Politica / Sardegna

Cess! Cappellacci mi ruba l’idea scrive a Monti… in sardo: naraddi scimpru! Ecco il testo integrale!

Sì sì, l’idea è mia! Ed ho anche le prove! Era infatti il 18 febbraio scorso quando scrivevo “Qualcuno parli in sardo al presidente Napolitano. Così forse capirà che i nostri problemi sono diversi da quelli del resto del paese”. E oggi il presidente della Regione Ugo Cappellacci cosa ci tira fuori dal cilindro? Ecco il comunicato stampa. Resto in trepida attesa di vedere il testo in sardo della diffida inviata al Presidente del Consiglio, Mario Monti. Cappellacci resta impresentabile ma una mossa come questa fa indubbiamente fare un salto di qualità all’uso della lingua sarda, dandogli la dignità che merita. Sperando che non resti solo una trovata mediatica.

***

VERTENZA SARDEGNA, DIFFIDA E MESSA IN MORA
ANCHE IN LIMBA PER IL GOVERNO MONTI

La diffida e la messa in mora al Governo Monti sulla vertenza entrate è stata inviata in due lingue al presidente del Consiglio: in italiano e in limba. Lo annuncia il presidente della Regione, Ugo Cappellacci, che stamane ha abbandonato l’insediamento del tavolo sul federalismo e che ha preannunciato al ministro Gnudi l’arrivo dell’ufficiale giudiziario a Palazzo Chigi. “Da questo momento – ha aggiunto il presidente – le nostre comunicazioni con l’Esecutivo saranno scritte sia in italiano che nella lingua dei nostri avi. Vogliamo ribadire così il nostro orgoglio e la nostra identità sarda: quella di un popolo con storia, tradizioni, cultura e lingue proprie. Il nostro non è un piagnisteo assistenzialista, ma è la rivendicazione di rispetto, di pari dignità, di ciò che spetta di diritto alla nostra isola. Vogliamo perseguire la via dello sviluppo con progetti che abbiano origine in Sardegna, rispettosi dei nostri valori e del nostro immenso patrimonio ambientale e paesaggistico, ma dobbiamo essere messi nelle condizioni di farlo. Nel corso della storia – ha concluso Cappellacci – tutte le volte che l’Italia ha chiamato, la Sardegna ha risposto e ha dato il suo contributo. Purtroppo non possiamo dire che a parti invertite sia accaduto lo stesso”.

***

Atu de intima pro s’atributzione de sas partetzipatziones a cumone a sos tributos erariales cunforma a s’artìculu 8 de s’Istatutu Ispetziale de sa Regione Autònoma de Sardigna.

Sa Regione Autònoma de Sardigna (cod.fisc. 80002870923), chi at sea in Viale Trento, n. 69, Casteddu (09123), in sa persone de su Presidente pro tempore, Ugo Cappellacci, in virtude de sa deliberatzione de sa Giunta regionale n. 20/49 de su 15 de maju 2012

antepostu chi

Sa Regione Autònoma de Sardigna, in cunforma a s’art. 8 de sa l. cost. n. 3 de su 1948, “Istatutu Ispetziale pro sa Sardigna”, si giuat de su benefìtziu de unu regime de partetzipatziones a cumone a sas intradas erariales de s’Istadu;

chi s’art. 8 de s’Istatutu est istadu annoadu pro more de s’art.1, comma 834, de sa l.n. 296 de su 2006 (lege finantziària de su 2007);

chi su comma imbeniente n. 838 previdit chi “sa partetzipatzione noa a cumone de sa Regione Autònoma de Sardigna a totu sas impostas erariales intrat a regime dae s’annu 2010 chi, a dies de oe, s’Istadu no at galu dadu esecutu prenu a su regime nou de sas intradas econòmicu finantziàrias de sa Regione;

chi essit a craru comente non siat de crastinare sa netzessidade de printzipiare, cun urgèntzia manna, s’esecutu de su regime finantziàriu nou de sa Regione, gasi comente est disinnadu dae sas modìfica de s’artìculu 8 de s’Istatutu;

chi, pro su chi pertocat custu, s’Amministratzione regionale at postu a fàghere totu sas formas de cunfrontu cun s’Amministratzione istatale pro su reconnoschimentu de sas prerogativas suas, garantidas a manera costitutzionale;

chi su cuberu de sas summas chi li tocant a issa etotu non si podet prus transire siat pro more de s’istadu de crisi econòmica in sa cale est ruta sa terra de Sardigna, chi l’abbisòngiat sas resursas de cumpetèntzia sua pro parare fronte a peleas, sas cales non si podent prus baliare, de poberesa sotziale, siat leende in cunsideru sa legitimidade de rivendicatzione de unu deretu, su reconnoschimentu de su cale at agatadu cunfirma reghente finas in sas sentèntzias de sa Corte costituzionale.

Leadu a cunsideru chi

Cun sa sentèntzia n.99 de su 2012, cun sa cale s’est disinnadu su recursu promòvidu dae s’Istadu pro (intre sos àteros) s’art. 3, comma 1, de sa lege regionale n. 12 de su 2011, sa Corte costitutzionale at decraradu chi sa chènscia non si podet ammìtere, sende chi s’Istadu aiat istransidu “de argumentare sas cajones pro sas cales a sa Regione non diat dèvere tocare su poderiu de medire s’assummadura de sas partetzipatziones a cumone a sos tributos erariales, a tales chi s’esseret redatzionadu su bilantzu de previsione“, poderiu chi est s’espressada de s’autonomia finantziària e contàbile garantida a sa Regione dae s’art. 7 de s’Istatutu;

chi sa cunsighèntzia làdina de custa sentèntzia est chi sa Regione Autònoma de Sardigna, a s’ora de ammaniare su bilantzu previsionale suo, podet in deretura fàghere fidàntzia subra sas intradas chi protzedint sas s’art. 8 nou e las depet, antzis, allistrare a manera contàbile;

chi, galu prus in tempos reghentes, sa Corte costitutzionale, cun sa sentèntzia n. 118 de su 2012, at fatu mentovu de sas relatas a pare intre Istadu e Regione pro su chi atenet a s’autonomia finantziària regionale, subra su mecanismu de su gasi naradu “patu de istabilidade” e in prus subra sos efetos de sa reforma mentovada in antis de s’art. 8 de s’Istatutu:

chi in sa sent. mentov. N. 118 de su 2012 sa Corte costitutzionale at apostivigadu chi, ammaniende s’acòrdiu intre Istadu e Regione a pitzu de sa capia de su patu de istabilidade, sende chi si depet adotare comente cheret sa protzedura negotziada cunforma a s’art. 1, comma 132, de sa l. 23 de nadale 2010, n. 220, dae una banda sa Regione depet leare a cunsideru sos òbligos de minimòngiu de sos gastos chi sighint s’acumprimentu de su patu de istabilidade, dae sos cales, intre s’àteru, sa Regione Autònoma de Sardigna non at chircadu mai de s’iscostiare; dae s’àtera banda, però, s’Istadu, depet pigare atu de sas “resursas regionales prus mannas chi resurtant dae s’intrada in vigèntzia de s’art. 8 de s’istatutu “gasi comente est reformadu dae sa lege de su 2006, leende in cunsideru su fatu chi “su printzìpiu de s’echilìbriu chi non si podet derogare in sea preventiva de su bilantzu de cumpetèntzia apostìvigat chi non podent abbarrare indipendentes e sena coordinamentu, pro cantu li pertocat, su perfilu de sos gastos e cuddos de s’intrada chi, duncas, sa Corte costitutzionale, cun sa sent. mentov. n. 118 de su 2012, at acraridu a tempus cales depent èssere sas relatas econòmicu-finantziàrias intre Istadu e Regione, marchende sa capia sena duda peruna o possibilidade de pretu, cunfirmende su respetu de s’Amministratzione Regionale pro sos obietivos de su patu de istabilidade, ma, a su matessi tempus, torrende a decrarare su deretu prenu de sa Regione a otènnere sas summas chi li tocat a issa etotu a cajone de s’art. 8 de s’Istatutu, finas in cunsideru de sa netzessidade de acumprire a sas tareas semper prus graes chi impitzant sa Regione etotu;

chi sas intradas prus mannas dèpidas a s’Amministratzione regionale in virtude de s’art. 8 annoadu de s’Istatutu ispetziale, giai allistradas in su bilantzu regionale de s’annu finantziàriu 2012, sunt parìviles a 1.459.545.588, 80 èuro, comente resurtat dae sa medida acumprida ponende in mente a sos disponimentos de sos cales a s’artìculu 36 de sa L.R. n. 11/2006 e a s’art. 3 de sa L.R. n. 12/2011, impregiudicadu su deretu a sas summas chi resurtant dae s’agualadura dàbile in aumentu a cale si siat tìtulu;

acraridu su chi est antepostu e tentu in cunsideru

intimat

sos ufìtzios e òrganos cumpetentes de s’Amministratzione istatale, e pro issos su Presidente de su Consìgiu de sos Ministros, in persone de su Presidente de su Consìgiu pro tempore;

su Ministeru de s’Economia e de sas Finàntzia, in persone de su Ministru pro tempore;

sa Ragioneria Generale de s’Istadu, in persone de su Ragionieri Generale pro tempore;

cun posta in mora a su matessi tempus

a chèrrere providire a su reconnoschimentu de sas intradas prus mannas e a s’atributzione, intro e no ultres su tèrmine de 30 dies dae sa retzida de custa intima, de sas summas dèpidas e non pagadas dae sa prima die de Ghennàrgiu 2010 pro un’assumadura parìvile a 1.459.545.588,80 èuros, impregiudicadu su deretu a sas summas chi resurtant dae s’agualadura dàbile in aumentu a cale si siat tìtulu;

non retzende isceda, s’ant a printzipiare, sena preavisu perunu, sas initziativas pretzisas in sas seas giuditziàrias de cumpetèntzia.

Su Presidente de sa Regione Autònoma de Sardigna.

25 Commenti

  1. Ugo,Ugo,Ugo, vi ricordate la campagna elettorale del comico di Arcore, Ugo,
    prima di scrivere supercazzole devi avvisare Antani, se no non brematurano.

  2. Addetto says:

    Non è importante, come è noto, in quale lingua si dicano le cose, ma cosa si dice. Alla lettera scritta in una lingua che non esiste e non esisterà mai, risponderanno in italiano di andare a farci benedire perché fa sinceramente ridere il tono di chi intima senza averne l’autorità e l’autorevolezza. E mette malinconia sentore che c’è perfino qualcuno contento che finalmente si scrive da pari a pari al tiranno.

  3. Stenox says:

    A me questa limba astrusa che non parla nessuno e presa come ufficiale mi fa veramente schifo. Non è la mia lingua, fatico anche a capirla e a leggerla. E ho sempre parlato il sardo sin da piccolo. Il sardo di Cagliari e dintorni. Capisco che ne serva una comune per rappresentare tutta l’isola ma è come un corpo estraneo per me….
    Cmq bene l’iniziativa ma deve essere la lingua nostra e dei nostri figli oltre che dei nostri avi….

  4. Cess, mi chi at ismentigadu de iscrìere chi:

    “custa intima est istada iscrita cun s’agiudu de sa lege regionale de su 15 de santugaine de su 1997, n. 26 …” 😛

  5. invece ha fatto bene a scrivere anche in sardo. l’ufficio de sa limba sarda c’è ed è giusto metterlo a lavorare. su tutto l’altro è giusto criticare, ma su questo perché?

    • efisio erriu says:

      perché dire che il sardo è la lingua dei nostri avi per corroborare la tesi che siamo un popolo con dignità e cultura propria (e soprattutto viva) non ha senso.
      se voglio difendere la mia cultura di sardo, il sardo deve essere la lingua dei miei figli!
      peccato però che il sardo i miei figli possano parlarlo solo in famiglia, ma il Capella (tanto preso dalle sue sparate pubblicitarie) non ha questa sensibilità e si rivolge a Monti scrivendo ‘nella lingua dei nostri avi’, speriamo solo che Monti non gli risponda nella lingua dei suoi avi: vade te collocaretur…..

    • A Monti in sardu e a nois in italianu…Biolchini gliene inventi un’altra più spiritosa!

  6. efisio erriu says:

    E bravo Capella!
    Ora che Flavietto Carboni è ristretto e ora che diddino Silvio è in quarantena, riscopre il rispetto del nostro immenso patrimonio ambientale e paesaggistico.
    Peccato, grazie a lui, fummo la prima regione ad adottare il Piano Casa, avevamo un primato fatto di cemento e pale eoliche, avevamo anche il primato per la stagione venatoria più lunga d’Europa e ora chissà quale altro primato ci vuole far raggiungere …

    Comunque parlare di popolo con cultura e lingua propria e dire che il sardo è la lingua dei nostri avi, dimostra per l’ennesima volta che non ha capito un cazzo!

    E’ peggio di Mauro Pili.. e ce ne vuole

  7. nanni falconi says:

    Su iscrìere in sardu a su guvernu italianu at unu sinnificadu simbòlicu forte. Chi nos piagat o nono afermat chi amus carchi cosa de diversu dae cuddu istadu monolìticu chi si pretendet chi siat una limba una natzione. No isco ite nd’at a essire fora, fotzis nudda, ma si su guvernu sardu bi la sighit a iscrìere in duas limbas a su guvernu italianu l’at a fàghere a pensare a siguru chi non semus prus ligados a fune curtza a su continente, e chi sa limba sarda est limba giurìdica puru, fintzas si los at a fàghere rìere leèndenos cun menisprètziu.Non bisòngiat de timire su risu de sos barrosos, de cussos chi nos faghent crèere chi a faeddare, iscrìere e pensare in sardu siat de gente ruza e inniorante, ca est custu chi nos semus cumbintos chi siat.

  8. Quoto Pablos: ormai Cappellacci non sa più cosa tirare o per meglio dire “tirarne” fuori dal cilindro e quindi ruba le idee dell’opposizione. Si sta trasformando nel personaggio di Banana, anzi se diventa come il personaggio di Banana e si ritira a a vendere ricci al Poetto è mellusu po issu puru….Questo dovrebbe essere il suo gesto per dimostrare la nostra forza e differenza col resto dell’Italia?Ora inizierà finalmente a tirare fuori la voce? Farà vedere chi comanda? Ha scoperto che siamo una regione Autonoma? Ugo vieni a vendere ricci chi è mellusu…..vorrei solo puntualizzare il sardo non è la lingua dei nostri avi: è la nostra lingua, e noi la parliamo ora nel 2012, e non ce ne vergogniamo minimamente. Personalmente perchè ha una forza di espressione che all’italiano manca totalmente: provate infatti a tradurre: ‘STIZIA S’ABBRUXIDI o una che rubo da “TZACCA STRADONI ,STORIE DI MALAVITA CAGLIARITANA”: “FISINU ADI BIU SU SOLI SCOZZESU”

  9. io l’avrei mandata solo in sardo…

  10. Pablos says:

    La lettera “in limba” è l’ennesimo colpo di teatro di chi non sa più cosa fare.
    Ma grazie a Berlusconi ormai siamo abituati.

  11. Intanto in Viale Trento ringrazia per il materiale fornito per le prossime settimane, tra comunicati in limba,nominati e abbandono dei tavoli! c’è materiale per varie vignette.

    Adi imparau su sardu ligendi i disegnus de Intanto in Viale Trento!!!!!!

  12. Stefano reloaded says:

    Obbedisco: SCIMPRU!

    • Neo Anderthal says:

      Piccioccus, non mi pozzu allontanai chi faeis tottu bosattrus.
      Candu appu liggiu su titulu de su post m’esti benniu in conca de scriri commenti eis fattu tui e Ale Sestu e attrus ancora.
      Entzandus deu nau: Vito, non sfidisti prusu, che non ci pongu s’arrestu de nudda!

  13. Anonimo says:

    se ha cappellacci di narasa scimpru, du pigara po unu complimentu. un ex custode

  14. E deu non sciu chi depu donai arrexoni a Banana opuru abetai ancora unu pagu innantis de nai calincuna cosa.

  15. Gentile Biolchini,
    contento? Probabilmente la missiva sarà indirizzata, per conoscenza, anche a tutto il Consiglio dei Ministri. Riesce a immaginare la perplessità di Monti che si domanderà chi sia «Su Ministru Cunnu»?
    Cordialmente,

  16. Antonio Paolo says:

    Mah, sicuramente Monti rimarrà molto impressionato dalla potenza comunicativa del messaggio bilingue, Cappellacci guadagnerà visibilità mediatica e della lingua sarda continuerà a non fregargliene una mazza a nessuno: altro che “dignità che merita”, caro Biolchini. La dignità che merita gliela devono dare i sardi ogni giorno, sempre che ci credano. Altrimenti non stiamo a menarcela troppo…

    • Di Legno says:

      Caro Antonio Paolo: «sicuramente Monti rimarrà molto impressionato dalla potenza comunicativa del messaggio bilingue» è una affermazione in toto ascrivibile al sottoscritto. Pertanto la prego di citare la fonte autentica nei suoi Post. 😉

  17. ormai è influenzato da quello che gli faccio fare su intanto in viale trento

Lascia un commento

Follow

Get every new post delivered to your Inbox

Join other followers: