Politica

Referendum: ajò piccioccusu, un ultimo sforzo e ci siamo! Questa sussa passa alla storia e se la ricorderanno a lungo. E poi, chi le ha mai vinte due elezioni di seguito?!

Cess, o piccioccusu, ma le avete viste le percentuali dei referendum? No, macchè! Ci siamo quasi! Ancora uno sforzo, un piccolo sforzo e assestiamo al potere berlusconiano una di quelle susse epocali che se non sono definitive, poco ci manca. Scusate l’entusiasmo ma ancora non ci credo: in oltre vent’anni di onorata carriera da elettore non mi era mai capitato di vincere due competizioni elettorali di seguito. Taddannu, e se succede veramente? Sono già a capogiri.

Che dire? L’informazione drogata non droga più nessuno, le bugie di politici buffoni di fatto non incantano più nessuno. Forse l’Italia sta cambiando. Anzi no: è definitivamente cambiata,

Ajò piccioccusu, un ultimo sforzo e ci regaliamo un’altra bellissima festa. E poi prepariamoci subito al futuro: con ottimismo, serietà e leggerezza.

26 Commenti

  1. Realista says:

    Ecco i siti che ci renderanno meno dolce il si al nucleare: Phenix, Tricast, Cruas, Saint-Alban, Bugey e Fessenheim in Francia; Muenleberg, Goesgen, Beznau e Leibstadt in Svizzera; Grundemmingen e Isar in Germania; Krsko in Slovenia. Ora bisognerebbe tutelarci anche da loro, visto che sono a meno di 200 km dal territorio italiano. Diversamente oggi si brinda tanto per fare festa ma non è servito a niente!

  2. Radio Londra (nonostante er ciccio) says:

    E una tra cosa fatta….. disse colui che……
    Non si tratta di referendum contro il Governo di Papi? OK.
    Ci verrebbe quasi spontaneo, di fronte a un evidente risveglio delle menti, parlare ancora di “CHE BELL’ARIA FRESCA” ma non vogliamo essere scassolati con la stessa canzone o comuque con gli stessi autori e allora perchè non proporre qualcosa di diversamente musicato?

  3. ZunkBuster says:

    Gli abbiamo rotto il QUORUM!!!!!!!!!!!!!!!!!!

  4. pietro says:

    +55%. Prime reazioni: Sacconi .
    La faccia come il culo e il culo come la faccia.

  5. Mauro Peppino Succiabrebei says:

    sì, sì, sì, sì, sì, sì, sì, sì, sì, sì, sì, sì, sì, sì, sì, sì, sì, sì, sì, sì, sì, sì, sì, sì, sì, sì, sì, sì, sì, sì, sì, sì, sì, sì, sì, sì, sì, sì, sì, sì, sì, sì, sì, sì, sì, sì, sì, sì, sì, sì, sì, sì, sì, sì, sì, sì, sì, sì, sì, sì, sì, sì, sì, sì, sì, sì, sì, sì, sì, sì, sì, sì, sì, sì, sì, sì, sì, sì, sì, sì, sì, sì, sì, sì, sì, sì, sì, sì, sì, sì, sì, sì, sì, sì, sì, sì, sì, sì, sì, sì, sì, sì, sì, sì, sì, sì, sì, sì, sì, sì, sì, sì, sì, sì, sì, sì, sì, sì, sì, sì, sì, sì, sì, sì, sì, sì, sì, sì, sì, sì, sì, sì, sì, sì, sì, sì, sì, sì, sì, sì, sì, sì, sì, sì, sì, sì, sì, sì, sì, sì, sì, sì, sì, sì, sì, sì, sì, sì, sì, sì, sì, sì, sì, sì, sì, sì, sì, sì, sì, sì, sì, sì, sì, sì, sì, sì, sì, sì, sì, sì, sì, sì, sì, sì, sì, sì, sì, sì, sì, sì, sì, sì, sì, sì, sì, sì, sì, sì, sì, sì, sì, sì, sì, sì, sì, sì, sì, sì, sì, sì, sì, sì, sì, sì, sì, sì, sì, sì, sì, sì, sì, sì, sì, sì, sì, sì, sì, sì, sì, sì, sì, sì, sì, sì, sì, sì, sì, sì, sì, sì, sì, sì, sì, sì, sì, sì, sì, sì, sì, sì, sì, sì, sì, sì, sì, sì, sì, sì, sì, sì, sì, sì, sì, sì, sì, sì, sì, sì, sì, sì, sì, sì, sì, sì, sì, sì, sì, sì, sì, sì, sì, sì, sì, sì, sì, sì, sì, sì, sì, sì, sì, sì, sì, sì, sì, sì, sì, sì, sì, sì, sì, sì, sì, sì, sì, sì, sì, sì, sì, sì, sì, sì, sì, sì, sì, sì, sì, sì, sì, sì, sì, sì, sì, sì, sì, sì, sì, sì, sì, sì, sì, sì, sì, sì, sì, sì, sì, sì, sì, sì, sì, sì, sì, sì, sì, sì, sì, sì, sì, sì, sì, sì, sì, sì, sì, sì, sì, sì, sì, sì, sì, sì, sì, sì, sì, sì, sì, sì, sì, sì, sì, sì, sì, sì, sì, sì, sì, sì, sì, sì, sì, sì, sì, sì, sì, sì, sì, sì, sì, sì, sì, sì, sì, sì, sì, sì, sì, sì, sì, sì, sì, sì, sì, sì, sì, sì, sì, sì, sì, sì, sì, sì, sì, sì, sì, sì, sì, sì, sì, sì, sì, sì, sì, sì, sì, sì, sì, sì, sì, sì, sì, sì, sì, sì, sì, sì, sì, sì, sì, sì, sì, sì, sì, sì, sì, sì, sì, sì, sì, sì, sì, sì, sì, sì, sì, sì, sì, sì, sì, sì, sì, sì, sì, sì, sì, sì, sì, sì, sì, sì, sì, sì, sì, sì, sì, sì, sì, sì, sì, sì, sì, sì, sì, sì, sì, sì, sì, sì, sì, sì, sì, sì, sì, sì, sì, sì, sì, sì, sì, sì, sì, sì, sì, sì, sì, sì, sì, sì, sì, sì, sì, sì, sì, sì, sì, sì, sì, sì, sì, sì, sì, sì, sì, sì, sì, sì, sì, sì, sì, sì, sì, sì, sì, sì, sì, sì, sì, sì, sì, sì, sì, sì, sì, sì, sì, sì, sì, sì, sì, sì, sì, sì, sì, sì, sì, sì, sì, sì, sì, sì, sì, sì, sì, sì, sì, sì, sì, sì, sì, sì, sì, sì, sì, sì, sì, sì, sì, sì, sì, sì, sì, sì, sì, sì, sì, sì, sì, sì, sì, sì, sì, sì, sì, sì, sì, sì, sì, sì, sì, sì, sì, sì, sì, sì, sì, sì, sì, sì, sì, sì, sì, sì, sì, sì, sì, sì, sì, sì, sì, sì, sì, sì, sì, sì, sì, sì, sì, sì, sì, sì, sì, sì, sì, sì, sì, sì, sì, sì, sì, sì, sì, sì, sì, sì, sì, sì, sì, sì, sì, sì, sì, sì, sì, sì, sì, sì, sì, sì, sì, sì, sì, sì, sì, sì, sì, sì, sì, sì, sì, sì, sì, sì, sì, sì, sì, sì, sì, sì, sì, sì, sì, sì, sì, sì, sì, sì, sì, sì, sì, sì, sì, sì, sì, sì, sì, sì, sì, sì, sì, sì, sì, sì, sì, sì, sì, sì, sì, sì, sì, sì, sì, sì, sì, sì, sì, sì, sì, sì, sì, sì, sì, sì, sì, sì, sì, sì, sì, sì, sì, sì, sì, sì, sì, sì, sì, sì, sì, sì, sì, sì, sì, sì, sì, sì, sì, sì, sì, sì, sì, sì, sì, sì, sì, sì, sì, sì, sì, sì, sì, sì, sì, sì, sì, sì, sì, sì, sì, sì, sì, sì, sì, sì, sì, sì, sì, sì, sì, sì, sì, sì, sì, sì, sì, sì, sì, sì, sì, sì, sì, sì, sì, sì, sì, sì, sì, sì, sì, sì, sì, sì, sì, sì, sì, sì, sì, sì, sì, sì, sì, sì, sì, sì, sì, sì, sì, sì, sì, sì, sì, sì, sì, sì, sì, sì, sì, sì, sì, sì, sì, sì, sì, sì, sì, sì, sì, sì, sì, sì, sì, sì, sì, sì, sì, sì, sì, sì, sì, sì, sì, sì, sì, sì, sì, sì, sì, sì, sì, sì, sì, sì, sì, sì, sì, sì, sì, sì, sì, sì, sì, sì, sì, sì, sì, sì, sì, sì, sì, sì, sì, sì, sì, sì, sì, sì, sì, sì, sì, sì, sì, sì, sì, sì, sì, sì, sì, sì, sì, sì, sì, sì, sì, sì, sì, sì, sì, sì, sì, sì, sì, sì, sì, sì, sì, sì, sì, sì, sì, sì, sì, sì, sì, sì, sì, sì, sì, sì, sì, sì, sì, sì, sì, sì, sì, sì, sì, sì, sì, sì, sì, sì, sì, sì, sì, sì, sì, sì, sì, sì, sì, sì, sì, sì, sì, sì, sì, sì, sì, sì, sì, sì, sì, sì, sì, sì, sì, sì, sì, sì, sì, sì, sì, sì, sì, sì, sì, sì, sì, sì, sì, sì, sì, sì, sì, sì, sì, sì, sì, sì, sì, sì, sì, sì, sì, sì, sì, sì, sì, sì, sì, sì, sì, sì, sì, sì, sì, sì, sì, sì, sì, sì, sì, sì, sì, sì, sì, sì, sì, sì, sì, sì, sì, sì, sì, sì, sì, sì, sì, sì, sì, sì, sì, sì, sì, sì, sì, sì, sì, sì, sì, sì, sì, sì, sì, sì, sì, sì, sì, sì, sì, sì, sì, sì, sì, sì, sì, sì, sì, sì, sì, sì, sì, sì, sì, sì, sì, sì, sì, sì, sì, sì, sì, sì, sì, sì, sì, sì, sì, sì, sì, sì, sì, sì, sì, sì, sì, sì, sì, sì, sì, sì, sì, sì, sì, sì, sì, sì, sì, sì, sì, sì, sì, sì, sì, sì, sì, sì, sì, sì, sì, sì, sì, sì, sì, sì, sì, sì, sì, sì, sì, sì, sì, sì, sì, sì, sì, sì, sì, sì, sì, sì, sì, sì, sì, sì, sì, sì, sì, sì, sì, sì, sì, sì, sì, sì, sì, sì, sì, sì, sì, sì, sì, sì, sì, sì, sì, sì, sì, sì, sì, sì, sì, sì, sì, sì, sì, sì, sì, sì, sì, sì, sì, sì, sì, sì, sì, sì, sì, sì, sì, sì, sì, sì, sì, sì, sì, sì, sì, sì, sì, sì, sì, sì, sì, sì, sì, sì, sì, sì, sì, sì, sì, sì, sì, sì, sì, sì, sì, sì, sì, sì, sì, sì, sì, sì, sì, sì, sì, sì, sì, sì, sì, sì, sì, sì, sì, sì, sì, sì, sì, sì, sì, sì, sì, sì, sì, sì, sì, sì, sì, sì, sì, sì, sì, sì, sì, sì, sì, sì, sì, sì, sì, sì, sì, sì, sì, sì, sì, sì, sì, sì, sì, sì, sì, sì, sì, sì, sì, sì, sì, sì, sì, sì, sì, sì, sì, sì, sì, sì, sì, sì, sì, sì, sì, sì, sì, sì, sì, sì, sì, sì, sì, sì, sì, sì, sì, sì, sì, sì, sì, sì, sì, sì, sì, sì, sì, sì, sì, sì, sì, sì, sì, sì, sì, sì, sì, sì, sì, sì, sì, sì, sì, sì, sì, sì, sì, sì, sì, sì, sì, sì, sì, sì, sì, sì, sì, sì, sì, sì, sì, sì, sì, sì, sì, sì, sì, sì, sì, sì, sì, sì, sì, sì, sì, sì, sì, sì, sì, sì, sì, sì, sì, sì, sì, sì, sì, sì, sì, sì, sì, sì, sì, sì, sì, sì, sì, sì, sì, sì, sì, sì, sì, sì, sì, sì, sì, sì, sì, sì, sì, sì, sì, sì, sì, sì, sì, sì, sì, sì, sì, sì, sì, sì, sì, sì, sì, sì, sì, sì, sì, sì, sì, sì, sì, sì, sì, sì, sì, sì, sì, sì, sì, sì, sì, sì, sì, sì, sì, sì, sì, sì, sì, sì, sì, sì, sì, sì, sì, sì, sì, sì, sì, sì, sì, sì, sì, sì, sì, sì, sì, sì, sì, sì, sì, sì, sì, sì, sì, sì, sì, sì, sì, sì, sì, sì, sì, sì, sì, sì, sì, sì, sì, sì, sì, sì, sì, sì, sì, sì, sì, sì, sì, sì, sì, sì, sì, sì, sì, sì, sì, sì, sì, sì, sì, sì, sì, sì, sì, sì, sì, sì, sì, sì, sì, sì, sì, sì, sì, sì, sì, sì, sì, sì, sì, sì, sì, sì, sì, sì, sì, sì, sì, sì, sì, sì, sì, sì, sì, sì, sì, sì, sì, sì, sì, sì, sì, sì, sì, sì, sì, sì, sì, sì, sì, sì, sì, sì, sì, sì, sì, sì, sì, sì, sì, sì, sì, sì, sì, sì, sì, sì, sì, sì, sì, sì, sì, sì, sì, sì, sì, sì, sì, sì, sì, sì, sì, sì, sì, sì, sì, sì, sì, sì, sì, sì, sì, sì, sì, sì, sì, sì, sì, sì, sì, sì, sì, sì, sì, sì, sì, sì, sì, sì, sì, sì, sì, sì, sì, sì, sì, sì, sì, sì, sì, sì, sì, sì, sì, sì, sì, sì, sì, sì, sì, sì, sì, sì, sì, sì, sì, sì, sì, sì, sì, sì, sì, sì, sì, sì, sì, sì, sì, sì, sì, sì, sì, sì, sì, sì, sì, sì, sì, sì, sì, sì, sì, sì, sì, sì, sì, sì, sì, sì, sì, sì, sì, sì, sì, sì, sì, sì, sì, sì, sì, sì, sì, sì, sì, sì, sì, sì, sì, sì, sì, sì, sì, sì, sì, sì, sì, sì, sì, sì, sì, sì, sì, sì, sì, sì, sì, sì, sì, sì, sì, sì, sì, sì, sì, sì, sì, sì, sì, sì, sì, sì, sì, sì, sì, sì, sì, sì, sì, sì, sì, sì, sì, sì, sì, sì,

    • Neo Anderthal says:

      Né! Né! Né! Né! Né! Né! Né! Né! Né! Né! Né! Né! Né! Né! Né! Né! Né! Né! Né! Né! Né! Né! Né! Né! Né! Né! Né! Né! Né! Né! Né! Né! Né! Né! Né! Né! Né! Né! Né! Né! Né! Né! Né! Né! Né! Né! Né! Né! Né! Né! Né! Né! Né! Né! Né! Né! Né! Né! Né! Né! Né! Né! Né! Né! Né! Né! Né! Né! Né! Né! Né! Né! Né! Né! Né! Né! Né! Né! Né! Né! Né! Né! Né! Né! Né! Né! Né! Né! Né! Né! Né! Né! Né! Né! Né! Né! Né! Né! Né! Né! Né! Né! Né! Né! Né! Né! Né! Né! Né! Né! Né! Né! Né! Né! Né! Né! Né! Né! Né! Né! Né! Né! Né! Né! Né! Né! Né! Né! Né! Né! Né! Né! Né! Né! Né! Né! Né! Né! Né! Né! Né! Né! Né! Né!Né! Né! Né! Né! Né! Né! Né! Né! Né! Né! Né! Né! Né! Né! Né! Né! Né! Né! Né! Né! Né! Né! Né! Né! Né! Né! Né! Né! Né! Né! Né! Né! Né! Né! Né! Né! Né! Né! Né! Né! Né! Né! Né! Né! Né! Né! Né! Né!Né! Né! Né! Né! Né! Né! Né! Né! Né! Né! Né! Né! Né! Né! Né! Né! Né! Né! Né! Né! Né! Né! Né! Né! Né! Né! Né! Né! Né! Né! Né! Né! Né! Né! Né! Né! Né! Né! Né! Né! Né! Né! Né! Né! Né! Né! Né! Né!Né! Né! Né! Né! Né! Né! Né! Né! Né! Né! Né! Né! Né! Né! Né! Né! Né! Né! Né! Né! Né! Né! Né! Né! Né! Né! Né! Né! Né! Né! Né! Né! Né! Né! Né! Né! Né! Né! Né! Né! Né! Né! Né! Né! Né! Né! Né! Né!Né! Né! Né! Né! Né! Né! Né! Né! Né! Né! Né! Né! Né! Né! Né! Né! Né! Né! Né! Né! Né! Né! Né! Né! Né! Né! Né! Né! Né! Né! Né! Né! Né! Né! Né! Né! Né! Né! Né! Né! Né! Né! Né! Né! Né! Né! Né! Né!Né! Né! Né! Né! Né! Né! Né! Né! Né! Né! Né! Né! Né! Né! Né! Né! Né! Né! Né! Né! Né! Né! Né! Né! Né! Né! Né! Né! Né! Né! Né! Né! Né! Né! Né! Né! Né! Né! Né! Né! Né! Né! Né! Né! Né! Né! Né! Né!
      Neeeeeéééééé!!

  6. In trepidante attesa dei risultati del referendum, restando in tema di alternative all’energia nucleare, qualcuno ha notato che oggi-proprio-oggi è stato presentato dalla giunta il progetto Sardegna CO.2 sulle energie rinnovabili?
    http://www.sardegnaoggi.it/Politica/2011-06-13/16278/Cagliari_firmato_il_Patto_dei_Sindaci_sulle_fonti_di_energia_rinnovabili.html

    Sono sicura che Vito – essendo sempre sul pezzo – avrà già in caldo qualche commento a riguardo…

  7. Mi sa ched è fatta

  8. Non mi pare si possa politicizzare il referendum, voto per il centrodestra, cosi come tanti amici siamo andati a votare. Primo perchè è un mio dovere/diritto, secondo perchè voglio esprimere le mie idee.è vero, il momento non è dei migliori, per questo mi auguro che anche il risultato del referendum dia un segnale forte a tutti i governanti, è giunta l ora di dare risposte ai veri roblemi dell italia, siamo anni luce indietro rispetto al mondo, ora chiediamo a chi ci amministra di fare la rivoluzione, (la chiamano riforma), però sta a tutti noi accettarla ed impegnarci affinchè il nostro paese cambi, e si adegui ai paesi più avanzati. Non è una questione di destra o sinistra, ma un problema di UOMINI/DONNE, capaci di interpretare i messaggi che mandiamo e tramituarli in azioni concrete. Quindi, che il referendum produca gli effetti sperati, ed assieme al nucleare ecc. si porti via la crisi e l immobilità.

  9. Neo Anderthal says:

    @ MB.
    La prassi invalsa e consolidata indica quello che tu segnali, ovvero che Napolitano, prima di sciogliere le camere e indire nuove elezioni, dovrebbe verificare l’esistenza di una maggioranza alternativa.
    Però, secondo la lettera delle norme costituzionali
    (Costituzione Italiana, parte seconda Art. 88. Il Presidente della Repubblica può, sentiti i loro Presidenti, sciogliere le Camere o anche una sola di esse…)
    il Presidente della Repubblica ha soltanto l’obbligo di “sentire” il parere dei presidenti delle camere, non ha o non avrebbe neppure l’obbligo di ricevere pareri concordi tra loro o con le iniziative del Quirinale. I pareri dei presidenti delle camere sono pertanto obbligatori ma non vincolanti.
    Tra l’altro, nel recente caso della caduta del governo Prodi 2, non mi pare che si sia prodotta una ricerca di soluzioni alternative, almeno non ufficialmente. Caduto il governo Prodi si è andati a votare.
    Quindi, in linea soltanto teorica, Napolitano potrebbe sciogliere le camere di sua esclusiva iniziativa anche senza un voto di sfiducia o senza le dimissioni del governo.
    In ogni caso, senza un voto di sfiducia o qualche altro evento di grande portata, non lo farà, questo è abbastanza certo.

  10. medardo di terralba says:

    FLASH! – Situazione traffico (ore 10.27). La macchinina multicolore – un po’ rossa, un po’ gialla, un po’ grigia, un po’ verde – è appena stata fotografata dall’autovelox, fissato a 50 (più uno) km/h. Però continua ad accelerare. Incredibilmente. Over 55 (ma c’è da far scendere qualche passeggero estero). Sopra la bandiera a scacchi stanno allestendo il podio con lo champagne….

    • Monica says:

      Stavo per riportarlo anch’io. Fino a quando non verrà ufficializzato però non scrocio le dita 🙂

      • medardo di terralba says:

        Oh Monica … anche il sassofonista prestato alla politica (a breve lo restituiamo) ha gettato la spugna. Gli esperti del ministero dell’intero stimano che il quorum si raggiunge. Intanto si registra anche qualche pacato commento: prrrrrrrrrrrrrrrrrrrrrrrrrrrrrrrrrrrrrrrrrrrrrrrrrrrrrrrrrrrrrrrrrrrrrrrrrrrrrrrrrr

  11. Anonimo says:

    aspettiamo quota 51…prima di parlare…

  12. anche io sono a svarioni al solo pensiero….incrociamo tutte le ditine! 🙂

  13. valentina says:

    stasera non sarò sul suolo italiano, ma picciocusu vi prego, festeggiate anche per me!!!
    Però potrei festeggiare in “place de la bastille”!!! pourquoi-pas?

  14. dai ragazzi decidiamo noi per quelle persone che non hanno gli attributi per votare.
    NOI DECIDIAMO AL POSTO LORO COME FA IL GOVERNO AL POSTO NOSTRO.
    che goduria.. a quorum raggiunto sarà una libidine sapere che ho votato al posto loro…

  15. Andrea Emme says:

    Potremmo aggiungere un simpatico cadeau: un bel reattore nukleare in tutte quelle regioni dove non verrà raggiunto il 50% + 1 dei votanti.
    Basta coi culi flaccidi da salotto, è ora di agire in prima persona.
    È dai tempi delle elezioni europee dopo la morte di Enrico Berlinguer che non respiravo quest’aria: mi farà male?
    @ ZORRO: forse stavolta non sarà solo una cartolina di sfratto, ma un intero tomo di inviti a comparire in udienza.

  16. Blekmacigno says:

    Comunque vada (e tengo dita e quant’altro incrociato) mi lascia l’amaro in bocca il fatto che quasi il 60% degli aventi diritto al voto oggi non si è recato alle urne.
    Non ho parole per giustificare tanto menefreghismo.

  17. Poco fa sono rientrato dai seggi! C’è ottimismo tra la gente. A livello nazionale dovremo chiudere con circa il 42% di votanti che si sono recati alle urne (dato rilevato alle 22). Secondo le nostre previsioni, questo significa che domani la soglia del 50% + 1, verrà abbondantemente superata. Azzardo: una percentuale compresa tra i 55% ed il 60%! In Sardegna siamo un tantino indietro, ma possiamo recuperare! Ancora uno sforzo come dice Vito, da profondere nella giornata di domani. Ci siamo quasi, ajò!!! Che dici per la cartolina di sfratto per l’inquilino di Palazzo Grazioli, è ancora troppo presto?

    • Neo Anderthal says:

      Zorro, cussu tziu da Palazzo Chigi non du bogasa nimmancu a scraffeddu, attru chi cartolinasa!
      La scelta per lui è tra resistere e far passare il tempo, con ogni mezzo, aspettando o sperando in un colpo di scena o di qualche evento -magari da provocare- che ribalti la situazione e lo rimetta in alto, e il finire in rovina e magari in galera.
      Contrariamente a quanto farebbero i leader di qualsiasi democrazia e a quanto avrebbero fatto anni fa i vari presidenti del Consiglio in Italia, purtroppo anche in caso di quorum raggiunto, e di conseguente verificata sfiducia degli italiani, Berlusconi non si dimetterà, e temo che Napolitano, in mancanza di un voto parlamentare di sfiducia, non scioglierà le camere per fare cadere il governo (in teoria credo che potrebbe).
      Quindi aspettiamoci una agonia lunga, almeno finché mercenari o sbandati come i “responsabili” non faranno lo sgambetto o almeno sinché a lui stesso non convenga una fuga o una dimissione “da perseguitato”, come per esempio in caso di sentenza sfavorevole in uno dei tanti processi per alcuni dei murighi in cui è implicato.
      Come si diceva, un tempo? “Teniamo alta la vigilanza democratica!” -e nel caso prepariamoci a festeggiare!-

      • Napolitano, in caso di sfiducia, ha l’obbligo di verificare l’esistenza di un’eventuale altra maggioranza (il cosiddetto ribaltone). Solo dopo può sciogliere le camere.

      • Soviet says:

        Neo, non so “a cartolinasa”, ma sono sicuro che “a scraffeddu” si riesca a tirarlo via…

  18. giuseppe says:

    bucca tua santa!

Lascia un commento

Follow

Get every new post delivered to your Inbox

Join other followers: