Cagliari / Elezioni comunali a Cagliari 2011 / Politica / Sardegna

Comunali a Cagliari: Fantola imbarca anche la Lega! Nella lista dei Riformatori spunta la portavoce del partito di Bossi in Sardegna!

Un nome come un altro. Messo lì con nonchalance fra i tanti che compongono la lista dei Riformatori per le prossime elezioni comunali di Cagliari. Eppure non è un nome qualunque. Perché Michela Guaragno non è una candidata come tutti gli altri perché è, molto semplicemente, la responsabile della comunicazione della Lega Nord in Sardegna: una carica ufficiale che ricopre da tempo e alla luce del sole (cliccare qui, grazie; ma anche qui, dove la si vede in un servizio realizzato da Videolina).

Ma come? Nella sua intervista all’Unione Sarda di ieri, il responsabile per la Lega in Sardegna, il senatore Fabio Rizzi, ha imputato l’assenza del simbolo alle comunali cagliaritane all’impossibilita di trovare quaranta candidati. Eppure alle provinciali dello scorso anno la Lega Nord era riuscita a presentarsi (sostenendo alla presidenza Piergiorgio Massidda), e candidando tra gli altri, indovinate chi? Proprio Michela Guaragno.

In realtà, dopo il comizio dell’anno scorso, quando l’ex ministro Castelli e tutti gli altri leghisti furono clamorosamente contestati in piazza Costituzione (contestati?! Fischi e urla per tutta la durata della manifestazione con tanto di bandiera della Lega Nord bruciata alla fine del comizio) per il centrodestra cagliaritano, e soprattutto per il suo candidato “moderato” Massimo Fantola, avere la Lega come alleata poteva portare più imbarazzi che voti. Ma allo stesso modo, il diktat di Berlusconi (“Pdl e Lega alleati in tutti i comuni al di sopra dei 15 mila abitanti”) non poteva essere disatteso.

Come fare? Unendo praticità a ipocrisia: la Lega ufficialmente non è nella coalizione però candida il suo esponente più significativo nientemeno che nella lista del partito del sindaco. L’accordo politico è chiaro: la Lega è stata accettata ai massimi livelli, ma Fantola non può essere accusato di essersi alleato con l’impresentabile Bossi (e infatti anche Rizzi ben si guarda da dire all’Unione che la Guaragno è candidata), però allo stesso tempo ne raccatterà i voti per cercare in tutti i modi di vincere al primo turno. Un capolavoro.

Come? Non conoscete la Lega Nord? Ma è quel partito del ministro Bossi, quelli che dice “Gli immigrati? Fora de ball”, di Speroni che si augura di poter presto sparare sui barconi degli migranti, del ministro Maroni che nega che ad Olbia ci sia un’emergenza sicurezza e che sogna un’Italia fuori dall’Unione Europea. La Lega Nord,  cazzo! Veramente non la conoscete?

Un partito che in tutt’Europa viene considerato xenofobo. E che ora, grazie a questo accordo silenzioso con il candidato del centrodestra Massimo Fantola, potrebbe avere presto il suo primo consigliere comunale a Cagliari.

57 Commenti

  1. Voterò a sinistra sapendo di perdere. Ma chi ricorda la candidatura della Lega a Cagliari sbaglia dimenticando che le liste della sinistra hanno accettato Claudio Cugusi, condannato a un anno. Perdiamo male. Avrei voluto, almeno, perdere bene.
    Un abbraccio

    • sveglia al collo says:

      il potere di yuri, ma hai visto che il fratello ha messo su fb pure la formazione pd martiradonna terzino e cugusi di punta … unu squadroni !

    • Soviet says:

      Gioisci Giovy, questa volta puoi votare a sinistra senza avere la certezza di perdere!
      Una rondine non fa primavera e un claudiocugusi non fa una sconfitta.
      Anche se, condanna o no, è assolutamente imparagonabile con quello che la lega è e rappresenta in termini di involuzione della società italiana.
      Eppoi, anche San Paolo era un persecutore di cristiani prima di diventare santo, per non parlarre di Sant’Agostino che rubava pere per il gusto di rubare! 🙂

  2. Tiene banco oramai quotidianamente nel bene o nel male tutto quello che gira nel meccanismo elettorale di Fantola. Grande organizzazione e sopratutto un obiettivo da centrare l’elezione. Rimango impressionato come tutta la critica, anche la più feroce e la satira siano unidirezionali. Segno evidente di una forte e indiscussa presenza mediatica, unico e solo dato che conta in campagna elettorale.

    • Massimo says:

      Segno, soprattutto, di uno strapotere economico cui, prima o poi (meglio prima), dovrebbe, fosse eletto, rendere conto! Non basta tutto questo per votare dall’altra parte?

    • Neo Anderthal says:

      I soliti potenti, le consolidate comunanze di interessi economici, le concordanze di questi interessi con la struttura dei media locali più influenti, sono il segno evidente di una indiscutibile prepotenza del soldo. Un dato che dovrebbe davvero contare per chi non vuole arrendersi alla Cagliari immobile ed immobiliare.
      Anche e soprattutto in campagna elettorale.

    • Soviet says:

      La satira è unidirezionale per il semplice motivo che la destra in genere non ha senso dell’umorismo ed è quindi incapace di produrre autorici satirici di un qualche rilievo. Un esempio in piccolo, visto che è una realtà tutta locale: le strisce di “intanto in viale Trento”. Un periodo ne usci una versione che faceva il verso ai piccoli fotoromanzi satirici di Banana, me diretti contro Soru. Ma erano forzate, banali e non facevano ridere. Di satira c’era poco perché mancavano gli ingredienti fondamentali senso dell’umorismo e intelligenza.
      La destra – e mister B. insegna – forse è maestra barzellettiera, ancor meglio se si tratta di barzellette di grana un po’ grossa. Come quella, “bellissima” a detta di mister B., del “bunga bunga”.
      Inoltre la critica colpisce i potenti e tra Fantola e Massimo Zedda quello che ha mezzi immensamente superiori, come superiori e di molto sono gli interessi delle lobbies che lo appoggiano e che in questacampagna elettorale stanno investendo, è senz’altro Fantola.
      La presenza mediatica in Italia non è certo data dalla maggiore capacità o incisività del candidato ma dalle relazioni di potere con questo o quell’editore. a Cagliari non mi pare che siamo diversi: ogni volta che i due si sono incontrati Fantola ha fatto bella figura solo negli articoli dell’Unione, ma è spesso apparso imbarazzante. Da un 60enne politico esperto e professore universitario ci si aspetta un po’ di più.
      A parità di risorse Massimo Zedda gli darebbe almeno 10 punti, se facessero un faccia a faccia ogni giorno gliene darebbe 15! Ci sono 25anni di esperienza politica, risorse accumulate, l’appartenenza e le relazioni con la Cagliari che conta, ma quando lo vedi in azione non rende.
      Con una stampa non schierata, l’alleanza con la Lega, il voltafaccia fatto a FLI senza una piega e senza neppure un minimo tentativo di risolvere politicamente il problema, il comizio fatto con croce celtica annessa, l’assordante silenzio sui molti problemi di Cagliari, la cui unica soluzione pare essere ripetere ossessivamente il mantra “lavoro, lavoro, lavoro” , sarebbe stato inchiodato implacabilmente alla sua inadeguatezza. Ma a Cagliari è l’Unione Sarda che forma l’opinione pubblica e solo chi partecipa direttamente ai confronti può rendersi conto di quale sia la distanza tra ciò che succede e ciò che si racconta.

      • Massimo says:

        A proposito, dal momento che continuiamo a qualificare Fantola come professore universitario e senatore, sapete che non pubblica un lavoro scientifico dal 1989 (ricerca su Google e sito UniCa) ed è stato senatore solo per due anni (sotto il governo Prodi)? Deriva da ciò la sua nomea di politico e tecnico esperto? Io non lo direi.

        • Soviet says:

          Non mi pare che ci sia contraddizione: in politica c’è da tempo (memorabile la campagna alle regionali con lo slogan “io credo…”) ed è o è stato professore universitario.
          Se poi oltre ad essere politico e professore di lungo corso sia pure bravo è tutta un’altra storia. A dare retta a qualche bene informato non sarebbe un fulmine di guerra, a sentirlo – e su questo posso basarmi su esperienza diretta – non è un fulmine di guerra.
          Non mi pare abbia una personalità tale da imporsi sulla sua coalizione e quindi di portare quel cambiamento che lui stesso invoca e millanta (e con lui qualche illuso e qualche furbo della cosiddetta “società civile”).

          • Pisittu says:

            Soviet, una precisazione: “io credo” era per le comunali. “Io ci credo” per il senato. Ho ancora i santini…
            Sul fulmine di guerra non so. Ti ricordo che il PDL non lo voleva e c’è, il PDL non voleva liste civiche, anzi voleva la coalizione “ridotta” a 6 liste e le liste sono 11. FLI, è vero, non c’è ma il PDL ha fatto anche su di loro tanti passi indietro. Secondo me più che non essere fulmine di guerra è muzzicasurda.
            Da quest’altra parte, invece, tutto tace. Massimo (il minore) poteva iniziare la campagna elettorale da GENNAIO e da vincente ma ancora ad APRILE non ha iniziato nulla. E’ venuto Vendola e poi non è seguito nulla. Ora la Serracchiani e speriamo che sia la spinta giusta per accendere a strappo.
            Può essere che Fantola abbia più soldi ma Zedda avrebbe potuto pensare a qualche aperitivo di autofinanziamento (che pare, dall’altra parte abbia portato circa 2000×50€=100k EURI).
            Ci si inizia a stancarsi

            • Felice Castelli says:

              a me risulta che molte persone che hanno partecipato alle cene elettorali non avessero capito che si pagava e pensavano di essere davvero invitate a unu cumbiru.
              poi l’amara e sgradita sorpresa a fine cena di vedersi chiedere i 50 euri …
              forse Fantola ha guadagnato qualche biglietto di banca, ma penso abbia anche perso diversi voti … 😉

            • Felice Castelli says:

              e comunque non è vero che “non ha iniziato nulla”.
              le iniziative sono molte e molteplici.
              certo, non le pubblicizza l’Unione Sarda … 🙁

  3. Sebastian says:

    Bravo Vito, vorremmo sentire presto un commento sull’intervista di Massimo Caputi a Fantola! Ciao buon lavoro

  4. Valentins says:

    Tutto questo suona ancora più bizzarro, dato che persino a Novara, dove c’è attualmente una giunta leghista/pidiellista, con sindaco della Lega (ora consigliere regionale del piemonte) , le elezioni comunali del mese prossimo vedono pdl e lega separati, ognuno con un suo candidato sindaco!

  5. o ignazio Artizzu, ti sesi drommiu? non si sente nulla di lui

  6. Monica says:

    E’ una barzelletta, vero? Quelli della Lega ci considerano meno che terroni e Fantola si allea con loro? Ma po’ cardirari. Va be’ che a destra sono di bocca buona, altrimenti non si spiegherebbe la seconda legislatura di Floris, ma diaicci è troppu. Sarà divertente vedere come dovranno arrangiare eventuali comizi per non insultare la platea. Prevedo che, non potendo accanirsi contro eventuali loro pirlelettori lanceranno gli strali contro l’ “invasione” tunisina. D’altronde avendo poche idee ma confuse e non riuscendo a elaborare proposte concrete per nessun ramo della vita sociopolitica del paese, devono additare un nemico da combattere. I cattivi sono sempre altri rispetto a chi parla e a chi ascolta, ma chi ascolta oggi è il cattivo che domani verrà additato durante altri comizi. 🙂

  7. Perchè Fantola stasera viene intervistato da Caputi? Che legame c’è?

  8. Alessandro Mongili says:

    Vito, ma tu “che ne sai”, chini esti questa YLENIA SULANAS? La fatina mannara che ci guarda gaggissima da enormi manifesti?

  9. http://www.youtube.com/watch?v=GdswTR6xDZU è la donna che parla al minuto 1.53? “noi chiagliaritani abbiamo bisogno di un programma buono,che ci dia un cambiamento e un rinnovamento”,fintzasa a sa successione!!Meritevole anche il ragazzo che interviene prima di lei,dice “..ci vuole una persona giovane come lui(Fantola nda),con una grande esperienza..eeeee..e basta!Sindaco,per forza!”
    Proprio un bel codazzo.

    • Pasquino says:

      Grazie V.
      Ma come è che tutti gli intervistati dicono che Fantola serve per cambiare, dare una svolta, rinnovare…?
      E Floris, mischino?
      Però non mi pare che Fantola abbia preso le distanze dal passato di Cagliari, anzi.

      • Fantola e la signora Guaragno vogliono la successione,non la seccessione,in perfetta sintonia con le precedenti amministrazioni di centrodestra..il guaio è che la lega nord pian piano riesce a guadagnare spazi anche al sud,non solo negli organi politici ma anche nei cervelli delle persone.

        • Neo Anderthal says:

          Caro/a V. la Lega si fa spazio -e ne trova moltissimo!- nei cervelli delle persone del codazzo – e vi proibisco di fare rima!-

  10. Pasquino says:

    Una grandu signora…
    Io ci farei la campagna elettorale del centrosinistra: “Cagliari non è con Bossi come Fantola” e così via…

  11. donna cicoria says:

    Ma è la stessa che era candidata alle elezioni provinciali del 30 e 31 maggio 2010?
    Se è lei un anno fà prese 18 voti.

  12. scusate ma ora andate in questo modo contro la lega perche è con fantola , ma spiga alle provinciali non era candidato con massida , e nella stessa coalizione della lega?

  13. un motivo in più per votare Zedda e per pregare il centro sinistra di interrompere la pratica taffaziana di far di tutto per perdere….

  14. Marco Anedda says:

    Ps… in domus, Claudia Zuncheddu…

  15. Oh Burdu! Cessu cessu cessu!

  16. Marco Anedda says:

    Ben tornato Biolchini… beh… te prasciu il festival?
    Guarda che i secessionisti sono in casa Zuncheddu?

  17. Anonimo says:

    Accidenti, infilata così non potremo vedere i fantastici santini con il nuraghe verde

  18. Soviet says:

    Se avessimo avuto bisogno di sapere di quale tempra è fatto l’aspirante sindaco Fantola abbiamo qui un ulteriore assaggio: uno che inghiotte senza fiatare! Tradisce Artizzu e FLI, suoi sostenitori della prima ora, senza neppure un’alzata di sopracciglio; si spaccia da moderato e non vede le croci celtiche che lo accolgono quando parla all’alleato fascista; adesso imbarca la Lega, ora accanita contro i poveracci di tutto il mondo, ma appena ieri feroci contro i terroni (e noi siamo considerati da questa gente pienamente terroni).
    Questo signore non può essere sindaco di Cagliari!

    • Neo Anderthal says:

      O Soviet, ma shtaishcherzando, stai? Gantisce il POLO CIVICO, chedè di sinistra, sono compagnissimi!
      Compagnissimi ti dico, e progressisti a cascioni!

      • Stefano reloaded says:

        Capisco l’ironia o Neo Anderthal, ma ogni volta, questo accostamento, mi pigara a scraffingiu solo a pensarlo!

      • Soviet says:

        Ma Gregorini è candidato, non mi pare di aver letto il suo nome nelle liste?

        • No, non è candidato. Da subito aveva detto che, per non essere accusato di aver fondato l’Urban Center solo con il pretesto di entrare in Consiglio comunale, si si sarebbe presentato. Ed è stato di parola.

          • Soviet says:

            Però potrebbe fare l’assessore?

            • Stefano reloaded says:

              Beh, col 6-7% che prenderà la sua lista (ipse dixit) se lo meriterebbe.

              • Soviet says:

                Assessore all’urbanistica magari…de ghisciu!

                • Neo Anderthal says:

                  Si accettano scommesse: non più del 2% massimo 2,7, va’, mi voglio rovinare.
                  Garante Mr. B. io punto i miei 10 eurI..

                  • Soviet says:

                    Scommetti scommetti, quella del Signor G. è la “sinistra” dei sì, sì, sì, da contrapporre alla sinistra dei no, no, no… che ci fosse un forse!
                    http://forumcivico.blog.tiscali.it/2011/04/20/la-sinistra-dei-no-no-guardi-lei-si-e%e2%80%99-spiegato-sono-io-che-ancora-non-mi-sono-capito/
                    Come ogni buon apostata il Signor G. è assolutamente privo di dubbi. Magari questo piace ai cagliaritani.
                    Ma quanto sughero serve per fare la piazza sul mare?

                    • Neo Anderthal says:

                      Soviet mi vuoi male, ho seguito il link . Quel link , il blog civico, mostra la tristezza al lavoro. Succede quando i profughi del comunismo sognato da ragazzi diventano apostoli del luogocomunismo, severo e ironico -vorrebbe essere- con la “sinistra dei no” e davvero tenerissimo verso i potentati reali, messi in ruolo -più o meno- come fossero leggende metropolitane. Per gli eventuali malcapitati nostri lettori cito dal blog del Forum Civico:

                      -attribuito ad un ipotetico leader della sinistra, forse Zedda-
                      “LA PARTECIPAZIONE? Già partecipiamo, da sempre, ideologicamente! Se non sei d’accordo con la nostra meravigliosa e moderna visione della città é perché sei schiavo degli impresari e delle 3 M (Massoneria; Medicina; Mattoneria). Ergo: BLOCCO!

                      Molto meglio invece “lasciar fare a chi sa fare”, cosa importa se si distruggono siti archeologici, memorie concrete che dovrebbero essere concordemente considerate indisponibili: “massì, cosa vogliamo che torni tutto un immondezzaio con i tossici e le mignotte?”.
                      Meglio negoziare tutto, disporsi a trattare tutto, anche ciò che mai si dovrebbe o potrebbe -ce n’è anche per l’anfiteatro-.
                      Meglio accettare, in nome della Fantolatica Svolta, di apparentarsi con Lega Nord, Semprefascisti di ‘Sto Race, Prodi Alnselmi a cavallo della Solidarietà con Ken e Barbie, rinascere cervi a primavera o Porcelli di scoglio, va bene tutto, purché anche a Cagliari vinca il “Governo del Fare”.
                      Gli affari pubblici sono affari, dopo o prima di tutto, e quindi facciamo.

                  • Stefano reloaded says:

                    Se mettiamo 10 euro di mezzo occorre essere precisi. Da 2 a 2,7 il range è troppo ampio.
                    Ho visto in lista gente che “pesca” nello stesso bacino, ma mi sbilancio con un 2,1%.
                    Faites vos jeux!

                    • Massimo says:

                      Però interpreta alla grande la chiagliaritanità: piccolino l’attacco con quella “a” di troppo! Troppu togu Mr. G! Capacissimo di tenere banco in una conversazione Bar Ragno style (peccato non ci sia più), che al Marabotto sono troppo blasè per ascoltare lui…..

  19. Muttly says:

    I riformatori mica sono identitari o nazionalisti oppure indipendentisti, sono di destra solo per rendersi dei tappetini a pagamento, è normale per loro che cerchino più padroni contemporaneamente

  20. Banana says:

    speriamo venga borghezio a fare un comizio, così si spassiausu

  21. Stefano reloaded says:

    Democristianissimo!

  22. Felice Castelli says:

    ta bregungia … 🙁

Lascia un commento

Follow

Get every new post delivered to your Inbox

Join other followers: