Cultura / Sardegna

Imparare il sardo si può, anche on line! Al via il corso “Totu sas paràulas”! Organizza l’Università di… Girona!

Il sardo è una lingua come tutte le altre? Eja! E allora ecco per voi il primo corso per impararla on line! Sul serio! Si chiama “Totu sas paràulas” ed è promosso dall’associazione Romania Minor, un istituto di studi romanzi che a livello europeo da dieci anni ha come obiettivo la promozione, lo studio e la diffusione delle lingue romanze di minoranza.

Come funzionerà il corso? E volete pure che ve lo spieghi? C’è bisogno solamente di un computer e di una connessione ad Internet. Una volta che ci si iscrive (entro il 15 novembre, inviando una mail a info@romaniaminor.net), verrà inviato un nome utente e una password con la quale si potrà accedere ai contenuti. Il corso (ideato per chi vuole acquisire una conoscenza basilare del sardo a livello scritto) dispone anche di registrazioni audio e offrirà l’appoggio di un tutor, a disposizione per risolvere eventuali dubbi.

“Totu sas paràulas” è strutturato in dieci unità e prevede delle attività di autovalutazione che verranno inviate al tutor automaticamente.

L’iscrizione costa cento euro. Il corso inizierà a metà novembre e si concluderà a fine maggio 2013, quando l’alunno otterrà un diploma dell’Osservatorio di Llengues de la Mediterrània, dell’Università di Girona. Eh già, perché questo corso di lingua sarda on line è tenuto di fatto da un’università spagnola, mica da quelle di Cagliari e Sassari!

Il docente sarà Xavier Frías Conde, in collaborazione con Francesc González i Planas. “Totu sas paràulas” è un’iniziativa congiunta di Romania Minor, del Servizio Lingua e Cultura Sarda dell’assessorato Pubblica Istruzione della Regione Sardegna e la benemerita Asociación Circolo Sardo Ichnusa di Madrid.

Un corso di sardo organizzato da un’università spagnola, cos’e maccusu! Perché i nostri magnifici atenei, iperforaggiati da anni dalla Regione con i fondi destinati alla lingua sarda, un corso così mica lo organizzano, noooo! In tante università europee si fanno corsi di lingua sarda, nelle due università sarde no, perché i soldi che prendono dalla Regione proprio per studiare e diffondere la nostra lingua li usano senza ottenere grandi risultati (ma di questo parleremo in un’altra occasione).

71 Commenti

  1. Ciao ho letto questo post.adesso qualcuno sa se lo fanno ancora o ci sono previsti nuovi corsi per quest’anno??
    Grazie!!

  2. Maciej Orkan-Lecki says:

    sempliciemente voglio imparare il sardo con voi. Come puo farlo?

  3. Vito Biolchini says:

    Il termine della iscrizioni è stato posticipato al 15 gennaio 2013!

  4. Alexandra Porcu says:

    Franciscu,

    1. Allora non hai letto i commenti in questo blog?! Ci sono altri commenti dove la gente dice la stessa cosa. Qualcuno ha scritto che per lui: “paraula” non rappresenta niente. Certamente fueddu e paraula sono sinonimi… vedendo tutto il sardo. Così come “como” è sinonimo di “imoi”… ma scusa, se chiedi a mia nonna, è molto improbabile che lei lo veda così… il tuo problema è che tu NON sai che io il sardo l’ho addiritura imparato da Xavier… (all’inizio ho imparato il nuorese)… abbiamo fatto uno scambio tedesco-sardo. Non ci vedo niente di male per gente che lo impara senza conoscerlo, facendo questo corso… ma se le dici a mia madre di fare un corso di sardo che s’intitola così, con quei brevi dialoghi che hanno letto alla presentazione, la sua reazione sarebbe: “questo non è il mio sardo!”

    2. Ho detto che va bene che lo facciano il corso, ma che comunque già dal titolo, la maggior parte dei parlanti meridionali non si sentiranno molto soddisfatti. Ho scritto che presumo che il corso sia così! Di quello che ho sentito io… e della mia impressione. Posso avere un impressione? E non è stata solo la mia impressione… se c’eri quella serata, avrai anche sentito le domande degli insegnanti… io non ne ho fatto perché era invitata come presidente di circolo sardo dalla Santi e dal Circolo sardo di madrid e sarebbe stato molto maleducato boicottare la presentazione… che non era neanche necessario, visto che le domande, le hanno fatte gli insegnanti che c’erano. Ma come ti permetti di chiamarmi una bugiarda?! Certo che un ragazzo di un ufficio della lingua sarda ha detto che ci sono gravi problemi da loro quando cercano di informare la gente sulla LSC spiegando che le parole non finiscono in -i… e ha fatto l’esempio di “pani”.

    3. Il signore NON ha chiesto quando è nato il sardo. Lui ha chiesto come potrebbe spiegare ai suoi alunni che il sardo è una lingua romanza e cosa significa. Gliel’ha spiegato Xavier… Io ho detto che dal contatto linguistico tra i romani (prevalentemente e probabilmente soldati) e la popolazione delle terre conquistate (presumo che ci fosse stata anche qualche donna), cioè il latino + il sostrato che esisteva nei posti “pacificati” ha creato in un lungo tempo ciò che chiamiamo: latino volgare… e poi ovviamente ogni lingua si è fatta la sua strada, il sardo è il risultato di una serie di contatti linguistici (prima e dopo il latino)… ma la romanizzazione è evidentemente avvenuta con i romani e il contatto tra loro e la popolazione. la storiella dei soldati e le donne sarebbe comunque stato un modo plastico per spiegare cosa è successo ad una classe delle medie… il signore era un insegnante delle medie (se mi ricordo bene) che voleva una risposta chiara sulla domanda perché il sardo viene considerata lingua romanza e basta… per ciò, prima sparare roba falsa su quello che ho detto io o meno, pensaci un attimo, siccome io agisco con il mio vero nome e la mia vera faccia e non uso nickname come la maggior parte delle persone, in più, visto che sei così togo… perché non ti sei avvicinato la sera stessa per dirmelo in faccia?

    Buon fine settimana.

  5. Claudia says:

    Lo sapevate che il più grande studioso di lingua e linguistica sarda è Inglese e sta all’Inglesissima University of Essex? Devo aggiungere altro?

  6. Frantziscu says:

    Alexandra Porcu, biu as TOTU su cursu? Sa resposta est NONO, as intesu solu s’initziu de su diàlogu primu chi ant lèghidu che mustra, e a pustis ses faghende ipòteses cosa tua, opinas de una cosa chi NON connosches. Ses chistionende de su chi TUE as biu in cudda presentada, e sa chistione de “fueddos” o “paràulas” est tonta meda, ca totu sunt sinònimos (tue as istudiadu filologia, tando as ischire bene ite cheret nàrrere cuddu). Pro ite nares chi sa gente naraiat su chi tue iscries inoghe? Custu no est berus, sa gente no at fatu custos commentos chi tue naras, nemos at nadu nudda contra sa LSC (imbetzes tue as nadu una tontada comente chi su sardu est nàschidu cando unu sordadu romanu at tènidu unu fìgiu cun una fèmina sarda); deo etotu fia puru in cue e non ses narende sa beridade.

  7. Alexandra Porcu says:

    Ciao, ap’a torrai respusta unu pagu a totu s’allega innoi…

    Deu apu biu puru sa presentada de Xavier in Casteddu. Pensu ca siat po genti chi su sardu no ddu connoscit po nudda. Genti chi no ddu at mai chistionau e mai scritu. Is esemprus de una letzioni fit:

    – Salude Juanne!
    + Salude Antò!
    -Comente istas?
    + Deo isto bene meda e tue?
    -Gratzias, deo puru.
    + Ita fàghes como? Andande a domo ses?

    Su cursu est prus o mancu deaici. Pensu ca apustis, a bellu a bellu, ant a arciai su livellu. Perou depu nai ca apu biu unu pagu de spantu in is facias de sa genti de basciu in custu aposentu, totus a oghi mannus. Maistus e genti chi traballat in is uficius de sa lingua sarda. No s’ant fatu amigus cun custus esemprus e nimancu cun cuddu ca in custu cursu dd’ant tzerriau: “Su sardu”.

    Cun totu su rispetu chi tengu po Xavier e su traballu cosa sua, perou sa firara est crara. Sa lingua de su cursu est una bariedadi de su sardu chi at imparau issu, una bariedadi chi est atesa de cuddu chi si chistionat in su jossu de sa Sardinnia…no so a s’imbressi de ddu fai, antzis, bandat beni, pereou ma su numene depit essi: “Cursu de LSC”, est po sa genti chi bollit impreai sa LSC, chi est sceti una proposta de standard chi impreat sa Regione e no su pobulu!

    Ellu chi su dinnai dd’ant pigau de sa Regioni, de carchi assessoradu a sa curtura o a su traballu.

    E po dda serrai… deu apu fatu sa propria pregonta comenti genti meda innoi. Poita no dd’ant tzerriau: “Totus is fueddus?” O puru “Totu sos foeddos?” Limba sarda “comuna”… S’unica cosa ca innoi est “comuna”, est ca sa genti de basciu at fatu sa propria dimanda.

    • antonio says:

      “Ellu chi su dinnai dd’ant pigau de sa Regioni, de carchi assessoradu a sa curtura o a su traballu.” Meda bi cheriat a lu narrere ladinu? Ti torro grassias.

      • Giorgio Masia says:

        Nara·mi Antonio de carchi cosa chi si podat fàghere sena dinari. Sos professores de italianu e de matimàtica, pro pònnere un’esempru, leant dinari o nono?

        • antonio says:

          Duas cositteddas ebbia. 1 chi emmo, kene dinare non si podet fagher nudda. Ma diat esser menzus a lu ischire dae su cumintzu chi b’at dinare de sa Regione (si b’at dinare de sa Regione). 2 chi non mi piaghet meda si ind unu cursu pagat sa Regione e pagat su dischente. Su professore o lu pagat s’istadu o lu pagat su dischente.

          • Giorgio Masia says:

            Chèrgio acrarire una cosa: deo nen b’intro e ne bi esso in totu custu, non traballo in sa R.A.S., non so professore de sardu, campo faghende un’àtera professione e cummento comente ispetadore ebbia. Su problema est: cherimus chi bi siant letziones de sardu, si o nono? Custas letziones in unu modu o in un’àteru costant. Si non b’at dinari sufitziente, pro sas resones chi siant, pro sighire unu programma de insegnamentu de su sardu, su dinari nde devet essire a campu etotu. Si istimamus sa limba nostra e la cherimus connòschere bene, podimus fàghere unu sacrifìtziu o nono? O pensamus chi totu nos devet pròere dae su chelu?

    • Giorgio Masia says:

      Sa pregunta chi ti fatzo, Alexandra istimada est ladina: cheres chi s’Universidade de Girona podat dare letzione de sardu on-line ammaniadas dae su prof. Frias Conde, chi tenet giai esperièntzia in custu o nono? Ca in custos ùrtimos tempos paret chi tue cumentzes a fàghere parte de cussos chi crìtica chi ti crìtica, a sa fine cherent lassare sas cosas comente sunt istadas fintzas a como. Est a nàrrere: su sardu inserradu in s’aposentu de sos dialetos, a si brigare cun totus.

      • Andrea Sorrentino says:

        Ligade custa macca

      • Alexandra Porcu says:

        Caro Giorgio. Ben vengano tutti i corsi e le persone che parlano in sardo e sul sardo. Benissimo. La mia critica riguarda solo il modo come viene fatto. Penso di essere stata chiara. Non sostengo più la Lsc. L’ho fatto per anni. Ma siccome sono ed ero sempre del parere che va rivista e aggiornata e da ormai sette anni non è stato fatto niente, a parte di continuare a diffonderla, spacciandola come la lingua dei sardi, non sono più d’accordo. Non succede niente. Dico solo la mia opinione. Se non coincide di quella di un altro, si può discutere come gente adulta e intelligente. Almeno, nel paese dove sono nata e cresciuta, si fa così. La critica è una cosa buona, si cresce, ci si arricchisce il bagaglio culturale. Anch’io sono disposta a farlo, ma perché mi devo mordere la lingua quando vedo cose che vanno contro la mia etica e il mio pensiero. Vivo in una città grande e libera che grazie a Dio mi permette di esprimere il mio pensiero e lo faccio. Ma sempre questi stupidi insulti dai sostenitori di certe opinioni che entrano nei blog con nomi falsi per spalleggiarsi tra di loro come i ragazzini di tredici anni. Sono ridicoli. Come faccio a prendere sul serio gente così? Che vadano a giocare con il trenino in cantina. Se vogliono discutere, che affrontino il tema con argomenti, invece di parlare senza dire niente, solo per fare il Bastian contrario. Buona serata.

  8. Mc Sardus says:

    Mera a praxi, de bii prus campidanesu in custa limba sarda, cha mi parit fintzas prus pagu italianizzau, poita totu sas paraulas e no tottus is fueddus. Bivat sa Sardinya cun su logudoresu e campidanesu ki impari n’di bogant una limba scetti,pighendindi de tottu as duas su mellus e ki s’istesiat su prus possibili dae s’italianu.

  9. Salvatore Sarigu says:

    Su chi est aparicendi s’universidadi de Girona est de importu mannu po sa lingua cosa nostra……….is univerdidadis chi teneus in domu depint pigai esempiu!

    • barbara mura says:

      Le nostre università dovrebbero prendere esempio da quella di Girona per la grande capacità di usare, far girare e far fruttare I SOLDI e di promuovere la propria immagine. Da anni l’università di Cagliari ha lo sportello linguistico per la lingua sarda e incoraggia la discussione di tesi di laurea in sardo, da anni -per esempio- Comitau.org organizza corsi di campidanese, rende disponibile gratuitamente online la grammatica e il dizionario, e nessuno suona le campane.
      Poi arriva l’università di Girona, con il corso base a 100 euro finanziato dalla nostra Regione e con quel furbissimo “paràulas” nel titolo (casualmente proprio uguale alla parola catalana, anche nell’accento: ma noi il colonialismo lo notiamo solo quando viene dall’Italia), e subito corriamo a fustigarci e ad applaudire “gli altri” che sono sempre più bravi.

      (Vito, un commento a margine: chi ándasa a nai a unu de Girona ca s’universidadi ‘e cosa sua esti “spagnola”, ti pígada a strempadas ‘e pei!)

  10. Roberto Spano says:

    Mi paret ca Marco Nieddu at nau cosas giustas. E deu aciùngiu ca fintzas a candu nc’ant essi Sardus ca pentzant de nci guadangiai a fai is tzeracus (massimamente cussus “intelletualis”..!!) de is interessus italianus (chi siant limbisticu, polìticus o econòmicus…)… dda podeus acabai de nai ca sa nexi est de “sos istranzos”! No nc’at peus… sardu…. de su ci no bolit intendi!! 😉

  11. Frantziscu says:

    Ite si podet fàghere cun su sardu, pro esempru:

    http://issuu.com/xafrico/docs/30_minicontos_sr

  12. germano marras says:

    Si est beru chi sa RAS ponet in bilanciu donzi annu su chi resessit pro initziativas “isperimentales”, diat esser ora de fagher su brincu dae s’esperimentu a s’istabilidade… Su chi podet fagher in pius sa Regione est a fagher pressione subra sos ministerios chi detzident sas materias de insignamentu in s’iscola primaria, superiore e universitaria. Sos professores chi sighint eroicamente a fagher promotzione de s’insigniamentu de sa limba sarda in iscola ant bisognu de formatzione, igùe sa RAS podet fagher meda. Sos istudentes sardos leant positivamente sa propusta de impreare sa limba sarda in iscola: cussu “sondagiu” chi at postu in motu s’Ufitziu Regionale pro s’Istrutzione subra sa disponibilidade de sas familias de s’iscola primaria, in s’Istitutu Comprensivu de Perfugas at apidu pius de s’80% de sas adesiones… Sa làstima est chi no fit una “pre-iscritzione” e mi paret chi su provveditoradu/ministeriu no at postu perunu bilanciu subra sas oras de insignamentu ufitziales…

  13. Gianfranca Piras says:

    Veramente non ce l’ho con nessuno, signor “Andrea”. Secondo me un corso di sardo online è cosa ottima chiunque sia ad organizzarlo, e infatti i corsi online fatti in precedenza (per esemprio “Dischente.it” o i corsi di Mario Puddu) hanno dato ottimi risultati.
    Già che le interessa così tanto sapere cosa penso, sarò chiara anche riguardo ai fondi destinati alle Università: a mio parere non serve a niente spendere centinaia di migliaia di euro in corsi di formazione che non formano nessuno.
    Se l’urgenza è la didattica del sardo (visto che finalmente si cerca di farlo entrare a scuola) gli insegnanti hanno bisogno di corsi di didattica, di scrittura, corsi che approfondiscano i problemi collegati alla politica linguistica. Se l’Università non ha a disposizione docenti in grado di affrontare questi argomenti in lingua sarda deve scegliere: o si adatta a formare i propri formatori, o rinuncia al finanziamento. Altre strade non ce ne sono.
    Ho soddisfatto la sua curiosità? Adesso sarebbe bello che lei soddisfasse la mia e si firmasse con il suo nome.

    • Andrea Sotgiu says:

      Hanno già rinunciato al proprio finanziamento…e al massimo ti offrono un corso con Mario Pudhu, che secondo me non da buoni risultati, ma sono opinioni

  14. antonio says:

    Ma si può sapere a che titolo la Regione Sardegna entra in questo corso o c’è qualcosa da nascondere? I sardi hanno diritto di sapere come vengono o non vengono spesi i loro soldi oppure no? Perché non c’è mai trasparenza su queste cose?

  15. Anonimo says:

    La credibilità della stampa sta nella superficialità di chi scrive in organo di stampa (od in un blog, nella fattispecie)!

  16. Centu eurus podint éssiri pagus o medas, dependit de unas cantus cosas. Po incumentzari, meda dependit de cali busciaca ndi bessint. In dis de oi a ndi bogari centu euredhus po unu cursu “online”, ca seus sempri prangi prangi po mori de sa crisi, iat a parri cosa de non fai. M’eis a narriri: “Po sa lingua, custu e atru puru”. Teneis arrexoni. Tandus, est a biri ita fini faint is cent’eurus. De su chi mi parit de cumprendiri, sa RAS dhui tenit parti, e no at èssiri “a gratis”. Imprefinis, ia bòlliri sciri cantu est su dinari chi ponit sa Regioni, ca is inditus funt pagu o nudha, e a ita serbint is centu eurus cosa mia. Sa duda est de dhu pagari duas bortas, a custu cursu online.

    • Vindice says:

      O Elio, ti faint biri sa luna e tui pigasa su didu e ddu stichis in s’ogu de chini ti fairi conosci sa luna. Ajò, sa Regioni ari spendiu milionis po cursusu de ingresu e nisciunus a musciau. E imoi ….ma ita mi ndi sbatiri cantu ari spendiu sa Regioni, chi mi praxiri ddu fazzu, sinuncas mi aturu in domu. Po caridari…su masochismu a carrucius

  17. Marco@ says:

    Cristionu su sardu ma no du sciu scriri, e s’annu passau appu sighiu unu cursu de sardu on line de s’universidadi de Casteddu, fiada fattu meda beni. Ma po mei, sa cosa prusu importanti iada a essi fai cursus de sardu po is pippius. Una pregunta, ma poitta su cursu si tzerriada “Totu sas paraulas” e non “totus sus fueddus”?

    • Tue ite dias respùndere si ti diant preguntare proite unu cursu de italianu si tzerriat “tutte le parole” e non “tutti i vocaboli”, o “tutti i termini”? Si narant sinònimos.

      • Marco@ says:

        … fiada unu pagu una provocatzione, ma chi da deppu spiegai da spiegu: “paraula” po mei no esti unu sinonimo, no esistidi in sa cristionada mia. Einsandus, chi no si poneus in conca de istudiai su sardu in totus sas cristionadas, e de poni in pari tottu su patrimoniu linguistico non deus a bessi mai a foras, sa lingua cummenti unione de sa Sardigna e patrimoniu de totus ada abarrai cosa po professoris.

  18. Antoni-P says:

    Pregunta : “Totu” o mellus “Totus ” sas paraulas” ?

    • In sardu si impreant ambos. In sa grafia LSC si punnat de mantènnere totu invariabile cando est agetivu (indefinidu), comente in “totu sas paràulas” e de usare sa forma plurale (masc.) cando est pronùmene, comente in “oe bi fiamus totus”.

  19. Antoni Nàtziu Garau says:

    Fainas che custa de Romania Minor depint sighiri, sunt de profetu mannu po afortiai s’impreu ‘normali’ de sa lìngua nosta, a prus de serbiri po dd’imparai e connosci mellus. Me in s’arretza si nd’agatant fintzas atrus de cursus de judu, totu fatus impreendi sa L.S.C. in s’iscritura: unu est http://www.dischente.or.it, aprontau de sa Provìntzia de Aristanis a manus de pari cun su Servìtziu Lìngua e Cultura Sarda de sa R.A.S. e su Dipartimentu po is Afàrius Regionalis de sa Presidèntzia de su Consillu de is Ministrus. Ma is Universidadis sardas sighint a etimologizai e a tirai isoglossas …
    Antoni Nàtziu Garau

    • irlandesu says:

      Antoni Natziu mi podes agiudare? seu provende a faghere sa registratzione in su giassu de sa provintzia de aristanis perou no funzionat nudda , apo provau a tzerriare in is uffitzios perou mi narant ca chini trabbalat comente marras marinella o salvatore cubeddu no tenint is uffitzios obertus in provintzia , immoe apo mandau unu correu , andaus a biri sa respusta
      Si tue tenis novedades narammi puru.
      Gratzias

      • Antoni Nàtziu Garau says:

        Creu chi su sistema de sa piataforma no arrespundat a manera automàtica. T’at a torrai isceda s’amministradora comenti ligit su messàgiu tuu.
        Antoni Nàtziu Garau

  20. antonio says:

    La mia idea è che su queste cose tutto deve essere democratico e trasparente. Per essere democratico bisogna che si dica chiaramente quello che si vuole fare e si chiede alla gente se è d’accordo. A Lettere a Cagliari i laboratori di sardo si fanno da un pezzo: non è che a qualcuno alla Regione non piace chi li fa? Non è che si vuole avere un controllo totale di queste faccende e il dissenso è poco gradito. Sempre a Cagliari qualche anno fa c’era un indirizzo di studi di sardistica: pochissimi studenti si iscrivevano, se ricordo bene… Non è che queste cose non hanno un grande successo e piacciono solo a poche persone…
    Trasparente: devono essere pubblicati ogni anno i soldi che sono stati spesi e vengono spesi per la lingua sarda. Quanto prendono le università,quanto prendono le scuole, quanto prendono gli uffici per la lingua sarda, quanto gli istituti che fanno corsi di lingua sarda, quanto le case editrici, quanto le televisioni, quanto le radio e soprattutto chi sono le persone che prendono e gestiscono i soldi (nomi e cognomi). Bisogna capire chi sono quelli che parlano in modo interessato e quelli che ci credono davvero.
    Per es. io non ci capisco nulla: qualcuno dice che UNISS e UNICA prendono un mare di soldi per la lingua sarda. Poi Mario Carboni parla di “rifiuto dell’Università di Sassari ad utilizzare i rilevantissimi fondi messi a disposizione dalla Regione e che sono andati in perenzione”.
    Si dice una cosa e il contrario. Ma a chi bisogna credere? Ajò…

    • July sa roga says:

      O Antonio, ma se tu dai soldi a uno per comprare ricci e ti comprara buttariga, glielo dovrai pur dire o no? No est totu pisci. E a volte ti comprara cocciula chi non e mancu pisci poita non ddi cumpreriri nudda. Se finanzi la politica linguistica e metti in aula un professore che è contro la lingua io lo chiamo sabotaggio non controllo totale. Quindi, hai ragione, in democrazia e trasparenza, nudda pilla. I professoroni su sardu no ddu scinti, cosa volgiono insegnare? però si bolinti sempri in bucca e carru !!!

    • Fortzis no as lèghidu bene su chi amus iscritu deo e Màriu Carboni, o fortzis no ischis chi semus giai a sa sigunda “editzione ” de su Pranu Triennale. In sa primu editzione, s’UniSS at pigadu su dinare pro sa limba e dd’at impreadu pro fàghere cursos (in Italianu) chi cun sa limba non b’intraiant nudda; in s’ùrtima editzione, sa RAS at postu vìnculos prus istrintos pro otènnere is finantziamentos, e pro non ddos sighire, s’UniSS in antis nd’at pesadu totu una polèmica contra a sa RAS, su diretore Coròngiu, e fintzas a sa LSC (chi mancu fiat mentovada, in su Pranu de duos), a pustis at naradu chi cussu dinare non ddu boliat prus ca cheriat fàghere is cursos comente ddis agradaiat de prus a is barones tataresos (est a nàrrere, totus in italianu… cosa chi andat contra a su chi b’est iscritu in su Pranu).
      Pro cantu pertocat sa trasparèntzia, fortzis tenes puru arresone ca si diat pòdere fàghere de prus, ma custa mi paret prus una polèmica pretestuosa chi ses faghende, bidu chi a pàrrere miu ddoe est una farta generale de trasparèntzia in sa gestione de su dinare pùbblicu, e duncas non mi paret giustu a puntare su didu contra a cussos pagos tzentèsimos chi sa RAS gasta pro sa limba.

  21. Giuseppe Corronca says:

    Cando in sa biblioteca regionale de Casteddu est istadu presentadu custu cursu deo fia presente.Dae una banda so istadu meda cuntentu chi una universidade istràngia diat dignidade e prestìgiu a sa limba sarda, dae s’àtera abbarro ispantadu e infadadu chi a sas universidades de Tàtari e Casteddu non nde l’afutat nudda de su sardu. A cando su fràigu de una universidade sarda o de unu istitutu superiore de istùdios sardos?

  22. So de acòrdiu cun Marco Nieddu, cando iscriet chi is ateneos italianos in Sardigna sunt contra a sa limba sarda: totus dd’amus bidu, s’istiu de ocannu passadu, cun sa polèmica cun s’UniSS… de s’uniCA non dd’isco, ma non mi diat ispantare si èsseret sa matessi cosa, fata isceti cun unu pagu prus de furbìtzia. Depo però nàrrere chi deo, cando aia sighidu su cursu online de Màriu Puddu, “Fuedhai e iscriri”, nd’apo tantu profetu meda: a su mancu m’at agiuadu a cumprèndere ite bolet nàrrere a iscrìere in Sardu cun critèriu. Dae in cue a sa LSC, su tretu est istadu piticu meda. Duncas: andant bene meda is cursos online, e galu mègius si ddos faghent deretu cun riferimentu a sa LSC, chi est una cosa bona meda mancari -comente totu is òperas umanas- semper si potzat megiorare.
    Bògio atzùnghere: fortizis est berus su chi narat Micheli Pinna, chi semus semper infatu a is polèmicas contra a is Universidades italianas de Sardigna, e dae custas polèmicas pagu profetu nd’amus bogadu (e pagu nd’amus a bogare). Però est berus puru chi, a su puntu chi semus lòmpidos, non si podet prus furriare sa fache a s’àtera parte in s’interis chi custas gasi narasad “istitutziones” pigant dinare meda dae sa RAS e dd’impreant in manera non funtzionale abberu a su chi si dd’ant donadu: si ddu subenimus totu cantos is cursos de “Flora Medicinale della Sardegna” e pariviles, fatos in s’UniSS cun su dinare gastadu dae sa RAS (est a nàrrere, dae nois etotu) pro sa limba sarda. Fortzis est arribada s’ora de èssere prus atzudos, pro sos dirigentes de sa RAS: chie bolet su dinare pro sa limba, pagu o meda chi siat, depet ammarolla fàghere cursos a su 100% in Sardu (Gadduresu, Tataresu, Aligheresu, Tabarchinu), a largu is professores italiòfonos ebbia, e sighende is règulas de sa LSC. O mangiano questa minestra, o saltano dalla finestra! A su mancu in custu, s’UniCA est giai a mesu tretu: petzi ddi mancat de ativare isceti cursos chi sighent sa LSC, ca giai faghent cursos anca imparant su Sardu in Sardu, comente diat dèpere èssere. Ponimus unu “velo pietoso” a pitzu de s’UniSS.

  23. S’articulu collit sa chistione de sas universidades sardas incapatzes de esser elementos propositivos in intro de sa sotziedade sarda; bene bennidas sas initziativas chi arrivint dae foras… e chi siant de profetu pro totus sos Sardos mascamente pro cussos irrobados de sa limba issoro.

  24. Anonimo says:

    Sig. Biolchini, poitta non scridi in sardo fustei puru?

  25. Mauro Maxia says:

    Custu cursu de sardu in Ispannia est unu in mesu a àteros cursos de sardu chi si tenent in sas universidades europeas. Dae pagu nde at cumintzadu unu puru in s’universidade de Brno in sa Republica Ceca; sas letziones las tenet unu de sos medas mastros de sardu e est sighidu dae una trintina de istudiantes chi non faeddant su sardu. Seo testimongiu deretu chi sos cursos de limba sarda si podent fagher ue si siat, cumintzende propiu dae sa Sardinnia. Unos deghe annos faghet in Pèrfugas, de acordu cun su dirigente iscolàsticu, aia organizadu, pro duos annos, unu cursu de trinta letziones de limba sarda chi est istadu sighidu dae prus de vinti iscritos. Sa cosa prus interessante est chi pro sighire su cursu sos istudiantes (de donnia edade) pagaiant de bussacca issoro. Su cursu, chi si faghiat a sero paris a àteros cursos de informàtica e de inglesu, aiat serradu sos contos in ativu e s’iscola pùblica non bi aìat postu mancu unu francu. Làstima chi a pustis est bènnidu unu dirigente napuletanu e sa cosa est morta cue. Ma pro fagher cursos de sardu no est netzessaria nen s’universidade nen chi sa RAS bi ispendat chentinarias de migia euros. In Sardigna e in Europa de mastros e professores de sardu giai bi nd’at bastante. Sa Regione diat deper fagher una polìtica de sa limba prus cumbinta pro s’insinniamentu de sa limba in s’iscola pùblica e su dinare lu diat ispender megius si cuntribueret a fundare unu Istitutu Superiore de Limba e Cultura Sarda chi formet sos mastros e servat de referimentu pro sas iscolas.
    Mauru Maxia

  26. anna paola demelas says:

    Sa limba sarda dd’apo sempre connota, poite pagare? su chi eus sempre bìviu? chent’euros oe coment est oe funt medas! duncas naro deo ch’at medas regulas de iscrituras bastat solu sa bona vòlontade!!! e sa limba sarda est assigurada…. unu saludu mannu!!! a chie at tentu cust’ ‘idea…

  27. Michele pinna says:

    Ite cherides chi bos nerze. Andat bene su chi si faghet. Finas sos cursos on line bi cherent ma penso chi su su sardu lu depimus guvernare sos sardos. S’Istituto Bellieni de Tatari sos cursos de limba sarda abertos a totu oramai lo est fatende da una deglina de annos como. Si bi duat aer richiestas e un’iscuadra de dotzentes bonos che a sos de Tatari sos curso los diamus fagher finas in Casteddu e in Oristanis. Però onzi cosa at s’ispesa sua; Sa Regione depet aberrere una partida seria subra sa formatzione de sos isegnantes e subra su sardu in iscola si nono est totu piuere. Est innutile chi sighemus a torrare in segus pro su chi non at fatu s’Universidade sarda s’Universidade chi c’amus in Sardigna, s’ischit, est de s’Istadu italianu. E s’Istadu italianu sa politica culturale e limbistica la detzidit isse. Sos professores chi b’insignant, finas sos chi parent prus a s’ala nostra depent fagher sos contos chin un’Istadu chi de sa limba sarda e de Sardigna si nd’afutit. Comente, de su restu si nd’est semper afutidu. Ateru? Micheli pinna

  28. Gianluigi P says:

    E(S) SA chistioni dda cumprendis prus a fundu
    TI pentzas ca su sardu est studiau in mesu mundu
    Universidadis in Germània e in Tokio
    VoUlez vous parler avec moi sardo?

  29. Angelo canu says:

    Fintzas a cando sas Universidades Sardas ant a èssere a cumandinu de sas istitutziones italianas, amus a istare semper in una pàule de subordinatzione linguìsticu-culturale. A bisu meu sa s’ùnica manera pro nd’essire dae custu assugetamentu est a fundare un’Istitutu Sardu Regionale chi fatzat sa polìtica linguìstica chi li pertocat.

  30. Gianfranca Piras says:

    Il problema è che non si riesce ad uscire da logiche vecchie di decenni e non si ha il polso effettivo della situazione linguistica in Sardegna.
    Ci sono molte urgenze a cui rispondere, ma lo si fa con metodi obsoleti o con scelte pretenziose che non arrivano comunque allo scopo.
    Serve una vera pianificazione che parta dall’ascolto di chi nel territorio ci lavora e, conoscendo i problemi, possa suggerire soluzioni. Servono fondi per agire nei punti nevralgici in maniera efficace. Servono scelte oculate, perchè è inutile fare spese faraoniche se poi non possono essere applicate alle urgenze del territorio.

    • Andrea says:

      Ma signora Piras? Che cosa voleva dire? Con chi ce l’ha? E’ d’accordo o no? Il suo post poteva andare in qualsiasi discussione sulla coltivazione del gelso, sul punto G o sulle primarie del PD. E dica la sua senza timore. Si faccia capire-

  31. Pro chie non tenet timoria de sas limbas, signalo chi su prof. Conde tenet unos cantos giassos in internet chi mereschent:

    Chistiones linguisticas:

    http://pivonauta.wordpress.com/

    http://ciberdubtes.blogspot.it/

    http://ciberdubidas.blogspot.it/

    Paristòrias pro creaduras e pitzinnos minores:

    http://www.fabulandia.org/

    http://www.oreinodoscontos.com/

    Contos curtzos:

    http://slonek.blogspot.it/

    http://alqisa.blogspot.it/

    http://eonaviego.blogspot.it/

    Poesia:

    http://alcalima.blogspot.it/

  32. Laura Crobu says:

    Sono stata a una riunione a Sassari organizzata da un gruppo di studenti sulla lingua.-Ancora si da credito agli accademici di Sassari. Incredibile. Certi attivisti della lingua sarda amano la mano del proprio carnefice che li schiaffeggia. Ma non hanno letto i blog l’anno scorso per sapere come è andata? O credono alla Nuova Sardegna? Anche i giovani che dovrebbero essere più svegli. Paura di ribellarsi seriamente? Ci sono burocrati regionali più coraggiosi…

  33. Tziu Pibiri says:

    Bel post Vito per la natzione sarda. Poichè la sardegna ha lingua, storia e cultura proprie. L’università di Girona lo sa bene; e le università italiane di sardegna? Comunque si vede che Peppe Corongiu è tornato.

  34. Sul piano della lingua sarda le Università di Sassari e di Cagliari a mio parere si sono dimostrate inaffidabili. Senza entrare nel merito, e si potrebbe,delle posizioni più politiche che scientifiche o didattiche, il rifiuto dell’Università di Sassari ad utilizzare i rilevantissimi fondi messi a disposizione dalla Regione e che sono andati in perienzione, ne è la dimostrazione lampante. L’Università di Cagliari invece ha realizzato un corso ma non ha presentato uno straccio di progetto per la seconda annualità. Del resto ancora una analisi dei costi e benefici non c’è e credo che vedendo la rendicontazione ( non so se sia stata presentata ancora ) si potranno esprimere altre valutazioni. Sta di fatto che sul piano della politica linguistica “attiva” le Università italiane in Sardegna sono sempre state un freno se non attivamente contrarie. Di questo la Regione dovrebbe prenderne atto e dopo una rigorosa verifica chiederne conto e operare di conseguenza. Anche però il Movimento linguistico dovrebbe riflettere e trovare motivi unificanti, didattici ma anche imprenditoriali per poter offrire un’alternativa privata credibile sulla quale investire. Comunque anche la Regione dovrebbe smettere di fare il pesce in barile, Il Consiglio regionale investendo nella prossima finanziaria alomeno 5 milioni di euro per rifinanziare il Piano triennale. La Giunta per far corrispondere alle dichiarazioni di sostegno alla lingua sarda un’operatività più incisiva. E’ al palo la lingua nella scuola, la “scuola digitale” è ferma e non si sa come saranno spesi i soldi per la lingua sarda. Saranno confermati o al contrario diminuiti in investimenti e qualità specifica o cancellati? Bene l’insegnamento della lingua sarda per adulti. Ma in questo è il Movimento linguistico che deve dare segni di vita oltre al buon esempio in Spagna. I “sovranisti” senza lingua sarda che fanno? Perseverano?

  35. MARIEDDU says:

    S’Universidade de Casteddu, su nessi b’at proadu e mancari totu su cursu est andadu bene, mancari bi che siat istadu carchi problema. S’Universidade de Tàtari nudda….

    • Alexandra says:

      S’universidade de Casteddu non b’at proadu: bi l’at fata. At postu a Mario Pudhu a manera de istraccare e cunfundere sas ideas a totus !!!!

  36. Anonimo says:

    Armi di distrazione di massa!

  37. Marco Nieddu says:

    Gli accademici sardi sono, con la loro organizzazione del sapere che punta alla divisione e alla dialetizzazione, i grandi nemici della lingua sarda. Sassari lo ha dimostrato per bene l’anno scorso, Cagliari non fa eccezione perché il corso organizzato per gli insegnanti è stato affidato a docenti impreparati e contrari alla politica linguistica efficace. I cagliaritani sono solo più furbi: fanno finta di fare, ma disfano. La Regione fa bene, se lo fa, a finanziare queste iniziative: servono a sputtanare gli accademici locali e dare prestigio europeo alla lingua. Invece, non si capisce perché ci si ostini a collaborare con gli atenei locali. E’ una forma di accanimento terapeutico inutile. Dagli zombies non si può avere vita, ma solo morte.

    • Cumpletamente de acordu cun tegus! Penso chi, creinde chi calicunu de issos siet in fide male e ateros in fide ‘ona, custos urtimos (sos primos, s’apicchent a una mata ‘e pira) nde faghent una chistione iscientifica o leteraria..ma sa ‘e sa limba est una chistione prima ‘e totu POLITICA!

  38. antonio says:

    Gentile Biolchini,
    giusto per curiosità, si sa se questo Corso è finanziato dalla Regione Sardegna? Credo che sarebbe molto importante saperlo, per capire se queste iniziative nascono da sole (senza foraggio pubblico) e hanno un futuro, oppure la musica è sempre la stessa, solo che il direttore d’orchestra è spagnolo o catalano.
    E poi, mi pare che un’imprecisione ci sia in quello che lei dice: da poco l’Università di Cagliari ha fatto un corso in grande stile per formare gli insegnanti. Credo sia giusto ricordarlo.

  39. Salude dae sa Galìtzia. Deo apo fatu custu cursu in s’editzione anteriore.

  40. Pingback: Cursu de sardu online e cummentos de Vito Biolchini | Bolognesu

  41. Istudiare su sardu? Est una paràula!

  42. La settimana scorsa sono stato alla presentazione di questo progetto a Cagliari. E’ stato un bel convegno con molti spunti interessanti,la cosa che mi ha deluso e’ stata la scarsa presenza di “ignoranti curiosi” come me.La maggior parte dei presenti gia’ si conosceva o era comunque dentro le questioni della lingua sarda o dei circoli sardi. Purtroppo pare di vedere che alla gente comune poco importa di queste questioni;quanto alle universita’ sarde stendiamo un velo pietoso.Professori italioti di serie b che formano intellettuali italioti di serie b.

    • Anonimo says:

      “Ignoranti curiosi”..mi fa male questa definizione 🙁 Io sono sicura che c’è tanta gente positivamente incuriosita, anche la più “ignorante”. Il problema è che l’insegnamento ha in generale un approcio sbagliato. Se ci si mettesse veramente, che bella ricchezza sarebbe…con tutte le sfumature del sardo…dal nord al sud, est ed ovest.. E’ sempre la stessa storia in Sardegna: ciò che autentico viene trascurato, messo nel dimenticatoio, e alcune volte addirittura insultato! 🙁

      • Non era mia intenzione insultare nessuno,visto che mi son dato da me stesso dell’ignorante.Intendevo con quella espressione riferirmi a quelli che come me,pur non essendo esperti di linguistica e non avendo potuto imparare il sardo fin da piccoli, si interessano di queste cose e vorrebbero rimediare alla propria ignoranza. Tutto qui

  43. domenico says:

    “Totu sas peràulas” ? Io veramente sono rimasto senza!!!!

  44. Acronotau says:

    Il sardo è come il latino
    (nelle Università sarde…)

Lascia un commento

Follow

Get every new post delivered to your Inbox

Join other followers: