco il sardo nelle sue varianti.
          So distinguere -anche a distanza- la passione vera dall’affarismo strisciante.
          Soprattutto se è avvolto nella bandiera dei quattro mori.
          Soprattutto se cavalca (e talvolta scopa) la buona fede degli indipendentisti.

          • Introdurre il Sardo così dall’alto in un liceo dove fino al giorno prima ha dominato l’italiano è pura utopia e ha l’effetto contrario. Bisogna invece cominciare dagli asili,e dalle elementari per poi accompagnare queste generazioni per tutto il loro percorso scolastico. Una volta diventate adulte quelle generazioni accoglieranno il Sardo con naturalezza e considereranno i più adulti (cresciuti in italiano) come grezzi e limitati.

      • Se la sua è una proposta (indecente), la declino subito! Meglio il mare!

        • Archivista says:

          Bene, torneremo al Dettori, questa volta con qualcuno preparato e serio.Non quello dell’altra volta.

    • Forse siamo una delle regioni più in crisi perchè siamo amministrati da una classe politica e da partiti che la pensano come te, gente piena di complessi d’inferiorità e capace solo di strisciare davanti ai politici italiani rifiutando come rozzo tutto ciò che fa parte della nostra tradizione e cultura. I rozzi siete voi, limitati a un paese bigotto e in bancarotta, e incapaci di dare ai vostri figli qualcosa in più rispetto a veliname e ridicole canzonette

  12. Ironico Back says:

    Ma si continuiamo a far ridere il resto dell’Italia con la farsa della lingua sarda che non conosce nessuno, che non parla nessuno, che non scrive nessuno e che non è altro che un italiano con le “u”.
    Continuiamo a far ridere il resto dell’Italia che riceve le note della Regione con in bilingue dove sopra Regione Autonoma della Sardegna c’è scritto Regioni Autonoma de sa Sardigna oppure sopra Assessorato dell’ Agricoltura e della riforma agropastorale c’è scritto Assessoradu de s’agricultura e reforma agropastorale, tanto per fare un esempio. Ma cos’è questa? Una lingua? Ma non è manco un dialetto, il veneto o il calabrese sono molto più complessi e articolati! Questo è “italiano con le u”

    • Non hai tutti i torti, Ironico.
      Il fatto è che se qualcuno fa notare certe incongruenze, diventa NEMICO della lingua sarda.
      Filosofia a grana grossa: o parli il sardo o sei un colonizzatore.
      Ma se uno dei DURI e PURI de sa limba si dovesse trasferire nel Veneto, manderebbe i propri figli a scuola di lingua veneta, mettendo il sardo in subordine?

      • Davide says:

        Io sì, non vedo che problema ci sia. Più lingue si conoscono meglio è.

        Il sardo sarebbe comunque in subordine, scolasticamente parlando: si ha la pretesa che lo si insegni in Sardegna, mica in Veneto.

    • Mario Piras says:

      Tue non ses “ironico”, ses, naradu in “italiano con le u”, abbentadu, bistònchinu, biorru o solocu. In contu de ti pònnere a iscrìere lollùghines, istrallòbios e bambighines, pro ite non ti nch’istas, semper naradu in “italiano con le u” barricosidu, mùtzigu, mùdulu, chiscidu, mùdrigu. O si preferis, naradu in duas paràulas, calla·ti macu, pro su rispetu chi tenimus a su “italiano con le u”.

    • Pugno Alzato says:

      Compagni, l’italiano nella sua fase nascente veniva definito ,non c’è niente di male a prendere prestiti dalle altre lingue. Non so le vostre intelligenze dove le prendete a prestito.

    • paulsc says:

      In parte condivisibile..

  13. fede ciocca says:

    sarà che se è relegata in poche righe non gliene frega nulla a nessuno? e poi, immagini gli atti anche in sardo? serviranno consulenti che traducano, serviranno impiegati traduttori assunti a tempo indeterminato, serviranno chili di inchiostro e carta (perché in una scala di priorità cìè prima il sardo e poi la digitalizzazione dei documenti) per redigere gli atti in duplice copia, etc etc. bah, sinceramente è una notizia che mi lascia totalmente indifferente. ma ovviamente in tempi di antipolitica, in sardegna per arginare grillo et similia ci si getta a capofitto sul nazionalismo forse autonomista forse indipendentista. o forse solo a giorni alterni, come i sardisti insegnano.

    • Archivista says:

      relegare il problema di salvaguardia a queste banalità qualunquiste è antipolitca, cara fede ciocca. O no?

  14. Giampaolo Pisu says:

    Bandat beni meda. Imoi amancat sceti una lei regionali noba asuba de sa lìngua, ca sa 26/97 est bècia, e su dinai po dda ponni a curri (tant’est nudda!)! Agoa speraus, cun sa legislatzioni natzionali noba chi si ratìfichit cumenti si spetat sa carta europea de is lìnguas de minoria.

    • Archivista says:

      Proporre adesso una nuova legge serve solo a fare campagna elettorale ad alcuni partitini che, quando hanno governato, non hanno fatto nulla per la lingua. Servono soldi adesso della finanziaria regionale. Stop.

  15. La parte che evidenzio del post di Vito è: “Servono risorse, altrimenti restano solo belle parole”. Infatti spesso e volentieri gli ordini del giorno del Consiglio rimangono vuoti proclami di principio. E non solo gli OdG, ma a volte anche le leggi regionali (infatti molti consiglieri protestano perché la giunta non attua le leggi regionali). L’odg in oggetto rimarrà lettera morta se prima non cambia l’architettura dello Stato e non ci sarà un vero trasferimento di funzioni.
    Perché il sardo negli atti pubblici non comparirà mai negli uffici statali.
    Inoltre finché la scuola sarà competenza dello Stato il sardo sarà materia da laboratorio serale e non parte integrante dell’insegnamento.
    Tutto questo i consiglieri che hanno votato l’odg lo sanno bene, ma sperano di speculare sulla voglia di sardità che molti elettori oggi manifestano. Tanto votare un odg non costa nulla.
    Anni fa votarono un odg rivoluzionario sulla scuola sarda rimasto lettera morta, mentre hanno imperversato le politiche di Gelmini e Profumo.
    Vorremo politici meno demagogici se possibile.

  16. Roberto Milia says:

    L’indipendenza divide, la lingua unisce. Contro tutti i luoghi comuni. Il contrario di quanto sostenevano fino a pochi anni fa tutti gli sciamani indipendentisti. Contro la lingua è rimasta solo la pagina culturale della Nuova Sardegna e la Chiesa.

  17. Caspita! L’impegno TEORICO della Regione “a realizzare sul piano normativo, amministrativo, finanziario e organizzativo ogni necessario intervento finalizzato all’insegnamento e all’uso della lingua sarda in ogni ordine e grado della istruzione” è già diventato ipso facto “Lingua sarda in tutte le scuole dell’isola! Atti pubblici in sardo!”.
    Alchimìa giornalistica.

  18. Anonimo says:

    Si possono sapere gli esiti della votazione? Favorevoli, contrari, astenuti? Spero che il PD non abbia fatto, in tutto o in parte, una figuraccia anche stavolta.

    • Su PD sardu no diat èssere sa primu borta chi faghet polìticas chi favoressent sa limba sarda. Bastat de si subènnere de sa legislatura de innatis a sa de immoe. Dae pagu, su 5 de onniasantu, est a nàrrere chi est cosa prus reghente, sa diretzione de su PD sardu at preparadu unu documentu de proposta pro sa riforma de is Entes Locales, ue si allegat bene in craru de limba e cultura sarda, e de chie diat dèpere tènnere, a pàrrere issoro, sa cumpetèntzia esclusiva de custas cosas.
      http://www.pdlanusei.com/?art=30

Lascia un commento

Follow

Get every new post delivered to your Inbox

Join other followers: