Cagliari / Cultura / Politica / Sardegna / Spettacolo

Il capolavoro del sindaco Floris: il Teatro Lirico di Cagliari è allo sbando e senza vertici (intanto il direttore amministrativo distrugge documenti…)

Dicono le cronache che ieri, mentre alla Scala il maestro Barenboim leggeva il suo toccante appello contro i tagli alla cultura, il direttore amministrativo dimissionario del Teatro Lirico di Cagliari, Vincenzo Caldo, si chiudeva nel suo ufficio in via Sant’Alenixedda per distruggere numerosi documenti. Caldo avrebbe anche cercato di portare via il computer che era stato suo ma sarebbe stato fermato dai sindacati, che nel frattempo avevano chiamato anche le forze dell’ordine (e chissà se si sono viste; e, se sì, cos’hanno visto).

Se confermate, queste notizie sarebbero di una gravità inaudita e certificherebbero lo stato di sfacelo in cui versa la Fondazione cagliaritana, che al momento si trova senza Sovrintendente, senza direttore artistico, senza direttore amministrativo, senza direttore del personale e senza i due consiglieri di amministrazione nominati dal Comune. La Fondazione ha invece ancora un presidente, Emilio Floris, sindaco di Cagliari: evidentemente il principale responsabile di questo sfascio.

Solo nelle ultime settimane infatti Floris si è reso conto che la gestione amministrativa era allo sbando. Strano.

Sia chiaro però che le responsabilità non possono essere tutte addossate al maestro napoletanoMaurizio Pietrantonio, vicino ad An: ad avallare la sua gestione c’era infatti un consiglio di amministrazione. Volete i nomi?

A presiederlo è stato, per legge, il sindaco, cioè dal 2001 Emilio Floris. Il quale è stato bravissimo a mimetizzarsi, a scomparire e a far scomparire le proprie responsabilità (non è solo questo l’unico caso: si comportò forse da sindaco di Cagliari quando la Provincia distruggeva la spiaggia del Poetto? E lui dov’era?). Ora però il sindaco deve affrontare il problema, non può certo chiedere anche in questo caso alla onnipresente dirigente Ada Lai di fare le sue veci…

Insieme a Floris, nel cda ci sono attualmente due rappresentanti della Regione. Quello eletto dall’amministrazione Cappellacci è l’ottantatreenne notaio e notabile democristiano Felicetto Contu: no comment. Quello nominato dalla passata amministrazione di centrosinistra è l’imprenditore Gualtiero Cualbu.

Lo voglio dire una volta per tutte: ma cos’è passato nella testa di Renato Soru quando nominò Cualbu nel cda del Lirico? Non metto certo in discussione la qualità dell’imprenditore (che almeno i conti li sa fare), ma perché scegliere proprio colui con il quale poi la Regione è entrato in aperto e duro contrasto sul caso Tuvixeddu? Perché Soru ha scelto Cualbu? Mistero.

Nel consiglio d’amministrazione ci sono poi due rappresentanti del Ministero: uno è il consigliere comunale di Forza Italia Maurizio Porcelli, negli anni scorsi nel cda invece quale rappresentante del Comune (che ora i suoi rappresentanti li deve ancora scegliere).

Porcelli ha fatto della cultura il suo orticello politico (è anche da lunghissimo tempo presidente della relativa Commissione consiliare): controlla infatti direttamente la scuola Civica di Musica (che dal Comune prende la bellezza di mezzo milione di euro all’anno, uno scandalo) e indirettamente il centro culturale Villa Muscas in via Sant’Alenixedda.

L’altro rappresentante del ministero è Oscar Serci, potentissimo direttore amministrativo del Casic (ora Cacip), chiamato dal sindaco per fare le pulci ai conti di Pietrantonio e Caldo. E così siamo ai giorni nostri.

Radio Teatro Lirico parla di amanti di politici assunte, sindacalisti in carriera, sprechi assurdi avallati da un cda incompetente. I politici invece denunciano le pressioni dei sindacati e le loro proteste ad orologeria, placate solo da promozioni e prebende.

Tutte voci, per carità. Ma non è un’invenzione che Angelo Vargiu sia direttore commerciale e del marketing del Teatro Lirico. Vargiu è stato per anni segretario territoriale della Cisl, poi assessore ai servizi sociali del Comune di Cagliari, poi ancora a capo della fantomatica agenzia di sviluppo comunale Ask, per poi essere parcheggiato a spese nostre a ricoprire un ruolo per il quale non credo abbia le competenze giuste.

Le competenze, appunto. Da dove ripartire?

Intanto c’è da programmare la stagione 2011 e serve un direttore artistico. Circolano nomi che mi vergogno anche solo a riferirvi tanto mi sembrano clamorosamente inadeguati. Modesta proposta: visto che bisogna fare in fretta altrimenti si rischia il commissariamento, perché non richiamare Biscardi? Il maestro è stato dimissionato dal sindaco con un’intervista all’Unione Sarda. Una sconfessione in piena regola che nessuno ha capito, visto che in questi anni in via Sant’Alenixedda non è certo mancata la qualità quanto una gestione amministrativa rigorosa. Perché il primo costretto alle dimissioni è stato invece Biscardi? Certo, avrà anche lui le sue belle responsabilità, ma se l’alternativa è affidarsi a giovani di primo pelo e con una credibilità tutta da costruire, allora è meglio affrontare il rischio di un ritorno dell’ex direttore artistico.

Poi per il cda c’è bisogno di competenze vere, di persone che conoscano la musica e che non prendano ordine dai partiti. Perché è la politica che sta distruggendo la lirica a Cagliari e in Italia, non certo solo operando tagli scriteriati ma mettendo nei posti di comando persone che siano indipendenti dalle pressioni. La paura è invece che si torni ai periodi bui degli anni Ottanta. E se in Sardegna noin c’è nessuno che può sembrare adeguato al compito, non ci si faccia scrupolo di chiamare “da fuori” le persone giuste. Chiamiamoli anche dall’estero i prossimi vertici e i futuri componenti del cda del Lirico, basta che siano preparati e non siano asserviti alle logiche della politica.

Poi servirebbe un’azione politica forte. Il sindaco Floris non è stato in grado né di opporsi al suo compagno di partito, il ministro Bondi, che ha tagliato il budget di due milioni e seicentomila euro, né ci risulta sia intervenuto presso la Regione che nella Finanziaria in via di approvazione ha disposto per il Teatro un taglio di un milione di euro! Floris concluderà il suo mandato fra cinque mesi, ma la crisi è adesso. E va affrontata in fretta, altrimenti il Lirico chiude ed è un disastro.

11 Commenti

  1. Pingback: | Bolognesu

  2. musico nuragico says:

    Io un nome per la carica di direttore artistico lo avrei in mente: il maestro Franco Oppo. Chissà se se la sentirebbe. E’ il più insigne compositore sardo vivente, gode di fama e prestigio europeo, ha sempre dimostrato di avere qualche ideuzza intelligente, è apprezzato pressoché da tutti. Almeno la finiremmo di ascoltare ogni santa stagione concertistica sempre e solo le sinfonie di Beethoven & Brahms. E che cappero, esiste anche la musica del Novecento! Non dico che dovremmo sorbirci Luigi Nono e Franco Donatoni tutte le sere, ma certo un Dallapiccola, un Ghedini, un Respighi persino, sarebbero graditi. E tra gli autori dell’Ottocento non ci sono solo le grandi due B. Insomma, modestamente ma solennemente propongo la candidatura di Franco Oppo alla direzione artistica del Teatro Lirico. Sarebbero gradite le primarie. Si può votare? Mmh, temo di no.

  3. barorerosso says:

    Caro Vito,

    approvo solo in parte la tua analisi ( sopratutto sulle responsabilità del CDA che si rinnova sempre uguale da anni e su stipendi da 70 mila euro l’anno regalati a VARGIU), e mi sconcerta quando leggo che al M° Biscardi, uscito dalla porta dopo 18 anni initerrotti, si pensi di farlo rientrare dalla finestra.
    Non ho le competenze per giudicare artisticamente chicchessia, ma mi domando se sia possibile che in Italia , e perchè no, in Europa, non ci sia nessun altro in grado di dirigere artisticamente il Teatro Lirico di Cagliari. Saremo ben lieti di esporti i nostri punti di vista se tu, come più volte hai promesso , saresti così gentile da farti vivo in Teatro; magari ti potremmo mostrare il parco della musica di cui tanti parlano e pochi conoscono.
    Un lavoratore del Teatro.

  4. Stefano reloaded says:

    Per la precisione: Cualbu e Contu sono stati RInominati, nell’attuale CdA, dalla Giunta Cappellacci. Cualbu in qualità di dirimpettaio del teatro e Contu perchè ha conosciuto di persona Radames.
    http://edicola.unionesarda.it/Articolo.aspx?Data=20101105&Categ=0&Voce=1&IdArticolo=2518059

  5. Stefano reloaded says:

    500.000 euro per la Scuola Civica di Musica?
    E per cosa li spendono? No, perchè ho sentito persone che si lamentavano del fatto che nel rinfresco seguito ad un evento organizzato dalla Scuola Civica di Musica, ci fossero le crostatine del Mulino Bianco.

  6. Mariangela Cadau says:

    Caro Vito,
    la giunta Soru nominò Cualbu nel consiglio d’amministrazione del Lirico, ma è anche vero che in seguito all’affaire Tuvixeddu lo rimosse dall’incarico per “incompatibilità oggettiva”, essendo cessato il rapporto fiduciario con la giunta.
    E’ stata una sentenza del Tar a dichiarare illegittima questa decisione e a reintegrare Cualbu.
    Certo, resta il mistero sul motivazioni che hanno spinto Soru o chi per lui , a nominare Cualbu. Non che Felicetto…….

  7. Massimo says:

    Oh Vito, non dirmi che per il nuovo direttore artistico stanno pensando ad uno con cognome che inizia per PU e finisce con DDU? Non bastano i dindini della Scuola Civica sperperati per le varie iniziative “culturali” proposteci dal suo presidente? Comunque una bella seratina al Lirico con Nicola di Bari e i Vianella, nel caso, non ce la toglie nessuno!

  8. Su Cooperadori says:

    – Emiliu, Emiliu, la chi occ’annu ollu fai un cenoni bellu, mannu, mannu!
    – Eh pobidda atturasa traquilla chi sa xira chi intra agattausu unu bellu salloni mannu mannu mannu, tottu po nos’attrusu!

  9. penso che l’Ente lirico di Cagliari sia materiale da magistratura ordinaria ed erariale, non da oggi.

Lascia un commento

Follow

Get every new post delivered to your Inbox

Join other followers: