Cagliari / Lingua sarda / Sardegna

Ci scrive Salvatore Cubeddu: “E poita non provaus a si divertiri foeddande in sardu? Si bideus, martis 11 in Casteddu!”

panorama_cagliari_4

Quando si lanciano gli appelli c’è sempre qualcuno che li raccoglie. Nel mio post Incredibile ad Aggus!” avevo sollecitato tutti coloro che si riconoscono nella causa della lingua sarda a rilanciare la sfida a Cagliari. Perché Cagliari non può stare a guardare, perché anche in città la lingua sarda può e deve essere una risorsa. E così mi ha chiamato l’amico Salvatore Cubeddu della Fondazione Sardinia e subito abbiamo deciso di convocare un incontro per martedì prossimo, 11 dicembre, a partire dalle 17.30, nella sede della Fondazione, in piazza San Sepolcro 5. Un incontro per fare cosa? Intanto per confrontarci sul tema e immaginare quali iniziative mettere in campo. Una, molto semplice, ve la propongo subito: incontri settimanali tra persone che vogliono parlare in sardo, che già lo conoscono bene, che lo vogliono imparare, che vogliono riprendere a parlarlo. Incontro semplici, informali, per parlare di tutto: dal Cagliari al Governo Monti, dal problema del traffico agli ultimi libri letti. Martedì ovviamente potranno intervenire anche quelli come me, che il sardo parlato ancora non lo padroneggiano, e che si potranno esprimere in italiano. È l’inizio di un percorso, è un modo nuovo per affrontare una questione molto dibattuta. Ma noi lo vogliamo fare con grande semplicità, puntando a unire piuttosto che a dividere. Iniziamo ad incontrarci e a parlare in sardo, male di sicuro non ci farà, né a noi né ad altri. Poi tutto il resto verrà di conseguenza. Ma una cosa è certa: ci divertiremo, statene certi.

***

Cussu chi iscriet Vito Biolchini allargat su coro. Su chi at biviu issu, e sos chi fuint in sa cunferentzia de Agius, dhu bivit donniunu chi foeddat cun sos ateros sardos cun amigantzia e bellos sentidos. Chistionare in sardu in zittade, e in zassos “italianos” (totus sos ufitzios publicos, po esempiu), est oe un fatu politicu. Non sempere est unu fatu naturale. Foeddare in sardu in Casteddu: bisonzat a dhu cherrere, dhu seberare, dhu decidiri. Est osinchi fintzas in familia. In sa vida publica, ancora de prus. Est in podere nostru sa decisione de faghere bivere o morire sa limba. Ischidende ca, si morit, finit meda de su chi sa Sardigna est e est istada. E non est diversu po ateros setores de sa vida nostra.

Ma: come cricaus de arregollere su chi Vito proponet?

Sos sardos arrenneschent a si cumprendere candu foeddant in limba, chi sient de Cabesusu o de Cabejosso. Non est una novidade. Dh’ischideiaus, non dh’iscobereus como, si penset a sa passione de certas biddas de su Campidanu po sos poetas, po so cantadores a chitarra o pos sos tenores, totu zente chi foeddat su logudoresu. Nou, e bellu, est su praghere de dh’ allegare e de si comprendere a pare. E totu custu faghendeddu cun divertimentu, cun gana e cun zogu. Custu m’est prachiu de cussu chi ad’iscritu inoghe su mere de su situ.

Non ad’essere fazili cussu chi s’ispetat, s’indhi chereus bogare a pizu sa limba chi eus postu a banda candu seus intraos in sa modernidade. Dh’ada ad essere meda triballu de faghere. Ma totu est triballosu in Sardigna, si sos sardos non cherent perdere s’anima insoro. Ndhi depeus torrare a bogare a pizu un’economia, s’iscola, sa familia… E non comente fuint prima, ma in modu nou, non chereus e non podus torrare a su connotu.

Ma, poita non si bideus e de custas cosas ndhi foeddaus totus in pare? A bellu- a-bellu, tema a pustis tema, passu a pustis passu.

Si fazu sa proposta: si bideus, chie cheret, martis, s’11 de custu mese (in sa chida chi ‘enit) in sa sede de sa Fondazione Sardinia in Piazza S. Sepolcro 5, in Casteddu a sas oras 17,30. Odg: foeddaus in sardu… e si diverteus.

Salvatore Cubeddu

 

9 Commenti

  1. Giuanna says:

    poita custu beranu no du fadeus in domus privadas, de s’atobìai, ligiri calincuna cosa u cianciàarrai in sardu? iat a podi essi su cumentzu de unu cosa prus manna. a sa genti di praxit is cosas unu pagu new-age, sètzius in s’erba una tassixedda de binu…mi parit chi dis arrechedint prus de atòbius innui unu chistionat e totus depint ascùrtai…

  2. Al.Mongili says:

    Mi ddu seu pèrdiu, ma chi ddu torrais a fairi nci bèngiu de seguru!

  3. Bravo Salvatore. Le uniche parole sarde che conosco mi hai insegnato tu: ‘andaus a domo’. E dopo 40 anni me le ricordo ancora.
    Saluti,
    Rogier Noyon (Amsterdam)

  4. Gianni Loy says:

    Martis non ci seu. Seu a Roma ca in su cinema 4 fontane presentanta su film cosa mia (po sa regia de Peter Marcias) “Dimmi che destino avrò!!!! Pero mi prenotu po is atras ocasionis. Dai ca si d’onausu una spinta totus impari.

  5. Pingback: Epuru est aici fatzile | Bolognesu

  6. M’agradat custa cosa. Nos faghimus una pasta de arrèsonu e bidimus ite nche nd’essit. A martis chi benit tando.

  7. Bellissimo! Potessi esserci anch’io, per ascoltare!

  8. Mario Cubeddu says:

    I’ll be there. Est su chi iscrio candu depo andare a sos atobios ita-eng.
    In bidda mia, dza s’ischit puru, seus unu pagu maccos. Seus una pariga de zente, deo e un ateru seneghesu, una amiga tedesca coiuada a Seneghe, una amiga norvegesa chi at comporau domo in bidda, e custa amiga inglesa, Kate, chi si bideus po chistionare unu pagu in italianu e unu pagu in inglesu. Sa cosa dh’at cominzada Kate candu at comporau s’omo cun Nanni, chi como est su pobiddu, su maridu sou. Custi Nanni deper esser unu pagu macu comente sos seneghesos e no po nudda at seberau de bivir in bidda nosta, Issu no dhi cheret imparare s’italianu, a sa muzere. Issu foeddat, allegat, chistionat solu in sardu. O si nou, in inglesu. E Kate cheret imparare s’italianu, E issaras si bideus dognia chida po un’ora e allegaus mes’ora in italianu e mes’ora in inglesu. E si m’iscriet in italianu “va bene se noi vedere lunedì alle 7”, dhi torro s’arresposta in inglesu “I’ll be there” e li naro, assentande su chi at iscritu, ca depet iscriere “va bene, ci vediamo lunedì alle 7”. E seus totu cuntentos.
    Como de una pariga de dies a oe, apustis de su chi at ischirtu Vito, seo penzande custa cosa: ma si feus un atobiu sar-ita-eng, no at a esser finzas mezus e chi poneus in mesu a Nanni puru?

  9. Lucia Crobu says:

    Splendida iniziativa, ci sarò !!!

Lascia un commento

Follow

Get every new post delivered to your Inbox

Join other followers: